Polistena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Polistena
comune
Polistena – Stemma Polistena – Bandiera
(dettagli)
Una veduta aerea del centro abitato
Una veduta aerea del centro abitato
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Provincia Provincia di Reggio Calabria-Stemma.png Reggio Calabria
Amministrazione
Sindaco Michele Tripodi (PCI) dal 30/03/2010
Territorio
Coordinate 38°24′N 16°04′E / 38.4°N 16.066667°E38.4; 16.066667 (Polistena)Coordinate: 38°24′N 16°04′E / 38.4°N 16.066667°E38.4; 16.066667 (Polistena)
Altitudine 254[1] m s.l.m.
Superficie 11,77 km²
Abitanti 10 430[2] (30-06-2016)
Densità 886,15 ab./km²
Frazioni Primogenito
Comuni confinanti Anoia, Cinquefrondi, Cittanova, Melicucco, San Giorgio Morgeto
Altre informazioni
Cod. postale 89024
Prefisso 0966
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 080061
Cod. catastale G791
Targa RC
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Cl. climatica zona C, 1 185 GG[3]
Nome abitanti polistenesi
Patrono santa Marina Vergine di Bitinia
Giorno festivo 17 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Polistena
Polistena
Posizione del comune di Polistena all'interno della città metropolitana di Reggio Calabria
Posizione del comune di Polistena all'interno della città metropolitana di Reggio Calabria
Sito istituzionale
« Polistina edificata in luogo piano, di tanto circoito, di quanto è forse ogn'altra Città della Calabria Superiore. Nella lunghezza, e larghezza è quasi uguale, per quanto hò potuto conoscere coll'osservatione geometrica »
(Girolamo Marafioti, Croniche, et antichita di Calabria pag.115, Padova, Ad instanza de gl'Uniti, 1601.[4])

Polìstena[5][6] (Polistina in greco-calabro) è un comune italiano di 10 430 abitanti[2] della città metropolitana di Reggio Calabria in Calabria.[7][8] È il secondo comune della provincia e quinto della Calabria per densità abitativa[9].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Aspromonte, Piana di Gioia Tauro, Reggio Calabria, Metramo e Parco nazionale dell'Aspromonte.
Reggiocalabria mappa.png
Vista di Polistena dal Castello di San Giorgio Morgeto

Polistena è situata nella parte orientale della Piana di Gioia Tauro,[10] a circa 70 km a sud-ovest di Catanzaro e circa 50 km a nord-est di Reggio Calabria. Sorge sulle pendici del massiccio montuoso dell'Aspromonte, con un territorio prevalentemente collinare a nord e pianeggiante a sud. Il territorio raggiunge un'altezza massima di 305 m s.l.m. e minima di 132 m s.l.m..

Il centro urbano si sviluppa nei pressi dei due principali torrenti della città. Il principale torrente che scorre nel territorio del comune di Polistena è il Vacale, affluente del fiume Metramo. Un'altra fiumara è lo Jerapotamo, affluente del torrente Vacale, oggi coperto dal Viale Rivoluzione d'Ottobre.[11]

Classificazione sismica: zona 1 (sismicità alta), Ordinanza PCM n. 3274 del 20/03/2003

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Calabria § Clima.

Il clima di Polistena è generalmente di tipo mediterraneo.

Polistena[12] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. mediaC) 9 10 11 13 16 21 24 23 22 17 12 9 9,3 13,3 22,7 17 15,6
Precipitazioni (mm) 233 164 155 100 92 44 21 27 83 159 234 221 618 347 92 476 1 533

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stemma di Polistena e Storia delle 'ndrine di Polistena.
Cartolina di Polistena, chiesa della Trinità sulla sinistra, chiesa Matrice sulla destra.
Il Pacichelli, riproduce in rame la città di Polistena data 1701, con lo stemma di Santa Marina, che calca sotto i piedi un drago, e che stringe con la mano sinistra una catena cui lo tiene legato, e con la destra una palma in segno di vittoria

Il toponimo Polistena deriva forse dal greco, ed è associazione di due termini polis (città) e tena (forte) o tenon (fortezza)[13]. Si pensa anche che derivi sempre dal greco ma dalla parola polùstenos (molto stretto)[14]. Polistena, posizionata fin dai tempi storici in una verdeggiante piana, è altresì situata al centro dell'istmo più breve tra le città magno-greche di Locri e Medma (Rosarno), e fu una stazione di passaggio per i locresi che dovevano raggiungere Rosarno colonia da loro fondata[15]. I ritrovamenti archeologici (che sono nel museo di Polistena), evidenziano una forte frequentazione del territorio e ipotizzano la presenza di un qualche aggiornamento urbano prima e dopo l'epoca della colonizzazione della Magna Grecia[16]. Nel territorio sono stati rinvenuti anche oggetti di epoca neolitica, mentre altri ritrovamenti di epoca più recente hanno permesso di identificare la presenza di insediamenti romani.[17][18]

« Più basso di S.Giorgio nella pianura si vede un'altra habitatione chiamata anticamenta S.Marina, come dimostraremo di sotto, hoggi si chiama Polistina »
(Girolamo Marafioti, Croniche, et antichita di Calabria pag.115, Padova, Ad instanza de gl'Uniti, 1601.[4])
Cartolina di Polistena, il ponte di Santa Marina poi distrutto, per la copertura del fiume Jerapotamo

Anticamente Polistena si chiamava Santa Marina, come scrive sul suo libro Girolamo Marafioti nel 1601.[19]

Domenico Valensise studiò il libro del Marafioti che affermava che gli abitanti di Polistena si trasferirono nel casale di Santa Marina. Nell'opera del Marafioti si riferisce che Re Roberto concesse al Marchese di Gerace tale casale di Santa Marina. Afferma Valensise con documenti da lui studiati che Polistena sia sorta sotto l'Impero di Oriente, e che i fondatori di questa città si crede che fossero gli abitanti di Altano [20][21] (Proclo, scrisse nel « Epitome de oraculis » che gli abitanti di Locri costruirono a nord delle città di Altano e Morgeto una fortezza, Templum Musarum).[22] Si sa però che a tre miglia di Polistena si trovavano le rovine di Altano.[23] A Polistena esisteva un ponte chiamato Santa Marina poi distrutto, per la copertura del fiume Jerapotamo, oggi si chiama viale Rivoluzione d'Ottobre.[11]

I primi documenti che attestano l'esistenza di Polistena con il nome attuale risalgono però al XIII secolo, quando un villaggio con questo nome viene nominato in occasione di una cessione di alcuni terreni a favore del monastero di Santa Maria di Campoforano. Siamo nel 1266, ma probabilmente la città con il nome Polistena esisteva ancora da prima, cioè almeno dal 1221 come attestato in un rescritto di Papa Onorio III inerente allo stato di decadenza di alcuni monasteri basiliani della Calabria Meridionale, tra cui ben 3 di Polistena.[24] Nel medioevo fu sede di numerosi casati, fra cui quello dei Milano Franco d'Aragona[25] e poi Riario Sforza.[26][27]

Nel 1921 l'archeologo Paolo Orsi incaricò il Vincenzo De Cristo (di Cittanova) per eseguire alcuni scavi sul sito di Altanum (che va da Cinquefrondi-Polistena-San Giorgio Morgeto).

Melicucco frazione di Polistena[modifica | modifica wikitesto]

Melicucco, dal 1816 e fino al 1936 è stata frazione di Polistena.[28]Il Podestà era Giuseppe Lombardi ed il Rev.mo Monsignore Luigi Guido, Arciprete.

Terremoti del 1783, 1894, 1905 e 1908[modifica | modifica wikitesto]

Comparsa di crateri in Contrada Giuseppina.[29][30][31]
Dipinto del Terremoto di Polistena del 1783 di Charles Lyell

Il 5 febbraio 1783,[32] Polistena fu rasa al suolo dal terremoto[33][34] che interessò l'Italia Meridionale, le vittime furono 2.261 su 4.600 abitanti circa. Tutti gli edifici crollarono, con l'eccezione della chiesetta di Sant'Anna dove vennero sepolte le vittime del sisma. La testimonianza del geologo francese Déodat de Dolomieu, che scese in Calabria per studiare gli effetti disastrosi del sisma, riporta in merito a Polistena:

« Avevo veduto Reggio, Nicotera, Tropea... ma quando di sopra un'eminenza vidi Polistena, quando contemplai i mucchi di pietra che non han più alcuna forma, né possono dare un'idea di ciò che era il luogo... provai un sentimento di terrore, di pietà, di ribrezzo, e per alcuni momenti le mie facoltà restarono sospese... »

Polistena fu ricostruita completamente su un'altura più a nord su progetto dell'architetto napoletano Pompeo Schiantarelli.[35] Fu realizzato un particolare impianto urbanistico che vide situarsi nella parte alta palazzi con imponenti frontespizi e portali in pietra granitica locale, mentre le fasce meno abbienti ripopolarono il vecchio sito ricostruito sulle muraglie.[36]

Polistena prima del terremoto era una tranquilla cittadina, il palazzo dei Milano (nel palazzo si trovava un teatro), feudatari di San Giorgio Morgeto e Polistena, era a nord del fiume Jerapotamo che tagliava in due Polistena. Intorno al palazzo del Marchese, si trovavano le case delle altre famiglie nobili tra cui, Lombardi, Rodinò, Rovere, Sergio e altri ancora. Dall'altra parte del fiume, a sud, gli artigiani e i contadini.

Il terremoto del 16 novembre 1894 interessò la Calabria meridionale, con epicentro molto simile al sisma del 1783 (zona di San Procopio) ma fortunatamente con conseguenze meno gravi vista la minor entità della scossa. I morti totali furono circa 100 (contro le oltre 30.000 vittime del 1783) e comunque svariati furono i danni materiali.[37] A Polìstena la scossa delle 6:15 non provocò danni, quella più forte fu quella delle ore 18:50, che creò gravi lesioni soprattutto agli interni degli edifici. Ci furono fratture negli archi della chiesa del Rosario, e dalla costruzione alta 38 metri si distaccò la facciata. Da segnalare che i danni maggiori si ebbero nella parte alta della città (zona Evoli) piuttosto che nella zona bassa (detta Arco), e su un totale di 2.850 case furono 378 quelle danneggiate, 18 delle quali inabitabili, 5 crollarono parzialmente e 54 invece in modo lieve e furono restaurate. Nessun danno particolare alle persone, e dal censimento del 1881 all'epoca gli abitanti di Polistena erano 8.400.[38][39]

Il Terremoto della Calabria del 1905 fu un grande sisma che colpì principalmente la Calabria Centrale con 557 vittime, 2.615 feriti e gravissime distruzioni materiali. Le conseguenze di tale sisma a Polìstena furono fortunatamente più limitate essendo distante da Nicastro, zona dell'epicentro, e non furono registrati danni alle persone; tuttavia ci furono importanti danni materiali. Furono demolite 6 case, puntellate 33 e riparate 196. Il muro laterale destro della chiesa di San Francesco minacciò di crollare. Danneggiate anche altre 5 chiese tra le quali quella della Trinità fu chiusa al culto.[40]

Il terremoto del 28 dicembre 1908. [41] Non era ancora scomparsa l'eco drammatica del terremoto del 1905 che un altro evento funesto colpì la regione, cioè il sisma del 28 dicembre 1908. Esso interessò la Sicilia Orientale e la Calabria Meridionale e, sotto le macerie delle immani distruzioni che si ebbero soprattutto a Reggio e Messina, perirono almeno 80.000 persone. Anche Polìstena, pur lontana oltre 70 km dall'epicentro (Stretto di Messina), fu segnata dal tragico evento, registrando 6 morti, 30 feriti, e moltissimi edifici danneggiati e anche completamente distrutti; su 2.257 case che componevano la località 52 crollarono, 53 risultarono gravemente lesionate e in 204 si registrarono lievi danni.[42] Tra le chiese, già provate dalla scossa del 1905, i danni maggiori si ebbero alla Chiesa della Trinità con il crollo del tetto, alla Chiesa dell'Immacolata con il crollo parziale della facciata, e al Duomo di Santa Marina Vergine che, a causa degli ingenti danni subiti nell'intero edificio, fu sul punto di venire abbattuto, anche se poi venne restaurato radicalmente 20 anni dopo.[43] Molti sfollati furono alloggiati in provvisorie baracche di legno, posizionate in zone periferiche della città, e una di queste zone è oggi sede della villa principale della città, Villa Italia, i cui alberi furono impiantati negli anni '30. La ricostruzione degli edifici distrutti e le riparazioni di quelli danneggiati, in ogni caso, furono piuttosto veloci, e Polìstena si riprese in breve tempo dal tragico evento.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stemma di Polistena, Pino d'Italia, Fiume (araldica) e Torre (araldica).
Gonfalone del comune di Polistena.
Stemma del comune di Polistena.

Nel più antico stemma della città di Polistena era raffigurata la protettrice dei polistenesi, Santa Marina Vergine. Lo stemma si usò fino ai primi dell'ottocento, epoca dalla quale si presume essere stato adottato l'attuale stemma.[44][45]

  • Blasonatura stemma:
« Costituito da una pianura in cui vi sono una torre aurea e un imponente pino. La torre si trova in mezzo a due fiumi. Il fondale è azzurro[46] »
  • Blasonatura gonfalone:
« Il gonfalone è costituito da un drappo di colore verde riccamente adornato di ricami d'argento e caricato dallo stemma sopra descritto con l'iscrizione centrata in argento "Comune di Polistena". Le parti di metallo ed i nastri sono argentati. L'asta verticale è ricoperta da velluto verde con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia è rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta e nastri tricolore sono frangiati d’argento »

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Duomo di Santa Marina Vergine[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa Matrice.

Il Duomo di Santa Marina Vergine comunemente noto come Duomo di Polistena[47] o Chiesa Matrice è la principale chiesa di Polistena, dedicata appunto a Santa Marina, patrona della città. La chiesa sorge nel centro storico, affacciata su via Michele Valensise. Ricostruita dopo il terremoto del 1783, essa accoglie numerose opere d'interesse artistico. Santa Marina Vergine viene festeggiata il 17 luglio, mentre una più ampia celebrazione che la coinvolge si svolge la prima domenica di agosto e riguarda la cosiddetta Teoria dei Santi, vale a dire una processione di 26 santi venerati nella città di Polistena, che precedono la patrona.[48][49][50][51][52][53]

Santuario di Maria Santissima dell'Itria[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa della Trinità.

Il Santuario di Maria Santissima dell'Itria conosciuto anche come Chiesa della Santissima Trinità o semplicemente Chiesa della Trinità è una delle più antiche di tutta Polistena. La chiesa sorge nel centro storico, precisamente su Piazza Bellavista, poco lontana da Piazza della Repubblica. L'attuale chiesa venne costruita dopo il terremoto del 1783. Al suo interno la chiesa presenta numerose opere, molte di esse andarono però distrutte o seriamente danneggiate nell'incendio del 22 maggio 1988, causato da un probabile corto circuito partito dal soffitto in legno a cassettoni. I lavori di restauro terminarono solo nel 1996. Esternamente ricordiamo soprattutto la cupola ricoperta di piastrelle maiolicate policrome. La Madonna dell'Itria, cui è dedicata la chiesa, viene festeggiata il 10 luglio.

Chiesa di Sant'Anna[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa di Sant'Anna è alla sommità della scalinata in questa cartolina degli anni trenta.

La chiesa di Sant'Anna è la più antica chiesa di Polistena. Fu infatti l'unico edificio a resistere al terremoto del 1783 che rase al suolo l'intera città. Infatti come dice Domenico Valensise,[54] la chiesa non solo resistette al terremoto ma rimase anche aperta al culto e accolse le ceneri dei polistenesi periti nel flagello. I cadaveri vennero infatti trasportati nel largo antistante la Chiesa della SS. Trinità, dove vennero bruciati e le ceneri, una volta raccolte, vennero tumulate nella Cappella. A memoria di tale fatto fu posta un'iscrizione cancellata dall'umidità e dal tempo, su cui si può ancora leggere la parola EXSTINCTOS. La chiesa sorge al di sotto di Piazzale Trinità, vicino al Santuario di Maria Santissima dell'Itria.

L'ultima sepoltura effettuata nella chiesa di S. Anna, fu di 71 morti nel 1877, al pari di altre chiese di Polistena più importanti questa chiesa funse da vero e proprio cimitero.

Chiesa di Maria Santissima del Rosario[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa del Rosario.

La chiesa di Maria Santissima del Rosario, chiamata semplicemente Chiesa del Rosario è un monumentale edificio dell'Ottocento sorto su quella che era una piccola chiesa dedicata a San Giuseppe (costruita a sua volta dopo il terremoto del 1783). La chiesa è suddivisa in tre navate decorate con opere di scultori locali e no. L'esterno è invece decorato con numerosi ordini di colonne e presenta inoltre due campanili.[55] Maria Santissima del Rosario, cui è dedicata la chiesa viene solitamente festeggiata il 7 ottobre.

Chiesa di San Francesco di Paola[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Francesco.

La chiesa di San Francesco di Paola sorge sul largo omonimo, vicino a Piazza del Popolo e a poca distanza dalla Chiesa del Rosario. L'attuale chiesa, che risale a dopo il terremoto del 1783, presenta un chiaro sviluppo verticale, possiede due campanili e vicino all'ingresso, in due nicchie sono collocate due statue in terracotta. Il santo a cui è dedicata, ovvero San Francesco di Paola, è festeggiato il 2 aprile.

Chiesa dell'Immacolata Concezione[modifica | modifica wikitesto]

A sinistra la foto della Chiesa dell'Immacolata Concezione con il vecchio ospedale, a destra la Villa Santa Maria.

La chiesa dell'Immacolata Concezione[56]chiamata semplicemente Chiesa dell'Immacolata è situata nella omonima via, nella parte bassa di Polistena. L'attuale chiesa, che risale a dopo il terremoto del 1783, presenta un esterno sobrio con una grande cupola e un campanile, eretto in anni recenti, separato dal nucleo principale. Nell'interno ricordiamo invece un originale soffitto in legno. L'Immacolata Concezione, cui è dedicata la chiesa, viene festeggiata l'8 dicembre.

Chiesa della Madonna della Catena[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa Madonna della Catena.

La chiesa della Madonna della Catena[57] chiamata semplicemente Chiesa della Catena sorge nella parte bassa della città, ai confini con i comuni di San Giorgio Morgeto e Cittanova. La chiesa, che possiede una singola navata, venne fondata nel 1894 ed eretta nel 1895 da Giuseppe Nicastro, per ricordare l'antica chiesa che sorgeva in quel punto. Ancora oggi continua a essere meta di numerosi pellegrinaggi, specialmente durante le festività. Maria Santissima della Catena, cui è dedicata la chiesa, viene solennemente festeggiata la terza domenica dopo Pasqua, protettrice delle partorienti e dei carcerati.

Chiesa di Santa Maria degli Angeli[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Santa Maria degli Angeli della famiglia Milano Riario Sforza.

La chiesa di Santa Maria degli Angeli sorge all'interno di Palazzo Riario Sforza, già Palazzo Milano, il quale si affaccia a sua volta su Piazza del Popolo.

Chiesa della Santissima Annunziata[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa della Santissima Annunziata è una chiesa di modeste dimensioni, sorta nel 1729 per volere dell'Arciprete D. Giuseppe Rovere dentro la vecchia Polistena. Dopo il terremoto del 1783, che la distrusse, venne ricostruita da D. Nicola Jerace, ed è stata restaurata tra il 2013 e il 2014 e riaperta solennemente al culto dopo un lungo periodo di abbandono.

Chiesa del Palazzo Valensise[modifica | modifica wikitesto]

La Cappella Gentilizia di Palazzo Valensise è collocata appunto all'interno del giardino di palazzo Valensise. Fu ampliata nella seconda metà dell'Ottocento da mons. Domenico Maria Valensise, sopra quello che restava della chiesa del Rosario, interna all'antico Convento dei Domenicani. Si conserva al suo interno il Cristo Risorto scultura di Francesco e Giovanni Morani eseguita nel 1856.

