Strascinati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Strascinati
Ragu alla potentina.jpg
Strascinati con ragù alla potentina
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniPuglia
Basilicata
Dettagli
Categoriaprimo piatto

Gli strascinati sono una sorta di orecchiette, specialità tipica di Puglia[1] e Basilicata, ma molto più grandi e aperte. È una pasta in uso nella cucina pugliese e in quella lucana. Si tratta di una preparazione di pasta fresca, senza uovo, come si usa in tutto il meridione d'Italia.

Il nome deriva dal metodo con cui la pasta è modellata, appunto trascinata su un largo piano di legno con le dita della mano[2]. Generalmente gli strascinati si preparano utilizzando tre dita, ma in Basilicata esistono usi locali che impongono varianti a quattro e, addirittura, a otto dita, che di conseguenza prevedono strascinati molto grandi (fino a oltre 12 centimetri di diametro)[1].

La particolare tecnica manuale consente di avere un lato liscio (quello che è stato a contatto con la tavola di legno, che viene spolverata di farina) e uno profondamente irregolare (quello che è stato a contatto con le dita, che si scollano letteralmente dalla pasta fresca durante la strascinata lasciandone la superficie rugosa e irregolare), che raccoglierà meglio il sugo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Come Fare gli Strascinati, su galbani.it. URL consultato il 12 marzo 2019.
  2. ^ GLI “STRASCINATI” LUCANI, su mangiarebuono.it. URL consultato il 12 marzo 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]