Partamaspate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partamaspate

Partamaspate di Partia [1][2] (... – ...) governò l'Impero Parto come cliente di Roma.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver speso gran parte della sua vita in esilio a Roma, Partamaspate seguì l'imperatore Traiano durante la sua ultima campagna di conquista contro l'Impero Parto. L'idea originale di Traiano era quella di conquistare e di annetterlo come parte dell'impero romano, ma alla fine, nel 116 d.C. al momento del suo rientro a Ctesifonte, decise di trasformarlo in uno stato cliente di Roma e di porre sul trono proprio Partamaspate.

L'anno successivo, dopo il ritiro delle forze romane, Osroe I riuscì facilmente a sconfiggere Partamaspate e a riconquistare tutti i territori precedentemente occupati.

Dopo la sconfitta Partamaspate si rifugiò presso i Romani, i quali gli affidarono il governo del regno di Osroene, piccolo stato cliente. Partamaspate vi regnò in coreggenza con Yalur dal 118 al 122 e poi da solo fino al 123.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie