Serre calabresi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serre calabresi
Il Fallà. Sullo sfondo le montagne delle Serre con il Monte Cucco.jpg
Le Serre dalle colline del Fallà
StatoItalia Italia
RegioneCalabria Calabria
ProvinciaCatanzaro Catanzaro
Vibo Valentia Vibo Valentia
Reggio Calabria Reggio Calabria
AltezzaCima più elevata: Monte Pecoraro 1 423 m s.l.m.
CatenaAppennino calabro
Coordinate38°38′24.69″N 16°24′20.75″E / 38.640193°N 16.405763°E38.640193; 16.405763Coordinate: 38°38′24.69″N 16°24′20.75″E / 38.640193°N 16.405763°E38.640193; 16.405763
Altri nomi e significatiLe Serre
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Serre calabresi
Serre calabresi

«… vi era qualcosa di tanto selvaggio e di tanto tenebroso in quelle montagne, dai boschi fitti ed oscuri, da soggiogare la mente…»

(Viaggiatore inglese, 1828)

Le Serre calabresi sono una zona collinare e montuosa della Calabria, compresa all'interno dell'Appennino calabro, nelle province di Catanzaro, Vibo Valentia e Reggio Calabria e caratterizzate da un'alta presenza boschiva.

Costituita da due lunghe successioni parallele di rilievi montuosi e collinari da nord a sud, che ricordano i denti di una sega, prende inizio dall'istmo di Catanzaro, il punto più stretto d'Italia dove 35 chilometri separano il mar Ionio dal mar Tirreno, e termina al passo della Limina. Confinano a nord con la Sila e a sud con l'Aspromonte e la piana di Gioia Tauro.[1]

Sul versante occidentale della catena, dall'istmo ha inizio la prima lunga dorsale di monti (Preserre), tra cui la Serralta di San Vito (1.023) e il Monte Cucco (959). Al centro le opposte pendici delle due catene montuose scendono dolcemente formando delle conche in cui si adagiano i centri abitati, tra cui Serra San Bruno e dove nasce la fiumara Ancinale. Al centro si ergono i monti più alti delle Serre, tra cui il Monte Pietra del Caricatore (1.414) e il Monte Pecoraro (1.423), massima vetta dell'altopiano. A oriente della catena sorgono i monti Mammicomito (1.047) e Consolino (701) che sovrastano Stilo. A est discendono le valli dei più importanti corsi d'acqua che dopo ripidi percorsi si gettano nelle acque del mar Ionio dopo aver generato ripide cascate, come la fiumara Stilaro che forma la cascata del Marmarico.[2]

L'importanza ambientale della catena delle Serre è data dal ruolo di congiunzione tra l'altopiano della Sila e il massiccio d'Aspromonte, con i quali condivide la stessa struttura geologica.

L'etimologia del nome deriverebbe dall'ebraico Ser, cioè monti, oppure potrebbe riferirsi alla forma di una sega (in dialetto Serra).[3]

CZpanorama2mari.jpg
Ingrandisci
Le Serre settentrionali, al centro dell'istmo, viste da Catanzaro nord

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Orografia[modifica | modifica wikitesto]

I rilievi più alti sono il monte Pecoraro (1.423), la Pietra del Caricatore (1.414), il Colle dei Pecorari (1.318), il monte Crocco (1.276), il monte Petrulli (1.260), il Monte San Nicola (1.260), il monte Gremi (1.241), il monte Trematerra (1.228), la Pietra Cavallera (1.222), il monte Diavolomani (1.150), il monte Famà (1.143), il monte Seduto (1.143), il monte Tramazza (1.125).

Da nord a sud, ossia dall'Istmo al passo della Limina, i gruppi di montagne sono:[4]

Golfo di Sant'Eufemia visto dalle alture del monte Contessa
Panorama dalle pendici di monte Cucco verso monte Mazzuolo.

Gruppo montuoso del monte Serralta[5]

Nome Altezza m.s.l.m. Coordinate
Serralta di San Vito 1023 38°44′48.12″N 16°22′05.88″E / 38.7467°N 16.3683°E38.7467; 16.3683
Timpone del Monaco 916 38°47′39.12″N 16°21′37.44″E / 38.7942°N 16.3604°E38.7942; 16.3604
Serra Pelata 911 38°48′05.04″N 16°21′43.16″E / 38.8014°N 16.36199°E38.8014; 16.36199
Serra del Gelo 883 38°46′59.16″N 16°22′21.72″E / 38.7831°N 16.3727°E38.7831; 16.3727
Monte Contessa 881 38°48′36.72″N 16°22′06.6″E / 38.8102°N 16.3685°E38.8102; 16.3685
Monte Pompulello 880 38°45′24.84″N 16°23′37.32″E / 38.7569°N 16.3937°E38.7569; 16.3937
Monte Covello 848 38°48′07.56″N 16°23′51.36″E / 38.8021°N 16.3976°E38.8021; 16.3976
Monte Andrea 842 38°46′17.04″N 16°23′41.28″E / 38.7714°N 16.3948°E38.7714; 16.3948

Dorsale da monte Serralta a monte Cucco[6]

Nome Altezza m.s.l.m. Coordinate
Monte Cucco 959 38°38′52.19″N 16°19′58.22″E / 38.64783°N 16.33284°E38.64783; 16.33284
Monte Acido 956 38°43′33.96″N 16°22′11.64″E / 38.7261°N 16.3699°E38.7261; 16.3699
Monte Coppari 951 38°42′27.36″N 16°19′28.2″E / 38.7076°N 16.3245°E38.7076; 16.3245
Monte Perrone 921 38°42′35.28″N 16°21′27.36″E / 38.7098°N 16.3576°E38.7098; 16.3576
Monte Pizzinni 918 38°40′40.08″N 16°19′43.68″E / 38.6778°N 16.3288°E38.6778; 16.3288
Monte Sant'Agnese 903 38°39′17.64″N 16°20′38.04″E / 38.6549°N 16.3439°E38.6549; 16.3439
Monte Tre Croci 805 38°39′06.12″N 16°18′50.76″E / 38.6517°N 16.3141°E38.6517; 16.3141

Gruppo del monte Trematerra

Nome Altezza m.s.l.m. Coordinate
Monte Trematerra 1228 38°36′22.32″N 16°26′29.4″E / 38.6062°N 16.4415°E38.6062; 16.4415
Pietra Cavallera 1222 38°36′18.72″N 16°27′47.52″E / 38.6052°N 16.4632°E38.6052; 16.4632
Monte Tramazza 1125 38°35′30.84″N 16°23′27.24″E / 38.5919°N 16.3909°E38.5919; 16.3909
La dorsale verde di monte Mazzuolo da Vallelonga

Dorsale serrese e del colle d'Arena

Nome Altezza m.s.l.m. Coordinate
Colle d'Arena 1099 38°33′12.96″N 16°16′11.28″E / 38.5536°N 16.2698°E38.5536; 16.2698
Colle del Monaco 1046 38°33′52.92″N 16°17′29.04″E / 38.5647°N 16.2914°E38.5647; 16.2914
Colle Morrone 963 38°35′44.88″N 16°18′23.76″E / 38.5958°N 16.3066°E38.5958; 16.3066
Monte Mazzuolo 942 38°37′29.28″N 16°18′37.8″E / 38.6248°N 16.3105°E38.6248; 16.3105
Monte Costantino 732 38°37′27.12″N 16°21′58.32″E / 38.6242°N 16.3662°E38.6242; 16.3662

Gruppo del monte Diavolomani

Nome Altezza m.s.l.m. Coordinate
Monte Diavolomani 1150 38°31′06.96″N 16°13′41.52″E / 38.5186°N 16.2282°E38.5186; 16.2282
Monte Famà 1143 38°31′01.2″N 16°14′53.16″E / 38.517°N 16.2481°E38.517; 16.2481

Dorsale del Pecoraro

Nome Altezza m.s.l.m. Coordinate
Monte Pecoraro 1423 38°31′40.8″N 16°20′44.88″E / 38.528°N 16.3458°E38.528; 16.3458
Pietra del Caricatore 1414 38°32′47.4″N 16°21′04.68″E / 38.5465°N 16.3513°E38.5465; 16.3513
Colle dei Pecorari 1318 38°33′29.16″N 16°23′40.2″E / 38.5581°N 16.3945°E38.5581; 16.3945
Monte San Nicola 1260 38°33′59.04″N 16°26′01.32″E / 38.5664°N 16.4337°E38.5664; 16.4337
Monte Mammicomito
Monte Stella
Monte Consolino

Complesso montuoso del monte Mammicomito

Nome Altezza m.s.l.m. Coordinate
Monte Mammicomito 1047 38°27′37.44″N 16°25′31.08″E / 38.4604°N 16.4253°E38.4604; 16.4253
Monte Campanaro 957 38°27′51.12″N 16°25′15.24″E / 38.4642°N 16.4209°E38.4642; 16.4209
Monte Stella 832 38°27′54″N 16°26′30.12″E / 38.465°N 16.4417°E38.465; 16.4417
Monte Consolino 701 38°28′41.16″N 16°27′43.56″E / 38.4781°N 16.4621°E38.4781; 16.4621

Gruppo di monte Crocco e Seduto

Nome Altezza m.s.l.m. Coordinate
Monte Crocco 1276 38°29′18.96″N 16°15′08.64″E / 38.4886°N 16.2524°E38.4886; 16.2524
Monte Petrulli 1260
Monte Seduto 1143 38°25′58.08″N 16°14′02.4″E / 38.4328°N 16.234°E38.4328; 16.234
Monte Ferro 1068 38°25′06.6″N 16°12′48.24″E / 38.4185°N 16.2134°E38.4185; 16.2134
Monte Cannali 1054
Cresta del prete 1052
Monte Lievoli 1020 38°27′56.88″N 16°17′30.48″E / 38.4658°N 16.2918°E38.4658; 16.2918
Monte Cresta 1006 38°24′50.4″N 16°11′49.56″E / 38.414°N 16.1971°E38.414; 16.1971
Monte Cogna 1004
Monte Arenella 989 38°29′26.52″N 16°12′44.64″E / 38.4907°N 16.2124°E38.4907; 16.2124
Monte Papallo 897 38°28′11.28″N 16°13′10.92″E / 38.4698°N 16.2197°E38.4698; 16.2197
Serra Cervuco 868
Monte Elia 864 38°23′03.48″N 16°17′50.28″E / 38.3843°N 16.2973°E38.3843; 16.2973

Gruppo di monte Gremi e Ferrà

Nome Altezza m.s.l.m. Coordinate
Monte Gremi 1241 38°25′44.65″N 16°18′50.58″E / 38.42907°N 16.31405°E38.42907; 16.31405
Monte Angirò 1031
Monte Ferrà 958 38°23′54.96″N 16°13′28.56″E / 38.3986°N 16.2246°E38.3986; 16.2246
Monte Sant'Andrea 893 38°22′43.68″N 16°22′10.2″E / 38.3788°N 16.3695°E38.3788; 16.3695
Monte Granieri 857 38°25′37.2″N 16°20′45.6″E / 38.427°N 16.346°E38.427; 16.346
Monte Zifrò 849
Passo di Pietra Spada
Passo della Limina

Passi e valichi

Nome Altezza m.s.l.m. Infrastrutture Coordinate
Passo di Pietra Spada 1335 Strada Statale 110 Italia.svg Strada Provinciale 75 Italia.svg 38°30′12.6″N 16°21′04.32″E / 38.5035°N 16.3512°E38.5035; 16.3512
Passo Croce di Panaro 1210 sentiero 38°33′47.52″N 16°22′18.12″E / 38.5632°N 16.3717°E38.5632; 16.3717
Passo Croce Ferrata 1110 Strada Statale 501 Italia.svg Strada Provinciale 45 Italia.svg 38°26′31.56″N 16°16′21.36″E / 38.4421°N 16.2726°E38.4421; 16.2726
Passo Bocca d'Assi 1031 sentiero 38°33′57.24″N 16°22′10.2″E / 38.5659°N 16.3695°E38.5659; 16.3695
Passo Fossa del Lupo 878 Strada Provinciale 92 Italia.svg Strada Provinciale 145 Italia.svg 38°45′42.12″N 16°21′49.68″E / 38.7617°N 16.3638°E38.7617; 16.3638
Passo della Limina 822 Strada Provinciale 5 Italia.svg Strada Provinciale 42 Italia.svg 38°23′31.2″N 16°11′27.24″E / 38.392°N 16.1909°E38.392; 16.1909

Valli

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima delle Serre varia con l'altitudine e dai versanti. La parte pedemontana tirrenica, quella prossima alla valle del Mesima e dell'Angitola, presenta un clima mediterraneo più mite rispetto al versante ionico, dove si registrano meno precipitazioni e temperature più alte. Nelle zone vallive centrali, che corrispondono alla conca di Serre San Bruno, Mongiana e Fabrizia (tra gli 800 e i 1000 metri), il clima è di tipo montano appenninico di transizione (una via di mezzo da quello montano superiore a quello pedemontano del castagno): si hanno quindi inverni freddi e piovosi, ma anche con neve durante i periodi più freddi con una media di almeno 2 eventi nevosi all'anno, ed estati calde, ma non siccitose.

Infine l'area montana dai 1000 metri in su (la sommità è di 1423 di monte Pecoraro) presenta un clima tipicamente montano, caratterizzato da inverni abbastanza freddi, nebbiosi e nevosi, con accumuli di neve che si mantengono fino a primavera, primavere e autunni freschi e relativamente piovosi, ed estati soleggiate, ma fresche, con qualche nebbia mattutina e qualche temporale pomeridiano.

Il clima nella fascia più settentrionale delle Serre (dorsale di monte Cucco, monte Pizzinni, Serralta di San Vito) presenta un microclima particolare più umido che, grazie alla maggiore vicinanza dei mari Tirreno e Ionio, favorisce una vegetazione di montagna a quote più basse del solito. Il castagno lascia quindi spazio subito al faggio già dai 700 metri. (Vedere faggeta di Monte Cucco). La piovosità del luogo è al di sopra della media regionale. Nelle serre occidentali la piovosità raggiunge i 1100 e i 1400 millimetri annui, mentre nella parte orientale è decisamente più bassa.[7]

Fiumara Stilaro
Fiumara Ancinale
Fiumara Allaro

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Da un aspetto oro-idrografico le Serre sono molto variegate con presenza di numerosi fiumi e fiumare.

Gruppo montuoso del monte Serralta

Dorsale di monte Coppari

  • Vallone Acqui
  • Fiume Angitola
  • Torrente Fallà
  • Fosso Le Neviere
  • Fiumara Reschia
  • Fosso Schioppo

Gruppo di monte Crocco

Dorsale del Pecoraro

Complesso montuoso del monte Mammicomito

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

Da un punto di vista geologico le Serre calabresi fanno parte delle cosiddette "Alpi calabresi" e hanno struttura in cui predominano graniti, porfidi, dioriti quarzifere e serpentine. Nella zona orientale delle Serre sono presenti anche argille. Il monte Mammicomito invece ha una struttura calcareo dolomitica, è ricco di grotte, doline e inghiottitoi, fenomeni assenti nella restante parte del territorio. Infine in alcune zone delle Serre c'è la presenza di calanchi e terrazzi marini.

Unità stratigrafiche[modifica | modifica wikitesto]

L'area delle serre si trova suddivise tra diverse unità stratigrafiche tra cui[8]:

  • Unità di Stilo
  • Unità di Polia-Copanello
  • Unità dell'Aspromonte
  • Successioni sedimentarie del Pliocene

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

L'ambiente vegetale è caratterizzato da una grande presenza di boschi di latifoglie e conifere, attraversati da numerosi corsi d'acqua. A valle vi è la presenza dell'abete bianco e della quercia, oltre gli 800 metri è presente il faggio.

La fauna, impoverita e "scacciata" dalla caccia, resta comunque di grande interesse: negli ultimi anni si registra per esempio il ritorno del lupo appenninico, in piccoli branchi probabilmente provenienti dalla Sila.

Aree naturali protette[modifica | modifica wikitesto]

Cascata del Marmarico
Grotta di Santa Maria della Stella

Parco regionale delle Serre[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Parco naturale regionale delle Serre.

Le Serre Calabresi sono situate nel Parco regionale delle Serre o Parco naturale delle Serre, istituito nel 1990 con legge regionale n.48 ma senza confini ben definiti.

All'interno del parco ricadono: la dorsale del monte Pecoraro, il monte Crocco, il bosco Archiforo, il bosco di Stilo, il bosco S.Maria, i fiumi Ancinale e Alaco, le fiumare Stilaro, Assi, Mulinelle, Precariti e Allaro, i valloni Folea e Ruggiero, e la valle dell'Ancinale.

Riserve naturali[modifica | modifica wikitesto]

Lago Angitola

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo azione locale Serre Calabresi[modifica | modifica wikitesto]

Il GAL Serre Calabresi nasce nel 1997 con l'obiettivo di promuovere lo sviluppo locale attraverso la gestione e la realizzazione vari interventi previsti nel programma "Leader II" e in altri. Il territorio comprende 31 comuni del catanzarese.

Progetti[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati su Le Serre, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 18 novembre 2014.
  2. ^ Catena delle Serre, su calabriatours.org.
  3. ^ Calabria. Dal Pollino all'Aspromonte le spiagge dei due mari le città, i borghi arroccati, Milano, Touring Editore, 1998, ISBN 88-365-1256-9.
  4. ^ Francesco Bevilacqua, Il parco delle Serre. Guida naturalistica ed escursionistica, 2002.
  5. ^ Gruppo montuoso della Serralta di San Vito, su openstreetmap.org.
  6. ^ Dorsale da monte Serralta a monte Cucco, su openstreetmap.org.
  7. ^ Il Parco delle Serre di Francesco Bevilaqua.
  8. ^ Quadro Territoriale Regionale Paesaggistico, Documento Preliminare Maggio 2009 Tavola QC5-9 (PDF), su beniculturaliepaesaggistici.files.wordpress.com. URL consultato il 4 gennaio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Bevilacqua, Il Parco delle Serre (Guida naturalistica ed escursionisitica), Cosenza, Rubbettino Editore, 2002.
  • Francesco Bevilacqua, Montagne di Calabria (Guida naturalistica ed escursionisitica), Cosenza, Rubbettino Editore, 2003.
  • Giuseppe Pisani, Funghi delle Serre calabresi, Cosenza, Rubbettino Editore, 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calabria Portale Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Calabria