Marco Licinio Crasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Marco Licinio Crasso (disambigua).
Marco Licinio Crasso
Roman SPQR banner.svg Console della Repubblica romana
Marcus Licinius Crassus Louvre.jpg
Testa di Marco Licino Crasso, museo del Louvre.
Nome originale Marcus Licinius Crassus
Nascita 114 a.C. o 115 a.C.
Roma
Morte 53 a.C.
Carre
Figli Publio Licinio Crasso;
Marco Licinio Crasso
Gens Licinia
Consolato 70 a.C.
55 a.C.

Marco Licinio Crasso (in latino: Marcus Licinius Crassus Dives;[1] IPA 'maːrkus li'kinius 'krasːus 'diːwes; Roma, 114 a.C. o 115 a.C.Carre, 53 a.C.) è stato un politico e comandante militare della Repubblica romana, esponente della Gens Licinia e figlio del ricco e nobile Publio Licinio Crasso Muciano.

Vincitore di Spartaco, formò il primo triumvirato assieme a Gneo Pompeo Magno e a Gaio Giulio Cesare. Intrapresa una campagna militare in Oriente contro i Parti, morì nella battaglia di Carre. Fu l'uomo più ricco del suo tempo, grazie alla fortuna accumulata con l'acquisto dei beni dei proscritti di Silla.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Prime esperienze di vita politica e militare[modifica | modifica wikitesto]

Sfuggito alle persecuzioni di Gaio Mario e Lucio Cornelio Cinna, appoggiò Lucio Cornelio Silla durante la guerra civile (83 - 82 a.C.) contribuendo in maniera decisiva alla vittoria nella battaglia di Porta Collina (82 a.C.) guidando con successo l'ala destra dell'esercito mentre l'ala sinistra comandata personalmente da Silla stava rischiando la sconfitta. In questi anni svolse un'intensa attività di affarista e soprattutto di speculatore di beni immobili. Nel 72 a.C. fu pretore.

Volendo accrescere ancor più la sua popolarità nella vita politica di Roma, nel 71 a.C., Crasso ritenne un ottimo trampolino di lancio politico l’impresa che si preparava a compiere e vale a dire il suo intervento nella terza guerra servile, al comando di otto legioni contro gli schiavi e i gladiatori che si erano ribellati, capeggiati da Spartaco, gladiatore originario della Tracia, nella città di Capua. Con una serie di rapide azioni, al comando di un esercito numeroso e ben addestrato, riuscì in poco tempo a soffocare la rivolta servile, vincendo Spartaco in Lucania.

Dopo aver portato a termine con successo la campagna di repressione della rivolta servile, Marco Licinio Crasso ritenne opportuno costruire un'alleanza insieme a Gneo Pompeo Magno; i due divennero consoli nel 70 a.C. Entrambi, avevano minacciato il Senato di scatenare una guerra civile in caso di mancata elezione al consolato. Marco Licinio Crasso, eletto censore nel 65 a.C. con Quinto Lutazio Catulo, nel 64 a.C. con Gaio Giulio Cesare chiese l'esilio per Lucio Sergio Catilina, al contrario di quello che voleva Marco Tullio Cicerone, favorevole alla pena di morte per i congiurati. Dopo aver revisionato la costituzione di Silla, nel 60 a.C. Crasso, insieme a Pompeo, strinse alleanza con Giulio Cesare, impegnandosi a sostenerlo per l'elezione al consolato nel 59 (cosiddetto primo triumvirato).

Triumvirato[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: primo triumvirato.

La vittoriosa operazione contro Spartaco e il rapporto di amicizia con Cesare, permisero a Crasso di poter emergere nel quadro politico di Roma e di entrare a far parte del famoso primo triumvirato della storia romana e cioè quello stipulato nel 60 a.C. tra Marco Licinio Crasso, Pompeo Magno e Giulio Cesare. Codesto accordo, combinato segretamente, garantiva ai tre contraenti aiuto reciproco contro il senato per ottenere consistenti vantaggi politici. Ognuno dei tre uomini aveva un suo seguito di adepti e di clienti: queste forze, da sole insufficienti, se coalizzate avrebbero garantito al triumvirato un solido predominio. A seguito di un deterioramento del triumvirato, il quale col passare del tempo aveva visto cedimenti, Cesare decise di convocare Pompeo e Crasso, affinché fosse rinsaldata l’ormai disgregata alleanza.

Nel 56 a.C., infatti i tre alleati riunitisi a Lucca arrivarono ad una conclusione molto importante. In quella sede, si decise la spartizione dei domini di Roma in tre parti che andavano sotto la giurisdizione dei rispettivi tre uomini. Crasso avrebbe ottenuto il governo della Siria, Pompeo quello della penisola Iberica e il proconsolato di Cesare in Gallia sarebbe stato prolungato per altri cinque anni.

Disfatta di Carre[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Carre.

Secondo Plutarco, Crasso quindi pensò di utilizzare la carica di governatore della Siria per rafforzare il suo prestigio di condottiero che, nonostante le imprese compiute sotto il comando di Silla durante la guerra civile in cui aveva vinto una colonna di sanniti ad Antemne, non poteva assolutamente essere paragonato a quello di Cesare e Pompeo. Decise pertanto di intraprendere una spedizione militare, che puntava all’assoggettamento del regno dei Parti, con il quale Roma aveva, da qualche tempo, rapporti difficili.

Deboli nella fanteria, i Parti potevano contare su una temibile cavalleria, composta dai cosiddetti catafratti - cavalleria pesante corazzata - e da arcieri a cavallo: questi ultimi stremavano le forze nemiche con il continuo lancio di frecce, evitando il contatto diretto, colpiva il nemico e fuggiva per ritornare a colpire nuovamente (la "freccia del parto", è proprio la freccia scagliata durante la finta fuga contro il malaccorto inseguitore); infine i catafratti compivano una breve - a causa del peso delle armature la cavalcatura si stancava presto - e devastante carica sulle linee nemiche disordinate.

Crasso difatti, benché avesse un esercito potentissimo, ma mancante di molta cavalleria da poter opporre al nemico,[2] fu sorpreso dalla insolita tattica del nemico e in una pianura della Mesopotamia occidentale, nei pressi della città di Carrhae, nel 53 a.C. fu sconfitto e ucciso.

Si narra che durante la battaglia, suo figlio Publio Licinio Crasso, avendo fallito un attacco al comando di un grossa parte dell'esercito, abbia preferito uccidersi, e un soldato partico gli abbia troncato la testa, infitta poi su un'asta per atterrire i Romani e che i Parti, dopo avere ucciso Crasso (da loro considerato come l'uomo più ricco del mondo), su ordine del loro re Orode gli abbiano versato in bocca dell'oro fuso, dopo aver mozzato la testa al cadavere. La disfatta di Carre fu una delle più drammatiche catastrofi della storia militare di Roma (soprattutto perché furono perse le aquile della legione restituite poi da Fraate IV ad Augusto nel 20 a.C.).

La fine ingloriosa di Crasso causò la rottura dell'equilibrio del triumvirato e aprì la strada verso una nuova guerra civile.

Secondo la rivista statunitense di economia Forbes fu, in assoluto, l'ottavo uomo più ricco di ogni epoca con un patrimonio, rivalutato e ricostruito al 2008, che ammonterebbe a circa 170 miliardi di dollari.[3]

Vita di Crasso di Plutarco[modifica | modifica wikitesto]

Commento alla "Vita di Crasso" di Plutarco[modifica | modifica wikitesto]

Ben inserendosi nel taglio più aneddotico che storico delle Vite Parallele di Plutarco, anche la vita di Crasso pone un particolare accento ai pregi e alle virtù di Crasso. Nel celebre passo della Vita di Alessandro, Plutarco aveva dichiarato “"non scrivo storie, ma biografie"”, dunque proprio da questa affermazione possiamo comprendere il debole utilizzo di fonti nella narrazione e le lacune narrative per ampie porzioni di vita del personaggio, a vantaggio di lunghe descrizioni di eventi strani e curiosi che colpiscono maggiormente l’occhio del lettore. Vero filo conduttore di tutta la narrazione è proprio l’ingente avaritia di Crasso che lo porta sempre a soffrire dei successi di Pompeo e provarne invidia, nonché a rivelarsi erroneamente audace e finanche debole nell’ultima impresa della sua vita. Alla straordinaria ambizione di Crasso non corrisponde, infatti, una grande genialità e una capacità di decisione tale da essere vincente nei suoi progetti[4]. Scrive Flacelière[5] su Crasso:

« Car l'homme politique, en Crassus, ne semble guère avoir été supérieur au général de la campagne contre les Parthes: triumvir, il fut certainement la dupe de César, et peut-être aussi de Pompée. »
(Flacelière, p. 191.)

Della potenza economica di Crasso, oltre alla stima riportata da Plutarco, un’altra fonte è Plinio[6] che offre una stima economica dei beni terrieri di Crasso. Altra caratteristica essenziale della personalità di Crasso è la cupidigia che cela tutti gli altri suoi difetti e che emerge sin dalle prime righe della narrazione a proposito dell’episodio della Vestale Licinia. Lo stesso taglio descrittivo di Plutarco, per quanto concerne la preminenza della cupidigia su tutti gli altri difetti, è dato da Velleio Patercolo che afferma "vir cetera sanctissimus immunisque voluptatibus, neque in pecunia neque in gloria concupiscenda aut modum norat aut capiebat terminum"[7]. Plutarco riporta anche l’affermazione di Crasso secondo cui non può definirsi ricco chi non ha abbastanza rendite da mantenere un esercito, un pensiero, quello di Crasso, divenuto poi tanto proverbiale da essere citato anche da Dione Cassio[8], da Plinio secondo cui "M. Crassus negabat locupletem esse nisi qui reditu annuo legionem tueri posset"[9] e da Cicerone che insiste nel dare una connotazione politica al pensiero di Crasso, sia nei Paradoxa stoicorum "Neminem esse divitem, nisi qui exercitum alere posset suius fructibus, quod populus Romanus tantis vectigalibus iam pridem vix potest"[10] e sia nel De officiis "M. Crassus negabat ullam satis magnam pecuniam esse ei, qui in republica princeps vellet esse, cuius fructibus exercitum alere non posset"[11].

Si è parlato di lacune all’interno della biografia[12], un chiaro esempio sono i capitoli dal dodicesimo al quindicesimo che narrano gli avvenimenti verificatisi dal 70 a.C. al 55 a.C. in cui Plutarco non si dilunga nell’approfondimento di ciò che intercorre fra il suo primo consolato (70 a.C.) e il secondo (55 a.C.) perché già aveva dedicato spazio a tali avvenimenti, con riferimenti sporadici anche al ruolo dello stesso Crasso, a proposito della vita di Pompeo, di Cesare, di Lucullo, di Catone minore e di Cicerone, benché queste siano da considerare i quindici anni più intensi della vita politica di Crasso[13].

Un’altra lacuna significativa riguarda l’assenza di datazione sulla nascita di Crasso che può essere solo ipotizzata leggendo la biografia plutarchea[14]: mentre Crasso attraversava la Galizia alla fine del 55, dirigendosi verso la Siria, incontrò il re Deiotaro e rise della tarda ora in cui il re costruiva la sua nuova città, ma il re prontamente gli rispose con una battuta di spirito. A tale episodio Plutarco aggiunge che Crasso aveva poco più di sessant’anni, ma ne dimostrava molti di più.[15] Grande spazio è dedicato, nei capitoli dal sedicesimo al trentaduesimo, alla narrazione della spedizione in Siria, che durò due soli anni, in cui Crasso emerge ancor più come un personaggio impazienze, poco razionale e sempre più debole.[16] Sicuramente Plutarco attinse dal Sallustio delle Historiae[17] per quanto riguarda l’episodio di Crasso che tenta invano di piombare su un gruppo di schiavi comandato da Gannicus e dal Sallustio della De coniuratione Catilinae[18] per quanto riguarda il tale che accusò Crasso durante il processo ai catilinari.[19] Albino Garzetti ipotizza che Plutarco abbia attinto da Livio per narrare la spedizione contro i Parti, ma ciò non si può affermare con certezza poiché ci è giunta solo una periocha del libro 106 di Livio.[20] Flacelière ha avanzato l’ipotesi che il questore Cassio Longino, spesse volte citato nella biografia plutarchea, possa aver scritto un resoconto della spedizione contro i parti da cui Plutarco può aver attinto o leggendo degli autografi del Longino, ormai persi, o apprendendo parte dei suoi scritti per tradizione indiretta.[21] Anche Frank Ezra Adcock, quasi similmente a Flacelière, ipotizza che lo storico romano Dellio abbia conosciuto direttamente il pensiero di Crasso sulla spedizione contro i Parti e che sia stato una fonte inesauribile per l’ampia trattazione plutarchiana a riguardo. Queste ultime due ipotesi sono rimaste puramente delle ipotesi e mai hanno avuto riscontro storico e filologico.[22]

