Theo Hernández

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Theo Hernández
Theo Hernández.jpg
Hernández con il Real Madrid nel 2018
Nazionalità Francia Francia
Altezza 184 cm
Peso 81 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Milan
Carriera
Giovanili
2006-2007Rayo Majadahonda
2007-2015Atlético Madrid
Squadre di club1
2015-2016Atlético Madrid B10 (0)
2016-2017Alavés32 (1)
2017-2018Real Madrid13 (0)
2018-2019Real Sociedad24 (1)
2019-Milan98 (18)
Nazionale
2015Francia Francia U-184 (0)
2015-2016Francia Francia U-199 (0)
2016Francia Francia U-203 (1)
2021-Francia Francia7 (1)
Palmarès
Transparent.png UEFA Nations League
Oro Italia 2021
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 giugno 2022

Theo Bernard François Hernández (Marsiglia, 6 ottobre 1997) è un calciatore francese di origini spagnole, difensore del Milan e della nazionale francese.

Prodotto delle giovanili dell'Atlético Madrid, ha esordito nell'Atletico Madrid B per poi giocare nell'Alavés, nel Real Madrid e nella Real Sociedad; dal 2019 milita nel Milan, con i rossoneri ha vinto il Campionato italiano nella stagione 2021-2022. Con le merengues ha vinto la Supercoppa di Spagna 2017, la Supercoppa UEFA 2017, la Coppa del mondo per club FIFA 2017 e la UEFA Champions League 2017-2018.

Convocato nella nazionale francese dal 2021, con i bleus ha vinto la UEFA Nations League (2020-2021).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini spagnole da parte di padre (il bisnonno era originario di Gerona),[1][2] è fratello minore di Lucas, anch'egli calciatore,[3] e figlio di Jean-François Hernandez, ex calciatore.[4][5]

È legato sentimentalmente alla modella e influencer italiana Zoe Cristofoli e la coppia ha un figlio, Theo Jr., nato il 7 aprile 2022.[6]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Considerato uno dei terzini sinistri più forti della sua generazione, è dotato di una buona tecnica individuale ed è molto abile nel dribbling. Si distingue altresì per una notevole velocità in progressione e la forza fisica, doti che lo rendono alquanto difficile da fermare. Tatticamente intelligente, risulta essenziale sia in fase di spinta che di ripiegamento. È un buon crossatore e cerca spesso il gol, essendo in possesso di un tiro potente e preciso.[7][8][9]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordi e Alavés[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver iniziato nel vivaio del Rayo Majadahonda, cresce calcisticamente nelle giovanili dell'Atlético Madrid, dove entra all'età di 9 anni, nel 2007.[10] Dopo aver compiuto la trafila nelle giovanili del club, nell'estate del 2015 passa all'Atlético Madrid B. Debutta in Tercera División, la quarta divisione spagnola, il 30 agosto 2015 in Puerta Bonita-Atlético Madrid B (3-4). Rinnovato il proprio contratto il 3 febbraio 2016,[11] due giorni dopo viene convocato per la prima volta in prima squadra per la partita di Primera División contro l'Eibar,[12] rimanendo in panchina.[13]

Il 4 agosto 2016 passa in prestito annuale all'Alavés, neopromosso in Primera División. Esordisce alla seconda giornata di campionato, il 28 agosto contro lo Sporting Gijón; in totale disputa 38 partite di campionato, con 2 gol all'attivo. Il 7 maggio 2017 segna la prima rete in carriera, nella gara vinta per 1-0 contro l'Athletic Bilbao. Va a segno anche nella finale di Coppa di Spagna del 27 maggio 2017, persa per 1-3 contro il Barcellona.

Real Madrid e Real Sociedad[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 luglio 2017 è acquistato dal Real Madrid, che paga la clausola di 30 milioni prevista dal contratto.[14] La nuova stagione inizia con la vittoria della Supercoppa europea e si conclude con la vittoria della Champions League. Il 10 agosto 2018 è ceduto in prestito alla Real Sociedad, dove gioca per una stagione.[15]

Milan[modifica | modifica wikitesto]

Theo nel Milan dopo una partita col Torino nel 2021. Più a destra c'è Davide Calabria

Il 6 luglio 2019 si trasferisce al Milan a titolo definitivo[16] per 20 milioni di euro; firma un contratto quinquennale.[17] Il debutto con i rossoneri ed in Serie A avviene il 21 settembre successivo, quando subentra a Ricardo Rodríguez nel secondo tempo del derby perso per 0-2.[18] Esordisce da titolare nella gara successiva, persa per 2-1 in trasferta contro il Torino, e trova il suo primo gol in maglia rossonera il 5 ottobre, in occasione della partita vinta per 2-1 in casa del Genoa.[19] Nella prima parte della stagione mette in mostra un ottimo rendimento, affermandosi come uno dei migliori terzini della Serie A, con 5 gol che, a gennaio, gli permetteranno di essere provvisoriamente il miglior marcatore della squadra. Chiuderà la stagione con 7 gol totali all'attivo.[8][9]

Nella stagione 2020-2021 realizza, il 13 dicembre 2020 a San Siro, la sua prima doppietta in carriera, decisiva per assicurare il pareggio (2-2) nella gara di campionato contro il Parma.[20] Il 18 febbraio 2021 realizza il suo primo gol in campo internazionale come professionista, segnando il rigore del momentaneo vantaggio per 1-2 nella partita dei sedicesimi di finale di Europa League del Milan contro la Stella Rossa, terminata 2-2.[21][22]

Nel corso dell'annata seguente, il 6 gennaio 2022, indossa per la prima volta la fascia di capitano del Milan, in occasione di Milan-Roma (3-1), valevole per la prima giornata del girone di ritorno del campionato di Serie A.[23] Vince lo scudetto con il Milan, segnando 5 gol in 32 presenze (3 le doppiette) e risultando tra i protagonisti della stagione dei rossoneri.[24]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato con le nazionali francesi Under-18, Under-19 e Under-20. Nel 2017 rifiuta la convocazione della nazionale francese Under-21, affermando di volersi concentrare sull'imminente trasferimento al Real Madrid, salvo poi pubblicare delle foto che lo ritraggono in vacanza a Marbella.[25] In seguito a tale controversia, non è più stato convocato dalla nazionale maggiore francese e ha dichiarato di voler considerare un'eventuale chiamata della nazionale maggiore spagnola.[26]

Il 26 agosto 2021, all'età di 23 anni, riceve dal CT Didier Deschamps la sua prima convocazione nella nazionale francese,[27][28] ed il 7 settembre dello stesso anno debutta con la maglia dei Bleus nella partita casalinga contro la Finlandia (2-0), valevole per le qualificazioni al mondiale del 2022.[29][30] Dopo un mese esatto dall'esordio, il 7 ottobre, realizza il suo primo gol in nazionale, siglando il definitivo 3-2 nella semifinale di UEFA Nations League vinta in rimonta contro il Belgio all'Allianz Stadium di Torino.[31][32] Tre giorni più tardi fornisce l'assist per il gol di Mbappé che sancisce la rimonta dei Bleus nella finale di Milano contro la Spagna.[33]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 22 maggio 2022.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2015-2016 Spagna Atletico Madrid B[34] TD 10 0 - - - - - - - - - 10 0
2016-2017 Spagna Alavés PD 32 1 CR 6 1 - - - - - - 38 2
2017-2018 Spagna Real Madrid PD 13 0 CR 6 0 UCL 3 0 SU+SS+Cmc 0+1+0 0 23 0
2018-2019 Spagna Real Sociedad PD 24 1 CR 4 0 - - - - - - 28 1
2019-2020 Italia Milan A 33 6 CI 3 1 - - - - - - 36 7
2020-2021 A 33 7 CI 2 0 UEL 10[35] 1 - - - 45 8
2021-2022 A 32 5 CI 4 0 UCL 5 0 - - - 41 5
Totale Milan 98 18 9 1 15 1 - - 122 20
Totale carriera 177 20 25 2 18 1 1 0 221 23

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Francia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
7-9-2021 Décines-Charpieu Francia Francia 2 – 0 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 2022 -
7-10-2021 Torino Belgio Belgio 2 – 3 Francia Francia UEFA Nations League 2020-2021 - Semifinale 1
10-10-2021 Milano Spagna Spagna 1 – 2 Francia Francia UEFA Nations League 2020-2021 - Finale -
13-11-2021 Parigi Francia Francia 8 – 0 Kazakistan Kazakistan Qual. Mondiali 2022 -
25-3-2022 Marsiglia Francia Francia 2 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole -
3-6-2022 Saint-Denis Francia Francia 1 – 2 Danimarca Danimarca UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno -
10-6-2022 Vienna Austria Austria 1 – 1 Francia Francia UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno -
Totale Presenze 7 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Real Madrid: 2017
Milan: 2021-2022

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Real Madrid: 2017
Real Madrid: 2017
Real Madrid: 2017-2018

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2020-2021

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Squadra dell'anno: 2020, 2021

