Teatro Alessandro Bonci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Teatro Comunale Alessandro Bonci
Teatro Comunale Alessandro Bonci.jpg
Il teatro visto dall'esterno
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàCesena
IndirizzoPiazza Guidazzi
Dati tecnici
TipoTeatro all'italiana.
FossaPresente
Capienza800 ca. posti
Realizzazione
Costruzione1843-1846
ArchitettoVincenzo Ghinelli
Sito ufficiale

Coordinate: 44°08′10.7″N 12°14′39.43″E / 44.136305°N 12.244285°E44.136305; 12.244285

Il Teatro Comunale Alessandro Bonci si trova all'interno della cinta muraria del centro storico di Cesena su Piazza Guidazzi, di fianco ad esso si trovano i Giardini Pubblici.

Il Teatro Alessandro Bonci fu inaugurato il 15 agosto del 1846, tre anni dopo l'inizio dei lavori progettati dall'architetto Vincenzo Ghinelli.

Subito si distinse per la rappresentazione delle migliori produzioni drammatiche e liriche, testimoniate dalla presenza di prestigiosi interpreti italiani del periodo. Il teatro fu dedicato al grande tenore cesenate Alessandro Bonci dopo le sue esibizioni nel 1904 e 1927.

È membro del circuito italiano delle Strade Europee dei Teatri Storici[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Teatro Comunale Alessandro Bonci nel 1880.

A Cesena le prime notizie di rappresentazioni teatrali sono della fine del '400 e i luoghi dove si tenevano le rappresentazioni furono alcuni palazzi cittadini; tra questi un particolare prestigio assunse il Palazzo Alidosi (Giacomo Casanova, nel 1748 di passaggio a Cesena, vi assistette a un'opera), tanto che una parte del palazzo fu acquistato dall'aristocrazia cesenate e qui, dal 1796 al 1797, fu costruito in legno il primo teatro cittadino che chiamarono "Teatro Spada"[2].

L'amore dei cesenati per l'opera travalicò nel breve volgere di pochi decenni le possibilità dell'angusto teatro. Pertanto se ne decretò l'abbattimento e la ricostruzione sulle sue rovine del nuovo teatro comunale. I lavori, su progetto di Vincenzo Ghinelli (ammiratore del Giuseppe Piermarini e delle linee neoclassiche del nuovo Teatro alla Scala di Milano), si protrassero dal 1843 al 1846. L'inaugurazione avvenne il 15 agosto 1846 con la Maria di Rohan di Gaetano Donizetti, con Teresa De Giuli Borsi (soprano) e Gaetano Fraschini (tenore), e con il balletto Beatrice di Gand, con la famosa Fanny Elssler come protagonista[3].

Negli anni seguenti e per tutto il primo novecento, il Teatro Comunale di Cesena mantenne un posto di assoluto rilievo nazionale nel campo dell'opera lirica e del melodramma.

Nel 1891 il giovane e promettente Alessandro Bonci vi eseguì un'accademia per pagarsi gli studi di canto a Pesaro. Trascorsi pochi anni, Bonci divenne uno dei migliori interpreti italiani, conosciuto e apprezzato all'estero. Nel 1904 Bonci tornò a Cesena per interpretare un memorabile Faust di Charles Gounod e poi nel 1927, al ritiro dalle scene, un Requiem e nella occasione gli venne intitolato il teatro.

In occasione del 150º anniversario della sua inaugurazione, il 25 gennaio 1996, fu riaperto al pubblico dopo un restauro[3].

Dal 2001 è una delle sedi principali di produzione teatrale dell'Emilia Romagna Teatro.[4]

Gli anni del "tutto esaurito"[modifica | modifica wikitesto]

Il palco.
L'interno del teatro.

