Il banchetto dei sette savi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Banchetto dei sette savi
Titolo originaleΣυμπόσιον τῶν ἑπτὰ σοφῶν
Altri titoliSeptem sapientum convivium
Plutarch of Chaeronea-03.jpg
Busto moderno di Plutarco nella sua Cheronea.
AutorePlutarco
1ª ed. originaleI-II secolo d.C.
Generesaggio
Sottogenerefilosofia
Lingua originale greco antico
SerieMoralia

Il Banchetto dei sette savi (o Septem sapientum convivium) è un'opera di Plutarco[1], in un misto tra filosofia e letteratura simposiale.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'indovino Diocle[2], amico del filosofo Talete, racconta all'amico Nicarco di un banchetto tenutosi in una sala del palazzo di Periandro, tiranno di Corinto[3], in una bella giornata estiva, con gli altri sapienti della tradizione e alla presenza di Melissa, moglie del tiranno e di Cleobulina, sua figlia.

Dopo l'arrivo di Talete, Biante e Anacarsi, giunge Nilosseno di Naucrati a portare una lettera del saggio faraone Amasi con un enigma da risolvere. I sette sapienti chiacchierano di varie coseː dall'atteggiamento da tenere a un banchetto all'ordine dei posti a tavola, alla divinazione.

Entrano, intanto, Esopo e Chilone, mentre Biante risolve l'enigma di Amasi e, in seguito, si parla di politica, con l'autorevole opinione di Solone. Infine, dopo una discussione sull'economia domestica e una digressione sul vino e sul cibo, vengono proposte novelle originate dal racconto su Arione fatto da Gorgo, fratello di Periandro.

Analisi critica[modifica | modifica wikitesto]

Il resoconto di Plutarco, come si nota dal semplice riassunto, è un tour de force letterario, che rientra nel genere simposiale, inaugurato da Platone e Senofonte[4].

Il titolo si trova come al n. 110 del catalogo di Lampria e il saggio è citato citato abbastanza spesso dagli scrittori greci successivi.

L'interesse dell'opera sta nell'attenzione di Plutarco nel campo politico e l'essenza dello Stato o, meglio, della polis come comunità ideale. Plutarco alcune massime dei Sette in merito.[5]

Alla richiesta su quale fosse lo Stato migliore questa fu la risposta:

  1. Solone: "Lo Stato nel quale coloro che non hanno ricevuto alcun torto perseguono e puniscono i colpevoli, non meno di quelli che hanno ricevuto ingiustizia."
  2. Biante: "Quello dove la legge è temuta da tutti come se fosse un tiranno."
  3. Talete: "Quello che non ha né troppi poveri né troppi ricchi."
  4. Anacarsi: "Quello in cui ognuno considera ogni cosa e giudica nel contempo il vantaggio secondo la misura dell'onesto e lo svantaggio secondo quella del disonesto."
  5. Cleobulo: "Quello dove i cittadini temono un rimprovero più delle guardie."
  6. Pittaco: "Quello dove non sia possibile che i disonesti governino e gli onesti non governino."
  7. Chilone: "Quello dove si ascoltano le leggi e non gli oratori."

E questa la risposta di sei dei Sette alla domanda su quale fosse la migliore vita domestica:

  1. Solone: "Dove il profitto non genera ingiustizia, la sua custodia diffidenza, la sua spesa pentimento."
  2. Biante: "Dove chi governa sia per natura come lo vogliano, esternamente, le leggi."
  3. Talete: "Dove chi governa possa essere il più sollecito possibile."
  4. Cleobulo: "Dove chi governa venga più amato che temuto."
  5. Pittaco: "Dove non sia desiderato l'inutile e non manchi il necessario."
  6. Chilone: "Quella che più si avvicini alla forma di un governo monarchico."

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 146b-164d.
  2. ^ Citato per nome a 149d.
  3. ^ Inserito tra i savi in contrasto con quanto raccontato in Erodoto, V 92.
  4. ^ G. Besso, Il simposio dei sette sapienti, in Plutarco, Tutti i Moralia, Milano, Bompiani, 2017, pp. 2551-552.
  5. ^ Vedi Convito

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Plutarco, Il convitto dei sette sapienti, a cura di Ferdinando Lo Cascio, Napoli, D'Auria, 1997, ISBN 88-7092-135-2.
  • Tutti i Moralia. Prima traduzione italiana completa. Testo greco a fronte, Coordinamento di Emanuele Lelli e Giuliano Pisani, Collana Il pensiero occidentale, Milano, Bompiani, 2017, pp. 3264, ISBN 978-88-452-9281-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]