Institutio Traiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Institutio Traiani
Altro titolo Precetti a Traiano
Plutarch of Chaeronea-03.jpg
Busto moderno di Plutarco nella sua Cheronea.
Autore Pseudo-Plutarco
1ª ed. originale IV-V secolo d.C.
Genere Lettera
Sottogenere trattato politico
Lingua originale latino

La Institutio Traiani è un falso tardoantico attribuito a Plutarco e noto solo da frammenti in latino.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni di Salisbury, nel quinto libro del Polycraticus, parla di Plutarco come maestro dell'imperatore Traiano, riportando dei passi tratti dalla cosiddetta Institutio Traiani.

Si tratterebbe, comunque, di un falso tardoantico (databile forse tra il IV e il V sec. d.C.)[1], di cui lo scrittore riporta sedici passaggi in latino (millantando una traduzione da un improbabile originale greco), preceduti da una lettera dedicatoria all'imperatore. Giovanni cita anche, in questo contesto, due altri scritti di argomento politico, non meglio identificati: De istitutione principum e Archigrammaton.

Analisi critica[modifica | modifica wikitesto]

Il trattato, sicuramente apocrifo, risulta interessante per la trasmissione del nome e del ruolo di Plutarco al Medioevo latino e per perché esso conserva la metafora organicistica della comunità politica. Secondo l'autore, Respublica est quoddam corpus e, in questo corpo, il re assume il ruolo della testa, il senato del cuore, i governatori quelli degli occhi, orecchie, lingua. I militari sono le mani, mentre i contadini i piedi ed il clero è l’anima di questo corpo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ S. Desideri, La Institutio Traiani, Genova, Istituto di Filologia Classica e Medievale, 1958, pp. 12 ss.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • S. Desideri, La Institutio Traiani, Genova, Istituto di Filologia Classica e Medievale, 1958.