Scido

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Scido
comune
Scido – Stemma Scido – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
Città metropolitanaCoat of Arms of the Province of Reggio-Calabria.svg Reggio Calabria
Amministrazione
SindacoGiuseppe Zampogna (lista civica "Nuovo Orizzonte Scidese") dal 7-6-2009 (3º mandato dal 26-5-2019)
Territorio
Coordinate38°15′N 15°56′E / 38.25°N 15.933333°E38.25; 15.933333 (Scido)Coordinate: 38°15′N 15°56′E / 38.25°N 15.933333°E38.25; 15.933333 (Scido)
Altitudine456 m s.l.m.
Superficie17,53 km²
Abitanti893[1] (31-8-2018)
Densità50,94 ab./km²
FrazioniSanta Giorgia
Comuni confinantiCosoleto, Delianuova, San Luca, Santa Cristina d'Aspromonte
Altre informazioni
Cod. postale89010
Prefisso0966
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT080084
Cod. catastaleI536
TargaRC
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)[2]
Cl. climaticazona D, 1 607 GG[3]
Nome abitantiscidesi
Patronosan Biagio
Giorno festivo3 febbraio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Scido
Scido
Scido – Mappa
Posizione del comune di Scido all'interno della città metropolitana di Reggio Calabria
Sito istituzionale

Scido è un comune italiano di 893 abitanti della città metropolitana di Reggio Calabria in Calabria.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Posto nel cuore dell'Aspromonte, è delimitato dalle due fiumare Cresarini e Pietragrande, a 456 metri di altitudine ed esteso su una superficie di 17,53 km². Adagiato su un triangolo pianeggiante, con l'apice rivolto verso il nord, tra dense e vaste distese di ulivi secolari, è circondato da colline.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini del borgo sono molto antiche e alcuni studiosi le fanno risalire al periodo della dominazione romana.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

La religione più diffusa è quella cattolica di rito romano. Il comune fa parte della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi e del vicariato di Oppido Mamertina-Taurianova. Il territorio comunale attualmente appartiene ad un'unica parrocchia, quella intitolata ai Santi Biagio e Nicola.[5] Sempre in ambito del cattolicesimo a Scido è presente l'istituto religioso femminile delle Salesiane Oblate del Sacro Cuore.[6]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Le tradizioni di Scido sono soprattutto legate a festeggiamenti religiosi. La più importante di esse è la festa di San Biagio, celebrata il 3 febbraio con solenne processione della statua del santo per le vie del paese. L'elenco completo delle celebrazioni cattoliche che vengono svolte durante l'anno, nel territorio comunale, è il seguente:

  • Festa di San Biagio, 3 febbraio;[7]
  • festa di Maria Santissima della Catena, ultima domenica di agosto, nella frazione di Santa Giorgia.[7]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia di Scido è legata principalmente all'agricoltura ed all'artigianato locale e tra le maggiori produzioni ricordiamo le pipe intagliate a mano.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il comune è interessato dalle seguenti direttrici stradali:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
14 agosto 1985 29 giugno 1990 Fortunato Germanò Partito Comunista Italiano sindaco [8]
29 giugno 1990 23 aprile 1995 Fortunato Germanò Partito Comunista Italiano Partito Democratico della Sinistra sindaco [8]
23 aprile 1995 13 giugno 1999 Fortunato Germanò lista civica di centro-sinistra sindaco [9]
13 giugno 1999 4 agosto 2003 Agostino Mileto lista civica sindaco [10][11]
4 agosto 2003 13 giugno 2004 commissario straordinario
13 giugno 2004 7 giugno 2009 Agostino Mileto lista civica sindaco [12]
7 giugno 2009 25 maggio 2014 Giuseppe Zampogna lista civica "Nuovo Orizzonte Scidese" sindaco [13]
25 maggio 2014 26 maggio 2019 Giuseppe Zampogna lista civica "Nuovo Orizzonte Scidese" sindaco [14]
26 maggio 2019 in carica Giuseppe Zampogna lista civica "Nuovo Orizzonte Scidese" sindaco [15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2018.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Parrocchia Santi Biagio e Nicola - Scido
  6. ^ Istituti religiosi della diocesi di Oppido-Palmi.
  7. ^ a b Chiese di Scido
  8. ^ a b Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali, su amministratori.interno.gov.it, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. URL consultato l'8 settembre 2020.
  9. ^ Archivio storico delle elezioni - Comunali 23/04/1995, su elezionistorico.interno.gov.it, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. URL consultato l'8 settembre 2020.
  10. ^ Archivio storico delle elezioni - Comunali 13/06/1999, su elezionistorico.interno.gov.it, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. URL consultato l'8 settembre 2020.
  11. ^ Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali, su amministratori.interno.gov.it, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. URL consultato l'8 settembre 2020.
  12. ^ Archivio storico delle elezioni - Comunali 13/06/2004, su elezionistorico.interno.gov.it, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. URL consultato l'8 settembre 2020.
  13. ^ Archivio storico delle elezioni - Comunali 07/06/2009, su elezionistorico.interno.gov.it, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. URL consultato l'8 settembre 2020.
  14. ^ Archivio storico delle elezioni - Comunali 25/05/2014, su elezionistorico.interno.gov.it, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. URL consultato l'8 settembre 2020.
  15. ^ Archivio storico delle elezioni - Comunali 26/05/2019, su elezionistorico.interno.gov.it, Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali. URL consultato l'8 settembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN136214194 · GND (DE4284033-8 · WorldCat Identities (ENlccn-n97039071