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bennacer prende in giro Theo Hernandez: “Non sa parlare il francese”, su milanlive.it, 20 gennaio 2020. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  2. ^ (FR) Sèbastien Barrère, "Lucas Hernandez, l'Espagnol à l'accent français", su ladepeche.fr, 21 marzo 2018. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  3. ^ (ES) Chema G. Fuente, "Theo y Lucas, dos hermanos del Atlético sobre el campo 60 años después", su mundodeportivo.com, 6 febbraio 2016. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  4. ^ Il profilo del terzino sinistro scelto da Maldini, su sport.sky.it. URL consultato il 28 giugno 2019.
  5. ^ (ES) "Lucas, el futuro jefe de la defensa", su abc.es, 5 dicembre 2014. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  6. ^ Nuovo arrivato in casa Hernandez: è nato il figlio di Theo e Zoe Cristofoli, su sportmediaset.mediaset.it, 7 aprile 2022.
  7. ^ CORSA E QUALITÀ: ECCO THEO HERNANDEZ, IL NUOVO GIOIELLO TARGATO ATLETICO MADRID, su alfredopedulla.com, 22 marzo 2017.
  8. ^ a b Theo Hernandez è la migliore arma offensiva del Milan, su ultimouomo.com, 24 gennaio 2020. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  9. ^ a b Theo Hernández si è preso il Milan, ma senza Champions Deschamps lo snobberà, su eurosport.it, 4 dicembre 2019. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  10. ^ (ES) Lucas y Theo Hernández, sociedad defensora ilimitada, Mundo Deportivo, 17 settembre 2014.
  11. ^ (ES) Theo ficha por el primer equipo, Marca, 3 febbraio 2016.
  12. ^ (ES) Simeone forced into rookie back line for Eibar visit, in Diario AS, 5 febbraio 2016.
  13. ^ (ES) Fiesta completa en el Calderón [Complete party at the Calderón], Marca, 6 febbraio 2016.
  14. ^ (EN) Theo Hernández, transferred to Real Madrid, su en.atleticodemadrid.com, 5 luglio 2017. URL consultato il 12 luglio 2017.
  15. ^ (EN) Official Announcement: Theo Hernández, su realmadrid.com, 10 agosto 2018.
  16. ^ Theo Hernández è Rossonero, su acmilan.com, 6 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2019).
  17. ^ Ora è ufficiale: Theo Hernandez è un nuovo giocatore del Milan, su gazzetta.it, 6 luglio 2019.
  18. ^ Milan, Theo Hernandez: "Pronto a giocare per la Francia", su corrieredellosport.it. URL consultato il 9 luglio 2020.
  19. ^ Serie A, Genoa-Milan 1-2: Kessie e Reina salvano Giampaolo, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 26 agosto 2021.
  20. ^ Traverse, pali e un super Hernandez: il Milan acciuffa il Parma al 91', su gazzetta.it, 13 dicembre 2020. URL consultato il 15 dicembre 2020.
  21. ^ MILAN RIPRESO NEL RECUPERO: 2-2 A BELGRADO, su acmilan.com, 18 febbraio 2021. URL consultato il 26 febbraio 2021.
  22. ^ Theo, primo centro in Europa. “Sudo per diventare il migliore del mondo”, su gazzetta.it. URL consultato il 26 agosto 2021.
  23. ^ Milan-Roma, Theo Hernandez sarà il capitano. Tonali il vice, su milannews.it, 6 gennaio 2022. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  24. ^ L'anno perfetto di Theo Hernandez: dal primo figlio al primo scudetto con il Milan, 22 maggio 2022.
  25. ^ Theo Hernandez decisivo nella Francia: gloria dopo le mancate convocazioni, goal.com, 7 ottobre 2021.
  26. ^ Perché Theo Hernandez non viene convocato in Nazionale, su minutidirecupero.it, 21 marzo 2021. URL consultato il 26 luglio 2021.
  27. ^ Milan, Theo Hernandez convocato per la prima volta in nazionale, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 26 agosto 2021.
  28. ^ Francesco Pietrella, Theo, la prima con la Francia! Fuori Giroud, c'è Maignan, esulta anche Veretout, su gazzetta.it, 26 agosto 2021.
  29. ^ Kjær a segno, esordio per Hernández, su acmilan.com. URL consultato l'8 settembre 2021.
  30. ^ Theo Hernandez si è ripreso la Francia: dallo sgarbo di Marbella al ritorno da titolare, su gazzetta.it. URL consultato l'8 settembre 2021.
  31. ^ Giuseppe Nigro, Theo Hernandez al 90' manda la Francia in finale! A Torino sarà Italia-Belgio per il 3º posto, su gazzetta.it, 7 ottobre 2021.
  32. ^ Salvatore Riggio, Il 1° gol per la Francia, il Milan, i tatuaggi, i cani e il papà fuggito. Chi è Theo, bad boy rossonero, su corriere.it, 8 ottobre 2021. URL consultato l'8 ottobre 2021.
  33. ^ Nations League: Spagna-Francia 1-2, il trofeo va ai transalpini, su ansa.it, 8 ottobre 2021. URL consultato l'11 gennaio 2022.
  34. ^ Theo Bernad Francois Hernández, su lapreferente.com. URL consultato il 14 dicembre 2020.
  35. ^ 3 presenze nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]