Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Cittanova (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cittanova
comune
Cittanova – Stemma Cittanova – Bandiera
Cittanova – Veduta
Villa Comunale "Carlo Ruggiero" (entrata)
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Calabria.svg Calabria
Città metropolitana Provincia di Reggio Calabria-Stemma.png Reggio Calabria
Amministrazione
Sindaco Francesco Cosentino (Cittanova Cambia) dal 27-5-2014
Territorio
Coordinate 38°21′N 16°05′E / 38.35°N 16.083333°E38.35; 16.083333 (Cittanova)Coordinate: 38°21′N 16°05′E / 38.35°N 16.083333°E38.35; 16.083333 (Cittanova)
Altitudine 400[1] m s.l.m.
Superficie 61,98[2] km²
Abitanti 10 286[3] (30-04-2017)
Densità 165,96 ab./km²
Frazioni Carbonara, Feudotti I, Feudotti II, Fiolli, Fontana di Piazza, San Pietro, Zomaro
Comuni confinanti Antonimina, Canolo, Ciminà, Gerace, Melicucco, Molochio, Polistena, Rizziconi, Rosarno, San Giorgio Morgeto, Taurianova
Altre informazioni
Cod. postale 89022
Prefisso 0966
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 080028
Cod. catastale C747
Targa RC
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Cl. climatica zona D, 1 423 GG[4]
Nome abitanti cittanovesi
Patrono san Girolamo
Giorno festivo 30 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cittanova
Cittanova
Cittanova – Mappa
Territorio del comune di Cittanova nella città metropolitana di Reggio Calabria
Sito istituzionale

Cittanova è un comune italiano di 10 286 abitanti[3] della città metropolitana di Reggio Calabria, in Calabria.

Posto alle pendici dell'Aspromonte e prospiciente la Piana di Gioia Tauro, è caratterizzato dalla presenza di numerose chiese e palazzi ottocenteschi e da un parco pubblico che si estende per 2,65 ettari.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La cittadina si trova ai piedi dell'Aspromonte, su terreni quaternari alluvionali, costituiti da sabbie e ghiaie incoerenti che coprono gli ampi terrazzi degradanti verso il Golfo di Gioia. Cittanova domina la piana di Gioia Tauro dalla terrazza più alta, quella confinante col massiccio delle Serre, quasi a contatto tra le due formazioni litologiche: alluvionale e cristallina. Questa conformazione geologica favorisce la propagazione dei sismi, in quanto l'incoerenza della coltre alluvionale viene aumentata durante i terremoti dalla formazione cristallina contigua e sottostante. Il territorio di Cittanova è attraversato dall'omonima faglia che fa parte del sistema di faglie Serre-Aspromonte, lunga 30 chilometri e tuttora attiva[5].

L'altitudine riferita al municipio è di 400 m s.l.m.[1], nel territorio comunale l'altitudine minima arriva a 77 m s.l.m. mentre quella massima tocca i 996 m s.l.m.[1]. La superficie è di 61,98 km²[2] (il 65% circa in territorio pianeggiante coltivato a ulivi e il 35% in territorio montuoso boschivo e di pascoli naturali), la distanza dal capoluogo è di 75 km.

I corsi d'acqua principali sono le fiumare Serra e Vacale.

Vette principali: Altopiano della Melìa (m. 1.000), Zomaro (m. 920) e Monte Cùculo (m. 725).

Zòmaro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Zomaro.

Località montana a 12 chilometri da Cittanova, Zomaro è situato sull'Altopiano della Melìa, all'interno del Parco nazionale dell'Aspromonte.

La flora che lo caratterizza è composta soprattutto da faggi, lecci, abeti e ginestre. È altresì presente la Woodwardia radicans, un'antica felce gigante sopravvissuta al Cenozoico.

La fauna presenta numerosi cinghiali oltre a scoiattoli, tassi, volpi, gufi e nibbi.

L'altopiano è inoltre ricco di acque sorgive.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è mediterraneo. La piana di Gioia, aperta sul mare ma riparata dai venti, aumenta l'umidità di Cittanova, rendendone i terreni particolarmente fertili.

Cittanova[6] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. mediaC) 9 10 11 13 16 21 24 23 22 17 12 9 9,3 13,3 22,7 17 15,6
Precipitazioni (mm) 233 164 155 100 92 44 21 27 83 159 234 221 618 347 92 476 1 533

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Per convenzione storica, la nascita di questa cittadina è collocata al 12 agosto 1618[7], data d'emanazione del bando di edificazione del "Nuovo Casale di Cortoladi"[8], ad opera del primo principe di Gerace, Girolamo Grimaldi[9].

Il "Nuovo Casale di Cortoladi", in seguito denominato col più semplice "Casalnuovo", nelle intenzioni del feudatario doveva raccogliere le popolazioni dei villaggi dei suoi latifondi, precedentemente presenti nei dintorni ma spopolati dai terremoti e dalle epidemie avvenuti nel 1616 e sarebbe servito anche a controllare agevolmente l'importante via che univa il Tirreno allo Ionio tramite il Passo del Mercante. Per questi motivi, venne scelto come luogo di edificazione un punto nei pressi di Cortoladi, villaggio distrutto completamente dalle scosse telluriche del 1616 e che sorgeva vicino a Radicena.

Affinché potesse edificare il nuovo casale, il Grimaldi aveva però bisogno dell'assenso del sovrano Filippo III di Spagna, ottenuto proprio in conseguenza dei sismi; l'edificazione di Casalnuovo cominciò subito dopo e il principe vi fondò il suo palazzo di residenza, facendolo quindi diventare punto di riferimento per i suoi feudi ed accrescendone fin dagli inizi l'importanza[9]. Il casale, per questo motivo e grazie anche alle notevoli immunità stabilite nel bando, si sviluppò abbastanza velocemente ed ancor più dopo il terremoto del 27-28 marzo 1638. Furono costruite case molto basse (per paura di eventuali sismi futuri) e numerose chiese e conventi. La popolazione continuò ad aumentare: nel 1669 contava già 128 nuclei familiari, arrivando a 638 nel 1732. All'inizio del 1783 Casalnuovo contava 5.590 abitanti[10].

Il 5 febbraio 1783 un sisma di incredibile potenza, denominato il Flagello, distrusse completamente il paese causando 2.017 vittime (tra cui la feudataria Maria Teresa Grimaldi)[11].

Il Flagello. Testimonianze e cause.
Cittanova schiantarelli 1783 5feb.jpg

"Dopo un terribile interno muggito la terra tremando distrusse Casalnuovo (...). Le strade avea larghe, dritte, le case basse pel timore de' terremoti, ciascuna di essi con un albero, ed una pergola avanti(...). Non vi rimase pietra sopra pietra, tutto fu pareggiato al suolo, tetti sconvolti, sassi schiantati, alberi infranti. Quasi la metà della popolazione di Casalnuovo perì schiacciata sotto le rovine(...)."[12]

"Per la rovina degli Edificj e per la gran perdita degli Abitanti fu funestissima la sorte di Casalnuovo. Paese edificato dopo il Tremuoto del passato secolo: imperocché tutte le Abitazioni, i Trappeti e le altre Case di campagna furono distrutte in maniera che nemmeno le fondamenta rimasero intatte."[13]

Il 5 febbraio 1783 una violentissima scossa diede inizio ad una serie di sismi che provocarono migliaia di morti e cambiarono per sempre il panorama esistente, generando frane, smottamenti, fratture nel terreno, fenomeni di liquefazione, piccoli laghetti. La genesi di quei terremoti venne provocata dalla faglia di Cittanova; il terremoto del 1783 fu con molta probabilità il primo ad essere studiato in loco da sismologi e spedizioni scientifiche ed uno dei più distruttivi dell'area Mediterranea. Il disegno a lato, eseguito da Pompeo Schiantarelli, mostra la dislocazione della pianura di Cittanova e della Strada del Mercante dovute all'evento del 5 febbraio. Sono visibili due scaglioni, il più basso misurato da due membri della spedizione Borbonica; il livello superiore è affetto da uno smottamento, come mostrato al centro dell'immagine. Questa stampa è probabilmente la prima nella storia della sismo-geologia a mostrare una faglia di superficie.[14]

Casalnuovo venne comunque ricostruito sullo stesso sito e ricominciò ad espandersi, tanto che nel 1807 i francesi disposero che divenisse capoluogo di governo con giurisdizione su Radicena, Jatrinoli, Vatoni, Gioia e San Martino.

Il 1º gennaio 1842 il Circondario di Casalnuovo fu diviso in due circondari distinti: l'uno formato da Casalnuovo, l'altro composto dal comune di Radicena, dal comune di Iatrinoli e dai villaggi di San Martino e Terranova.[15]

Il 1º aprile 1852 con decreto № 129 di Ferdinando II di Borbone[16], su istanza del decurionato, il consiglio comunale dell'epoca, assunse il nome di Cittanuova, in seguito semplificato in Cittanova.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma del Comune di Cittanova

Lo stemma, approvato con Decreto reale del 29 aprile 1924 e registrato alla Corte dei conti il 17 maggio 1924, Reg. 1 Fin., Foglio 180, ha la seguente descrizione:

« Troncato: sopra d'azzurro al pino al naturale nodrito sulla cima di un monte di verde movente dalla partizione, accompagnato da una stella di sei raggi d'oro, posta al canto destro; sotto di Grimaldi, losangato d'argento e di rosso a cinque fusi per ciascuna fila, ma senza il motto dei Grimaldi. Lo scudo sarà cimato dalla corona di Comune. »

Il pino presente nello stemma richiama un albero trisecolare realmente esistito e coevo della città, distrutto da un fulmine nel 1960. L'albero si trovava nei pressi della chiesa dei Santi Cosma e Damiano.[17] La descrizione del gonfalone è la seguente:

« Drappo rosso caricato dello stemma comunale con la scritta in oro “Comune di” (sopra) “Cittanova” (sotto). Le parti in metallo e i cordoni sono dorati. »

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia di bronzo al Merito Civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al Merito Civile
«Durante il secondo conflitto mondiale il paese subì, diversi bombardamenti anglo-americani che provocarono numerose vittime e la distruzione quasi totale delle abitazioni. La popolazione sopportò gli avvenimenti bellici con coraggiosa determinazione e generosa solidarietà, prodigandosi, nonostante i rischi delle ripetute incursioni aeree, nell'assistenza ai feriti. Chiaro esempio di spirito di sacrificio ed elette virtù civiche. 1943/1944 - Cittanova (RC)[18]»
— Cittanova, 14 maggio 2010
Il bombardamento del '43.
15th AF B-24 Liberator.jpg

Durante la seconda guerra mondiale, a partire dal 1941, furono effettuate diverse offensive aeree da parte degli Alleati sulla provincia di Reggio Calabria. I bombardamenti si intensificarono nel 1943, in vista dello sbarco sulla penisola. Le incursioni fecero moltissime vittime tra i civili e Cittanova pagò uno dei tributi di sangue più pesanti. La sera di sabato 20 febbraio 1943, 15 bombardieri americani B-24[19], provenienti dal mare, sganciarono sull'abitato decine di bombe e spezzoni incendiari[20][21], causando centinaia di morti e feriti e distruggendo 150 case. I cadaveri furono collocati provvisoriamente dentro la Chiesa della Sacra Famiglia[22]; dopo l'accaduto in molti si affannarono a cercare un perché e vox populi volle imputare ad un tragico errore il bombardamento, dovuto ad un tendone da circo confuso per obiettivo militare[23]. Stando a vari rapporti di missione, gli aerei partirono dall'aerodromo di Benina (Libia) avendo come obiettivo originario la distruzione di navi mercantili al porto di Napoli, ma per le pessime condizioni atmosferiche e la visibilità ridotta molti bombardieri giunti nei pressi del porto campano verificarono l'impossibilità del bombardamento e tornarono alla base. Alcuni, sulla via del ritorno, andarono alla ricerca di obiettivi secondari, finendo per colpire Amantea, Crotone, Palmi (o Nicotera), dei serbatoi di carburante nei pressi di Platì, "quello che appariva" (sic) un accampamento militare a circa 15 miglia a est di Rosarno e due cittadine non identificate[24][25].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

La facciata della Chiesa Matrice
Santuario di Maria SS. del Rosario
Chiesa di San Rocco
San Giuseppe
Madonna della Catena
Chiesa del Calvario
S. Maria delle Grazie

Chiesa Matrice[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa matrice di Cittanova, dedicata a San Girolamo, fu costruita pochi anni dopo il sisma del 1783. L'opera venne portata avanti da Maria Antonia Grimaldi Serra, figlia della principessa di Gerace Maria Teresa Grimaldi, morta a causa del terremoto, le cui spoglie - traslate dal diroccato convento dei padri alcantarini nel 1793 - riposano nella Cappella dell'Immacolata, all'interno della chiesa stessa.

La chiesa ha un'architettura ottocentesca, dalle forme pseudo-barocche. In origine era a navata unica, in seguito vennero aggiunte due navate laterali e rifatto l'interno in stile neoclassico.

Opere di rilievo:

  • Crocifisso ligneo del 1600;
  • Pietà lignea del 1866 opera di Francesco Biangardi;
  • Statua dell'Immacolata del 1800;
  • Statua lignea settecentesca di San Girolamo opera di Domenico De Lorenzo;
  • Statua lignea settecentesca del Cristo Risorto opera di Domenico De Lorenzo;
  • Varette (29 statue lignee, periodo: 1821-1893) opera di Francesco e Vincenzo Biangardi;
  • Statua della Vergine opera di Michele Guerrisi.

Santuario di Maria Santissima del Rosario[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Santuario di Maria Santissima del Rosario.

Edificato nel 1823, sul luogo dove sorgeva una chiesa distrutta dal Flagello. Ad una navata, in stile barocco, l'interno ospita affreschi, stucchi, angeli e statue di gesso. La chiesa è sottoposta a tutela monumentale (legge 906.1939). Nel 1999 è stata elevata a santuario.

Opere di rilievo:

Chiesa di San Rocco[modifica | modifica wikitesto]

A navata unica e tra le più grandi della provincia di Reggio Calabria, la chiesa venne costruita sul sito dove sorgeva precedentemente il Convento degli Alcanterini edificato nel 1728. Il terremoto del 1783 distrusse completamente il complesso monastico, si salvarono solo le statue di San Rocco e San Pasquale, un calice di argento cesellato ed una colonna di pietra sormontata da una croce in ferro. La ricostruzione fu intrapresa a partire dal 1835, su progetto dell'architetto Vincenzo Tarsitani, e la chiesa di San Rocco venne completata nei primi anni del XX secolo grazie all'impegno del sacerdote Giacomo Petropaolo.

Opere di rilievo:

  • Statua lignea di San Rocco del XVIII secolo;
  • Statua lignea di San Pasquale del XVIII secolo;
  • Organo a canne del 1919 costruito dalla ditta Busetti di Torino (recentemente restaurato).

Chiesa della Sacra Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Costruita al posto di un frantoio nel 1887. La chiesa è a tre navate, e custodisce diverse statue lignee e dipinti.

Opere di rilievo:

  • Dipinto dell'Addolorata del 1500.
  • Due Dipinti della Madonna col Bambino del 1500.

Chiesa dei SS. Cosma e Damiano[modifica | modifica wikitesto]

Edificata a metà 1800 dal notaio Tommaso Marvasi sui resti di una cappelletta distrutta dal terremoto, e restaurata dai suoi discendenti in epoche successive, la chiesa dedicata ai SS. Cosma e Damiano ospita statue lignee di scuola napoletana e tele del XVI-XVII secolo.

Opere di rilievo:

Chiesa di San Giuseppe[modifica | modifica wikitesto]

Anche questo edificio fu edificato su una chiesetta preesistente distrutta dal terremoto del 1783. Nel 1865, in seguito ad una sottoscrizione tra gli artigiani ed i falegnami del paese, fu eretta una cappella dedicata a San Giuseppe; nel 1948 venne aggiunto l'altare in marmo.

Opere di rilievo:

Chiesa della Madonna della Catena[modifica | modifica wikitesto]

La più antica del paese, gli storici ritengono che sul sito vi fosse precedentemente una chiesa bizantina intitolata a Santa Maria del Campo. La struttura originaria fu costruita ad opera degli abitanti di San Giorgio Morgeto col nome di Santa Maria di Campoforano e dedicata all'Assunta. In seguito all'epidemia di colera che colpì la Piana a metà Ottocento, la vecchia chiesa fu ricostruita ed ampliata, a cura dell'arciprete Domenico Luzio, come ringraziamento a Maria nel 1854, e dedicata alla Madonna della Catena. Tuttavia l'antico nome non venne dimenticato, così come la venerazione per l'Assunta, celebrata tutt'oggi con processioni e preghiere.

Opere di rilievo:

  • Statua lignea dell'Assunta.

Chiesa del Calvario[modifica | modifica wikitesto]

Edificata nel 1912, all'interno ospita due statue in cartone romano che vengono utilizzate nell'allestimento del "simburcu" (sepolcro), durante i riti di Pasqua.

Opere:

  • Statua dell'Addolorata ai piedi della Croce in cartone romano;
  • Statua di Gesù Morto in cartone romano.

Chiesa di S. Maria delle Grazie[modifica | modifica wikitesto]

Riedificata nel 1746 sui resti della chiesa omonima risalente al XVII secolo, questo piccolo luogo di culto si trova in contrada Malizia, fuori dal centro abitato.

Opere:

  • Pala d'altare in olio su lamiera della Madonna delle Grazie, opera del pittore messinese Bonaccorsi (1901).

Chiesetta del Crocifisso[modifica | modifica wikitesto]

Restaurata nel 1974, questa caratteristica chiesetta, interamente rivestita in pietra, è sita in via San Pasquale. All'interno è posto un monumentale Crocifisso bronzeo già venerato nel Convento di San Pasquale (o degli Alcanterini) del 1728.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Villa Comunale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Villa comunale di Cittanova.
Interno della Villa

La Villa Comunale "Carlo Ruggiero" di Cittanova è un "Monumento Nazionale d'interesse storico–naturalistico" riconosciuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Orto botanico di circa 2,5 ettari, ospita molte specie vegetali rare o del tutto uniche in Italia. Grazie alle particolari condizioni del terreno, oltre alle tipiche piante della vegetazione mediterranea, sono presenti numerose piante esotiche (Sequoie della California, Cedri del Libano, Alberi dei Tulipani, ecc.).

Fu costruita a proprie spese da Carlo Ruggiero e donata al Comune con delibera del 29 marzo 1880, durante il suo mandato di sindaco (1880-1885). Il progetto fu dell'ingegnere svizzero Enrico Fehr, già progettista della villa Mazzini di Messina.

Nel 2008, all'interno della villa comunale, è stato istituito un Giardino dei Giusti[29][30].

Palazzi[modifica | modifica wikitesto]

Fregio ottocentesco

Presenti nel centro storico della cittadina, i palazzi furono costruiti tra il 1700 ed il 1800; una delle loro caratteristiche peculiari sono i portali in granito e arenaria, abbelliti da gattoni e balconi lavorati da scalpellini dell'epoca.

Edificati principalmente intorno alla Chiesa Matrice ed alla Chiesa del Rosario, molti palazzi sono tuttora abitati e ben conservati mentre altri versano in totale abbandono.

Tra i più importanti:

  • Palazzo Calfapietra, costruito nel 1762.
  • Palazzo Germanò, prima metà del XIX secolo.
  • Palazzo Adornato, costruito nel XVIII secolo e ristrutturato nel 1804, fu nell'ordine: Convento, Municipio e Pretura. L'edificio ospitò anche un trappeto a trazione animale.
  • Palazzo Cavaliere, prima metà dell'Ottocento.
  • Palazzo Tarsitani, ricostruito ai primi dell'Ottocento, venne negli anni ampliato e rimaneggiato, qui nacque Domenico Tarsitani.
  • Palazzo Muratori, costruito nel 1750, danneggiato dall'evento del 1783, fu subito riedificato.
  • Palazzo Cannatà, attuale sede municipale, fu edificato nella prima metà dell'Ottocento. In passato fu adibito a Carcere Mandamentale e a Sede dell'Ufficio di Conciliazione.

Fontane[modifica | modifica wikitesto]

Fontana dell'Olmo (1730)

Una particolarità di Cittanova sono le fontane monumentali, presenti sin dalle origini della cittadina. Nel corso degli anni hanno subito vari spostamenti rispetto ai luoghi originari di costruzione.

Tra le più importanti, c'è "Fontana dell'Olmo" sita in piazza Cavaliere (già largo Olmo) costruita nel 1730. In origine era situata davanti alla Chiesa Madre dell'antico Casalnuovo. Rimasta integra dopo il terremoto del 1783, fu spostata nei Giardini Pubblici e nel 1932 trasferita nella collocazione attuale. Sulla fontana vennero incise le date dei trasferimenti.

Altre fontane degne di nota: "Fontana di Pietra", "Fontana Masotta" e le vasche che ornano la Villa Comunale.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Monumento ai caduti (1924)

All'interno della villa comunale, è possibile ammirare il Monumento ai caduti della I guerra mondiale, statua di gusto prettamente ottocentesco[31] opera dello scultore Michele Guerrisi.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

La particolare collocazione della cittadina, ai piedi dell'Aspromonte e tra due fiumare (Vacale e Serra), permette di visitare molti luoghi naturali, meta di turisti e amanti del trekking.

Vacale[modifica | modifica wikitesto]

Il torrente Vacale in estate è una delle mete preferite dalle famiglie, ricco di vegetazione e di piccole cascate, le caratteristiche "gurne" (piscine) sono l'ideale per fare il bagno. In passato si usava fare il bucato tra le sue sponde col sapone fatto in casa, tradizione tuttora in uso.

Verso Zomaro

Gli escursionisti hanno la possibilità di risalire il letto della fiumara fino alla parte montuosa, tra ontani e querce da sughero. In alcuni punti è possibile visitare antichi frantoi in disuso.

Villaggio Zomaro[modifica | modifica wikitesto]

Popolato quasi esclusivamente in estate, il villaggio è circondato da boschi e sentieri naturali.

Luoghi da visitare: "Casa del Principe" , posta tra tassi ed abeti, la spianata di "Santu Trabuss", il laghetto a Crocco.

Percorsi escursionistici: Sentiero Italia e Sentiero del brigante.

Vi è inoltre un sentiero che parte dal Passo del Mercante e arriva al villaggio, il percorso è di media difficoltà e si articola in un contesto storico - naturalistico - archeologico, caratterizzato dalla presenza di resti archeologici risalenti, secondo alcuni storici locali, alle vicende del 70-72 a.C. che videro coinvolte le truppe di Marco Licinio Crasso e l'esercito di schiavi guidati da Spartaco[32].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[33]

Il 5 febbraio 1783 un terremoto decimò la popolazione, che passò da 5.590 a circa 3.500 abitanti.[11]

Nel 1815: 6.105 ab.[34]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 1º gennaio 2017[35] i cittadini stranieri residenti erano 725 persone (il 7% della popolazione). Le nazionalità maggiormente rappresentate sul totale della popolazione residente erano[36]:

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La religione più diffusa è quella cattolica di rito romano. La città fa parte della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi e del vicariato di Oppido Mamertina-Taurianova. Il territorio comunale è attualmente suddiviso in due parrocchie: Maria Santissima del Rosario[37] e San Girolamo.[38]

Sempre in ambito del cattolicesimo è presente a Cittanova un istituto religioso femminile, composto dalle Suore Missionarie del Catechismo.[39]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

"La Pietà" - Varetta usata nella processione dei "Misteri"

Riti Pasquali[modifica | modifica wikitesto]

La sera del Giovedì santo, i fedeli mantengono viva la tradizionale "visita ai simburchi" (v. ai sepolcri). All'interno delle chiese vengono allestiti degli altari con pane azimo, spighe di grano, pane e vino. Nella chiesa del Calvario, addobbata a lutto, viene posto "u simburcu", con la statua del Cristo morto. Durante la serata, i fedeli che seguono questa tradizione visitano tutte le chiese cittadine.[40]

L'alba del Venerdì santo comincia con la "processione della Croce", poche ore dopo, la "processione dei Misteri" parte dalla Chiesa Matrice e arriva alla Chiesa del Calvario. I Misteri vengono usati per rappresentare la Via Crucis e sono costituiti da statue lignee ottocentesche, portate a spalla[41]. Vengono esposte solo il giovedì ed il venerdì santo; al gruppo di Varette opera del Biangardi, viene aggiunta la statua del Cristo Morto di autore sconosciuto. Il venerdì santo si chiude con la "menza missa", una cerimonia in cui viene deposto dalla Croce il Corpo del Cristo Morto e consegnato alla Madre Addolorata.

La mattina di Pasqua ha luogo uno degli eventi più sentiti dai fedeli, la tradizionale "Affruntata"[42]. La rappresentazione avviene tra la Chiesa Matrice e la Chiesa del Rosario e consiste nella simulazione, con statue portate a spalla, degli incontri tra San Giovanni, la Madonna ed il Cristo Risorto[43].

Festa di San Rocco[modifica | modifica wikitesto]

La terza settimana di settembre, la Chiesa dedica tre giorni di ricorrenze religiose in onore del Santo. La sera del primo giorno di novena viene acceso un grande falò (luminariu), che per tradizione serve da rito purificatore contro la peste[44]. In passato le donne si riunivano la sera per cantare antiche cantilene sulla vita di San Rocco. È tuttora viva la tradizione di appendere ai balconi delle lampade di carta colorata.

Visita alla Madonna della Grotta[modifica | modifica wikitesto]

Un tradizionale pellegrinaggio a piedi, tra fiumare e sentieri di montagna, viene intrapreso dai fedeli la notte del 30 aprile. La meta è il Santuario della Madonna della Grotta di Bombile di Ardore. Il culto di questa statua risale al 1500 ed è vivo in tutta la provincia di Reggio Calabria; durante i giorni di pellegrinaggio i fedeli di solito bivaccano all'aperto, tra bancarelle e chiassosi suonatori di tarantella. Il 28 maggio 2004 una frana ha completamente distrutto il Santuario, risparmiando la statua, recuperata nel 2007 e trasferita nella Chiesa Parrocchiale dello Spirito Santo di Bombile.[45]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

In attività dal 1991, la biblioteca comunale "Vincenzo De Cristo" ha una dotazione di 5.000 volumi con specifici indirizzi concernenti il settore ragazzi e Calabria[46].

