Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Moralia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moralia
Titolo originale Ethikà
Plutarchus - Moralia. De placitis philosophorum, 1531 - 3020537.tif
Edizione latina del 1531 (Da BEIC, biblioteca digitale.)
Autore Plutarco
1ª ed. originale 1509
Genere etico-filosofico
Lingua originale greco antico

I Moralia sono una serie di 78 trattati, alcuni pseudoepigrafi, di Plutarco.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo della collezione si deve a Massimo Planude che nell'ordinamento complessivo delle opere le designò Ethikà ("Opere morali"), dato che i primi quindici scritti trattano di argomenti etico-filosofici.

Tematiche[modifica | modifica wikitesto]

In realtà la collezione comprende opere di argomento eterogeneo, trattando di retorica, politica, religione, scienza e letteratura. Altri, inoltre, riguardano questioni come la psicologia degli animali o la meteorologia e l'astronomia (Sul volto della Luna); in altre sono presenti riflessioni su alcune celebri figure della cultura greca: biasima Erodoto perché aveva presentato i Beoti come gente sleale (Sulla malignità di Erodoto); confronta Aristofane e Menandro, affermando di preferire quest'ultimo al primo. Altri ancora sono di natura pedagogica. I saggi di argomento religioso riguardano il culto delfico, gli oracoli ed i misteri (Su Iside e Osiride) ed esprime le proprie idee religiose, come la fede nella provvidenza (sulla tardiva punizione divina). Per quanto riguarda la filosofia, si mostra ostile all'epicureismo e polemizza contro gli stoici. Troviamo infine trattati su argomenti occasionali, su questioni eziologiche ed una consolazione per la morte della figlia.

Suddivisione[modifica | modifica wikitesto]

L'impaginazione che segue è secondo l'edizione del 1599 con il titolo tradizionale in latino che sicuramente non fu di Plutarco ma del traduttore Guilielmus Xylander. Essa fa da riferimento canonico per la numerazione delle pagine e l'ordine. L'edizione principale però è quella di Aldo Manuzio stampata nel 1509. Edizioni recenti di riferimento sono quella Teubner (7 volumi, 1908-1978), quella Loeb (16 volumi, 1927-1980) e quella dell'Association Guillaume Budé[1] (15 volumi, 1972-2004).

I Moralia furono divisi in XIV volumi con l'edizione di Stephanus (1572); questo è l'ordine qui riproposto. L'intervallo di numeri iniziale è la numerazione di Stephanus, usata come standard per citare dei passi dei Moralia;[2] tra parentesi quadre l'eventuale numero nel catalogo di Lampria.[3]

