Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Spaghetti alla chitarra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Spaghetti alla chitarra
Spaghetti chitarra.png
Spaghetti alla chitarra
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
Dettagli
Categoriaprimo piatto
RiconoscimentoP.A.T.
Settorepaste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria
 

Gli spaghetti alla chitarra, in alcuni luoghi del centro-sud sono detti maccheroni alla chitarra (dal dialetto maccarunə), sono una varietà di pasta all'uovo tipica della cucina italiana.[1][2]

Questi spaghetti sono fatti con la chitarra, un tipico attrezzo culinario abruzzese. Gli spaghetti alla chitarra sono tipici delle aree centro-meridionali adriatiche e in Abruzzo in particolare. Detti anche maccheroni alla chitarra in alcune aree del centro sud. Alcuni confondono gli spaghetti detti alla chitarra, fatti con la chitarra, tipico strumento culinario abruzzese, con i troccoli, che sono invece fatti con un altro strumento tipico del foggiano e della Puglia, il troccolaturo, una sorta di mattarello con scalanature. Questi fanno parte dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali della provincia di Foggia.

In Molise vengono chiamati maccheroni crioli (o cirioli), molto più simili a degli spaghetti e con una sezione quadrata anziché rotonda. Tradizione tipica di questa pasta è quella teramana degli spaghetti alla chitarra con il sugo di pallottine, (polpettine molto piccole, composte di carne mista e un pizzico di noce moscata, prima soffritte con odori e poi bollite in sugo rosso di pomodoro).[3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un tipo di pasta a sezione quadrata: la larghezza del taglio è di 2 mm, e lo spessore e circa lo stesso.

L'attrezzo con cui sono preparati, chiamato chitarra,[4] conferisce alla pasta uno spessore squadrato e una consistenza porosa che consente al sugo con cui verrà condita di aderire completamente.

Per la pasta viene utilizzata semola di grano duro, uova e un pizzico di sale. Viene poi lavorata a lungo e dopo il riposo al fresco viene tirata a sfoglia con il matterello. Successivamente si pone la sfoglia sulla chitarra e ci si fa scorrere sopra il matterello, in modo che i fili della chitarra penetrino nella sfoglia tagliandola a striscioline. Foggiani e abruzzesi finiscono il lavoro passando un dito sulla sfoglia tagliata alla base della chitarra, come dovessero "suonare un arpeggio", per far scendere la pasta tagliata.

Le sfoglie di pasta che vengono passate sulla chitarra in dialetto si chiamano pettele.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricetta Spaghetti alla chitarra con le pallottine, su GialloZafferano.it. URL consultato il 12 gennaio 2016.
  2. ^ Gioricette Blog Ricette Veloci, La pasta fresca, Gioricette Blog Ricette Veloci, 2015, ISBN 605-176-899-8.
  3. ^ Illuminati, 1946
  4. ^ Ricetta Maccheroni alla chitarra, su GialloZafferano.it. URL consultato il 12 gennaio 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Illuminati, Un paese d'Abruzzo nella seconda metà dell'Ottocento, Pescara, De Arcangelis, 1946.
  • Molinari Pradelli, La cucina abruzzese, in 900 ricette tradizionali, Roma, Newton & Compton Ed., 2000, p. 480, ISBN 9788854101265.
  • Roberto De Viti, Antonio Paolini, Teramo: il linguaggio dei sapori, Teramo, Edit Press, 2009, p. 159.
  • Carlo Natali, Abruzzi e Molise in Bocca, Palermo, Il Vespro, 1978, ISBN 9788818024791.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]