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Hanno sede a Cittanova 7 scuole dell'infanzia (1 paritaria), 2 scuole primarie, 1 scuola secondaria di I grado e 3 scuole secondarie di II grado.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo Civico di Storia Naturale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Museo civico di storia naturale (Cittanova).

Inaugurato nel 1996, il Museo espone circa 2.000 reperti divisi in 6 sezioni[47]:

  • Petrografia e Mineralogia;
  • Paleontologia;
  • Zoologia dei vertebrati;
  • Zoologia degli invertebrati;
  • Botanica;
  • Micologia.

Museo delle Varette[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurato nel 2013, la struttura ospita le varette del venerdì santo: sculture in legno di tiglio scolpite nell'800 dagli artisti Vincenzo e Francesco Biangardi. Oltre alle varette, il museo espone la statua del Cristo Risorto opera dell'artista Domenico De Lorenzo e la Maria Addolorata. Ogni gruppo scultoreo è introdotto da un pannello storico esplicativo.[48]

Media[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Ha sede a Cittanova 1 radio locale, a diffusione regionale, attiva dal 1976[49]: Radio Eco Sud.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei prodotti tipici della zona è il pesce stocco, utilizzato come ingrediente principale di diverse pietanze. Importato dalla Norvegia, lo stoccafisso viene trattato con le acque aspromontane per ammorbidirlo e renderlo più gustoso[50]. Tra le miriadi di pietanze a base di questo pesce, si segnalano:

  • stocco e patate;
  • stocco crudo in insalata;
  • ventricelle di stocco con funghi;
  • frittelle di stocco con patate e peperoni.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • "Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica";
  • "Cittanova Floreale" (Fiera Botanica);
  • "Tradizionandu - Etnofest";
  • "Festa Nazionale dello Stocco".

Persone legate a Cittanova[modifica | modifica wikitesto]

Alberto Cavaliere

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia cittanovese è basata in prevalenza sulle risorse agricole: olive, cereali, foraggi, ortaggi, uva, agrumi. Sono altresì presenti allevamenti di bovini e suini.

Il settore industriale è costituito soprattutto da aziende operanti nei seguenti comparti: edile, metallurgico, alimentare, materiali da costruzione, vetro e lavorazione del legno. Non mancano la silvicoltura e fabbriche di laterizi e macchine per l'agricoltura.

Il terziario ha una rete commerciale sufficiente e tra i servizi è presente il settore bancario.[17]

Trasporti e vie di comunicazione[modifica | modifica wikitesto]

Strade ed autostrade[modifica | modifica wikitesto]

Posizione di Cittanova (in rosso) nella prov. di Reggio Calabria

Cittanova è situata lungo la Strada Provinciale 1 (già Strada Statale 111) Gioia Tauro-Locri. L'SP1, costruita in epoca borbonica era (fino all'apertura nel 1990 della S.G.C. Jonio-Tirreno) la principale via di collegamento tra la costa ionica e la costa tirrenica. Il comune non è raggiungibile direttamente tramite autostrada, pertanto gli svincoli autostradali di Gioia Tauro e Rosarno sull'Autostrada A3 sono le uscite consigliate per raggiungere la destinazione.

Altre strade che raggiungono Cittanova sono:

  • La strada provinciale 47 Cittanova-Polistena che collega la cittadina alla S.G.C. Jonio-Tirreno.
  • La strada provinciale 33 Cittanova-Rizziconi-Gioia Tauro

È inoltre previsto che il Comune venga toccato dalla nuova Pedemontana della Piana di Gioia Tauro che interesserà inoltre i territori comunali di Laureana di Borrello, Feroleto della Chiesa, Maropati, Melicucco, Anoia, Cinquefrondi, San Giorgio Morgeto, Taurianova, Molochio, Terranova Sappo Minulio, Varapodio, Oppido Mamertina, Scido, Delianuova, Santa Cristina d'Aspromonte, Cosoleto[53].

Linee ferroviarie[modifica | modifica wikitesto]

Cittanova è dotata di una stazione ferroviaria delle Ferrovie della Calabria sulla linea Gioia Tauro–Cinquefrondi, attualmente sospesa. La stazione è stata inaugurata il 1º giugno 1924. La stazione delle FS più vicina è quella di Gioia Tauro (24 km).

Autobus[modifica | modifica wikitesto]

Le Ferrovie della Calabria assicurano collegamenti con gli altri paesi più importanti: Reggio Calabria, Palmi, Gioia Tauro, Siderno, Locri, Catanzaro e Rende (sede dell'Università della Calabria)

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Cannatà - Sede municipale

Elenco dei Sindaci dal 1993[54]:

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
4 febbraio 1993 17 novembre 1997 Francesco Morano PDS Sindaco
17 novembre 1997 28 maggio 2002 Francesco Morano Liste Civiche di Centro-Sinistra Sindaco
28 maggio 2002 29 maggio 2007 Francesco Morano Liste Civiche di Centro-Sinistra Sindaco
29 maggio 2007 1 settembre 2008 Alessandro Cannatà Lista Civica Sindaco Sospensione del Consiglio
8 giugno 2009 27 maggio 2014 Alessandro Cannatà Lista Civica Sindaco
27 maggio 2014 in carica Francesco Cosentino Lista Civica Sindaco

L'indirizzo del municipio è Viale Aldo Moro 1. La classificazione climatica è D.