  • I.
    • 1. 1a-14c - L'educazione dei ragazzi (Περὶ παίδων ἀγωγῆς - De liberis educandis)[4]
    • 2. 14d-37b [103] - Come il fanciullo debba ascoltare i poeti (Πῶς δεῖ τὸν νέον ποιημάτων ἀκούειν - Quomodo adolescens poetas audire debeat)[4]
    • 3. 37c-48d [102] - Il saper ascoltare (Περὶ τοῦ ἀκούειν - De recta ratione audiendi)[5]
    • 4. 48e-74e [89] - Come distinguere l'adulatore dall'amico (Πῶς ἄν τις διακρίνοιε τὸν κόλακα τοῦ φίλου - Quomodo adulator ab amico internoscatur)[6]
    • 5. 75a-86a [87] - In che modo qualcuno avverta i suoi progressi nella virtù (Πῶς ἄν τις αἴσθοιτο ἑαυτοῦ προκόπτοντος ἐπ᾿ ἀρετῇ - Quomodo quis suos in virtute sentiat profectus)[7]
  • II.
    • 6. 86b-92f [130] - Come trarre vantaggio dai nemici (Πῶς ἄν τις ὑπ᾿ ἐχθρῶν ὠφελοῖτο - De capienda ex inimicis utilitate)[8]
    • 7. 93a-97b - Dell'avere molti amici (Περὶ πολυφιλίας - De amicorum multitudine)[9]
    • 8. 97c-100a - Sulla fortuna (Περὶ τύχης - De fortuna)[10]
    • 9. 100a-101e - Sulla virtù e il vizio (Περὶ ἀρετῆς καὶ κακίας - De virtute et vitio)
    • 10. 101f-122a - Consolazione ad Apollonio (Παραμυθητικὸς πρὸς Ἀπολλώνιον - Consolatio ad Apollonium)
    • 11. 122a-137e [94] - Precetti igienici (Ὑγιεινὰ παραγγέλματα - De tuenda sanitate praecepta)[11]
    • 12. 138a-146a [115] - Precetti coniugali (Γαμικὰ παραγγέλματα - Coniugalia praecepta)[12][13]
    • 13. 146b-164d [110] - Il banchetto dei sette saggi (Ἑπτά σοφῶν συμπόσιον - Septem sapientium convivium)[14]
    • 14. 164e-171f [155] - Sulla superstizione (Περὶ δεισιδαιμονίας - De superstitione)[15]
  • III.
    • 15. 172a-208a [108 e 125] - Detti di re e condottieri (Βασιλέων ἀποφθέγματα καὶ στρατηγῶν - Regum et imperatorum apophthegmata)[16]
    • 16. 208a-242d [169] - Detti degli spartani (Ἀποφθέγματα Λακωνικά - Apophthegmata Laconica)[17]
      • Istituzioni degli spartani (Τὰ παλαιὰ τῶν Λακεδαιμονίων ἐπιτηδεύματα - Instituta Laconica)
      • Detti delle donne spartane (Λακαινῶν αποφθέγματα - Lacaenarum apophthegmata)[18]
    • 17. 242e-263c [126 o forse 167] - Virtù delle donne (Γυναικῶν ἀρεταί - Mulierum virtutes)[19]
  • IV.
    • 18. 263d-291c [138] - Questioni romane (Αἰτίαι Ῥωμαϊκαί - Quaestiones Romanae)[20]
    • 19. 291d-304f [138, assieme al precedente, e 166] - Questioni greche (Αἴτια Ἑλληνικά - Quaestiones Graecae)[21]
    • 20. 305a-316b [128] - Paralleli minori (Συναγωγὴ ἱστοριῶν παραλλήλων Ἑλληνικῶν καὶ Ρωμαϊκῶν - Parallela minora) (pseudo-Plutarco[22])[23]
    • 21. 316b-326c [175] - Sulla fortuna dei romani (Περὶ τῆς Ῥωμαίων τύχης - De fortuna Romanorum)[24]
    • 22. 326d-345b [176 e 186] - La fortuna o la virtù di Alessandro Magno (Περὶ τῆς Ἀλεξάνδρου τύχης ἢ ἀρετῆς - De Alexandri magni fortuna aut virtute)[25]
    • 23. 345c-351b [197] - La gloria di Atene (Πότερον Ἀθηναῖοι κατὰ πόλεμον ἢ κατὰ σοφίαν ἐνδοξότεροι - Bellone an pace clariores fuerint Athenienses)[26]
  • V.
    • 24. 351c-384c [118] - Su Iside e Osiride (Περὶ Ἴσιδος καὶ Ὀσίριδος - De Iside et Osiride)[27]
    • 25. 384c-394c [117] - Sulla E a Delfi (Περὶ τοῦ εἶ τοῦ έν Δελφοῖς - De E apud Delphos)[27][28]
    • 26. 394c-409d [116] - Sugli oracoli della Pizia (Περὶ τοῦ μὴ χρᾶν ἔμμετρα νῦν τὴν Πυθίαν - De Pythiae oraculis)[27][29]
    • 27. 409d-438e [88] - Sul tramonto degli oracoli (Περὶ τῶν ἐκλελοιπότων χρηστηρίων - De defectu oraculorum)[27][30]
  • VI.
    • 28. 439a-440c [180] - È possibile insegnare la virtù? (Εἰ διδακτὸν ἡ ἀρετή - An virtus doceri possit)[31]
    • 29. 440c-452d [72] - Intorno alla virtù morale (Περὶ ἠθικῆς ἀρετῆς - De virtute morali)[32]
    • 30. 452e-464d - Sul contenere l'ira (Περὶ ἀοργησίας - De cohibenda ira)[33]
    • 31. 464e-477f [95] - Sulla serenità dell'anima (Περὶ εὐθυμίας - De tranquillitate animi)
    • 32. 478a-492d [98] - Dell'amore fraterno (Περὶ φιλαδελφίας - De fraterno amore)[34]
    • 33. 493a-497e - Dell'amore verso la prole (Περὶ τῆς εἰς τὰ ἔγγονα φιλοστοργίας - De amore prolis)[34]
    • 34. 498a-500a - È il vizio causa di miseria? (Εἰ αὐτάρκης ἡ κακία πρὸς κακοδαιμονίαν - An vitiositas ad infelicitatem sufficiat)
    • 35. 500a-502a [208] - Se siano peggiori le malattie dell'anima o quelle del corpo (Περὶ τοῦ πότερον τὰ ψυχῆς ἢ τὰ σώματος πάθη χείρονα - Animine an corporis affectiones sint peiores)
    • 36. 502a-515a [92] - Sulla loquacità (Περὶ ἀδολεσχίας - De garrulitate)[35]
    • 37. 515a-523b [97] - Sulla curiosità (Περὶ πολυπραγμοσύνης - De curiositate)[36]
  • VII.
    • 38. 523c-528b [211] - Dell'amore per le ricchezze (Περὶ φιλοπλουτίας - De cupiditate divitiarum)[37]
