Yoichiro Nambu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Yōichirō Nambu (南部陽一郎 Nambu Yōichirō?) (Tokyo, 18 gennaio 1921) è un fisico giapponese naturalizzato statunitense, premio Nobel per la fisica nel 2008.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Negli anni quaranta, durante la formulazione dell'elettrodinamica quantistica, collabora con Shin'ichirō Tomonaga, uno dei padri della nuova teoria. Laureatosi a Tokyo nel 1952, nello stesso anno è invitato all'Institute for Advanced Study a Princeton. Nel 1958 diventa professore di Fisica all'Università di Chicago, incarico che ricopre tuttora.

Ha dato numerosi contributi allo sviluppo delle teorie delle particelle elementari, in particolare introducendo nel 1960, insieme a Giovanni Jona-Lasinio, il meccanismo di rottura spontanea di simmetria, ancora oggi al centro delle ricerche miranti a una teoria unificata delle interazioni fondamentali, proponendo nel 1965 la carica di colore in Cromodinamica quantistica e, nel 1970, il primitivo modello della corda vibrante, poi diventata stringa (indipendentemente introdotto nello stesso anno anche da Holger Bech Nielsen e Leonard Susskind).

Ha vinto numerosi premi e riconoscimenti, incluso il Premio J. Robert Oppenheimer, la Medaglia nazionale delle Scienze degli Stati Uniti, il "Japan's Order of Culture", la medaglia Planck, il Premio Wolf, la medaglia Franklin, la medaglia Dirac, il Premio Sakurai, fino all'assegnazione, nel 2008, del Premio Nobel per la Fisica (condiviso con Makoto Kobayashi e Toshihide Maskawa).

Ha dato il nome all'azione di Nambu-Goto nella teoria delle stringhe e ai bosoni di Nambu-Goldstone che si presentano nella rottura spontanea di simmetria[1][2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Y. Nambu and G. Jona-Lasinio, Phys. Rev., 122, 345-358 (1961)
  2. ^ Y. Nambu and G. Jona-Lasinio, Phys. Rev.,124, 246-254 (1961)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 21099956 LCCN: n85007145