Francesco Jerace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Patisco d'amor patrio, soffro di sentimentalità per il glorioso nostro passato, mi cruccio dell'abbandono in cui siamo caduti e tenuti… e specialmente cerco di far apparire nobile, grande e bella la nostra Calabria, anche quando è giustamente accusata.»

(Francesco Jerace, 1909)
Jerace ritratto da Alfonso Frangipane

Francesco Jerace (Polistena, 26 luglio 1853Napoli, 18 gennaio 1937) è stato un pittore e scultore italiano, esponente della scuola napoletana a cavallo del 1900.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Statua di Beethoven, 1895, Conservatorio di San Pietro a Majella, (Napoli)

Nato a Polistena nel 1853,[1][2] Francesco Jerace era fratello di Gaetano (1860-1940), pittore, e Vincenzo (1862-1947),[3] pittore e scultore. Suo padre Fortunato era un disegnatore e costruttore di opere murarie, di ponti e di facciate di chieseː nella chiesa della Santissima Trinità di Polistena fece innalzare tutte le colonne granitiche della facciata. Suo cognato era Raffaele Longo, poiché aveva sposato una sorella dello scultore.[4]

Lasciò la provincia di Reggio Calabria nel 1869, dov'era seminarista, per trasferirsi a Napoli dallo zio Vincenzo Morani,[5] figlio di Fortunato,[6] ma il padre e lo zio non approvarono. Successivamente entrò all'Accademia di belle arti di Napoli, dove fu allievo di Stanislao Lista e iniziò la sua carriera di pittore e di scultore.[7]

Occasionalmente pittore, esordì alla Promotrice napoletana del 1871, con due opereː il ritratto di Girolamo Marafioti e la Nidia cieca.[8][9]

Il suo primo lavoro fu un bassorilievo di gesso con una testa barbuta, conservata tuttora nel Municipio di Polistena. Il primo importante lavoro è del 1873ː il monumento funerario per la famiglia di Mary Somerville;[10] vengono poi le decorazioni della villa Meuricoffre e la partecipazione alla mostra nazionale di Torino (1880), con opere in cui Jerace manifesta un tono europeo. Sue sculture sono a Londra, a Varsavia, a Berlino, a Dublino, a Vienna. Nelle città italiane ha lasciato un segno, con le sue opere d'arte: oltre cinquanta monumenti, opere di argenteria e di decorazione, una ventina di busti.[11] Nel 1880 a Torino scolpì Victa. Con Victa, Marion e i Legionari di Germanico, Francesco Jerace partecipò al triplice concorso dell'Esposizione Nazionale di Torino. Nella Villa La Fiorita, Francesco con le sue opere, impreziosì i giardini e i grandi saloni.[12]

Scolpì teste possenti, come quelle di Giosuè Carducci, di Francesco Crispi e Finali. Modellò bustiː Fiorentino, Teresa Ravaschieri, Andrea Cefaly, Di Rudinì, Rattazzi, e più recentemente Gioacchino Toma e Rubens Santoro.

Tra i monumenti da lui scolpiti si ricordano: quello al compositore e pianista Martucci a Capua, quello al politico e avvocato Pietro Rosano ad Aversa (1907), quello al musicista Domenico Cimarosa e quello ai Caduti della prima guerra mondiale, sempre ad Aversa, quello al Cefaly nella villa catanzarese; quello a Umberto I di Savoia a Pizzo Calabro, a Gabriele Pepe a Campobasso, (1913), e infine all'austero ricordo di Arcoleo (1918) e i monumenti di guerra e d'arte sacra più recenti a Reggio Calabria,[13] a Sorrento, a Stefanaconi e a Polistena.[14][15]

Jerace scolpì numerosi monumenti e sculture a Reggio Calabria, tra cui il Monumento ai caduti di tutte le guerre, il pulpito marmoreo con le palme e le sculture di San Paolo e Santo Stefano di Nicea presso il Duomo, il Monumento a Giuseppe De Nava, dove è eternato il padre con lo squadro in mano nell'altorilievo frontale.

Scolpì due episodi storico-religiosi nel Duomo di Napoli; due bassorilievi in cui in uno è raffigurato il Martirio di San Gennaro, nell'altro è raffigurato l'episodio del Miracolo delle Reliquie durante un'eruzione del Vesuvio. Sempre a Napoli scolpì presso il Palazzo Reale di Napoli la statua di Vittorio Emanuele II di Savoia, e nel 1895, per il Conservatorio di San Pietro a Majella, la statua di Ludwig van Beethoven. Suo è il monumento funebre a Mary Somerville, all'interno del cimitero acattolico di Santa Maria della Fede. Sue sono alcune statue sparse per la città, come quella del sindaco di Napoli Nicola Amore.

Jerace si espresse maggiormente nell'arte sacra e nell'arte allegorica, iniziò come scultore con monumenti di arte funebre, ma l'opera più nota dell'artista è certamente la scultura presente al Vittoriano di Roma: L'azione.

Fu un artista di dimensione internazionale, sue opere sono presenti all'estero in parecchie città. In Europa, a Madrid, a Londra, a Monaco di Baviera, ad Atene, ad Odessa, a Berlino, a Varsavia, a L'Aia e, fuori Europa, a Bombay.

A Francesco Jerace è dedicato il museo civico di Polistena, contenente, tra le altre, sue opere e di artisti della famiglia.

Casa dei Jerace

Jerace, una famiglia di artisti[modifica | modifica wikitesto]

Fortunato Jerace si è sposato con Maria Rosa Morani, figlia di Francesco nato nel 1804 a Polistena, padre dei più conosciuti Francesco,[4] Vincenzo e Gaetano, altri figli sono: Marino e Michelangelo. Marino deputato al parlamento visse a Roma e poi ad Arcidosso (Grosseto) Michelangelo Professore di scherma ginnastica istituì la Educazione fisica nelle scuole della Capitale, oltre le sorelle Anna e Maria Stella la sua casa si trova sulla via Domenicani, a poca distanza della casa di Francesco Morani scultore e professore di stucchi e di architettura primogenito e fratello terzogenito pittore prima a Napoli e poi a Roma.[16][17][18][19] A tale geniale prole è legata gran parte della storia artistica e culturale calabrese della metà dell'Ottocento, la figlia di Fortunato, Maria Stella sposa Raffaele Longo di San Giorgio Morgeto, diede alla luce: Felice (musicista), e Fortunato (scultore).[14]

Francesco e Vincenzo Jerace si formarono nell'Accademia di Belle Arti di Napoli. Gaetano, che studiò pittura sotto la guida di Francesco Lojacono, ebbe un discreto successo soprattutto all'estero. A Michelangelo (quinto fratello), sono legati tantissimi studi e pubblicazioni sulla ginnastica e l'educazione fisica.

Francesco Jerace, Monumento ai caduti di Polistena
Monumento ai caduti di Polistena, part. con la Bellona alata bronzea sul cannone

Il 18 gennaio 1937, scomparso Francesco Jerace, all'eta di 74 anni, nel suo testamento del 21 giugno 1926, non dimentica la casa paterna di Polistena: che la lascia a sua sorella Anna (Francesco aveva due sorelle Anna e Maria Stella) finché avrà vita poi giudicherà opportuno Mariarosa (figlia dello stesso Francesco).[20]

«La casa di Polistena resta a mia sorella Anna finché avrà vita poi giudicherà opportuno Mariarosa (figlia dello stesso Francesco) di disporre o dandola come appendice dell'Ospedale di S. Maria degli Ungheresi o al Comune per scuola facendola adibire all'insegnamento del cucito. Le mie 87 azioni della Banca Popolare servirebbero pure a tale scopo…»

(Francesco Jerace, testamento 18 gennaio 1937)

Mariarosa Jerace, Il 19 ottobre del 1964, scrive una lettera al sindaco dell'epoca, dicendo che dona la casa natale di Francesco Jerace. Il sindaco rispose disponibile all'accettazione che, però, rinviò o addirittura dimenticò, tanto che, due anni dopo, e precisamente nel 1966, Maria Rosa, con atto notarile, donò all'amministrazione provinciale di Catanzaro, n. 34 opere ed alcuni attrezzi di lavoro del padre Francesco. Nel trigesimo della morte di Francesco Jerace, allorquando Polistena gli tributò solenni e commosse onoranze, sulla facciata della casa natale di via Domenicani, fu sistemata la lapide marmorea, tuttora visibile ed in precarie condizioni, dettata dal Commendatore Raffaele Valensise:

«In questa casa il XXVI luglio MDCCCLIII nacque Francesco Jerace scultore insigne morto a Napoli il XVIII gennaio MCMXXXVII a perenne memoria del grande polistenese il cui nome varcò i confini d'Italia i suoi concittadini questo marmo posero XX febbraio MCMXXXVII – XV»

Il monumento ai caduti di Polistena[modifica | modifica wikitesto]

Il monumento ai caduti della prima guerra mondiale, si trova al centro della Piazza del Popolo. La Bellona, una vittoria alata bronzea su un cannone, posta su la roccia di pietra che fa da base, su delle lastre di marmo bianco, sono incisi i nomi dei 181 caduti nella prima guerra mondiale.[14][21]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Francesco Jerace di Alfonso Frangipane Archiviato il 26 maggio 2012 in Internet Archive.
  2. ^ Francesco Jerace, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ Calabresi illustri Giovanni Russo
  4. ^ a b Francesco Jerace, La Scultura Italiana (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2016).
  5. ^ Vincenzo Morani Archiviato il 26 maggio 2012 in Internet Archive.
  6. ^ Fortunato Morano (1773-1836) che apparteneva a una famiglia di decoratori del Catanzarese, attiva già nel corso del XVIII secolo, trasferì la sua bottega a Polistena, ove fu partecipe del clima di rinnovamento culturale e artistico che caratterizzò il contesto vibonese dopo il terremoto del 1783 e che animò la cerchia di artisti, riunitasi intorno all'archeologo ed erudito Vito Capialbi. Tra le sue opere si ricorda il ciclo di stucchi nella chiesa di San Leoluca a Monteleone, realizzati attorno al 1818 su disegni di Emanuele Paparo, in cui sono evidenti i riferimenti alla scultura di Antonio Canova e di Bertel Thorvaldsen e, in particolare, ai bassorilievi eseguiti dall'artista danese fra il 1805 e il 1807, per il fonte battesimale dell'abbazia di Brahetrolleborg.
  7. ^ Francesco Jerace, Polistena storia e arte
  8. ^ 800 Calabrese - Galleria Il Triangolo
  9. ^ Società Promotrice di Belle Arti in Napoli, Catalogo per la 8ª esposizione 1871; Rendiconto per la 7ª esposizione 1870; Statuto, Napoli, stab. tip. Rocco, 1871, SBN IT\ICCU\NAP\0346859.
  10. ^ Arte Calabrese, Francesco Jerace a Napoli
  11. ^ Francesco Jerace, Polistena storia e arte
  12. ^ Opere dello scultore Francesco Jerace
  13. ^ Reggio Calabria Jerace
  14. ^ a b c Monumento ai caduti Archiviato il 9 maggio 2015 in Internet Archive.
  15. ^ La Scultura Italiana - Jerace Francesco Archiviato il 28 maggio 2016 in Internet Archive.
  16. ^ Francesco era il fratello più grande della famiglia Morani, proseguì l'attività della bottega paterna (di Fortunato), avviando una vasta produzione di opere devozionali, sculture e decorazioni in stucco e legno per le chiese del Reggino (Polistena, chiesa di S. Francesco di Paola, chiesa del SS. Rosario). Alla scuola di Francesco si formarono il nipote Francesco Jerace e Giuseppe Renda. Morì a Polistena nel 1878. Il terzogenito di Fortunato, Domenico, nacque a Polistena nel 1824, si trasferì a Roma dal fratello di Vincenzo; fu allievo di Canova e Pietro Tenerani e si specializzò nella produzione di sculture sia in gesso sia in marmo di impronta purista. Nel 1843 eseguì per il teatro della villa Torlonia due sculture raffiguranti rispettivamente Menandro e Hendel. Nella chiesa dei Ss. Apostolì si conservano due Angeli in marmo 1859. Nel 1861 a Firenze espose la statua Silvia l'amante di Aminta. A Napoli (Conservatorio di S. Pietro a Maiella) si conserva un suo Busto di Vincenzo Bellini, morì a Roma nel 1870.
  17. ^ Chiesa di San Francesco di Paola di Polistena, stucchi di tutta la chiesa dei Morani come contratto del 6 settembre 1855 che si conserva ancora.
  18. ^ Galatro, la chiesa della Madonna della Montagna, la statua lignea, in stucchi fu esegnuito da Francesco Morani nel 1841. La scultura della Madonna si conserva il bozzetto e metà della statua in creta bianca e da dire inoltre che la madonna di Galatro rispecchia quella della Montagna di Taurianova scolpita dal figlio Fortunato Morani.
  19. ^ Santuario di Maria Santissima del Rosario.
  20. ^ Giovanni Russo, la casa dei Jerace Archiviato il 26 maggio 2012 in Internet Archive.
  21. ^ I caduti di Polistena durante la prima guerra mondiale

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Russo (a cura di), Francesco Jerace scultore (1853-1937), Roma, E.d.E., 2002, SBN IT\ICCU\NAP\0268955.
  • Polistena per lo scultore Francesco Jerace nel trigesimo della morte, Pascale, 1937, SBN IT\ICCU\RCA\0060171.
  • Enzo Le Pera, Enciclopedia dell'arte di Calabria, Ottocento e Novecento, Rubbettino editore, 2008, ISBN 978-88-498-2028-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN161992299 · ISNI (EN0000 0001 1561 4580 · SBN IT\ICCU\SBLV\318344 · LCCN (ENnr2001047010 · GND (DE124062296 · BNF (FRcb11113805b (data) · ULAN (EN500075647