    • 39. 528c-536d [96] - Sulla vergogna (Περὶ δυσωπίας - De vitioso pudore)[38]
    • 40. 536d-538e - Dell'invidia e dell'odio (Περὶ φθόνου καὶ μίσους - De invidia et odio)[39]
    • 41. 539a-547f [85] - Della lode di sé senza offesa (Περὶ τοῦ ἑαυτὸν ἐπαινεῖν ἀνεπιφθόνως - De se ipsum citra invidiam laudando)
    • 42. 548a-568a [91] - Della lentezza dei numi a punire (Περὶ τῶν ὑπὸ τοῦ θείου βραδέως τιμωρουμένων - De sera numinis vindicta)[40]
    • 43. 568b-574f[41] - Del fato (Περὶ εἰμαρμένης - De fato) (pseudo-Plutarco[42])[43]
    • 44. 575a-598f [69] - Del demone di Socrate (Περὶ τοῦ Σωκράτους δαιμονίου - De genio Socratis)[40]
    • 45. 599a-607f [101] - Sull'esilio (Περὶ φυγῆς - De exilio)[44]
    • 46. 608a-612b [112] - Consolazione alla moglie (Παραμυθητικὸς πρὸς τὴν γυναῖκα - Consolatio ad uxorem)[45]
  • VIII.
    • 47. 612c-748d - Questioni conviviali (Συμποσιακά - Quaestiones convivales)[46]
  • IX.
    • 48. 748e-771e [107] - Sull'amore (Ἐρωτικός - Amatorius)[13]
  • X.
    • 49. 771e-775e [222] - Storie d'amore (Ἐρωτικαὶ διηγήσεις - Amatoriae narrationes)[13][47]
    • 50. 776a-779c - Filosofi e principi (Περὶ τοῦ ὅτι μάλιστα τοὶς ἡγεμόσιν δεῖ τὸν φιλόσοφον διαλέγεσθαι - Maxime cum principibus philosopho esse disserendum)
    • 51. 779c-782f - Sulla non educazione del principe (Πρὸς ἡγεμόνα ἀπαίδευτον - Ad principem ineruditum)[48]
    • 52. 783a-797f [75] - Dei vecchi in politica (Εἰ πρεσβυτέρῳ πολιτευτέον - An seni respublica gerenda sit)
    • 53. 798a-825f [104] - Precetti politici (Πολιτικὰ παραγγέλματα - Praecepta gerendae reipublicae)[49]
    • 54. 826a-827c - Monarchia, democrazia e oligarchia (Περὶ μοναρχίας καὶ δημοκρατίας καὶ ὀλιγαρχίας - De unius in republica dominatione, populari statu, et paucorum imperio)[50]
    • 55. 827d-832a [215] - Sul rigettare la pratica dell'usura (Περὶ τοῦ μὴ δεῖν δανείζεσθαι - De vitando aere alieno)[51]
    • 56. 832b-852e [41] - Vite dei dieci oratori (Βίοι τῶν δέκα ῥητόρων - Vitae decem oratorum) (pseudo-Plutarco[52])
    • 57. 853a-854d [121] - Comparazione tra Aristofane e Menandro (Συγκρίσεως Ἀριστοφάνους καὶ Μενάνδρου ἐπιτομή - Comparationis Aristophanis et Menandri compendium)[53]
  • XI.
    • 58. 854e-874c [122] - Della malignità di Erodoto (Περὶ τῆς Ἡροδότου κακοηθείας - De Herodoti malignitate)[54]
    • 59. 874d-911c [61] - Dottrine dei filosofi (Περὶ τῶν ἀρεσκόντων φιλοσόφοις φυσικῶν δογμάτων - De placitis philosophorum) (pseudo-Plutarco)
    • 60. 911c-919e[55] [218] - Questioni naturali (Αἴτια φυσικά - Quaestiones naturales)[56]
  • XII.
    • 61. 920a-945e [73] - Il volto della luna (Περὶ τοῦ ἐμφαινομένου προσώπου τῷ κύκλῳ τῆς σελήνης - De facie quae in orbe lunae apparet)[57]
    • 62. 945f-955c [90] - Sul freddo primario (Περὶ τοῦ πρώτως ψυχροῦ - De primo frigido)[58]
    • 63. 955d-958e [206] - Cosa è più utile tra fuoco e acqua (Πότερον ὕδωρ ὴ πῦρ χρησιμότερον - Aquane an ignis utilior)[58]
    • 64. 959a-985c [147] - Sull'intelligenza degli animali (Πότερα τῶν ζῴων φρονιμώτερα τὰ χερσαία ἢ τὰ ἔνυδρα - De sollertia animalium)[59]
    • 65. 985c-992e [127 o 135] - Gli animali usano la ragione (Περὶ τοῦ τὰ ἄλογα λόγῳ χρῆσθαι - Bruta animalia ratione uti)[59][60]
    • 66. 993a-999b - Sul mangiare carne (Περὶ σαρκοφαγίας - De esu carnium)[59][61]
  • XIII.
    • 67. 999c-1011e [136] - Questioni platoniche (Πλατωνικὰ ζητήματα - Platonicae quaestiones)
    • 68. 1012a-1030c [65] - Sulla procreazione dell'anima nel Timeo (Περὶ τῆς ἐν Τιμαίῳ ψυχογονίας - De animae procreatione in Timaeo)[62]
    • 69. 1030d-1032f - Epitome sulla procreazione dell'anima (Ἐπιτομή τοῦ Περὶ τῆς ἐν τῷ Τιμαίῳ ψυχογονίας - Compendium libri de animae procreatione in Timaeo)
    • 70. 1033a-1057c [76] - Contraddizioni degli stoici (Περὶ Στωϊκῶν ἐναντιωμάτων - De Stoicorum repugnantiis)[63]
    • 71. 1057c-1058d [79] - Gli stoici dicono cose più assurde dei poeti (Ὅτι παραδοξότερα οἱ Στωϊκοὶ τῶν ποιητῶν λέγουσιν - Stoicos absurdiora poetis dicere)[64]
    • 72. 1058e-1086b [77] - Nozioni comuni contro gli stoici (Περὶ τῶν κοινῶν ἐννοιῶν πρὸς τοὺς Στωϊκούς - De communibus notitiis adversus Stoicos)
  • XIV.
    • 73. 1086c-1107c [82] - Non è possibile vivere felici seguendo Epicuro (Ὅτι οὐδὲ ἡδέως ζῆν ἔστιν κατ' Ἐπίκουρον - Non posse suaviter vivi secundum Epicurum)[65]
    • 74. 1107d-1127e [81] - Contro Colote (Πρὸς Κωλώτην - Adversus Colotem)
    • 75. 1128a-1130e [178] - Se sia ben detto "vivi nascosto" (Εἰ καλῶς εἴρηται τὸ λάθε βιώσας - An recte dictum sit latenter esse vivendum)[66]
    • 76. 1131a-1147a - Sulla musica (Περὶ μουσικῆς - De musica) (pseudo-Plutarco[67])[68]

Opere perdute o frammentarie[modifica | modifica wikitesto]

Numerose opere di Plutarco, o di cui Plutarco era ritenuto l'autore, sono andate perdute o sono sopravvissute solo in forma frammentaria. Della maggior parte di esse si conoscono i titoli grazie al catalogo di Lampria, mentre altre fonti hanno conservato titoli non presenti nel catalogo.

Opere contenute nel catalogo di Lampria[modifica | modifica wikitesto]

L'elenco raccoglie le opere presenti nel catalogo di Lampria che sono andate perdute completamente o in parte; il numero che precede il titolo è la posizione dell'opera nel catalogo di Lampria, mentre eventuali frammenti sono indicati dopo il titolo originale.[69]

  • 42. Studi omerici, 4 libri (Ὁμηρικῶν μελετῶν βιβλία δ΄), frr. 122-127
  • 43. Note su Empedocle, 10 libri (Εἰς Ἐμπεδοκλέα βιβλία ι΄), fr. 24
  • 44. Sulla quinta sostanza, 5 libri (Περὶ τῆς πεμπτῆς 2 οὐσίας βιβλία ε΄)
  • 45. Sulla discussione di entrambi gli aspetti di una domanda, 5 libri (Περὶ τῆς εἰς ἑκάτερον ἐπιχειρήσεως βιβλία ε΄)
  • 46. Storie, 3 libri (Μύθων βιβλία γʹ)
  • 47. Sulla retorica, 3 libri (Περὶ ῥητορικῆς βιβλία γʹ)
  • 48. Un'introduzione alla psicologia, 3 libri (Περὶ ψυχῆς εἰσαγωγῆς βιβλία γʹ)
  • 49. Sui sensi, 3 volumi (Περὶ αἰσθήσεων βιβλία γʹ)
  • 50. Estratti dai filosofi, 2 volumi (Ἐκλογὴ φιλοσόφων, βιβλία β΄)
  • 51. Benefici delle (o alle) città, 3 libri (Πόλεων εὐεργεσίαι, βιβλία γʹ)
  • 52-53. Sull'opera di Teofrasto Πρὸς τοὺς καιροὺς, 2 libri (Περὶ Θεοφράστου πρὸς τοὺς καιροὺς πολιτικῶν βιβλία βʹ)
  • 54. Sulla storia trascurata, 4 libri (Περὶ παρειμένης ἱστορίας βιβλία δʹ)
  • 55. Raccolta di proverbi, 2 libri (Παροιμιῶν βιβλία βʹ)
  • 56. I Topici di Aristotele, 8 libri (Τῶν Ἀριστοτέλους τοπικῶν2 βιβλία ηʹ)
  • 57. Sosicle, 2 libri (Σωσικλῆς, βιβλία βʹ.)
  • 58. Sul fato, 2 libri (Περὶ εἱμαρμένης βιβλία βʹ)
  • 59. Sulla giustizia, una risposta a Crisippo, 3 libri (Περὶ δικαιοσύνης πρὸς Χρύσιππον βιβλία γʹ)
  • 60. Sull'arte della poesia (Περὶ ποιητικῆς)
  • 62. Miscellanea di estratti, storici e poetici (Στρωματεῖς ἱστορικοὶ καὶ ποιητικοὶ)
  • 63. Sull'unità dell'Accademia dal tempo di Platone (Περὶ τοῦ μίαν εἶναι ἀπὸ τοῦ Πλάτωνος Ἀκαδήμειαν)
  • 64. Sulle differenze tra i Pirroniani e gli Accademici (Περὶ τῆς διαφορᾶς τῶν Πυρρωνείων καὶ Ἀκαδημαϊκῶν)
  • 66. Sul fatto che nella visione di Platone l'universo aveva un inizio (Περὶ τοῦ γεγονέναι κατὰ Πλάτωνα τὸν κόσμον)
  • 67. Dove sono le forme? (Ποῦ εἰσιν αἱ ἰδέαι;)
  • 68. Il modo della partecipazione della materia alle forme (Πῶς ἡ ὕλη τῶν ἰδεῶν μετείληφεν; ὅτι τὰ πρῶτα σώματα ποιεῖ)
  • 69a. (dubbio) A (o contro) Alcidamante (Πρὸς Ἀλκιδάμαντα)
  • 70. In difesa (o a proposito) del Teagete di Platone (Ὑπὲρ τοῦ Πλάτωνος Θεάγους)
  • 71. Sul fatto che la filosofia accademica permetta la realtà della profezia (Περὶ μαντικῆς ὅτι σῴζεται κατὰ τοὺς Ἀκαδημαϊκούς), frr. 21-23
  • 74. Se sia migliore il numero pari o dispari (Πότερον ὁ περισσὸς ἀριθμὸς ἢ ὁ ἄρτιος ἀμείνων)
  • 78. Sull'uso comune, contro gli Stoici (Περὶ συνηθείας πρὸς τοὺς Στωικούς)
  • 80. Risposta alla lezione di Epicuro sugli dei (Πρὸς τὴν τοῦ Ἐπικούρου ἀκρόασιν περὶ θεῶν)
  • 83. Sull'amicizia, per Bitino (Πρὸς Βιθυνὸν περὶ φιλίας)
  • 84. Ammonio, o sul non trovare piacere nell'aver rapporti col vizio (Ἀμμώνιος, ἢ περὶ τοῦ μὴ ἡδέως τῇ κακίᾳ συνεῖναι)
  • 86. La retorica è una virtù? (Εἰ ἀρετὴ ἡ ῥητορική)
  • 93. Sulla rabbia (Περὶ ὀργῆς), fr. 148
  • 99. Sulle comete (Περὶ κομητῶν)
  • 100. Quale dei tre nomi di un uomo è il suo nome proprio? (Περὶ τῶν τριῶν ὀνομάτων, τί κύριον;)
  • 105. Sui modi di vita. Secondo un'altra copia il titolo è La vita come un gioco a dadi (Περὶ βίων· ἐν ἄλλῳ δὲ Περὶ τοῦ τὸν βίον ἐοικέναι κυβείᾳ)
  • 106. L'uso corretto degli esercizi della scuola (Πῶς δεῖ τοῖς σχολικοῖς γυμνάσμασι χρῆσθαι;)
  • 109. Il proprio corpo (Περὶ τοῦ ἰδιόυ σώματος)
  • 111. Una lettera di consolazione per Asclepiade (Παραμυθητικὸς πρὸς Ἀσκληπιάδην)
  • 113. Sulla passione per l'ornamento di sé (Περὶ φιλοκοσμιάς)
  • 114. La balia (Τιτθευτικός)
  • 119. Spiegazioni sui Pronostici di Arato (Αἰτίαι τῶν Ἀράτου Διοσημειῶν), frr. 13-20
  • 120. Note al Theriaká di Nicandro (Εἰς τὰ Νικάνδρου Θηριακά), frr. 113-115
  • 123. Sulla data dell'Iliade (Περὶ τοῦ χρόνου τῆς Ἰλιάδος)
  • 124. Come giudicare la vera storia (Πῶς κρινοῦμεν2 τὴν ἀληθῆ ἱστορίαν;)
  • 125. Memorabili (Ἀπομνημονεύματα)
  • 129. Sulle inconsistenze epicuree (Περὶ τῶν Ἐπικουρείων ἐναντιωμάτων)
  • 131. Sul fatto che non ci sia conflitto tra i principi dell'Accademia e l'arte della profezia (Περὶ τοῦ μὴ μάχεσθαι τῇ μαντικῇ τὸν Ἀκαδημαϊκὸν λόγον)
  • 132. Lettera a Favorino sull'amicizia. Secondo un'altra copia il titolo è Sull'uso da farsi degli amici (Ἐπιστολὴ πρὸς Φαβωρῖνον περὶ φιλίας· ἐν ἄλλῳ δὲ Περὶ φίλων χρήσεως), frr. 159-171
  • 133. Risposta ad Epicuro sul libero arbitrio (Περὶ τοῦ ἐφ᾿ ἡμῖν πρὸς Ἐπίκουρον)
  • 134. Lezioni accademiche (Σχολαὶ Ἀκαδημαϊκαί)
  • 135. Gli animali possono pensare? (Εἰ λόγον ἔχει τὰ ζῷα)
  • 137. Come può un uomo attivo negli affari evitare la reputazione di curioso? (Πῶς ἄν τις ἐν πράγμασι φιλοπράγμονος δόξαν διαφύγοι;)