Struttura e sintesi della biografia plutarchea[modifica | modifica wikitesto]

Capitolo 1[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione della famiglia di Crasso. Il padre (P. Licinio Crasso Dives) fu censore e celebrò un trionfo, i fratelli erano affettivamente legati alla famiglia natale anche da sposati ed è in questo dato che Plutarco trova nella fanciullezza di Crasso un tenore di vita sobrio e moderato. Alla morte di uno dei suoi fratelli, Crasso, di cui Plutarco non riporta la data di nascita, sposò la cognata, ma anni dopo fu accusato di avere una relazione con Licinia, una delle vergini Vestali che, per questo motivo, fu legalmente perseguita dietro accusa di Plozio (questo stesso episodio è narrato da Plutarco anche nei Moralia[23])

Capitolo 2[modifica | modifica wikitesto]

Introduzione del filo conduttore della biografia: l’avarizia di Crasso. Plutarco racconta che Crasso ebbe di certo dei pregi, ma questi mai riuscirono a brillare agli occhi dei romani che vedevano in lui solo una smisurata passione per la ricchezza. Pur non partendo da una solida base, riuscì ad accrescere rapidamente e smisuratamente la sua ricchezza con la guerra e con le sciagure pubbliche. Un esempio di sciagura pubblica da cui Crasso trasse profitto sono i crolli delle abitazioni a causa della concentrazione degli edifici che causò la vendita dei suoli e il calo del prezzo delle abitazioni confinanti a quelle abbattute, che venivano messe in vendita da proprietari per timore di eventuali crolli. Crasso ne approfittò comprando schiavi architetti e muratori e acquistò numerosissime case a Roma. Molto importanti nella gestione delle sue finanze sono stati difatti i suoi schiavi, fra i quali si annoveravano lettori, scrivani, argentieri, amministratori, addetti alla mensa che egli considerava “strumenti viventi dell’economia di una casa”.

Capitolo 3[modifica | modifica wikitesto]

Elogio dell’abilità oratoria di Crasso. Rispetto al giudizio più moderato che Cicerone esprime nel Brutus[24] sulla capacità oratoria di Crasso, Plutarco dispensa inevece un giudizio più generoso definendo Crasso “uno dei più abili oratori romani che superò con lo studio e con l’applicazione i più dotati naturalmente”.

Capitolo 4[modifica | modifica wikitesto]

L’alleanza di Mario e Cinna. Tale avvenimento politico fu la causa della morte del fratello e del padre di Crasso, che sentendo in pericolo la propria vita, fuggì con dieci schiavi e tre amici in Spagna dovesi rifugiò in una caverna sita nelle terre di Vibio Paciano.

Capitolo 5[modifica | modifica wikitesto]

La picaresca permanenza nella caverna. Vibio si premurò quotidianamente di sostentare il nascondiglio fornendo a Crasso viveri. Inoltre donò al suo amico due schiave che si intrattennero da quel momento nella caverna. Per la prima volta, nel capitolo quinto, Plutarco riporta una fonte da cui attinge per la sua biografia: l’annalista latino Gaio Fenestella, autore di un’opera storica sugli ultimi secoli della repubblica, Historicorum Romanorum Reliquiae, giunta frammentaria, che riporta l’aneddoto della Vestale Licinia, illustrato da Plutarco nel capitolo primo di questa biografia, e la testimonianza di una delle due schiave, ormai in età avanza, che ricorda piacevolmente la permanenza nella caverna insieme a Crasso e ai suoi amici.[25] Come nota Flacelière, Plutarco non riporta mai la fonte delle sue notizie, eccetto in due casi: quello in analisi in questo capitolo, ovvero la fonte Fenestella (5,6) e qualche capitolo dopo la fonte Cicerone (13, 4)[26].

Capitolo 6[modifica | modifica wikitesto]

Crasso e Silla. Morto Cinna, Crasso lasciò il suo rifugio e saccheggiò Malaga. Anche nel riportare questa notizia Plutarco scrive “come scrivono molti storici”, ma non ne riporta i nomi. In seguito Crasso si recò in Libia, unendosi con Metello Pio. A causa di dissapori con Metello, Crasso si unì poi a Silla che lo incaricò di raccogliere truppe fra i Marsi. Avendo chiesto una scorta per compiere questa missione, Silla rispose sgarbatamente a Crasso dicendogli “ti darò come scorta tuo padre, tuo fratello e i tuoi amici e i tuoi parenti, ingiustamente ed illegalmente trucidati, i cui assassini mi accingo a perseguitare” . Secondo la narrazione di Plutarco, sta proprio in questa missione la nascita della rivalità tra Crasso e Pompeo, ma anche a proposito di questa riflessione Plutarco scrive “dicono” , ma non riporta chi è l’artefice di questo pensiero. Pompeo, più giovane di Crasso e figlio di un uomo che non godeva di una buona approvazione dei concittadini romani, subito eccelse nelle azioni militari tanto che Silla, eccezionalmente, si alzava in piedi e lo acclamava con il titolo di imperator. Crasso dunque non riusciva mai a spiccare abbastanza perché, stando al pensiero di Plutarco, già espresso nelle prime righe della biografia, il grande limite con cui si giudicava Crasso era il suo difetto di avidità che causò anche la perdita di fiducia di Silla nei suoi confronti.

Capitolo 7[modifica | modifica wikitesto]

Crasso , Pompeo e Cesare. Causa dell’odio nei confronti di Pompeo era anche il trionfo che lui celebrava prima di entrare il Senato e il soprannome Magno con cui i cittadini lo acclamavano. Comprendendo di non poter superare Pompeo nelle campagne militari, Crasso si dedicò alla scalata politica ed era paradossale che la fama di Pompeo crescesse di più quando egli era assente perché impegnato nelle campagne militari, perché Pompeo, se era a Roma, in virtù del suo orgoglio pensava più a tutelare il suo interesse personale che a relazionarsi con gli altri, a differenza di quanto faceva Crasso. I due erano prestanti fisicamente ed entrambi capaci nell’abilità oratoria. I rapporti con Cesare, inizialmente non buoni, volsero favorevolmente quando Crasso si offrì di fornire un aiuto economico a Cesare che era oppresso dai creditori mentre si accingeva a partire in Spagna come pretore. Per quanto riguarda i rapporti tra Cesare, Pompeo e Crasso, questi avevano fatto in modo che Roma si dividesse in tre parti: Pompeo convogliava la parte di cittadinanza moderata e prudente, Cesare quella impetuosa ed estremista, Crasso traeva sempre profitto dalla situazione e cambiava partito a seconda del suo vantaggio. Dalla descrizione di Plutarco emerge che Crasso fosse poco coerente e poco legato alle sue idee, ma che, cercando di stabilire sempre duraturi rapporti di pace con gli altri, pensava solo a se stesso tanto che l’oratore Sicinnio disse di lui “quello ha il fieno sulle corna”, per indicare che era preferibile stare in guardia da individui come Crasso.

Capitoli 8 - 11[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione della Guerra di Spartaco. Ampia è la trattazione della guerra servile, il cui racconto ci è giunto non solo grazie a Plutarco ma anche grazie ad Appiano. Le narrazioni di Appiano e Plutarco procedono quasi parallelamente, senza mai contraddirsi, si nota soprattutto come i due storici abbiano idealizzato la figura di Spartaco, nobile e idealista nel suo temperamento e che Plutarco abbia particolarmente insistito in tale idealizzazione al fine di mostrare quanto siano stati inefficaci i precedenti provvedimenti dei generali.[27] Spicca, inoltre, il racconto della decimazione di una coorte di 50 uomini, come punizione per aver mostrato viltà nell’attacco contro i nemici. Questo episodio è narrato in modo diverso da Appiano[28] secondo cui Crasso decimò le legioni consolari portando alla morte 4000 uomini, un numero tanto smisurato da essere poco credibile dato che sarebbe stato del tutto irrazionale uccidere così tanti soldati. Oltre a dilungarsi per quattro paragrafi nella narrazione degli eventi bellici inerenti alla guerra servile, Plutarco mette in evidenza quanto grande fosse la preoccupazione di Crasso di vincere la guerra contro Spartaco ed evitare che Pompeo ne traesse tutto il merito, pur sopraggiungendo nella fase finale della battaglia che avrebbe posto definitivamente fine alla guerra.

« Infatti si annunciava ormai l’arrivo di Pompeo e nelle assemblee in vista delle elezioni non pochi dicevano che a lui spettava la vittoria e che appena giunto avrebbe subito vinto la battaglia e posto fine alla guerra »
(Plut., Cr., 10,8)

La preoccupazione di Crasso si tramutò in realtà quando Pompeo, uccidendo i cinquemila nemici superstiti, accrebbe la sua fama poiché scrisse al Senato che Crasso aveva vinto i nemici fuggitivi, ma egli solo aveva posto fine alla guerra. In tal modo Pompeo celebrò il trionfo e Crasso no, per di giunta fu aspramente criticato per aver celebrato l’ovazione, ovvero il trionfo a piedi.

Capitolo 12[modifica | modifica wikitesto]

Pompeo e Crasso. Eletti consoli, i due non ebbero mai rapporti amichevoli e per questo non riuscirono a far fruttare al meglio loro consolato. Pompeo e Crasso giunsero però ad una formale riconciliazione narrata da Plutarco in questo capitolo e anche nella vita di Pompeo[29] con parole quasi simili. A tal proposito Plutarco racconta un aneddoto sul cavaliere romano Gaio Aurelio che raccontò di Zeus venutogli in sogno per imporre la pace tra i due consoli, Crasso e Pompeo, prima del termine del loro consolato. Celebre è la risposta di Crasso:

« Cittadini, non credo di fare niente di meschino né di indegno di me, nell’essere il primo a testimoniare benevolenza e amicizia a Pompeo, che voi avete chiamato Magno, quando era ancora imberbe, e a cui avete votato il trionfo, quando non faceva parte del senato »
(Plut., Cr., 12, 5)

Capitolo 13[modifica | modifica wikitesto]

Crasso e Cicerone. Plutarco definisce “inconcludente e inattiva” la censura di Crasso sebbene il suo collega fosse Lutazio Catulo, che Plutarco definisce “ il più mite dei Romani”. I due ebbero un dissenso poiché Catulo si oppose al progetto di Crasso di rendere l’Egitto tributario di Roma e tale dissenso sfociò nelle dimissioni di entrambi dalla carica. A tale episodio, inoltre, Dione Cassio[30] ne aggiunge un altro: Crasso mise in discussione uno dei pilastri del programma popolare di Cesare, ovvero che i Transpadani avessero diritto alla cittadinanza romana Plutarco dedica breve spazio alla congiura di Catilina e racconta che Crasso fu sospettato a causa di un uomo che fece il suo nome, ma non ne rivela l’identità. Cicerone, in un’orazione pubblicata dopo la morte di Cesare e Crasso, accusa esplicitamente i due e nel De consulatu, scritto nel 60 (Plutarco non specifica la data). Cicerone (Dopo Fenestella, Cicerone è la seconda e ultima fonte espressamente citata) narra che Crasso in una visita di notte gli svelò la congiura di Catilina. Crasso non provò mai simpatia per Cicerone proprio perché egli aveva rivelato a tutti il suo nome in riferimento alla congiura, ma fu proprio Publio, figlio di Crasso e seguace di Cicerone, ad indurre il padre a stringere amicizia con Cicerone. Si nota quanto forte fosse l’interesse di Plutarco per un taglio aneddotico anche per quanto riguarda i rapporti fra Crasso e Cicerone, è trascurata difatti l’origine della discordia con Cicerone che stava nell’attività dello stesso Cicerone a sostegno di Pompeo negli anni 67-66[31]; tale origine è invece analizzata da Sallustio[32]

Capitolo 14[modifica | modifica wikitesto]

I rapporti fra Cesare, Pompeo e Crasso. A Cesare premeva che Pompeo e Crasso andassero d’accordo perché solo unendosi nel nome di un unico progetto politico non avrebbero favorito Catulo, Catone e Cicerone. Fu quindi Cesare il promotore dell’unione fra Pompeo e Crasso innanzitutto e poi anche fra Pompeo, Crasso e se stesso. In tal modo i tre riuscirono a ridimensionare notevolmente il potere del senato e del popolo romano e Cesare fu anche eletto console e gli fu assegnata la Gallia. Plutarco, a proposito dei successi di Cesare, dipinge Crasso come un uomo non solo avido di ricchezze (definisce la “sete di denaro” la sua “vecchia malattia”), ma anche invidioso delle vittorie di Cesare.

Capitolo 15[modifica | modifica wikitesto]

Gli accordi di Lucca. Cesare, Pompeo e Crasso si incontrarono a Lucca e stabilirono che, per continuare a tenere forte il loro potere, Cesare avrebbe conservato le sue truppe e Pompeo e Crasso avrebbero avuto altre province ed altri eserciti. Al ritorno da Lucca, però, i tre furono sospettati da tutti quelli che guardavano al loro accordo come ad un bisogno di accrescere il potere personale e non come un atto rivolto al bene comune. Fra coloro che li sospettavano vi era Catone, di cui Plutarco riporta le parole, che già guardava Crasso e Pompeo come aspiranti alla tirannide e non al consolato, bramosi di province ed eserciti e non di presiedere una magistratura. Catone, inoltre, incoraggiò Domizio, suo amico e parente, a proporre la sua candidatura al consolato, ma i sostenitori di Pompeo tesero un agguato a Domizio in cui rimase coinvolto anche lo stesso Catone, così Pompeo e Crasso furono eletti consoli e Cesare ottenne altri cinque anni di proconsolato.

Capitolo 16[modifica | modifica wikitesto]

Il sorteggio. Crasso ottenne la provincia della Siria e Pompeo le Spagne. Tanta fu la felicità di Crasso per la provincia ottenuta che, come racconta Plutarco, manifestò apertamente e in modo quasi infantile la sua gioia. Tale gioia si giustificava con la consapevolezza di Crasso che la Siria e i Parti erano gli avversari che gli avrebbero procurato il successo e che avrebbero mostrato platealmente che le campagne di Lucullo contro Tigrane e di Pompeo contro Mitridate avevano poco valore in confronto alla sua campagna contro i Parti. Poiché nella legge votata sulle province non vi era alcun riferimento alla guerra contro i Parti e poiché il tribuno Ateio voleva opporsi alla partenza di Crasso, questi chiese aiuto proprio a Pompeo che aveva grande influenza sulla folla e che avrebbe così impedito agli oppositori di intralciare Crasso nella sua partenza. Crasso difatti riuscì a partire, ma Ateio pronunciò contro di lui due terribili maledizioni che per la loro potenza e mostruosità avrebbero nuociuto Crasso e lo stesso Ateio.

Capitoli 17 - 32[modifica | modifica wikitesto]

