Stromateis (Pseudo-Plutarco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stromateis
Titolo originaleΣτρωματεῖς
Altro titoloStromata
Plutarch of Chaeronea-03.jpg
Busto moderno di Plutarco nella sua Cheronea.
AutorePseudo-Plutarco
PeriodoII secolo
1ª ed. italiana1841
GenereSaggio
Sottogeneremiscellanea
Lingua originalegreco antico
SerieMoralia

Gli Stromateis (Στρωματεῖς - Miscellanea) sono un'opera, giunta in frammenti,[1] attribuita a Plutarco.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Di quest'opera, certamente spuria, come si nota dallo stile sciatto e dalla confusione dell'esposizione, ci sono giunti frammenti citati da Eusebio di Cesarea nella sua Preparazione Evangelica[2]: se ne deduce che si trattava, almeno in parte, di una dossografia sui filosofi presocratici.

In effetti, il titolo, che si ritrova anche in un'opera di Clemente Alessandrino (che forse a Plutarco dovette ispirarsi), indica varietà di argomenti ed era usuale per lavori miscellanei[3].

Analisi critica[modifica | modifica wikitesto]

Gran parte del materiale esibito dall'autore deriva dalle Opinioni dei Fisici di Teofrasto. Nella sua forma disordinata, certamente non ascrivibile neppure a presunti appunti plutarchei, comunque, l'operetta preserva informazioni teofrastee non riscontrabili altrove [4]. Comunque, è possibile che l'attribuzione a Plutarco derivi dal fatto che, nel Catalogo di Lampria, il n. CLXII riporta il titolo Stromati storici e poetici, rendendo, quindi, facile la circolazione di un apocrifo a carattere filosofico ascrivibile agli interessi filosofici del nostro autore e come plutarcheo, appunto, citato da Eusebio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fr. 179 Sandbach.
  2. ^ I 7, 16.
  3. ^ Cfr. Aulo Gellio, Notti attiche, praefatio, 7.
  4. ^ F. H. Sandbach, Plutarch. Fragments, Cambridrge-Mass., Loeb, 1987, vol. XV, p. 326.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. H. Sandbach, Plutarch. Fragments, Cambridrge-Mass., Loeb, 1987, vol. XV.
  • Plutarco, Frammenti, a cura di P. Volpe Cacciatore, Napoli, D'Auria, 2007, pp. 205 ss.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]