Comunità Luigi Monti[modifica | modifica wikitesto]

Casa natale dei Morani

Dopo il terremoto del 1908, nasce a Polistena l'orfanotrofio maschile e femminile.[58] Monsignore Morabito dopo il sisma decise che bisognava fare qualcosa per i tanti orfani che il terremoto aveva procurato. All'inizio gli orfani vennero ospitati nei carri merci delle ferrovie, solo dopo l'arrivo dei Frati Maristi nel 1911, vennero ospitati nelle baracche di legno. Nel 1934 arrivarono a Polistena i Frati Concezionisti (I figli dell’Immacolata Concezione), ancora oggi portano avanti l'opera, cominciata dal Beato Luigi Maria Monti.[59][60]

Nel 1960 l'orfanotrofio si trasforma, e viene chiamato Istituto di San Giuseppe. Il 19 novembre 1984, nasce la Comunità Luigi Monti, che si rinnova sia nel metodo educativo sia nella struttura. Una speranza per tante famiglie e ragazzi in difficoltà.[61] All'epoca che furono ricostruiti i nuovi locali nel fare le fondamenta e venuto fuori un grande masso di granito che in seguito fu scolpito dallo scultore Francesco Morani un "Padre che abbraccia l'orfano".

Luoghi d'interesse
  • Antiche condotte d'acqua
  • Casa natale dei Jerace
  • Casa natale dei Morani dove abitò Fortunato fin dalla sua venuta a Polistena in fitto e nel 1856 viene acquistata da Francesco Morani figlio di Fortunato.
  • Anfiteatro Comunale
  • Museo Civico
  • Cinema Garibaldi
  • Biblioteca Comunale

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Giffone

Palazzi nobiliari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Palazzo Avati.

Tutti gli antichi palazzi presenti a Polistena, sono successivi al terremoto del 1783. I più importanti sono:

  • palazzo Riario Sforza, già palazzo Milano.
  • palazzo Avati (sede del Monte dei Paschi di Siena)
  • palazzo Pecora
  • palazzo Giffone
  • palazzo Valensise
  • palazzo Lidonnici
  • palazzo Sigillò
  • villa Giulia, del Barone Rondinò (oggi Napoli)
  • palazzo Tigani
  • palazzi Sofrè, Montiglia (oggi Ammendolea)

Teatri[modifica | modifica wikitesto]

L'Auditorium comunale nei pressi di piazza della Pace

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Piazze[modifica | modifica wikitesto]

  • Piazza della Repubblica (popolarmente chiamata "Piazza Vara") situata al centro della cittadina.
  • Piazza del Popolo: vi si affacciano i principali palazzi nobiliari della città e vi si trova al centro il monumento ai caduti. Nel giorno di Pasqua vi si svolge la tradizionale Affruntata
  • Piazza Diaz, riqualificata, sorge nelle vicinanze di via Santa Marina.
  • Piazza Tigani, presso piazza del Popolo: vi si trova al centro una fontana. La piazza prende il nome dal palazzo che vi si affacciava.
  • Piazza Fusco, nel quartiere Brogna.
  • Largo San Francesco di Paola, piazzale di fronte alla chiesa omonima; vi si trova al centro una croce su basamento in pietra risalente al 1739.
  • Piazza Garibaldi: si trova al centro una fontana e una stele che ricorda l'"albero della libertà", innalzato dai giacobini polistenesi nel 1799
  • Piazza 21 marzo, già piazzetta Municipio, prende il nome dal giorno della manifestazione nazionale antimafia svoltasi nel 2007. Al centro vi sorge una scultura raffigurante Marino Tigani, scultore polistenese.
  • Piazzale della Pace, sul quale si affacciano il municipio, l'Auditorium comunale e la sede del commissariato di polizia.
  • Piazza Valarioti, sulla via Catena, nella zona sud della città. Prende il nome da Giuseppe Valarioti, vittima della 'ndrangheta.
  • Piazzetta Bellavista.
  • Piazza Arco, esiste la targa nascosta in marmo. Detta in seguito Dott. Rocca

Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Francesco Jerace § Il monumento ai caduti di Polistena e Marino Tigani § Il monumento ai caduti di Polistena.
A sinistra Polistena seconda guerra mondiale, carri in partenza (10 ottobre 1943), a destra monumento ai caduti di Polistena.


Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa Italia o villa Giarre, giardino pubblico situato nella zona alta della cittadina.[69][70]
  • Parco della Liberazione[71]
  • Parco Sportivo Juvenilia
  • Villa Santa Maria e Laghetto delle Papere[72]
  • Villetta Municipio
  • Parco Giovanni Paolo II

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[73]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati dell'Istat[74] nel 2010 a Polistena risiedevano 538 persone di nazionalità straniera, pari al 4,7% circa della popolazione totale. I paesi di origine più rappresentati sono:

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

L'Affruntata in Piazza del popolo

La Settimana Santa di Polistena[75] risale a una tradizione settecentesca. Comincia con la domenica delle Palme e termina la domenica di Pasqua.

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

L'ospedale di Polistena

Nel comune ha sede l'Ospedale Santa Maria degli Ungheresi di Polistena fondato nel 1905.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Nel Comune hanno sede sei scuole dell'infanzia, quattro scuole primarie e due scuole medie[76].

