Teatro Gaetano Donizetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teatro Donizetti
Bergamo Teatro Donizetti.JPG
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBergamo
IndirizzoPiazza Cavour 15
Dati tecnici
TipoSala a ferro di cavallo con tre ordini di palchi e loggione a galleria
Fossapresente
Capienza1 154 posti
Realizzazione
Inaugurazione24 agosto 1791
ArchitettoGiovanni Francesco Lucchini
Sito ufficiale
Coordinate: 45°41′42.36″N 9°40′16.1″E / 45.6951°N 9.67114°E45.6951; 9.67114

Il teatro Donizetti di Bergamo nasce verso la fine del XVIII secolo col nome di teatro nuovo o teatro di Fiera in un'area anticamente adibita a fiera, di fronte al Sentierone, il più famoso viale della parte bassa cittadina.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

La zona dove sorge il teatro si presentava al viaggiatore dell'epoca come un insieme di baracche di legno in cui i mercanti esponevano le loro merci. In quel luogo di grande afflusso sorgevano alcuni teatri temporanei in legno, che venivano demoliti alla fine della stagione e riedificati la stagione successiva con il medesimo materiale appositamente conservato.

Fu proprio in quel luogo che Bortolo Riccardi, ricco commerciante, senza curarsi troppo delle polemiche che ne conseguirono, edificò il primo nucleo del teatro stabile che conosciamo, che prese il nome di teatro Riccardi. Quando ancora il teatro era in costruzione si cominciarono a dare alcune rappresentazioni artistiche: la prima opera vi fu rappresentata nel 1784 e fu Medonte re di Epiro di Giuseppe Sarti.

L'inaugurazione ufficiale invece avvenne il 24 agosto 1791. La struttura originaria, completamente diversa da quella poi ricostruita, fu distrutta da un incendio nel 1797. L'architetto Giovanni Francesco Lucchini, che già aveva progettato l'interno del teatro andato distrutto, ricevette la commissione di guidare i lavori di costruzione del nuovo teatro. Bisogna aspettare il 30 giugno 1800 per l'inaugurazione della struttura così come la conosciamo. I cinque finestroni centrali hanno incisi alcuni titoli di opere del musicista bergamasco Gaetano Donizetti: Lucia di Lammermoor, Favorita, Don Sébastian, Don Pasquale e Linda. L'interno fu decorato con stucchi dorati e affrescato dal pittore Francesco Domenighini.

Teatro Donizetti-1897

Le vicende storiche risorgimentali passano da Bergamo e coinvolgono il teatro, tra fortune alterne e amministrazioni illuminate. Vincenzo Bellini vi cura la messinscena della Norma nel 1831.

Nel 1840 per la prima volta Bergamo tributa una pubblica manifestazione al bergamasco Gaetano Donizetti, presente in teatro per la rappresentazione della sua opera L'esule di Roma. Giuseppe Verdi, presente in sala, debutterà al Riccardi con Ernani nel 1844. Tra i direttori d'orchestra più celebri dell'Ottocento che hanno diretto al Teatro Ricciardi di Bergamo, si annovera il M° Antonino Palminteri, presente sul podio del Ricciardi nel 1883 portando in scena La Favorita di Gaetano Donizetti. Nell'agosto e nel settembre del 1891, Il M° Antonino Palminteri ritorna al Riccardi, portando in scena opere quali: Aida di Giuseppe Verdi, Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni. La stampa ne ha esaltato gli esiti con queste parole: "Il giovane maestro che con molta disinvoltura reggeva la bacchetta del comando, ebbe la soddisfazione di parecchi ben nutriti applausi e del dono di una corona di alloro".[1].

Nel 1897, in occasione del centenario della nascita del compositore, il teatro Riccardi assume il nome di teatro Gaetano Donizetti. Nell'occasione furono avviati i lavori per la costruzione della nuova facciata neoclassica, opera dell'architetto romano Pietro Via. Gli interni sono stati ristrutturati nel 1964.[2]

Nel 2017 iniziano i lavori di restauro dell'intero teatro che si concludono nel 2020[3]. Le attività del Donizetti Opera, festival dedicato alla riscoperta delle opere del compositore, vengono trasferite al Teatro Sociale in città alta. Nell'ambito del Donizetti Opera Festival del 2019, il cantiere del Teatro Donizetti accoglie la prima rappresentazione italiana e in forma scenica dell'opera considerata perduta del compositore bergamasco, L'ange de Nisida. L'edizione del festival 2020, pur funestata dalla pandemia di Covid e dalle restrizioni relative agli spettacoli teatrali, viene inaugurata da Marin Faliero, con Michele Pertusi nel ruolo del titolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angela Balistreri, Antonino Palminteri, un artista gentiluomo nel panorama operistico dell'800-Partanna, Produzioni Edivideo, 2010, p. 93,153.
  2. ^ Beatrice Gelmi e Valeriano Sacchiero, Bergamo passo passo... - Nuova guida pratica ragionata della città, 4ª ed., 1982, p. 13.
  3. ^ Verso il nuovo Teatro Donizetti, su teatrodonizetti.it, 12 dicembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN135804450 · ISNI (EN0000 0001 2163 8263 · LCCN (ENn83022756 · WorldCat Identities (ENlccn-n83022756