  • 139. Spiegazione delle tradizioni straniere (Αἰτίαι βαρβαρικαί)
  • 140. Sul cestos della madre degli dei (Περὶ τοῦ κέστου τῆς μητρὸς τῶν θεῶν)
  • 141. Sui principi primi di Protagora (Πρωταγόρου περὶ τῶν πρώτων)
  • 142. Sui proverbi usati dagli alessandrini (Περὶ τῶν παρ᾿ Ἀλεξανδρεῦσι παροιμιῶν)
  • 143. Sul fatto che gli epicurei parlino in maniera più paradossale dei poeti (Ὅτι παραδοξότερα οἱ Ἐπικούρειοι τῶν ποιητῶν λέγουσι)
  • 144. Che cos'è capire? (Τί τὸ συνιέναι;)
  • 145. Sul niente e sul nulla (Περὶ τοῦ δὲν καὶ μηδέν)
  • 146. Sull'impossibilità di capire (Ὅτι οὐδὲν ἔστι συνιέναι)
  • 148. Estratti e confutazioni di autori stoici ed epicurei (Στωικῶν καὶ Ἐπικουρείων ἐκλογαὶ καὶ ἔλεγχοι)
  • 149. Spiegazioni delle attuali dottrine stoiche (Αἰτίαι τῶν περιφερομένων Στωικῶν)
  • 150. Sulle date (Περὶ ἡμερῶν), fr. 142
  • 151. Sulla curiosità (Περὶ περιεργίας)
  • 152. Risposta a Crisippo su ciò che viene per primo (Περὶ τοῦ πρώτου ἑπομένου πρὸς Χρύσιππον)
  • 153. Discorso sull'ipotesi (Ὑποθετικὸς ἢ περὶ ἀρχῆς)
  • 154. Su ciò che è in nostro potere, risposta agli Stoici (Περὶ τοῦ ἐφ᾿ ἡμῖν πρὸς τοὺς Στωικούς)
  • 155. Risposta a Epicuro sulla superstizione (Περὶ δεισιδαιμονίας πρὸς Ἐπίκουρον)
  • 156. Si deve sostenere una causa per chiunque? (Εἰ πᾶσι συνηγορητέον)
  • 157. Lettera di consolazione a Bestia (Πρὸς Βηστίαν παραμυθητικός)
  • 158. Sui dieci tropi di Pirrone (Περὶ τῶν Πύρρωνος δέκα τρόπων)
  • 159. Risposta ad Epicuro sui modi di vivere (Περὶ βίων πρὸς Ἐπίκουρον)
  • 160. Spiegazioni e topici (Αἰτίαι καὶ τόποι)
  • 161. Spiegazioni delle mutazioni (Αἰτίαι ἀλλαγῶν)
  • 162. Sulla tautologia (Περὶ ταυτολογίας)
  • 163. Sulle monadi (Περὶ μονάδων)
  • 164. Se un cittadino debba fornire il suo consiglio, sapendo che sarà rifiutato (Εἰ δώσει γνώμην ὁ πολίτης προειδὼς ὅτι οὐ πείσει)
  • 165. Sulle opinioni attuali (Περὶ δοξῶν τῶν καθ᾿ ἑαυτόν)
  • 167. Spiegazioni a proposito delle donne (Αἰτίαι γυναικῶν)
  • 168. Sugli uomini famosi (Περὶ ἐνδόξων ἀνδρῶν)
  • 170. Soluzioni dei problemi (Ἀποριῶν λύσεις)
  • 171. Raccolta di oracoli (Χρησμῶν συναγωγή)
  • 172. Sulla libertà dal dolore (Περὶ ἀλυπίας)
  • 173. Sugli esercizi (Περὶ γυμνασμάτων)
  • 174. Sul desiderio (Περὶ ἐπιθυμίας)
  • 177. Sul detto Conosci te stesso ed il problema dell'immortalità (Περὶ τοῦ γνῶθι σαυτὸν καὶ εἰ ἀθάνατος ἡ ψυχή)
  • 179. Sulla calma mentale (Περὶ ἀταραξίας)
  • 181. Sulla discesa nella caverna di Trofonio (Περὶ τῆς εἰς Τροφωνίου καταβάσεως)
  • 182. Supplice (Ἱκέτης)
  • 183. Epitome della scienza naturale (Φυσικὴ ἐπιτομή)
  • 184. Sui primi filosofi ed i loro successori (Περὶ τῶν πρώτων φιλοσοφησάντων καὶ τῶν ἀπ᾿ αὐτῶν)
  • 185. Sulla materia (Περὶ ὕλης)
  • 187. L'educazione di Achille (Ἀχιλλέως παιδεία)
  • 188. Sui filosofi cirenaici (Περὶ Κυρηναϊκῶν)
  • 189. Difesa di Socrate (Ἀπολογία ὑπὲρ Σωκράτους)
  • 190. Sulla condanna di Socrate (Περὶ τῆς Σωκράτους καταψηφίσεως)
  • 191. Sui mangiatori di terra (Περὶ γεωφάγων)
  • 192. Lezione sulle dieci categorie (Διάλεξις περὶ τῶν δέκα κατηγοριῶν)
  • 193. Sui problemi (Περὶ προβλημάτων)
  • 194. Sui caratteri (Περὶ χαρακτήρων)
  • 195. Le fondazioni delle città (Πόλεων κτίσεις)
  • 196. Raccolta di opinioni scientifiche (Φυσικῶν ἀρεσκόντων)
  • 198. Sugli avvocati (Περὶ τῶν συνηγορούντων)
  • 199. Qual è il miglior modo di vivere? (Τίς ἄριστος βίος;)
  • 200. Sulle date (Περὶ ἡμερῶν)
  • 200a. Raccolta di lezioni scientifiche e discorsi pubblici (Μελετῶν φυσικῶν καὶ πανηγυρικῶν)
  • 201. Sulla festa delle immagini lignee a Platea (Περὶ τῶν ἐν Πλαταιαῖς Δαιδάλων), frr. 157-158
  • 202. Raccolta di introduzioni ai problemi letterari (Φιλολόγων παρασκευῶν)
  • 203. Sulla nobiltà della nascita (Περὶ εὐγενείας), frr. 139-141
  • 204. Risposta a Dione pronunciata ad Olimpia (Ὁ πρὸς Δίωνα ῥηθεὶς ἐν Ὀλυμπίᾳ)
  • 205. Sul problema delle credenze di Eraclito (Περὶ τοῦ τί ἔδοξεν Ἡρακλείτῳ)
  • 207. Esortazione alla filosofia, ad un giovane ricco (Προτρεπτικὸς πρὸς νέον πλούσιον)
  • 209. Sull'anima (Περὶ ψυχῆς), frr. 173-178
  • 210. Se non pronunciare il giudizio coinvolga l'inattività (Εἰ ἄπρακτος ὁ περὶ πάντων ἐπέχων)
  • 212. Sui terremoti (Περὶ σεισμῶν)
  • 213. Come uno spartano debba combattere (Πῶς δεῖ Λάκωνα μάχεσθαι;)
  • 214. Esortazione alla filosofia, ad Asclepiade di Pergamo (Προτρεπτικὸς εἰς Ἀσκληπιάδην Περγαμηνό)
  • 216. Sulla caccia (Περὶ κυνηγετικῆς)
  • 217. Risposta a coloro che tentanto l'inganno (Πρὸς τοὺς ἐξαπατᾶν πειρωμένους)
  • 219. Contro coloro che non si occupano di filosofia perché si esercitano nella retorica (Πρὸς τοὺς διὰ τὸ ῥητορεύειν μὴ φιλοσοφοῦντας)
  • 220. Che attenzione bisogna prestare alla poesia? (Περὶ ποιημάτων, τίς ἡ αὐτῶν ἐπιμέλεια;)
  • 221. Qual è la fine della vita nella visione di Platone? (Τί τὸ κατὰ Πλάτωνα τέλος;)
  • 223. Libro di esercizi introduttivi alla filosofia (Φιλοσόφων παρασκευῶν)
  • 224. Su Euripide (Περὶ Εὐριπίδου)
  • 225. Come dobbiamo determinare la verità? (Πῶς κρινοῦμεν τὴν ἀλήθειαν;)
  • 226. Se l'anima sia immortale (Ὅτι ἄφθαρτος ἡ ψυχή)
  • 227. Discorso in risposta a Dione (Διάλεξις πρὸς Δίωνα)

Titoli conservati da altre fonti[modifica | modifica wikitesto]

Fozio cita due titoli[70] non presenti nel catalogo di Lampria, entrambi perduti:

  • Sulla dote naturale ed il duro lavoro (Περὶ φύσεως καὶ πόνων), fr. 172
  • Su (o contro) la ricchezza (Περὶ πλούτου), frr. 149-152

Altre fonti hanno conservato titoli non ricordati dal catalogo di Lampria né da Fozio:

  • Commento alle Opere e i giorni di Esiodo, frr. 25-112
  • Contro il piacere, frr. 116-120[71]
  • Svalutazione della forza, fr. 121
  • Anche una donna dovrebbe essere istruita, frr. 128-133
  • Sull'amore, frr. 134-138
  • Sulla quiete, fr. 143
  • Sulla bellezza, frr. 144-146[72]
  • Sull'arte della profezia, fr. 147[73]
  • Sulla calunnia, frr. 153-156 [74]
  • Miscellanea, fr. 179[75]

Nel 1773 lo studioso Thomas Tyrwhitt pubblicò due frammenti inediti di due opere che ritenne plutarchee:[76]

  • Desiderio e dolore
  • Se una parte o una facoltà dell'anima sia soggetta alle affezioni

Differenze di testo nel Catalogo di Lampria e precisazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sui ritardi della punizione divina presenta una titolatura greca diversa (Περὶ βραδέως κολαζομένων ὑπὸ τοῦ θείου) rispetto a quella presente nei manoscritti (Περὶ τῶν ὑπὸ τοῦ θείου βραδέως τιμωρουμένων).
  • L'arte di ascoltare presenta l'aggiunta τῶν φιλοσόφων assente in tutti i manoscritti che riportano l'opuscolo.
  • Il De Iside et Osiride presenta la forma Περὶ τοῦ κατ'Ἷσιν λόγου καὶ Σάραπιν.
  • L'opera che passa sotto il titolo di Bruta animalia ratione uti (Περὶ τοῦ τὰ ἄλογα λόγῳ χρῆσθαι) presenta la dicitura Περὶ ζῴων ἀλόγων ποιητικός. Questo scritto dialogico è anche noto con il titolo di Grillo dal nome di uno dei personaggi che prendono parte alla discussione.
  • Il De sollertia animalium possiede in realtà il più calzante titolo Se siano più intelligenti gli animali terrestri, volatili o acquatici.
  • Il De superstitione presenta il sottotitolo Contro Epicuro.
  • Gli Apoftegmi spartani sono in realtà suddivisi di tre sezioni: 1) i Detti degli Spartani (solitamente re); 2) i Detti delle Spartane; 3) i cosiddetti Istituta Laconica.
  • Sulla fortuna di Alessandro Magno (II) compare nella forma Sulla virtù di Alessandro Magno; in realtà si preferisce considerare il trattato come diviso in due precipue sezioni [21a-b].
  • Le Amatoriae narrationes presentano il sottotitolo Contro gli amanti in quanto si tratta di una serie di brevissimi racconti su amori infelici.
  • Delle Esercitazioni omeriche sono conservati alcuni frammenti.
  • Del commento a Empedocle sono conservati alcuni frammenti.
  • Il trattato perduto Sull'amore per gli ornamenti è stato scritto da Filossena, la moglie di Plutarco.
  • Del commento ai Pronostici di Arato è conservato un nutrito numero di frammenti.
  • Del commento ai Theriakà di Nicandro sono conservati alcuni frammenti.
  • Del trattato Sui giorni sono conservati alcuni frammenti.
  • Del trattato Sulle statue a Platea sono conservati alcuni frammenti.
  • Del trattato Sulla nobiltà sono conservati alcuni frammenti.
  • Del trattato Sull'ira sono conservati alcuni frammenti.
  • Del trattato Sull'anima sono conservati alcuni frammenti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Catalogo.
  2. ^ L'elenco è in Sandbach, pp. VII-X.
  3. ^ Catalogo completo in Sandbach, pp. 3-29.
  4. ^ a b Edizione italiana in Plutarco, Moralia II, a cura di Giuliano Pisani e Leo Citelli, Pordenone, Biblioteca dell'immagine, 1990.
  5. ^ Edizione italiana: Plutarco, L'arte di ascoltare, a cura di Giuliano Pisani, Milano, Mondadori, 2004, ISBN 88-04-52725-0.
  6. ^ Edizione italiana: Plutarco, Come distinguere l'adulatore dall'amico, a cura di Italo Gallo e Emidio Pettine, Napoli, D'Auria, 1988, ISBN 88-7092-216-2.
  7. ^ Edizione italiana: Plutarco, Il progresso nella virtù, a cura di Ernesto Valgiglio, Napoli, D'Auria, 2003, ISBN 88-7092-038-0.
  8. ^ Edizione italiana: Plutarco, Sull'utilità dei nemici, a cura di Jolanda C. Capriglione e Aurelio Pèrez Jiménez, Napoli, D'Auria, 2008, ISBN 88-70-92287-1.
  9. ^ Edizione italiana: Plutarco, Della vera amicizia, a cura di Chiara Pirondi, Milano, Mondadori, 1995, ISBN 88-04-38066-7.
  10. ^ Edizione italiana: Plutarco, La fortuna, a cura di Francesco Becchi, Napoli, D'Auria, 2010, ISBN 88-7092-311-8.
  11. ^ Edizione italiana: Plutarco, Precetti igienici, a cura di Luigi Senzasono, Napoli, D'Auria, 1993, ISBN 88-7092-065-8.
  12. ^ Edizione italiana: Plutarco, Precetti coniugali, a cura di Giuseppe Martano e Aldo Tirelli, Napoli, D'Auria, 1990, ISBN 88-7092-053-4.
  13. ^ a b c Traduzione italiana in Plutarco, Consigli d'amore, a cura di Gilda Tintorio, Milano, Rizzoli, 2006, ISBN 88-17-00974-1.