Gli istituti superiori sono:

Biblioteca comunale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Biblioteca Comunale di Polistena e Museo civico di Polistena.
Municipio, Biblioteca comunale e Museo civico.

La biblioteca comunale conserva oltre ai circa 60.000 volumi e opuscoli, tre fondi archivistici e un'emeroteca che comprende 12 quotidiani nazionali e 5 calabresi; 109 periodici nazionali e 48 calabresi in corso oltre 283 periodici nazionali e 249 calabresi non in corso, per un totale complessivo di 689 testate. Il numero orientativo dei fascicoli è di oltre 150.000.

Nella biblioteca si conserva inoltre l'archivio storico della famiglia Milano, feudataria di Polistena, dichiarato nel 1984 di notevole interesse storico e vincolato dalla Soprintendenza archivistica per la Calabria.

Museo civico[modifica | modifica wikitesto]

Istituzione collegata alla biblioteca, conserva al suo interno: reperti fossili e archeologici; documenti d'arte; antichità locali; una sezione etnografica. In esso si possono ammirare molti reperti della piana di Gioia Tauro e di Polistena, custoditi in una vetrinetta per il museo, antichi abiti religiosi e busti di marmo.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Stampa[modifica | modifica wikitesto]

  • L'agorà periodico edito dal duomo cittadino

A Polistena vi era la redazione locale de Il Quotidiano della Calabria

Musica[modifica | modifica wikitesto]

  • Storico complesso bandistico "Città di Polistena".

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

A Polistena ha sede una delle cinque residenze teatrali calabresi.

  • Teatro stabile città di Polistena.[83]
  • Associazione culturale Francesco Laruffa.[84]

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cucina calabrese.
I maccheroni di casa

La cucina polistenese si può definire ricca di sapori e condimenti, affonda le sue radici nella tradizione mediterranea. Piatto tipico per eccellenza sono i "maccarruna" (maccheroni conditi con il sugo di carne), pasta al forno.

Tra i secondi piatti vi sono le zeppole, peperonata, polpette, stocco, melanzane ripiene, frittole.

Il dolce tipico sono le nacatole (biscotto fritto a base di uova, strutto e liquori profumati), pitta di San Martino, la pignolata e le Sguta per la festa di Pasqua.

Caratteristica della cucina locale è la preparazione casereccia della salsa di pomodoro e di diversi prodotti in salamoia o sott'olio, come le olive, i peperoncini piccanti, le sardine e le verdure in giardiniera.[85] soppressata, salsiccia, capocollo, pancetta.

Frutti tipici: arance, clementine, limoni, mandarini, uva, prugne, castagne, fichi (in particolare i fichi secchi), meluni (melone), zipànguli (anguria).

Persone legate a Polistena[modifica | modifica wikitesto]

Francesco Jerace (a cui è stata dedicata la scuola media F. Jerace)

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Quartieri[modifica | modifica wikitesto]

I quartieri principali di Polistena sono: il Ponte, la Catena, la Villa Italia, contrada Villa, quartiere Brogna e la Stazione-Grecà.

Vista Piana Polistena.jpg
Ingrandisci
Vista del quartiere del Ponte di Polistena (si trova in viale Rivoluzione d'Ottobre).[11]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Nella zona industriale, situata lungo la strada provinciale 5, si trovano diverse aziende. Nel centro abitato sono presenti attività commerciali.[Chiarire la rilevanza delle aziende e delle attività commerciali...Le fonti?]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Tra le attività più tradizionali e rinomate vi sono quelle artigianali, che si distinguono per l'arte della tessitura, finalizzata alla realizzazione di coperte caratterizzate dai disegni, dai motivi e dai colori originali, oltreché per l'arte del vimini e per la produzione di mobili intagliati.[99][100]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Strada statale 682 Jonio-Tirreno, tra Polistena e Cinquefrondi, direzione Cinquefrondi

Il centro urbano di Polistena è attraversato a nord e a ovest della città da una tangenziale (chiamata "circonvallazione"), costruita per eliminare l'intenso traffico che si creava nelle strade interne cittadine. Fino al 2003 era di competenza ANAS, poi è passata alla provincia di Reggio Calabria. Il territorio comunale è attraversato da:

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La Stazione di Polistena si trova sulla linea Gioia Tauro–Cinquefrondi, inaugurata nel1929.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

A Polistena transitano anche una serie di linee automobilistiche gestite dalle seguenti aziende:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Polistena.
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 aprile 2005 29 marzo 2010 Giovanni Laruffa Lista Civica Sindaco
30 marzo 2010 in carica Michele Tripodi PdCI Sindaco

Il comune è compreso nel circondario di Palmi[101] e fa parte della regione agraria n. 2. È sede dell'omonimo vicariato della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Sport in Calabria.
Il palazzetto dello Sport

Hanno sede nel comune le seguenti società sportive:

  • A.S.D. Polistena 1961, nata nel 1961 e militante in Promozione. Ha sempre disputato campionati dilettantistici di livello regionale[103].
  • ASD Polistena Calcio a 5
  • ASPI Polistena Basket - Serie C Regionale
  • Pallavolo Polistena[104]
  • ASD Polistena Bike Team

