Ruben Loftus-Cheek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ruben Loftus-Cheek
Loftus-Cheek 20180624.jpg
Loftus-Cheek con l'Inghilterra ai Mondiali 2018
Nazionalità Inghilterra Inghilterra
Altezza 191 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Chelsea
Carriera
Giovanili
2004-2014Chelsea
Squadre di club1
2014-2017Chelsea22 (1)
2017-2018Crystal Palace24 (2)
2018-Chelsea24 (6)
Nazionale
2011Inghilterra Inghilterra U-162 (1)
2012-2013Inghilterra Inghilterra U-179 (1)
2013-2015Inghilterra Inghilterra U-1913 (6)
2015-2017Inghilterra Inghilterra U-2117 (7)
2017-Inghilterra Inghilterra10 (0)
Palmarès
Transparent.png Torneo di Tolone
Oro Tolone 2016
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 14 settembre 2019

Ruben Loftus-Cheek (Londra, 23 gennaio 1996) è un calciatore inglese di origini guyanesi, centrocampista del Chelsea e della nazionale inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Lewisham, Londra[1], cresce a Swanley, nel Kent, dove frequenta la scuola primaria[2]. Ha origini guyanesi[3]. È fratello, da parte di padre, di Carl Cort e Leon Cort, entrambi ex calciatori professionisti[4].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Paragonato a Michael Ballack[5][6][7] e a Paul Pogba[8][9] per prestanza fisica e doti tecniche[8][9], è un centrocampista moderno, box to box[8][9][10], in grado di svolgere entrambe le fasi di gioco.[8] In possesso di una totale visione del campo[9], è in grado di effettuare passaggi con estrema precisione.[10] Supportato inoltre da una notevole stazza fisica[8][9][10], a queste caratteristiche abbina doti da incontrista[10], che lo rendono prezioso anche in fase di non possesso.[8] Ha dichiarato d'ispirarsi all'ex Chelsea Frank Lampard.[6][7][11]

Tra le sue doti spiccano inoltre - oltre allo stacco aereo[8] - intelligenza tattica[8][10], una discreta agilità[8][9] e l'abilità ad inserirsi tra gli spazi[8][9][10], pur non essendo particolarmente prolifico sotto rete.[10]

Polivalente tatticamente, sotto la guida di Mourinho è stato impiegato da trequartista centrale in un 4-2-3-1[9]; Antonio Conte lo ha invece provato nel ruolo di terminale offensivo dell'attacco dei Blues.[12][13]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi (2004-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Loftus-Cheek in contrasto con Tal Ben Haim, nella sfida di Champions League contro il Maccabi Tel Aviv.

Entra nelle giovanili del Chelsea all'età di otto anni.[8][10] Il 29 marzo 2013 la società decide di blindarlo facendogli firmare un contratto valido per due anni e mezzo, con un ingaggio di circa 40.000 sterline a settimana.[14][15]

Dopo essersi imposto a livello giovanile con la fascia da capitano al braccio[8][10], esordisce in prima squadra il 10 dicembre 2014 contro lo Sporting Lisbona in Champions League nella fase a gironi, subentrando a Cesc Fàbregas a 7' dal termine dell'incontro.[16]

Il 31 gennaio 2015 esordisce in Premier League contro il Manchester City, sostituendo Oscar nei minuti di recupero.[17] In stagione ha giocato altre 2 partite in un'annata conclusa con la vittoria della Premier League e in cui ha disputato la sua prima gara da titolare in occasione dell'1-1 contro il Liverpool.[4] A livello giovanile ha invece vinto la Youth League in stagione con un 3-2 contro lo Shaktar Donetsk.[18] Alla luce delle ottime prestazioni fornite l'anno successivo,[19] il 29 febbraio 2016 i Blues gli rinnovano il contratto per altre cinque stagioni, con relativo adeguamento economico.[19] In quest'annata negativa per il Chelsea, piazzatosi a metà classifica, c'è da annoverare la sua prima rete tra i professionisti il 10 gennaio 2016 in FA Cup nel successo per 2-0 contro lo Scunthorpe United (in cui era subentrato a Oscar a inizio ripresa),[20] oltre a essere diventato il terzo giocatore dopo John Terry (all'epoca suo compagno di squadra) e Carlton Cole ad avere segnato un goal per i Blues essendo arrivato nel loro vivaio prima dei 15 anni.[21] Oltre a quello ha segnato la sua prima rete in Premier in occasione della vittoria per 4-0 contro l'Aston Villa,[22] oltre ad avere debuttato, peraltro da titolare,[22] in Champions League contro il Maccabi Tel Aviv.[22]

Il prestito al Crystal Palace (2017-2018)[modifica | modifica wikitesto]

Avendo trovato poco spazio nel 2016-2017 sotto la gestione di Antonio Conte (in cui ha vinto il secondo titolo nazionale) che ha tentato di farlo giocare da attaccante per via della sua altezza,[12] il 12 luglio 2017 viene ceduto in prestito annuale al Crystal Palace.[23] Ha giocato 24 partite segnando 2 goal in Premier League (nei successi contro Stoke e Leicester City),[22] aiutando la squadra a ottenere la salvezza.

Ritorno al Chelsea (2018-)[modifica | modifica wikitesto]

Loftus-Cheek nel 2019

A fine stagione, dopo alcune voci di una sua nuova cessione in prestito[24][25] (il Crystal Palace avrebbe voluto prenderlo in prestito per un altro anno),[26] torna al Chelsea.[25] Inizialmente riserva[27] nelle rotazioni del neo allenatore dei Blues Maurizio Sarri (che è stato criticato per questo),[28] trova spazio in Europa League, segnando la sua prima tripletta in carriera il 26 ottobre 2018 proprio nella competizione internazionale nella vittoria per 3-1 in casa contro il BATE Borisov.[29][30] Due giorni dopo segna il definitivo 4-0 nella trasferta col Burnley al 90+2'[31] in cui era subentrato all'infortunato Pedro dopo 30 minuti.[31] In dicembre ha segnato in due sfide consecutive contro Fulham (vittoria 2-0)[22] e Wolverhampton (sconfitta 2-1).[22] Ed è a seguito di queste 2 reti che Loftus-Cheek inizia a giocare con costanza.[27] Nonostante dei problemi alla schiena lo avessero limitato[32][33][34] (tanto che Sarri era arrivato al punto di chiedere alla nazionale inglese di non impiegarlo in Nations League)[35] arrivando a segnare goal importanti come quello al 90+1' contro il Cardiff City che ha portato la squadra sul 2-1 (seppur in fuorigioco)[36] oltre alla prima rete[37] nel derby londinse vinto per 3-0 contro il Watford che ha consentito (in virtù anche del pareggio interno dell'Arsenal col Brighton quart'ultimo) al Chelsea l'accesso alla Champions League.[37] In Europa League ha continuato a giocare da titolare, segnando il provvisorio 1-0 al 28' della sfida contro l'Eintracht Francoforte;[38] nonostante l'ottima partita da lui disputata all'82' viene sostituito col risultato sull'1-1 (il pareggio era arrivato per opera di Luka Jović al 49') da Sarri che è stato fischiato dai tifosi per questo.[38][39] Ciononostante i Blues hanno avuto poi la meglio dopo i calci di rigore.[38] Il 16 maggio 2019 subisce una rottura al tendine d'achille nell'amichevole contro il New England Revolution che lo costringe a saltare la finale di Europa League,[40] e per cui deve sottoporsi a un'operazione.[41][42] Termina quindi la stagione con 24 partite e 6 reti in Premier e 11 partite e 4 reti in Europa League.[43] I Blues non hanno comunque risentito della sua assenza battendo 4-1 l'Arsenal.[44]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver rappresentato l'Inghilterra a livello giovanile - partecipando anche agli Europei Under-21 in Repubblica Ceca nel 2015[45] - il 2 novembre 2017 riceve la sua prima convocazione in Nazionale maggiore, in vista del doppio impegno con Germania e Brasile.[46] Esordisce con la maglia dei Tre Leoni il 10 novembre contro la Germania, venendo schierato titolare e giocando tutti i 90 minuti.[47] Viene sorprendentemente convocato per i Mondiali 2018, venendo preferito a Jack Wilshere.[48] Nella competizione ha disputato 4 delle 7 partite (di cui tutte e 3 quelle del girone)[22] della squadra arrivata al 4º posto dopo aver perso la finale per il 3º posto contro il Belgio (in cui Loftus-Cheek ha giocato 84 minuti).[22][49]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 settembre 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2014-2015 Inghilterra Chelsea PL 3 0 FACup+CdL 0 0 UCL 1 0 - - - 4 0
2015-2016 PL 13 1 FACup+CdL 2+1 1+0 UCL 1 0 CS 0 0 17 2
2016-2017 PL 6 0 FACup+CdL 3+2 0 - - - - - - 11 0
2017-2018 Inghilterra Crystal Palace PL 24 2 FACup+CdL 0+1 0 - - - - - - 25 2
2018-2019 Inghilterra Chelsea PL 24 6 FACup+CdL 2+3 0 UEL 11 4 CS - - 37 10
2019-2020 PL 0 0 FACup+CdL 0+0 0+0 UCL 0 0 SU 0 0 0 0
Totale Chelsea 46 7 13 1 13 4 0 0 72 12
Totale carriera 70 9 14 1 13 4 0 0 97 14

