Kreplach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kreplach
HomeMade Kreplach post fried 01.jpg
Kreplach fritti
Origini
Luogo d'origineIsraele Israele
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principali
  • impasto
  • carne, patate, formaggio o erbe

I kreplach (in yiddish קרעפּלעך?) sono un tipo di pasta ripiena tradizionale della cucina ebraica aschenazita.

Etimologia e storia[modifica | modifica wikitesto]

La parola yiddish קרעפלעך, traslitterato kreplekh è il plurale di krepl e deriva dal tedesco dialettale.[1] Secondo una tradizione, il nome del piatto sarebbe correlato alle ricorrenze ebraiche in quanto composto dalle iniziali di "Kippur" (da "Yom Kippur"), "Rabbah" (da "Hoshana Rabbah") e "Purim", che insieme formano la parola krep.[2]

Si pensa che la pasta ripiena sia stata portata da Venezia agli ebrei ashkenaziti in Germania durante il XIV secolo.[3][4]

I kreplach già pronti e surgelati sono venduti nelle sezioni casherut dei supermercati.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I kreplach hanno l'aspetto di piccoli gnocchi ripieni con un impasto sottile a base di farina, acqua e uova e un ripieno che può essere di carne macinata, pollo, purè di patate, formaggio ed erbette.[5] In genere, i kreplach vengono bolliti e serviti con il brodo di pollo o fritti.[6] I kreplach somigliano ad altri alimenti come gli uszka (Polonia e Ucraina), i pelmeni (Russia), i ravioli (Italia), i tortellini (Italia), i Maultaschen (Germania), i jiaozi (Cina) e i wonton (Cina).

Alcuni cuochi odierni li preparano usando un quadrato di pasta che viene riempito e piegato a mo' di triangolo. Altri adottano dei tondi di pasta a cui conferiscono una forma a mezzaluna. Altri ancora danno ad essi la forma di un quadrato.[7] In alcuni casi, i kreplach si cucinano utilizzando degli involucri di pasta congelata o per wonton.[8]

Nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

Una variante con formaggio dolce e altre località funge da antipasto o primo piatto durante il Shavuot.

Nelle case degli ashchenaziti, i kreplach sono per tradizione consumati durante il Rosh haShana, al pasto che precede il digiuno prima dello "Yom Kippur" così come durante l'Hoshana Rabbah e la Simchat Torah.[6][9]

In occasione del Purim vengono mangiati kreplach che possono contenere sia ripieni di carne che a base di ingredienti vegetariani o caseari perché, essendo celato in un involucro di pasta, la loro farcia deve alludere alla natura "nascosta" del miracolo di Purim.[10]

I ravioli fritti sono tipici della Chanukkah perché l'olio in cui vengono immersi alludono al miracolo di Chanukah.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sol Steinmetz, Dictionary of Jewish Usage: A Guide to the Use of Jewish Terms, Rowman & Littlefield, 2005, p. 43.
  2. ^ (EN) Kreplach: The parcels packed with history, su thejc.com. URL consultato il 2 settembre 2022.
  3. ^ a b (EN) Holiday kreplach can be a family affair, su jewishchronicle.timesofisrael.com. URL consultato il 2 settembre 2022.
  4. ^ Roden; pag. 133-4
  5. ^ (EN) Kreplach, su tasteatlas.com. URL consultato il 2 settembre 2022.
  6. ^ a b Roden; pag. 77-8
  7. ^ (EN) Recipe: The time of year to get your fill of kreplach, su jewishjournal.com. URL consultato il 2 settembre 2022.
  8. ^ (EN) Quick and Easy Kreplach Recipe, su mavenmall.com. URL consultato il 2 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2011).
  9. ^ (EN) The Secret To Making It Through A Yom Kippur Fast? Kreplach, su npr.org. URL consultato il 2 settembre 2022.
  10. ^ Roden; pag. 32

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Claudia Roden, The Book of Jewish Food: An Odyssey from Samarkand and Vilna to the Present Day, Penguin, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]