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzetto dello Sport,[105][106]
  • Stadio comunale "Elvio Guida"[107]
  • Campo di Pallamano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Polistena: Clima e Dati Geografici, comuni-italiani.it. URL consultato il 26-02-2010.
  2. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile giugno 2016, demo.istat.it. URL consultato il 1 novembre 2016.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ a b Girolamo Marafioti pag.115, Padova, Ad instanza de gl'Uniti, 1601. Ristampa anastatica: editore Arnaldo Forni, 1975 e 1981. Consultabile on line in Google Libri
  5. ^ Storia Polistena e il suo territorio [1]
  6. ^ Storia di Polistena [2]
  7. ^ · PDF file Comune Polistena Provincia di Reggio Calabria
  8. ^ Comune di Polistena in Calabria
  9. ^ La conurbazione tra Cinquefrondi e Polistena
  10. ^ Dati su Polistena nell'Enciclopedia Treccani
  11. ^ a b c Il fiume Jerapotamo coperto, oggi si chiama viale Rivoluzione d'Ottobre, in passato esisteva un ponte in legno e uno in muratura chiamato Santa Marina
  12. ^ https://web.archive.org/web/20130224172226/http://www.pikal.org/pdf_progetto2/4_Ambiente.pdf
  13. ^ Vincenzo Fusco, "Polistena, Storia sociale e politica 1221-1979, pag.3, edizioni parallelo 38, 1979
  14. ^ G.Rohlfs, "Dizionario toponomastico e onomastico della Calabria", Ed.Longo, Ravenna, 1974, pag.252
  15. ^ Giovanni Russo, "Polistena, Storia, Arte e Cultura", pag. 5, Laruffa Editore, 2003
  16. ^ Piano strutturale comunale (PDF), su comune.polistena.rc.it, Comune di Polistena, 18 aprile 2012, p. 22. URL consultato il 13 luglio 2015.
  17. ^ Il comune di Polistena
  18. ^ Storia di Polistena sul sito del comune
  19. ^ Girolamo Marafioti pag.115,Padova, Ad instanza de gl'Uniti, 1601. Ristampa anastatica: editore Arnaldo Forni, 1975 e 1981. Consultabile on line in Google Libri
  20. ^ Domenico Valensise, Monografia di Polistena, del sacerdote Domenico Valensise, Napoli, Tipografia di Vincenzo Marchese, 1863, pp. 21-25. URL consultato il 1º marzo 2008.
  21. ^ STORIA - Università degli Studi di Polistena
  22. ^ Christian Vannozzi, Un crocevia tra Ionio e Tirreno - Cinquefrondi, "cuore" di Reggio Calabria, su instoria.it
  23. ^ « Altanum colle molto ameno, verso l'ostro, nel finistro lato di San Giorgio distante però da lui per ispatto di tre miglia in circa, dove infino ad hoggi si veggono le reliquie dell'antiche mura » (Girolamo Marafioti, Croniche, et antichita di Calabria pag.113, Padova, Ad instanza de gl'Uniti, 1601)
  24. ^ Vincenzo Fusco, "Polistena, Storia sociale e politica, 1221-1979", pagine 4 e 5, edizioni parallelo 38, 1979
  25. ^ La famiglia Milano [3]
  26. ^ Cronache Castellane - Istituto Italiano dei Castelli - Polistena città fortificata in epoca bizzantina
  27. ^ Cittanova- Polistena - San Giorgio Morgeto - (Calabria)
  28. ^ Storia - Comune di Melicucco
  29. ^ Foto devestazione di Polistena
  30. ^ Rottura apertasi in Polistena in località “Giuseppina”, sullo sfondo si nota l'acquedotto che è stato distrutto in più parti; ancora oggi ne sono visibili i resti.
  31. ^ Geoitaliani i segni della devastazione
  32. ^ Domenico Valensise Monografia di Polistena, pag.157
  33. ^ Il terremoto a Polistena 1783 foto [4]
  34. ^ Il terremoto di Polistena storia [5]
  35. ^ Libro sul terremoto di Polistena [6]
  36. ^ I terremoti nella piana di Gioia Tauro [7]
  37. ^ Libro terremoto del 1894, Polistena pag.36
  38. ^ Annibale Riccò, "et al.", Il terremoto del 16 novembre 1894 in Calabria e Sicilia, Roma, Tipografia nazionale di G. Bertero e c., 1907. URL consultato il 20 dicembre 2013.
  39. ^ Terremoto 16 novembre 1894 [8]
  40. ^ The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence under the following heading [9]
  41. ^ Vincenzo Fusco, "Storia sociale e politica 1221-1979", 1981 edizioni parallelo 38, pagg.234-235
  42. ^ The Catalogue of Strong Italian Earthquakes describes this earthquake sequence under the following heading [10]
  43. ^ Giovanni Russo, "Polistena nelle immagini di ieri", 1985, Edizioni Priulla, Palerno
  44. ^ Comune di Polistena stemma Municipale[11]