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Inghilterra
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10-11-2017 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Germania Germania Amichevole -
14-11-2017 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Brasile Brasile Amichevole - Uscita al 35’ 35’
2-6-2018 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 1 Nigeria Nigeria Amichevole - Ingresso al 67’ 67’
7-6-2018 Leeds Inghilterra Inghilterra 2 – 0 Costa Rica Costa Rica Amichevole - Uscita al 79’ 79’
18-6-2018 Volgograd Tunisia Tunisia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2018 - 1º turno - Ingresso al 80’ 80’
24-6-2018 Nižnij Novgorod Inghilterra Inghilterra 6 – 1 Panama Panama Mondiali 2018 - 1º turno - Ammonizione al 23’ 23’
28-6-2018 Kaliningrad Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Belgio Belgio Mondiali 2018 - 1º turno -
14-7-2018 San Pietroburgo Belgio Belgio 2 – 0 Inghilterra Inghilterra Mondiali 2018 - Finale 3º posto - Uscita al 84’ 84’
11-9-2018 Leicester Inghilterra Inghilterra 1 – 0 Svizzera Svizzera Amichevole - Uscita al 61’ 61’
15-11-2018 Londra Inghilterra Inghilterra 3 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole - Ingresso al 70’ 70’
Totale Presenze 10 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Chelsea: 2011-2012, 2013-2014
Chelsea: 2014-2015

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Chelsea: 2014-2015, 2016-2017
Chelsea: 2014-2015