La campagna contro i Parti. Plutarco dedica ampissimo spazio alla narrazione degli eventi inerenti alla campagna bellica di Crasso contro i Parti che giunge alla terribile disfatta dei Romani, con una perdita che Plutarco stima di ventimila soldati morti e diecimila fatti prigionieri. La disfatta di Crasso si conclude con la sua terribile morte e lo scempio di Surena, stratega dei Parti, che mandò ad Orode la testa e la mano di Crasso e fece inscenare un grande trionfo di scherno per i resti di Crasso. Da un punto di vista filologico e letterario, è importante il capitolo XXXII perché Plutarco narra che Surena riunì il senato di Seleucia e presentò al suo cospetto i testi erotici e licenziosi di Aristide di Mileto rinvenuti nel bagaglio di Rustio; è inoltre importante anche il riferimento a Esopo e in particolar modo alla celebre favola delle due bisacce (l’uomo indossa sul petto la bisaccia con i difetti altrui e sulle spalle la bisaccia con i propri difetti) che in questo contesto indica l’ammirazione degli abitanti di Seleucia nel vedere le Favole Milesie appese al petto di Surena e carri pieni di concubine che lo seguivano alle sue spalle; infine un ultimo riferimento letterario riguarda Artavasde di Armenia, traditore di Crasso e dei Romani che si riconciliò con Orode per mezzo di un matrimonio durante il quale furono messi in scena spettacoli greci. Artavasde era compositore di tragedie e scriveva opere in prosa e opere storiche che erano giunte nel tempo in cui Plutarco scrisse le Vite. A proposito dell’eruzione di Artavasde, molto interessante è proprio il caso di tradizione indiretta presente nel capitolo in oggetto, in cui sono riportati, non fedelmente, cinque versi tratti delle Baccanti di Euripide[33] che accompagnavano il grande banchetto in cui si derideva e si maneggiava la testa di Crasso. La vita di Crasso di Plutarco si conclude, infine, con la descrizione delle morti cui andarono incontro Orode (avvelenato e strangolato dal figlio Fraate) e Surena (ucciso da Orode perché invidioso di lui).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dives sta per "ricco", nelle epigrafi M·LICINIVS·P·F·P·N·CRASSVS·DIVES
  2. ^ Luigi Pareti, Storia di Roma, Vol. IV, p. 108, Edizioni UTET, Torino 1955
  3. ^ (EN) La persona più ricca della storia romana, Marco Licinio Crasso. URL consultato il 31-05-2010.
  4. ^ GARZETTI A., "Scritti di storia repubblicana e augustea", Roma, 1996, p.98
  5. ^ R. Flacelière, E. Chambry, Vie de Nicias, in Vies de Plutarque, Les Belles Lettres, Paris, 1972, p. 191
  6. ^ Plin. "XXXIII, 134"
  7. ^ Vell. Pat."II, 46, 2"
  8. ^ Dio. Cass. "XL,27,3"
  9. ^ Plin. "XXXIII, 134"
  10. ^ Cic., "Parad. Stoic." VI, 45
  11. ^ Cic., "De off." I, 25
  12. ^ PLUTARCO, Vite, a cura di MAGNINO D., Torino, 1992, p. 257
  13. ^ GARZETTI, "op. cit.", p. 100.
  14. ^ Plut.,Cr., 17, 1
  15. ^ GARZETTI, "op. cit.", 1996, pp. 69-70
  16. ^ GARZETTI, "op. cit.", 1992, p. 258
  17. ^ Sall., "Hist", IV, 40
  18. ^ Sall., "Con. Cat.",48, 4-9
  19. ^ GARZETTI, "op. cit.", 1992, p. 259.
  20. ^ Ibidem
  21. ^ R. Flacelière, E. Chambry, Vie de Nicias, in Vies de Plutarque, Les Belles Lettres, Paris, 1972, p. 194
  22. ^ F. Adcock, Marcus Crassus. Millionaire, p. 59.
  23. ^ Plut., "Moralia" 89
  24. ^ Cic. "Brut"., 233
  25. ^ Historicorum Romanorum Reliquiae, ed. H. PETER, vol. II, Stuttgart, 1906, pp. 79-87
  26. ^ R. Flacelière, E. Chambry, Vie de Nicias, in Vies de Plutarque, Les Belles Lettres, Paris, 1972, p. 191
  27. ^ GARZETTI, 1996, PP. 85-86
  28. ^ App., "Bell. civ.", 1, 118
  29. ^ Plut. "Pomp"., 23, 1
  30. ^ Dio. Cass., 27, 9, 3
  31. ^ GARZETTI, op.cit, p.122
  32. ^ Sall., Cat. 48, 3-9
  33. ^ Eurip., Baccanti, 1169-71, 1179

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • A.M. Ward, Marcus Crassus and the Late Roman Republic, Columbia 1977
  • L. Fezzi, Il tribuno Clodio, Roma-Bari 2008
  • G. Antonelli, Crasso. Il banchiere di Roma, Milano 2000
  • A. Garzetti, Scritti di storia repubblicana, 1996
  • F. Adcock, Marcus Crassus. Millionaire, Cambridge 1996
  • A. Garzetti, M. Licinio Crasso. L'uomo e il politico, in Athenaeum, 19, 1941
  • K. Regling, Crassus' Partherkrieg, in Klio, 7, 1907
  • R. Flacelière, E. Chambry, Vie de Nicias, in Vies de Plutarque, Les Belles Lettres, Paris, 1972

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Publio Cornelio Lentulo Sura
e
Gneo Aufidio Oreste
(70 a.C.)
con Gneo Pompeo Magno I
Quinto Cecilio Metello Cretico
e
Quinto Ortensio Ortalo
I
Gneo Cornelio Lentulo Marcellino
e
Lucio Marcio Filippo
(55 a.C.)
con Gneo Pompeo Magno II
Appio Claudio Pulcro
e
Lucio Domizio Enobarbo
II
Controllo di autorità VIAF: (EN13101109 · LCCN: (ENn86028327 · GND: (DE118670476