  14. ^ Edizione italiana: Plutarco, Il convitto dei sette sapienti, a cura di Ferdinando Lo Cascio, Napoli, D'Auria, 1997, ISBN 88-7092-135-2.
  15. ^ Edizione italiana: Plutarco, La superstizione, a cura di Renato Laurenti e Carlo Santaniello, Napoli, D'Auria, 2007, ISBN 88-7092-270-7.
  16. ^ Comprende i Detti dei Romani (194e-208a).
  17. ^ Edizione italiana: Plutarco, I detti dei lacedemoni, a cura di Carlo Santaniello, Napoli, D'Auria, 1995, ISBN 88-7092-116-6.
  18. ^ Edizione italiana: Plutarco, I detti delle donne spartane, a cura di Carla Lattanzi, Firenze, Atheneum, 2009, ISBN 88-7255-073-4.
  19. ^ Edizione italiana: Plutarco, Virtù delle donne, a cura di Francesco Chiossone, Genova, Il Nuovo Melangolo, 1996, ISBN 88-7018-757-8.
  20. ^ Edizione italiana: Plutarco, Questioni romane, a cura di Nino Marinone, Milano, Rizzoli, 2007, ISBN 88-17-01622-5.
  21. ^ Edizione italiana: Plutarco, Questioni greche, a cura di Andrea Carrano, Napoli, D'Auria, 2007, ISBN 88-7092-274-X.
  22. ^ Sebbene l'opera sia elencata nel catalogo di Lampria e da essa abbia attinto alcuni estratti Stobeo, motivi di ordine soprattutto stilistico impediscono di assegnarla con certezza a Plutarco; si veda l'introduzione all'opuscolo in (EN) Frank Cole Babbitt (a cura di), Plutarch. Moralia, Volume IV, Cambridge, MA, Harvard University Press, 1936, pp. 253-255.
  23. ^ Edizione italiana: Plutarco, Paralleli minori, a cura di Alessandro De Lazzer, Napoli, D'Auria, 2000, ISBN 88-7092-178-6.
  24. ^ Edizione italiana: Plutarco, Sulla fortuna dei romani, a cura di Giovanni Forni, Napoli, D'Auria, 2004, ISBN 88-70-92235-9.
  25. ^ Edizione italiana in due volumi: Plutarco, La fortuna o la virtù di Alessandro Magno, a cura di Annamaria D'Angelo, Napoli, D'Auria, 1998, ISBN 88-7092-147-6. e Plutarco, La fortuna o la virtù di Alessandro Magno, a cura di M. R. Cammarota, Napoli, D'Auria, 1998, ISBN 88-7092-148-4.
  26. ^ Edizione italiana: Plutarco, La gloria di Atene, a cura di Italo Gallo e Maria Mocci, Napoli, D'Auria, 2003, ISBN 88-7092-178-6.
  27. ^ a b c d Traduzione italiana in: Plutarco, Diatriba isiaca e dialoghi delfici, a cura di Vincenzo Cilento e Paola Volpe Cacciatori, Napoli, D'Auria, 2006.
  28. ^ Edizione italiana: Plutarco, L'E di Delfi, a cura di Claudio Moreschini, Napoli, D'Auria, 1998, ISBN 88-7092-136-0.
  29. ^ Edizione italiana: Plutarco, Gli oracoli della Pizia, a cura di Ernesto Valgiglio, Napoli, D'Auria, 1992, ISBN 88-7092-094-1.
  30. ^ Edizione italiana: Plutarco, L'eclissi degli oracoli, a cura di A. Rescigni, Napoli, D'Auria, 1995, ISBN 88-7092-107-7.
  31. ^ Edizione italiana: Plutarco, Se la virtù si debba insegnare, a cura di Adelmo Barigazzi, Napoli, D'Auria, 1993, ISBN 88-70-92058-5.
  32. ^ Edizione italiana: Plutarco, La virtù etica, a cura di Francesco Becchi, Napoli, D'Auria, 2004, ISBN 88-70-92221-9.
  33. ^ Edizione italiana: Plutarco, Sul controllo dell'ira, a cura di Givanni Indelli e Renato Laurenti, Napoli, D'Auria, 2003, ISBN 88-70-92217-0.
  34. ^ a b Traduzione italiana in Plutarco, L'amore fraterno e l'amore per i figli, a cura di A. Postiglione, Napoli, D'Auria, 1991, ISBN 88-7092-054-2.
  35. ^ Edizione italiana: Plutarco, La loquacità, a cura di Emidio Pettine, Napoli, D'Auria, 1993, ISBN 88-70-92076-3.
  36. ^ Edizione italiana: Plutarco, La curiosità, a cura di Lionello Inglese, Napoli, D'Auria, 1996, ISBN 88-70-92126-3.
  37. ^ Edizione italiana: Plutarco, La bramosia di ricchezza, a cura di Jolanda C. Capriglione e Luigi Torraca, Napoli, D'Auria, 1996, ISBN 88-70-92128-X.
  38. ^ Edizione italiana: Plutarco, L'eccessiva arrendevolezza, a cura di Paola Volpe Cacciatore, Napoli, D'Auria, 1995, ISBN 88-70-92105-0.
  39. ^ Edizione italiana: Plutarco, Invidia e odio, a cura di Silvia Lanzi, Napoli, D'Auria, 2004, ISBN 88-70-92234-0.
  40. ^ a b Traduzione italiana in Plutarco, Il demone di Socrate, a cura di Dario Del Corno, Giulio Guidorizzi, Antonio Aloni, Milano, Adelphi, 1982, ISBN 88-459-0498-9.
  41. ^ Quest'opera è diversa da quella che elenca il catalogo di Lampria al n. 58 (Περὶ εἱμαρμένης), in 2 libri e andata perduta.
  42. ^ Sulla non autenticità dell'opuscolo, si veda (EN) Phillip H. De Lacy e Benedict Einarson (a cura di), Plutarch. Moralia, Volume VII, Cambridge, MA, Harvard University Press, 1959, p. 303.
  43. ^ Edizione italiana: Plutarco, Il fato, a cura di Ernesto Valgiglio, Napoli, D'Auria, 1993, ISBN 88-7092-052-6.
  44. ^ Edizione italiana: Plutarco, L'esilio, a cura di Raul Caballero e Giovanni Viansino, Napoli, D'Auria, 1995, ISBN 88-70-92115-8.
