Triglifo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La figura mostra una trabeazione del Partenone su cui risaltano dei triglifi; si notino anche le metope interposte, seppure in cattivo stato e il timpano sovrastante la trabeazione.

Il triglifo è un elemento architettonico del fregio dell'ordine dorico dell'architettura greca e romana. Esso consiste in una formella in pietra, decorata con tre (due intere più due mezze) scanalature verticali (i glifi).

Secondo quanto riportato dall'architetto romano Vitruvio, a sua volta seguito dalla maggior parte dei trattatisti rinascimentali e degli studiosi moderni, la sua forma non è casuale, ma deriva dalle testate delle travi lignee che sporgevano dalle facciate dei templi quando questi erano edificati con il legno. In seguito all'adozione della pietra molte delle forme derivanti dall'uso del legno vennero scolpite in pietra e divennero canoniche.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi però anche: M. Wilson Jones, Triglyphs, and the Origin of the Doric Frieze, American Journal of Archaeology, 106, 2002, pag. 353-390 (abstract in inglese sul sito della rivista), che propone una derivazione della forma canonica anche da motivi simbolici.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]