  45. ^ Lo Stemma Municipale della Città di Polistena, Giovanni Russo pag.8
  46. ^ Lo Stemma Municipale della Città di Polistena, libro di Giovanni Russo
  47. ^ Il Duomo di Polistena [12]
  48. ^ Santa Marina Vergine - Patrona di Polistena - Sito Ufficiale > Home
  49. ^ Il Gruppo Arcobaleno
  50. ^ Gruppo Arcobaleno - Duomo di Polistena
  51. ^ Il Samaritano - Duomo di Polistena
  52. ^ Suore Divina Volontà - Duomo di Polistena
  53. ^ Estate Ragazzi - Duomo di Polistena
  54. ^ Domenico Valesise, monografia di Polistena, Napoli 1863,P. 51
  55. ^ Chiesa Maria Ss. del Rosario
  56. ^ Foto chiesa dell'Immacolata
  57. ^ Foto Chiesa della Catena
  58. ^ Polistena (Rc): il concerto di Capodanno dei Lions
  59. ^ Comunità Padre Monti Calabria
  60. ^ Gioia Tauro: storia, cultura, economia
  61. ^ Padre Monti Sud Onlus
  62. ^ Foto teatro comunale
  63. ^ Programma Estate Culturale 2011
  64. ^ Settimana santa di Polistena
  65. ^ Mondiali di calcio 2010
  66. ^ Comune di Polistena - portale istituzionale
  67. ^ Comune di Polistena - portale istituzionale, estate culturale 2014
  68. ^ Monumento ai caduti [13]
  69. ^ L'Amministrazione Comunale recupera l'antica fontana
  70. ^ Comune di Polistena - portale istituzionale, per le vie di Altanum
  71. ^ · PDF Parco Liberazione
  72. ^ Foto laghetto delle Papere
  73. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  74. ^ ISTAT - Bilancio demografico e popolazione straniera residente anno 2010, demo.istat.it. URL consultato il 23-12-2011.
  75. ^ Settimana Santa a Polistena [14]
  76. ^ Scuole Polistena (RC) - pubbliche e private
  77. ^ sarà un simbolo per la nostra città" La nuova scuola Alberghiera G.Renda
  78. ^ " Polistena - Gara della Ristorazione 2012 Istituti Alberghieri
  79. ^ ">Gara della Ristorazione fra Scuole Alberghiere di tutta Italia 2013
  80. ^ Istituto Alberghiero Renda
  81. ^ Istituto Magistrale G.Rechichi Polistena - Guida Scuole
  82. ^ Istituto Tecnico Industriale M.M.Milano Polistena
  83. ^ Polistena News: Teatro Stabile “Città di Polistena”
  84. ^ Associazione culturale "Francesco Laruffa"
  85. ^ La buona cucina di Calabria" - di Carlo Baccellieri, Edizioni Reghion - Reggio Calabria 1976
  86. ^ Girolamo Marafioti, Padova, Ad instanza de gl'Uniti, 1601. Ristampa anastatica: editore Arnaldo Forni, 1975 e 1981. Consultabile on line in Google Libri
  87. ^ Museo nazionale di San Martino
  88. ^ Informazioni - G. Renda
  89. ^ Dizionario degli Artisti calabresi
  90. ^ Personaggi illustri di Reggio e del reggino ... 1921/1999
  91. ^ Girolamo Tripodi [15]
  92. ^ Mimmo Calopresti [16]
  93. ^ Giacomo Cacciatore [17]
  94. ^ Biografia Francesco Anile [18]
  95. ^ Mauricio Macri calabrese, la fine del peronismo in Argentina, blitzquotidiano.it.
  96. ^ È di Polistena il Presidente della Repubblica Argentina ..
  97. ^ Elezioni presidenziali in Argentina – Daniel Scioli, di origini ...
  98. ^ Segue - .:: Comune di Polistena - portale istituzionale
  99. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 3, Roma, A.C.I., 1985, p. 14,15.
  100. ^ La tessitura in Calabria, tessituralongobucco.it. URL consultato il 26 maggio 2016.
  101. ^ Circondario di Palmi sul sito della provincia, provincia.reggio-calabria.it. URL consultato il 10-09-2010.
  102. ^ Comune di Anzola dell'Emilia
  103. ^ La Storia, il calcio a Polistena [19]
  104. ^ A.S.D. Luck Volley RC- Pallavolo Polistena 3-1
  105. ^ Inaugurazione del Palazzetto dello Sport [20]
  106. ^ Polistena tappa della staffetta Gerusalemme-Roma [21]
  107. ^ Il Campo sportivo comunale [22]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Girolamo Marafioti, Croniche, et antichita di Calabria, Padova, Ad instanza de gl'Uniti, 1601
  • Domenico Valensise, Monografia di Polistena 1863
  • Giovanni Russo, Polistena nelle immagini di ieri, casa editrice Palermo edizioni Priulla 1985
  • Vincenzo Fusco, Dolce paese..., casa editrice Jone, gennaio 1992
  • Ferdinando Sergio, Polistena ieri e oggi, casa editrice La Modernissima, 2001
  • Calcaterra Pasquale Monografia di Polistena Nuove Edizioni Barbaro, 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN243598620