Bucatini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bucatini
Bucatini.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneLazio
DiffusionePenisola italiana
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principalisemola di grano duro
VariantiSpaghetti
Vermicelli

I bucatini sono un tipo di pasta lunga, simili a dei grossi spaghetti forati.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

I bucatini sono tipici della città di Roma che li abbina a condimenti forti e semplici (cacio e pepe, amatriciana, carbonara)[1]. È una pasta di semola di grano duro. I tempi di cottura sono più o meno gli stessi degli spaghetti perché, pur essendo più grossi di questi ultimi, il loro foro centrale favorisce il passaggio dell'acqua (durante la cottura), permettendo così una cottura abbastanza veloce[2].

Il condimento per eccellenza di questo formato di pasta è all'amatriciana: un sugo a base di guanciale e pomodoro[2][3].

I bucatini non vanno confusi con gli ziti che hanno diametro maggiore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I bucatini si sono diffusi principalmente nel Regno di Napoli, infatti ancora oggi in molte cucine del sud Italia si può trovare un ferretto dalla sezione quadrata per l’estrazione del bucatino. [2] Anche il musicista Gioachino Rossini amava molto questo formato di pasta a tal punto di farsi costruire una siringa in argento per farcire i bucatini. [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bucatini - Pasta Lunga, su PastaGarofalo.it. URL consultato il 28 agosto 2019.
  2. ^ a b c d La storia dei bucatini, un passato quasi perduto, su inNaturale, 28 gennaio 2018. URL consultato il 28 agosto 2019.
  3. ^ (EN) Bucatini Pasta and How to Use It, su The Spruce Eats. URL consultato il 28 agosto 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina