Penteo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Penteo
Raffigurazione di Penteo su un vaso greco- 2014-02-08 01-13.jpg
Raffigurazione di Penteo su un vaso greco.
Nome orig.Πενθεύς
1ª app. inLe Baccanti
SessoMaschio
ProfessioneRe di Tebe

Penteo (in greco antico: Πενθεύς, Penthéus) è un personaggio della mitologia greca, figlio di Agave e di Echione[1], è un personaggio della mitologia greca.

Nella tragedia[modifica | modifica wikitesto]

Penteo è il vero protagonista delle Baccanti di Euripide (tragedia scritta nel 407-406 a.C.). Il suo ruolo nella tragedia si evolve col dispiegarsi della trama: nella prima parte è il superbo re di Tebe che compie un atto di hybris disprezzando ostinatamente i riti di Dioniso e perseguitando il dio e i suoi seguaci; nella seconda parte (dopo la rhesis del messaggero che narra la sua morte per mano della madre) diviene “Penteo l'infelice”.

Una tragedia di Eschilo intitolata Penteo è andata perduta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Tebe nella mitologia greca Successore
Cadmo II Polidoro
Controllo di autoritàVIAF: (EN166130647 · GND: (DE143240374
Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca