Matterello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un matterello in legno
Un impasto steso col matterello

Il matterello (in alcune zone detto mattarello[1][2]) è un attrezzo utilizzato in cucina per distendere e assottigliare gli impasti solidi in genere. La versione più tradizionale è costituita da un semplice cilindro in legno di 5-8 cm di diametro e lungo 50-70 cm. Esistono matterelli in marmo, acciaio, alluminio o materiale plastico antiaderente.

La parola è un diminutivo di mattero, che in passato era un'arma celtica, simile a una picca o a un giavellotto[3][2].

Nomi locali[modifica | modifica wikitesto]

Nel grossetano il matterello è chiamato anche "lansagnolo"[2]. In Carnia, il trecchio è un tipo di matterello costruito con legno di noce, utilizzato specificamente per la battitura della polenta. In Abruzzo è chiamato lu stennamass. In Sicilia è noto come "lasagnaturi"[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ matterello: definizioni, etimologia e citazioni, su Vocabolario Treccani. URL consultato il May 11, 2016.
  2. ^ a b c Isabella Pedicini, Ricette umorali, Fazi Editore, 2012, ISBN 88-6411-779-2.
  3. ^ Giacomo Devoto - Gian Carlo Oli, Il dizionario della lingua italiana, 2002
  4. ^ Vincenzo MORTILLARO (Marquis di Villarena.), Nuovo Dizionario Siciliano, 1838, p. 543.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cucina