Nacatole

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nacatole
Mammola - Nacatole.JPG
Origini
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneCalabria
Zona di produzioneComprensorio della Locride in Provincia di Reggio Calabria
Dettagli
Categoriadolce
RiconoscimentoP.A.T.
Ingredienti principali
  • farina
  • uova
  • zucchero
  • anice
  • sugna, burro o olio per la frittura
 

Le nacatole sono dolci tradizionali della Calabria. L'area di produzione e in particolare è il territorio del comprensorio della Locride, in Provincia di Reggio Calabria e in pochi altri comuni della Calabria.[1]

Storia, tradizione e usi[modifica | modifica wikitesto]

Le nacatole sono dei dolci tradizionali di origine antica, di forme diverse, che vengono preparati nelle famiglie e nelle pasticcerie locali, durante il periodo natalizio. Si preparano una settimana prima di Natale come segno beneaugurale e non possono mancare nel cenone di fine anno. Vengono pure commercializzate nei negozi di pasticcerie. Questo tipico dolce viene consumato e si sposa magnificamente con i classici vini locali da dessert (assimilabili per molti versi ai cantucci col vinsanto). La mattina, invece, a colazione, si associa molto bene con il latte fresco. L'area di produzione è il territorio del comprensorio della Locride e della Piana di Gioia Tauro.

Descrizione sintetica del prodotto[modifica | modifica wikitesto]

Le nacatole sono dolci di colore marrone chiaro, di profumo delicato, di sapore dolciastro. Gli ingredienti sono: farina di grano tenero macinato al mulino ad acqua, uova caserecce, olio d’oliva extravergine locale, latte, anice e lievito. Per la produzione del dolce sono necessari ingredienti naturali.

  • forma: di forma diversa (a ciambella, a bastoncino ecc.).
  • dimensioni medie: varie
  • peso medio: da 10 a 30 gr.
  • Sapore: dolciastro.
  • odore: di dolce fritto
  • colore: marrone chiaro.

Tecniche di lavorazione[modifica | modifica wikitesto]

In un recipiente mescolare le uova con lo zucchero, aggiungere l'olio extravergine di oliva, il latte, l'anice, la farina e il lievito. Impastare il tutto e dare la forma che si desidera. Friggere in abbondante olio d'oliva e dopo la cottura, lasciare asciugare e cospargere di zucchero.

Periodo di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Tutto l'anno in particolare nel periodo di Natale. I locali utilizzati sono: laboratori di pasticcerie e cucine di casa.

Prodotto agroalimentare tradizionale[modifica | modifica wikitesto]

Le nacatole sono state incluse dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali nell'Elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (Suppl. Ord. Gazzetta Ufficiale N°167 del 18-7-02 pag. 13 N°156).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nacatole - Scheda prodotto, su gentedelfud.it. URL consultato il 26 agosto 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina