Sulla non educazione del principe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sulla non educazione del principe
Titolo originaleΠρὸς ἡγεμόνα ἀπαίδευτον
Plutarch of Chaeronea-03.jpg
Busto moderno di Plutarco nella sua Cheronea.
AutorePlutarco
PeriodoI-II secolo
Generesaggio
Lingua originale greco antico
SerieMoralia

Il saggio Sulla non educazione del principe (o Ad principem ineruditum) è un'opera di Plutarco in forma di declamazione, in cui si sostiene la necessità che un sovrano possegga una buona cultura per governare con più cognizione di causa.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il breve saggio[1] può aver fatto parte di una declamazione o, come suggerisce il suo titolo tradizionale, è stato composto da una lettera a qualcuno che esercitava un potere di tipo monarchico, anche se in esso non c'è nulla che faccia propendere per una o l'altra tesi.

Nessun precetto o dottrina particolare, da parte di Plutarco, ma il saggio è animato da alcuni racconti interessanti e, considerandone la sua brevità, da un numero inusuale di similitudini piuttosto elaborate, oltre che, come al solito, da citazioni di scrittori precedenti per gran parte del materiale.

La fine dell'operetta, infine, è così brusca da giustificare la convinzione, nella forma in cui ci è pervenuto, sia solo un frammento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 779D-782F.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Plutarco, Ad un governante incolto, a cura di Aldo Tirelli, Napoli, D'Auria, 2005.
  • Plutarco, Tutti i Moralia, a cura di E. Lelli e G. Pisani, Milano, Bompiani, 2017 - ISBNː 978-88-4529-281-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]