Nell'ultimo dopoguerra, la prosa, già in cartellone del 1862, sostituì poco a poco l'opera nei gusti degli spettatori. Gli anni cinquanta e sessanta sono quelli dei “tutto esaurito” in serie, dei record d'incassi frantumati. Si dà qui di seguito un breve resoconto cronologico di quegli anni:

Decrizione[modifica | modifica wikitesto]

Particolare della facciata in una foto di Paolo Monti del 1972

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

Il Teatro Alessandro Bonci è di chiara derivazione "piermariniana": la facciata presenta un portico in bugnato al primo ordine, colonnato ionico al secondo ordine e una ricca decorazione ad opera del bolognese Gaetano Bernasconi. Sulla facciata si trovano sette figure mitologiche racchiuse in riquadri: Ercole dio della forza, Calliope musa del poema eroico, Venere dea dell'amore, Apollo dio delle arti, Talia musa della commedia, Melpomene musa della tragedia, Clio musa della storia, e un timpano triangolare con l'allegoria del Savio e del Rubicone, e lo stemma della città al centro. Sul fianco destro sono poste due formelle con Tersicore e Bacco, così come su quello sinistro con Polinnia e, di nuovo, Bacco[3].

Interno[modifica | modifica wikitesto]

Il soffitto.
Uno degli affreschi del soffitto.

Entrati dal portale principale ci accoglie un vestibolo con, da un lato, il busto di Alessandro Bonci, dopo si passa al foyer dove possiamo trovare un grande lampadario e delle iscrizioni a ricordo delle esibizioni di celebri esecutori, come Marietta Alboni, Luciano Pavarotti, Giuseppe Verdi e Richard Wagner.

La struttura interna del teatro è a ferro di cavallo, all'interno si trova una platea, quattro ordini di palchi e un loggione; il totale è di circa 800 posti a sedere. Il sipario e il bellissimo lampadario sono copie degli originali.

Le decorazione all'interno sono opera del ferrarese Francesco Migliari. Sul soffitto si possono ammirare quattro riquadri con scene della Divina Commedia (L'incontro di Dante e Virgilio con le Furie, Il Conte Ugolino che vede morire i figli, Dante e Virgilio al Purgatorio e L'apparizione del Padre Eterno) intervallate da quattro medaglioni che rappresentano la musa del melodramma, della tragedia, della musica e della poesia; gli stucchi si devono a Mirotti e gli intagli a Giuseppe Casalini[3].

I particolari del Bonci che lo fanno uno dei più apprezzati d'Italia sono: l'acustica e il palcoscenico, la cui ampiezza e profondità lo collocano tra i più ampi nel panorama internazionale[5].

Il Museo del Teatro[modifica | modifica wikitesto]

All'interno il Museo del Teatro conserva la documentazione della storia secolare del teatro e della musica a Cesena di cui sono testimonianze locandine, manifesti e programmi di sala, fotografie e disegni, costumi e scenografie[6].

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Informazione tratte dal sito ufficiale dell'European Route of Historic Theatres Archiviato il 10 novembre 2013 in Internet Archive.
  2. ^ Capellini, p. 61.
  3. ^ a b c d Capellini, p. 67.
  4. ^ Informazione tratte dal sito ufficiale dell'ERT, su emiliaromagnateatro.com. URL consultato il 22 dicembre 2009 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2009).
  5. ^ Capellini, p. 65.
  6. ^ Capellini, p. 68.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Denis Capellini, Guida di Cesena, Città Malatestiana, Cesena, Il Ponte Vecchio, 2001, ISBN 88-8312-175-9.
  • G. Azzaroni, F. Dell'Amore, Pier Giovanni Fabbri, Romano Pieri, A. Maraldi, (a cura di), Un palcoscenico per Cesena. Storia del Teatro Comunale, Società Editrice "Il Ponte Vecchio", Cesena 1997.
  • F. Battaglia, M. Gradara, G. Conti, G. Foschi, Il Teatro Comunale "Bonci" e la Musica a Cesena, Cesena 1992
  • D. Dell'Amore (a cura di), La scena variabile. Teatro e musica a Cesena dal Medioevo all'Ottocento, Comune di Cesena - Teatro Alessandro Bonci, Cesena 1995.
  • Immagini di teatro, Anni Ottanta a Cesena, fotografie di G. P. Senni, testi di F. Pollini, Cesena 1991.
  • F. Pollini (a cua di), Il teatro di Luigi Veronesi, Società editrice "Il Ponte Vecchio", Cesena 1998.
  • F. Pollini (a cura di), Museo del Teatro, Cesena 1998
  • F. Pollini (a cura di), Il Suono della Scena, Marco Facondini, Società editrice "Il Ponte Vecchio", Cesena 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]