Domenico De Lorenzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico De Lorenzo (Tropea, 1740Garopoli, 1812) è stato uno scultore italiano, attivo nella Calabria centro-meridionale tra la seconda metà del XVIII secolo e il primo decennio del XIX secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Giuseppe e Giulia Naso. Fu molto attivo nelle diocesi di Mileto, Nicotera, Oppido Mamertina e Tropea. Il 3 febbraio 1773 sposò Francesca Cavallaro e si trasferì a Garopoli (oggi San Pietro di Caridà), dove morì il 21 gennaio 1812.

Opere documentate e a lui attribuite[modifica | modifica wikitesto]

Sono tante le opere d'arte realizzate da Domenico De Lorenzo nell'allora Calabria Ulteriore, odierne provincie di Catanzaro, Reggio Calabria e Vibo Valentia.

Tra le tante opere vanno segnalate, per maestria e bellezza, il San Girolamo conservato nella Chiesa Matrice di Cittanova e quella di Maria Santissima del Carmelo conservata nell'omonimo santuario di Palmi. A quest'ultima viene attribuita l'intercessione per un miracolo avvenuto nella città tirrenica il 16 novembre 1894, ufficialmente riconosciuto dalla Chiesa Cattolica. Per tale evento, in seguito al decreto del Capitolo Vaticano del 22 settembre 1895, il 16 novembre 1896 la statua è stata incoronata con corono d'oro.

La miracolosa statua di Maria Santissima del Carmelo di Palmi, realizzata da Domenico De Lorenzo
La statua di Maria Santissima del Soccorso di Palmi, realizzata da Domenico De Lorenzo
L'antica statua di Maria Santissima Immacolata di Palmi, realizzata da Domenico De Lorenzo e perduta nel 1924
Statua di San Giorgio della chiesa Matrice di Maropati, realizzata da Domenico De Lorenzo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rosa Maria Cagliostro, Atlante del barocco in Italia: Calabria, De Luca Editori d'Arte, 2002, ISBN 8880164538. URL consultato il 9 dicembre 2013.
  2. ^ Comune di Cittanova - Lista informazioni turistiche, su www5.asmenet.it. URL consultato il 9 dicembre 2013 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2015).
  3. ^ L'alba della Piana (luglio 2009) - lalbadellapiana.it Archiviato il 12 dicembre 2013 in Internet Archive.
  4. ^ La statua fu distrutta da un incendio che colpì la chiesa dell'Immacolata il 30 dicembre 1924. Fino a quel giorno, le tre statue della Madonna realizzate a Palmi dal De Lorenzo, venivano comunemente chiamate dal popolo "le tre sorelle". Tra l'altro va segnalato che la statua dell'Immacolata, commissionata dall'omonima congrega, fu pagata all'artista dai marinai della Congrega del Santissimo Sacramento e di Maria Santissima del Soccorso che avevano anch'essi commissionato al De Lorenzo una statua della Madonna del Soccorso. In cambio del pagamento di entrambe le statue i marinai chiesero che la statua dell'Immacolata, festeggiata in processione ogni 8 dicembre, venisse fatta entrare nella chiesa del Soccorso. Questa "affruntata" viene celebrata a tutt'oggi, ogni 8 dicembre, con la nuova statua dell'Immacolata (opera di un altro artista), per mantenere viva una tradizione secolare cittadina.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]