  45. ^ Edizione italiana: Plutarco, Consolazione alla moglie, a cura di Paolo Impara e Mario Manfredini, Napoli, D'Auria, 1991, ISBN 88-7092-115-8.
  46. ^ I libri VII-IX dell'opera sono contenuti nel volume IX dei Moralia.
  47. ^ Edizione italiana: Plutarco, Narrazioni d'amore, a cura di Giuseppe Giangrande, Napoli, D'Auria, 2003, ISBN 88-70-92218-9.
  48. ^ Edizione italiana: Plutarco, Ad un governante incolto, a cura di Aldo Tirelli, Napoli, D'Auria, 2005.
  49. ^ Edizione italiana: Plutarco, Precetti politici, a cura di Antonio Caiazza, Napoli, D'Auria, 1993, ISBN 88-70-92070-4.
  50. ^ Edizione italiana: Plutarco, Monarchia, democrazia, oligarchia, a cura di Antonio Caiazza, Napoli, D'Auria, 1993, ISBN 88-7092-056-9.
  51. ^ Edizione italiana: Plutarco, No all'usura!, a cura di Giuseppe Marenghi, Napoli, D'Auria, 1996, ISBN 88-70-92123-9.
  52. ^ L'opera è ritenuta non autentica principalmente per lo stile poco accurato; si veda (EN) Harold North Fowler (a cura di), Plutarch. Moralia, Volume X, Cambridge, MA, Harvard University Press, 1936, p. 342.
  53. ^ Edizione italiana: Plutarco, Il confronto tra Aristofane e Menandro (compendio), a cura di Maria Di Florio, Napoli, D'Auria, 2008, ISBN 88-70-92283-9.
  54. ^ Edizione italiana: Plutarco, La malignità di Erodoto, a cura di Maurizio Grimaldi, Napoli, D'Auria, 2004, ISBN 88-70-92242-1.
  55. ^ Alle 31 questioni dell'edizione di Stephanus (fino a pagina 919e) sono state in seguito aggiunte altre 10 questioni che, secondo lo studioso cinquecentesco Gybertus Longolius, facevano parte dell'opera plutarchea; si veda (EN) Lionel Pearson e F.H. Sandbach (a cura di), Plutarch. Moralia, Volume XI, Cambridge, MA, Harvard University Press, 1965, pp. 142-143.
  56. ^ Edizione italiana: Plutarco, Cause dei fenomeni naturali, a cura di Luigi Senzasono, Napoli, D'Auria, 2007, ISBN 88-70-92262-6.
  57. ^ Edizione italiana: Plutarco, Il volto della luna, a cura di Pierluigi Donini, Napoli, D'Auria, 2011, ISBN 88-70-92324-X.
  58. ^ a b Traduzione italiana in: Plutarco, L'origine del freddo - Se sia più utile l'acqua o il fuoco, a cura di Gennaro D'Ippolito e Gianfranco Nuzzo, Napoli, D'Auria, 2012, ISBN 88-70-92338-X.
  59. ^ a b c Traduzione italiana in Plutarco, Del mangiare carne. Trattati sugli animali, a cura di Dario Del Corno e Donatella Magini, Milano, Adelphi, 2001, ISBN 88-459-1629-4.
  60. ^ Edizione italiana: Plutarco, Anche le bestie sono esseri razionali, a cura di Giovanni Indelli, Napoli, D'Auria, 1996, ISBN 88-70-92121-2.
  61. ^ Edizione italiana: Plutarco, Cibarsi di carne, a cura di Lionello Inglese e Giuseppina Santese, Napoli, D'Auria, 1999, ISBN 88-70-92161-1.
  62. ^ Edizione italiana: Plutarco, La generazione dell'anima nel Timeo, a cura di Franco Ferrari e Laura Baldi, Napoli, D'Auria, 2002, ISBN 88-70-92201-4.
  63. ^ Edizione italiana: Plutarco, Le contraddizioni degli stoici, a cura di Marcello Zanatta, Milano, Rizzoli, 1993, ISBN 88-17-16948-X.
  64. ^ Di quest'opuscolo rimane solo un compendio.
  65. ^ Edizione italiana: Plutarco, Non è possibile vivere felici seguendo Epicuro, a cura di Francesco Sircana, Pavia, Ibis, 1997, ISBN 88-7164-064-0.
  66. ^ Edizione italiana: Plutarco, Se sia ben detto "vivi nascosto", a cura di Italo Gallo, Napoli, D'Auria, 2000, ISBN 88-7092-172-7.
  67. ^ Non ascrivibile tra gli opuscoli plutarchei per questioni di stile; si veda (EN) Benedict Einarson e Phillip H. De Lacy (a cura di), Plutarch. Moralia, Volume XIV, Cambridge, MA, Harvard University Press, 1967, p. 344.
  68. ^ Edizione italiana: Plutarco, Sulla musica, a cura di Raffaella Ballerio, Milano, Rizzoli, 2000, ISBN 88-17-17315-0.
  69. ^ La numerazione dei frammenti è quella di Sandbach.
  70. ^ Fozio, Biblioteca, cod. 161.
  71. ^ Paternità dubbia; si veda Sandbach, pp. 230-231.
  72. ^ Titolo e paternità dubbi; si veda Sandbach, pp. 268-269.
  73. ^ Forse da identificare con l'opera 71 o 131 del catalogo di Lampria.
  74. ^ Titolo dubbio.
  75. ^ Paternità e natura del frammento dubbi; si veda Sandbach, pp. 324-327.
  76. ^ La discussione sulla paternità delle opere, ritenute generalmente non plutarchee dagli studiosi moderni, è in Sandbach, pp. 32-37.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (LA) Plutarchus, Moralia. De placitis philosophorum [lat], Basileae, Johann Herwagen, 1531. URL consultato il 27 aprile 2015.
  • (GRCEN) F.H. Sandbach (a cura di), Plutarch, Moralia, XV, in Loeb Classical Library, Cambrdige, MA, Harvard University Press, 1969.
  • O. Gréard, De la morale de Plutarque, Paris 1866
  • D. Babut, Plutarque et le stoïcisme, Paris 1969

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]