Il 21% del territorio di Cittanova (1.291,4 ha su 6.136) fa parte del Parco nazionale dell'Aspromonte[55].

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La Cittanovese, squadra di calcio, milita nel Campionato di Serie D.

La A.S.D. Edilferr, squadra di calcio a 5, milita in serie B.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Tuttitalia.it - Comune di Cittanova (RC), tuttitalia.it. URL consultato il 25 giugno 2013.
  2. ^ a b ISTAT.IT La superficie dei comuni, delle province e delle regioni italiane, istat.it. URL consultato il 16 ottobre 2014.
  3. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile aprile 2017, demo.istat.it. URL consultato il 18 settembre 2017.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  5. ^ Paolo Galli, Edoardo Peronace e Paolo Messina, I terremoti olocenici della faglia di Cittanova (Calabria meridionale): nuovi dati paleosismologici, in Atti del 33º Convegno Nazionale GNGTS, Bologna 25-27 Novembre 2014, Bologna, novembre 2014, pp. 72-79, ISBN 978-88-940442-1-8. URL consultato il 10 marzo 2017 (archiviato il 10 marzo 2017).
  6. ^ https://web.archive.org/web/20130224172226/http://www.pikal.org/pdf_progetto2/4_Ambiente.pdf
  7. ^ Arte e storia, Tipografia Domenicana, 1916. Google Libri. Riportato il 12 marzo 2017.
  8. ^ Rivista geografica italiana, in Rivista geografica italiana, vol. 57, Società di studi geografici di Firenze, 1950, p. 32. URL consultato il 12 marzo 2017.
  9. ^ a b Fulvio Mazza, Gioia Tauro: storia, cultura, economia, in Le città della Calabria, vol. 14, Rubbettino Editore, 2004, p. 80, ISBN 8849810598. URL consultato il 12 marzo 2017.
  10. ^ Archivio storico per la Calabria e la Lucania, Volumi 65-66, 1998. URL consultato l'11 marzo 2017.
  11. ^ a b Francesco Gaudioso, Una tragedia sismica nella Calabria del Settecento, Congedo, 2005, p. 39, ISBN 9788880866299. URL consultato l'11 marzo 2017.
  12. ^ Biblioteca scelta di Opere Italiane antiche e moderne vol. 464- Carlo Botta, Storia d'Italia, vol. ottavo, pag.237, Silvestri, Milano, 1844. Google Libri. Riportato il 22 novembre 2007.
  13. ^ Istoria e teoria de' tremuoti in generale: ed in particolare di quelli della ...;Di Giovanni Vivenzio, Stamperia Reale, Napoli 1783. Google Libri. Riportato il 22 novembre 2007.
  14. ^ Galli, P. e Bosi, V.,2002. Paleoseismology along the Cittanova fault: implications for seismotectonis and earthquake recurrence in Calabria (southern Italy) Journal of geophysical research, vol. 107, no. b3, 10.1029/2001jb000234, 2002
  15. ^ Collezione delle leggi e decreti emanati nelle provincie continentali dell'Italia meridionale. Google Libri. Riportato il 25 ottobre 2012.
  16. ^ Collezione delle leggi e decreti emanati nelle provincie continentali dell'Italia meridionale. Google Libri. Riportato il 21 marzo 2012.
  17. ^ a b Adele Falasca, Calabria: CS-KR-RC-VV, in Comuni d'Italia, vol. 3, Istituto enciclopedico italiano, 2002, p. 234, ISBN 8887983054.
  18. ^ le onorificenze, i conferimenti e gli elenchi dei decorati della Repubblica italiana, quirinale.it. URL consultato il 9 giugno 2013.
  19. ^ (EN) USAAF Chronology, Mediterranean : 1943, Part 1, su milhist.net. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  20. ^ Calabria I luoghi della memoria - Il passaggio del fronte della II Guerra Mondiale in Calabria (PDF), Istituto "Ugo Arcuri" per la Storia dell'Antifascismo e dell'Italia Contemporanea in provincia di Reggio Calabria. URL consultato il 20 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  21. ^ Quartier Generale delle Forze Armate, Bollettino n. 1002, in La Stampa, 22 febbraio 1943. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  22. ^ cittanova ricorda le vittime dei bombardamenti del 1943, su costaviolaonline.it. URL consultato il 20 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2015).
  23. ^ COMUNICATO STAMPA - 20 FEBBRAIO 2015 CITTANOVA E AMANTEA UNITE NELLA MEMORIA DEL BOMBARDAMENTO DEL 1943, su Comune di Cittanova. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  24. ^ (EN) All February Mission Reports 98th Bomb Group, su taracopp.com, pp. 2-3. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  25. ^ (EN) Kenneth DeLong, engineer, HALPRO, su armyaircorps-376bg.com. URL consultato il 22 febbraio 2015.
  26. ^ L'alba della Piana (luglio 2009) - lalbadellapiana.it
  27. ^ Rosa Maria Cagliostro, Atlante del barocco in Italia: Calabria, De Luca Editori d'Arte, 2002, ISBN 88-8016-453-8. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  28. ^ Comune di Cittanova - Lista informazioni turistiche, www5.asmenet.it. URL consultato il 9 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2015).
  29. ^ Sentieri ebraici a Cittanova, calabriajudaica.blogspot.it. URL consultato il 25 novembre 2015.
  30. ^ Cittanova (RC): cerimonia di accoglienza per il Sefer Torah ebraica, strill.it. URL consultato il 25 novembre 2015.
  31. ^ Michele Guerrisi in Dizionario Biografico - Treccani, treccani.it. URL consultato il 9 giugno 2013.
  32. ^ Domenico Raso, Zomaro. La montagna dei sette popoli, Laruffa, 2001, ISBN 88-7221-159-X.
  33. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  34. ^ Dizionario statistico de'paesi del regno delle Due Sicilie. Google Libri. Riportato il 14 aprile 2012.
  35. ^ Statistiche demografiche ISTAT
  36. ^ Statistiche demografiche ISTAT - Cittadini Stranieri al 31 dicembre 2016
  37. ^ Parrocchia Maria SS. del Rosario - Cittanova
  38. ^ Parrocchia San Girolamo - Cittanova
  39. ^ Istituti religiosi femminili della diocesi
  40. ^ Cittanova - Sepolcri, cittanovaonline.it. URL consultato il 16 marzo 2017 (archiviato il 16 marzo 2017).
  41. ^ Luigi M. Lombardi Satriani, Santi, streghe e diavoli: Il patrimonio delle tradizioni popolari nella società meridionale e in Sardegna, Firenze, Sansoni, 1971, p. 298. URL consultato il 16 marzo 2017.
  42. ^ Finale dell'Affruntata di Cittanova - YouTube
  43. ^ Claudio Bernardi, La drammaturgia della settimana santa in Italia, in La Città e lo Spettacolo, vol. 2, Milano, Vita e Pensiero, 1991, p. 378, ISBN 8834329023. URL consultato il 15 marzo 2017.
  44. ^ Silvano Vinceti, Parco Nazionale dell'Aspromonte, Armando Editore, 2006, p. 91, ISBN 8860810051. URL consultato il 15 marzo 2017.
  45. ^ Santuario della Madonna della Grotta di Bombile - italiasullarete.it
  46. ^ areadellostretto.it - Biblioteca De Cristo - Cittanova, areadellostretto.it. URL consultato il 12 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 28 giugno 2013).
  47. ^ Museo civico di storia naturale Cittanova - lascienzaneimusei.it, lascienzaneimusei.it. URL consultato il 12 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2015).
  48. ^ Cittanova (RC): il Museo delle Varette pronto ad illuminare la città. Lunedì l'inaugurazione, strill.it. URL consultato il 27 settembre 2013 (archiviato dall'url originale il 19 giugno 2015).
  49. ^ Radiospeaker.it - scheda Radio Eco Sud, radiospeaker.it. URL consultato il 9 giugno 2013.
  50. ^ Ottavio Cavalcanti e Angela Cavalcanti, Sapori, odori, colori di Calabria, Rubbettino Editore, 2003, p. 103, ISBN 8849803494. URL consultato il 15 marzo 2017.
  51. ^ R. Accademia medico-Chirurgica di Torino, Giornale delle scienze mediche, Volumi 49-50, 1864. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  52. ^ Gazzetta medica italiana. Stati Sardi, 1859. URL consultato il 1º gennaio 2011.
  53. ^ RELAZIONE SULLA PEDEMONTANA DELLA PIANA DI GIOIA TAURO PREVISTA NELL’ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO FRA STATO E REGIONE CALABRIA (PDF), provincia.reggio-calabria.it. URL consultato il 19 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  54. ^ Ministero Dell'Interno - Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali, amministratori.interno.it. URL consultato il 9 marzo 2017.
  55. ^ Piano per la programmazione delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi 2013-2017 (PDF), Ente Parco Nazionale dell'Aspromonte, aprile 2014, p. 58. URL consultato il 18 marzo 2017 (archiviato il 18 marzo 2017).
  56. ^ Gemellaggio Cittanova Vimodrone (MI), cittanova.asmenet.it. URL consultato il 1 aprile 2017 (archiviato il 31 marzo 2017).
  57. ^ Memoria e impegno contro le mafie, comune.vimodrone.milano.it. URL consultato il 1 aprile 2017 (archiviato il 1º aprile 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arturo Zito de Leonardis, Cittanova di Curtuladi, Cosenza, MIT, 1986.
  • Arturo Zito de Leonardis (a cura di), Onoranze ai benefattori:[…] con notizie storiche e d'ambiente su Cittanova[…], Cosenza, MIT, 1970.
  • Rocco Lentini (a cura di), Un paese del sud - Cittanova 1618-1948, Istituto Arcuri, 2005.
  • Ornella Milella (a cura di), Cittanova e i Grimaldi. Storia, economia, società, architettura, Città Calabria, 2006, ISBN 88-88948-44-9.
  • Raffaele Romano Giovinazzo, Cittanova - La vita economica e sociale. La Cassa Rurale e Artigiana, 1920 - 2004, Soveria Mannelli, Rubbettino Industrie grafiche ed editoriali, 2004.
  • Vincenzo De Cristo, Prime memorie storiche di Cittanova, Potenza, 1892.
  • Vincenzo De Cristo, Cittanova nei fasti del Risorgimento italiano dal 1799 al 1870, Messina, tipografia San Giuseppe, 1913.
  • Vincenzo Longo, Saggio fonetico sul dialetto di Cittanova, Pisa, Franco Pancallo Editore, 1937, ISBN 978-88-6456-120-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN35145376581183720483 · LCCN: (ENno2006047819 · GND: (DE4625067-0 · BNF: (FRcb15780066n (data)