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Chelsea: 2018-2019

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dominic Fifield, Loftus-Cheek returns to Chelsea for injury treatment amid World Cup fears, in The Guardian, 30 gennaio 2018. URL consultato il 18 novembre 2018.
  2. ^ (EN) Loftus-Cheek named in first England squad, in Kent on Sunday, nº 789, 4 novembre 2017, p. 48.
  3. ^ FIFA World Cup 2018: The children of immigrants who want to bring World Cup glory to England, in Marca, Madrid.
  4. ^ a b (EN) Chelsea 1 - 1 Liverpool, su bbc.com.
  5. ^ (EN) ‘He reminds me of Ballack’ – Hoddle on Loftus-Cheek, su goal.com.
  6. ^ a b ESPN UK, Chelsea's Ruben Loftus-Cheek talks Lampard's influence & Ballack comparison | Premier League, 8 maggio 2019. URL consultato il 10 maggio 2019.
  7. ^ a b (FR) Chelsea's Ruben Loftus-Cheek talks Lampard's influence & Ballack comparison | Premier League – ESPN UK, su RDN Sport, 9 maggio 2019. URL consultato il 9 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2019).
  8. ^ a b c d e f g h i j k l Profilo - Loftus-Cheek, il 'Pogba' del Chelsea che ha stregato Mourinho, su goal.com.
  9. ^ a b c d e f g h I migliori talenti del calcio mondiale: Ruben Loftus-Cheek, su spaziocalcio.it.
  10. ^ a b c d e f g h i Ruben Loftus-Cheek: 1996 – Inghilterra, su generazioneditalenti.it.
  11. ^ (EN) Daniel Sandford, Loftus-Cheek's Spurs link, the Chelsea favourite he mimics and other facts, su talkSPORT, 14 marzo 2019. URL consultato il 10 maggio 2019.
  12. ^ a b (EN) Conte: Good schooling, su chelseafc.com.
  13. ^ (EN) Ruben Loftus-Cheek impressing as a striker for Antonio Conte's Chelsea, su skysports.com.
  14. ^ (EN) Chelsea fans react on Twitter to Ruben Loftus-Cheek NextGen performance, su hitc.com.
  15. ^ (EN) Ian Holloway on Ruben Loftus-Cheek: Chelsea teen's £1.7million deal turns my stomach, su mirror.co.uk.
  16. ^ Chelsea - Sporting Lisbona 3-1, su transfermarkt.it.
  17. ^ Chelsea - Manchester City 1-1, su transfermarkt.it.
  18. ^ UEFA Youth League 2015 – Shakhtar Donetsk vs. Chelsea – UEFA.com, su web.archive.org, 15 novembre 2017. URL consultato il 30 maggio 2019 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2017).
  19. ^ a b (EN) Chelsea midfielder Ruben Loftus-Cheek signs five-year contract extension, su telegraph.co.uk.
  20. ^ (EN) Chelsea 2-0 Scunthorpe United, 10 gennaio 2016. URL consultato il 9 maggio 2019.
  21. ^ Dan Edwards, Loftus-Cheek ends TEN-YEAR Chelsea hoodoo, su goal.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  22. ^ a b c d e f g h Ruben Loftus-Cheek profile on ChelseaFC, su ChelseaFC. URL consultato il 25 maggio 2019.
  23. ^ (EN) Loftus-Cheek Signs For Crystal Palace, su www.cpfc.co.uk. URL consultato il 9 maggio 2019.
  24. ^ Chelsea, Loftus-Cheek partirà ancora: ma solo in prestito - TUTTOmercatoWEB.com. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  25. ^ a b Chelsea, scelto il futuro di Loftus-Cheek, in Calciomercato.com, 21 agosto 2018. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  26. ^ (EN) Hodgson: We wanted Loftus-Cheek back, su SkySports. URL consultato il 9 maggio 2019.
  27. ^ a b Loftus-Cheek: ''Grazie Sarri, prima stavo in panchina...''- Video Gazzetta.it, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 9 maggio 2019.
  28. ^ Crouch attacca Sarri: "Se Loftus-Cheek fosse un nuovo acquisto da 35 milioni giocherebbe...", su Il Posticipo, 27 ottobre 2018. URL consultato il 9 maggio 2019.
  29. ^ Europa League, Chelsea facile col Bate. Sarri, quanti cori!, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  30. ^ Chelsea-BATE 3-1, gol e highlights, in SuperNews, 25 ottobre 2018. URL consultato il 25 ottobre 2018.
  31. ^ a b Burnley - Chelsea 0:4, su Fox Sports. URL consultato il 9 maggio 2019.
  32. ^ (EN) Sean O'Brien, Loftus-Cheek has been playing with back injury all season, Sarri reveals, su talkSPORT, 3 aprile 2019. URL consultato il 10 maggio 2019.
  33. ^ Ruben Loftus-Cheek confident back injury woes are finally behind him, su Mail Online, 3 maggio 2019. URL consultato il 9 maggio 2019.
  34. ^ Ruben Loftus-Cheek gives update on his condition and explains how Chelsea overcame Watford, su ChelseaFC. URL consultato il 9 maggio 2019.
  35. ^ (EN) Dominic Fifield, Ruben Loftus-Cheek will always have to manage back problems, believes Sarri, in The Guardian, 3 maggio 2019. URL consultato il 10 maggio 2019.
  36. ^ (EN) Ruben Loftus-Cheek seals controversial late win for Chelsea over Cardiff, in The Guardian, 31 marzo 2019. URL consultato il 9 maggio 2019.
  37. ^ a b Report: Chelsea 3 Watford 0, su ChelseaFC. URL consultato il 9 maggio 2019.
  38. ^ a b c Onefootball, Chelsea-Eintracht Francoforte 5-4 dcr: 'Blues' in finale di Europa League, su Onefootball. URL consultato il 9 maggio 2019.
  39. ^ Arsenal e Chelsea in finale, è dominio inglese in Europa, su laRegione, 9 maggio 2019. URL consultato il 9 maggio 2019.
  40. ^ Sky Sport, Loftus-Cheek ko in amichevole, salta finale Baku, su sport.sky.it. URL consultato il 25 maggio 2019.
  41. ^ (EN) Thierry Nyann, Ruben Loftus-Cheek will be absent next season, but Chelsea can make decision to get the next Frank Lampard for free, su Chelsea News, 20 maggio 2019. URL consultato il 30 maggio 2019.
  42. ^ (EN) Daniel Blackham, Chelsea star Ruben Loftus-Cheek’s season feared OVER after New England Revolution injury, su Express.co.uk, 16 maggio 2019. URL consultato il 30 maggio 2019.
  43. ^ Ruben Loftus-Cheek - Rendimento 2018-2019, su www.transfermarkt.it. URL consultato il 25 maggio 2019.
  44. ^ Marco Guidi, La rivincita di Sarri: "Dedico la coppa ai tifosi del Napoli", su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita, 29 maggio 2019. URL consultato il 30 maggio 2019.
  45. ^ (EN) ENGLAND U21S NAME 27-MAN LONG SQUAD FOR EURO FINALS, su thefa.com.
  46. ^ (EN) England: Tammy Abraham, Joe Gomez & Ruben Loftus-Cheek called up, su bbc.com.
  47. ^ (EN) ENGLAND - GERMANY 0-0, su bbc.com.
  48. ^ Riccardo Spignesi, Inghilterra, i ventitre' convocati per i Mondiali: sorpresa Loftus-Cheek, in Spaziocalcio.it, 16 maggio 2018. URL consultato il 10 maggio 2019.
  49. ^ Belgio-Inghilterra 2-0, Meunier e Hazard regalano il terzo posto ai Diavoli Rossi, su Repubblica.it, 14 luglio 2018. URL consultato il 10 maggio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]