Ziti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ziti
Ziti top.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniCampania
Italia meridionale
Zona di produzioneItalia meridionale
Dettagli
Categoriaprimo piatto
RiconoscimentoP.A.T.
SettorePaste fresche e prodotti della panetteria, della biscotteria, della pasticceria e della confetteria
Ziti al ragù

Gli ziti sono un tipo di pasta di grano duro, di forma allungata, tubolare e cava e con superficie liscia come i bucatini ma di diametro maggiore, un po' più stretti dei rigatoni ma più larghi dei mezzani. Nella varietà "ziti rigati", presentano sulla superficie righe e creste elicoidali o parallele alla sezione verticale.

Anche se confezionati come pasta lunga, la tradizione culinaria dell'Italia meridionale vuole che prima di cuocerli li si spezzi manualmente nel piatto[1][2].

La parola zito è forma meridionale della parola toscana citto "fanciullo", che al meridione aveva il significato di "scapolo", "donna nubile" e poi "fidanzato/-a".[3] Il nome deriva dall’espressione Maccheroni della zita, un piatto tradizionalmente preparato dalla sposa (a Napoli chiamata zita) per il pranzo di nozze.[4]. Gli ziti sono diventati molto popolari negli Stati Uniti con la serie televisiva I Soprano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ziti, su barilla.com. URL consultato l'11 marzo 2019.
  2. ^ Ricetta Ziti al forno, su Il Cucchiaio d'Argento. URL consultato l'11 marzo 2019.
  3. ^ zito1 in Vocabolario - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 30 aprile 2020.
  4. ^ Ziti - Specialità, su pastagarofalo.it. URL consultato l'11 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina