Pasta Jolly

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jolly Sgambaro
StatoItalia Italia
Fondazione1947 a Cittadella
Sede principaleCastello di Godego
Persone chiavePierantonio Sgambaro[1]
SettoreAlimentare
Prodottipasta di semola di grano duro
Fatturato19 mln euro (2014)
Dipendenti40 (2015)
Sito webwww.sgambaro.it

La Jolly Sgambaro è un'azienda alimentare italiana specializzata nella produzione di pasta di semola di grano duro, fondata a Cittadella nel 1947 da Tullio Sgambaro con sede a Castello di Godego, in provincia di Treviso[2].

Storia [2][modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver iniziato l'attività di mugnaio a Cittadella nel 1937, Tullio Sgambaro insieme alla moglie ha fondato il primo pastificio nel 1947 nella stessa cittadina padovana; dagli anni sessanta, sotto la conduzione dei figli Dino ed Enzo, ebbe un grande sviluppo con l'acquisizione di altre aziende similari della zona e con lo spostamento della sede nel trevigiano. Alla fine del XX secolo, continuando la storia della conduzione familiare, la gestione è passata alla terza generazione degli Sgambaro.

Nel 2003 la Jolly Sgambaro ha ottenuto il certificato di prodotto Grano Duro Italiano[3][4].

I siti produttivi sono dislocati in Puglia a Cerignola per quanto riguarda i molini e nel Veneto presso la sede per quanto riguarda i pastifici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I 70 anni di Pastificio Sgambaro Dalle origini a oggi si punta sulla qualità, su italiaatavola.net, 10 settembre 2017. URL consultato il 13 novembre 2018 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2018).
  2. ^ a b La storia di Sgambaro, su sgambaro.it. URL consultato il 28 gennaio 2020.
  3. ^ Pasta di Grano Duro 100% Italiano certificato - Sgambaro, su sgambaro.it, 7 giugno 2016. URL consultato il 13 novembre 2018 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2017).
  4. ^ Certificazione CSQA (PDF), su sgambaro.it. URL consultato il 14 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]