Orode II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orode II
Coin of Orodes II of Parthia.jpg
Moneta di Orode II
Re dei Parti
In carica 57-37 a.C.
Predecessore Fraate III
Successore Fraate IV
Morte 37 a.C.
Dinastia Arsacidi
Padre Fraate III
Figli Fraate IV

Orode II (... – ...) è stato re dei Parti dal 57 a.C. circa al 37 a.C., appartenente alla dinastia arsacide.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Fraate III, d'accordo con il fratello Mitridate III, fece uccidere il padre, poi escluse dal regno anche Mitridate, che chiese aiuto ai Romani. Ne nacque una guerra in cui l'esercito di Orode, comandato da Surena, sconfisse nel 53 a.C. il proconsole di Siria Marco Licinio Crasso a Carre grazie alla superiorità dei suoi catafratti e degli arcieri a cavallo. La guerra proseguì sotto il comando del figlio, Pacoro I, che venne battuto da Gaio Cassio Longino ad Antigoneia nel 51 a.C. e respinto all'Eufrate. Orode, a questo punto, assunse un atteggiamento favorevole prima a Gneo Pompeo Magno, poi a Marco Giunio Bruto e a Cassio, ma fu sconfitto da Publio Ventidio Basso, generale del triumviro Marco Antonio, nella battaglia del Tauro e suo figlio Pacoro venne ucciso a Gindaro nel 38 a.C.

Orode abdicò in favore del figlio Fraate IV, che, una volta salito al potere, non esitò a farlo uccidere.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Partia Successore
Fraate III 5737 a.C.
con Mitridate III (57 - 54 a.C.)
con Pacoro I (39 - 38 a.C.)
Fraate IV
Controllo di autorità VIAF: (EN59895492 · GND: (DE119498766