Penne (pasta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Penne
Whole wheat penne, cooked and uncooked.jpg
Penne crude (a sinistra) e penne cotte (a destra)
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniCampania
Sicilia
DiffusionePenisola italiana
Asia
Dettagli
Categoriaprimo piatto
Ingredienti principalifarina di grano duro
VariantiMostaccioli
Ziti
Zitoni
 

Con il termine penne, o raramente, al singolare, penna, si indica generalmente un tipo di pasta di forma cilindrica.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

In Italia esistono due tipi: le penne lisce e le penne rigate che presentano delle righe su tutta la superficie della penna. Esistono anche i pennoni che sono di forma più grande alle semplici penne[1].

La forma simile viene chiamata anche mostaccioli, prodotti dalla Barilla, che hanno la forma di tipo increspata e gli ziti che sono delle lunghe aste cave di forma liscia[2] e oltre ad esse esistono anche gli zitoni che sono di forma più grande[3].

Le ricette[modifica | modifica wikitesto]

Penne all'arrabbiata

Vengono cotte tradizionalmente al dente e condite con dei sughi, tipicamente all'arrabbiata nel Lazio, oppure con il pesto o con la salsa di pomodoro.

È una pasta molto versatile grazie al suo design perché il centro vuoto permette di conservare il sugo all'interno mentre le penne rigate permettono di conservare ancor di più il sugo elevando la sensazione di raffinatezza al palato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]