Fregio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fregio dorico nella trabeazione del Partenone (Acropoli di Atene)
Fregio ionico nella trabeazione del tempio di Vespasiano (Foro Romano a Roma), ricostruita nel Tabularium (Musei Capitolini)

Il fregio è la parte intermedia tra architrave e cornice nella trabeazione degli ordini architettonici classici.

Nell'ordine dorico è costituito da una successione di metope e triglifi; in quello ionico, corinzio e poi nell'arte romana e rinascimentale è una fascia continua decorata a rilievo, ma può anche essere liscia o occupata da iscrizioni.

Negli edifici romani tende ad essere intagliato in un solo blocco di pietra insieme al sottostante architrave. In alcuni casi la vera e propria decorazione è scolpita su lastre applicate e in epoca tarda si tratta in alcuni casi di lastre di marmo colorato (per esempio sull'arco di Costantino a Roma, oggi scomparse).

Più genericamente il termine indica un motivo pittorico lineare decorativo. Nella militaria indica un distintivo della divisa militare.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nicolaus Pevsner, John Fleming, Hugh Honour, Dizionario di architettura, Torino, Einaudi, 1992 ISBN 88-06-13069-2

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]