Ragù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ragù
Ragu.jpg
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioniEmilia Romagna
Bologna
Napoli
Dettagli
Categoriacondimento
Ingredienti principali
  • carne macinata
  • pomodoro
Variantidi pesce, di tofu
Calorie approssimative per portata505 kcal
 

Con il termine ragù si definisce un condimento (ovvero un sugo) a base di pomodoro e carne macinata o tagliata a pezzi cotta per molte ore a fuoco basso.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Tordelli, o tortelli, annegati in abbondantissimo ragù di carne

L'etimologia della parola ha le sue basi nel francese ragoût, sostantivo derivato da ragoûter, cioè "risvegliare l'appetito"[1], e originariamente indicava dei piatti di carne stufata con abbondante condimento che era usato per accompagnare altre pietanze: in Italia, divenne l'accompagnamento tradizionale per la pasta nei giorni di festa.

Durante il periodo fascista, il regime tentò di "italianizzare" il termine, visto come non puramente italiano e quindi non consono al vocabolario fascista, trasformandolo in ragutto[2].

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Conservazione casalinga in barattolo

Il sugo è composto da ingredienti che variano a seconda delle regioni, sono comunque sempre presenti il pomodoro, la carne, di bovino ma talvolta mischiata con carne suina, l'olio d'oliva e gli odori (sedano, carote ecc.). In tempi recenti sono utilizzati anche ragù di pesce (di spigola, di cernia) o di tofu (nel menù vegetariano). Nella maggior parte dei casi i ragù sono usati per condire pasta o sformati, ma nell'Italia settentrionale vengono anche utilizzati per accompagnare la polenta[3]. I tipici ragù della cucina italiana sono il Ragù bolognese e il Ragù napoletano.

Alla tipica preparazione casalinga è affiancata oggi una produzione industriale in barattoli pronti all'uso[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ voce "ragù", in Vocabolario on-line, Istituto Treccani. URL consultato il 2 agosto 2018.
  2. ^ Il ragù napoletano e la sua storia, su briganti.info. URL consultato il 2 agosto 2018.
  3. ^ Emilia Valli, Polenta con ragù al barolo, in Le cento migliori ricette di polenta, Newton Compton Editori, 2013. URL consultato il 2 agosto 2018.
  4. ^ Mara Nocilla, Classifica dei migliori ragù pronti, Gambero Rosso, 24 ottobre 2017. URL consultato il 2 agosto 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]