Dialetto ticinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ticinese (Ticinées)
Parlato in Svizzera Svizzera
ItaliaItalia
Regioni Ticino-coat of arms 3d.svg Canton Ticino
Grisons-coat of arms 3d.svg Grigioni (nel Distretto di Moesa)
Piemonte Piemonte (parte orientale del VCO, esclusi i paesi Walser)
Persone ~300.000
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Galloromanze
    Galloitaliche
     Lombardo
      Lombardo occidentale
       Ticinese
Distribuzione Insubre.GIF
Distribuzione geografica dell'Insubre

Il dialetto ticinese[1] è un dialetto appartenente al ramo occidentale della lingua lombarda. È parlato in Svizzera nel Canton Ticino, in parte del Canton Grigioni (Val Mesolcina e Val Calanca) e in alcune zone italiane confinanti. Per "ticinese" si intende il gruppo di dialetti parlati nel Sottoceneri, Sopraceneri, Mesolcina e Calanca. I dialetti della regione si distinguono generalmente da valle a valle, ma spesso anche da comune a comune (con differenze minime).

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Il ticinese era un tempo diffuso soprattutto nella zona del Sopraceneri inglobando anche i dialetti parlati nelle italiane Val Vigezzo e nella Val d'Ossola, mentre nel Mendrisiotto e nel Luganese si assisteva a forti influenze del dialetto comasco e del dialetto varesotto. La suddivisione politica ha generato, col tempo, un fenomeno di uniformità del dialetto in tutto il Cantone portando ad una certa differenziazione dalle zone limitrofe. Ora i vari dialetti che formano il Ticinese sono suddivisi in base alle valli e alle città. All'interno della singola valle il proprio dialetto può variare da comune a comune. In alcuni casi la variazione del dialetto all'interno della valle può essere grande, come in Mesolcina (valle appartenente politicamente al Canton Grigioni, ma culturalmente e linguisticamente ticinese), dove i comuni della bassa e media valle parlano un dialetto molto simile e quelli di Soazza e Mesocco (Alta valle) uno nettamente diverso.

« Il Ticinese, del pari che tutti i dialetti montani, varia non solo da valle a valle, ma da luogo a luogo, per modo che sovente nella valle istessa distìnguonsi di leggeri tre o quattro dialetti diversi ripartiti in parecchie varietà. Ivi la sola proprietà, che dir possiamo generale, consiste nella rozzezza delle forme e dei suoni; ma sì le une che gli altri vàriano all'infinito, sicché ardua impresa sarebbe il contrassegnarli ed enumerarli »
(Bernardino Biondelli, Saggio sui dialetti gallo-italici, 1853, pag. 11)

Status[modifica | modifica wikitesto]

Il dialetto ticinese è parlato, oltre all'italiano, anche dai giovani e nelle amministrazioni pubbliche e non è infrequente trovarlo anche in alcuni programmi radiotelevisivi (perlopiù nelle commedie teatrali; difficilmente nei programmi d'informazione). Nelle città ticinesi si sta vivendo però, un declino del dialetto, causa anche la forte immigrazione, infatti sono nate parecchie fondazioni e associazioni per la salvaguardia di esso nella Svizzera italiana.

Scrittori[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni scrittori del Ticino hanno composto opere e poesie nel dialetto tipico del cantone, altri, invece, hanno rappresentato scene di vita con testimonianze dialettali nei discorsi diretti.

Ecco una semplice lista:

Esempi di lingua: una novella del Boccaccio[modifica | modifica wikitesto]

Dialetto di Locarno (e della Val Verzasca)[modifica | modifica wikitesto]

Av disaroo donchia chie in di timp dur prim re de Cipru, dopu chie Gotifré de Bügliom l'ha fäcc sova 'r Tera Santa, l'è chiapitoo che r'üna femna polida de Guascogna l'è näcia a trovà 'r Santo Seporcro e, vignend indree, cand r'è büda a Cipro, l'è stäcia urtregiada da certi discrianzä. E lee, sbofferomnazzo, tüta marinconica de 'sta roba e sanz'un zich de cunsuraziom l'ha pansäcc de nà r'a cerchià sgiüstizia dar re; ma intramezz o gh'è stäcc dicc chie la traress via er fadighia, perchié lü l'era un umenazzu poch permaros e chie o s'an lassäva fä aicì lü e o vendichiava né quij de lü stess né quij dei älcc, anzi o 'j sustegneva: e ingora vüm che l'avess um poo de rabia o 's vendichiava e o 's sfughiava col fägn a lü. Sentend 'sta roba quela femna e sanza vess pussibru fä er vendeta, par pudè 'vègh um poo da pas l'ha pansoo de tuchiàl propi in du vivo der suva vita; e näcia piansgind denanz a lü, la gh'ha dicc: "El mè sciur, mì a vegni micia ar tova presenza par 'vègh sgiüstizia dei dispressi ch'i m'ha fäcc, perchiè a m'an speci gnanchia; ma, par 'vègh um poo 'd pas, mostrum tì ar manera de sufrìi cume tì quij chie 't vegn fäcc, e ignora a pudrò imprend ar manera de supurtà cun pazienza 'r mea disgrazia, chie o 'r sa ur Signor, se mì 'r pudess fàl, vuruntera 't daress ar mea, perchiè tì ti seet inscì bom de supurtài".
Ar re, fign ignora purtrom, squasi chie o 's dessedass, scumenzand da r'ingiüria fäcia a 'sta femena, chie l'ha vendichioo, l'è daventoo tremendo perseguitor de tücc chie contra r'unor der sò regnu quaicossa i fasess da quel dì inanz.[2]

Dialetto di Onsernone[modifica | modifica wikitesto]

Donca a geva che in di tiemp du prim re de Cipru, dopu la cunquista dla Tera Santa fada da Gotifré Bujon, una sciora de Guascogna l'è nada in pelegrinagg al Santu Sepolcru; e quand, nel turnà indree, l'è rivada a Cipru, a j'ha truväcc di baloss ch'a ghi ha fäcc di dispressi da vilan. Lii, 'sta povra femena, tuta sciagrinada, e nö pudend meghia dàss pas, la j'ha pensov da nà a lamentàss cul re; ma quichiün i ghi ha dicc che l'era fadeghia butada veia, perché quel re l'era tantu rilassov e inscì un linecc che l'era meghia dumà incapazz da punì i tort de leit, ma con viltà vergognosa u 'n sufriva täncc ch'i 'gh feva a lui; tant che chissesseia ch'a ghi ess 'biuu di querel, u 'j sfugava cul fàgh quech dispet o insult. Quela femena, sentend inscì, e perdend vormai la speranza de vendicàss, par truvà un poo de refrigeri al sé dulor la s'è metuda in ment da ponsg i miseri da quel re. La s'è presentada donca piansgend da lui e la ghi ha dicc: "Scior, mei a vign meghia inanz a tei par utignì vendeta du dispressi ch'i m'ha fäcc; ma, par dàm sudisfazion, at pregh da insegnàm cumè ti fee a suportà quij ch'i m'ha dicc ch'i 't fa a tei: par ch'a pussa imparà da tei a tulerà u mié, che sa pudess, u 'l za 'l Signor sa te 'l daress vuluntiera, postu che ti siee un fachegn inscì brav."
U re, che fign alora l'era stov lent e pegrizios, cumè ch'u 's dessedass dal segn, u j'ha cumenzov a vendicà durament da l'ingiuria fada a quela femena, e pee l'è diventov un tremendo persegutor de tut quij che de depos d'alora i fava calcossa contro l'unor dla só curona.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ Giovanni Papanti, Parlari italiani in Certaldo, 1875, pag. 628–629
  3. ^ ibidem, pag. 630–631

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Centro di dialettologia e di etnografia, LSI – Lessico dialettale della Svizzera italiana, Bellinzona 2004.
  • Comrie, Bernard, Matthews, Stephen and Polinsky, Maria: The Atlas of Languages: The Origin and Development of Languages Throughout the World. Rev. ed., New York 2003.
  • Grimes, Barbara F. (ed.): Ethnologue: Languages of the World. Vol. 1, 2000.
  • Lurà, Franco: Il dialetto del Mendrisiotto, Mendrisio-Chiasso 1987.
  • Lurati, Ottavio: Dialetto e italiano regionale nella Svizzera italiana, Lugano 1976.
  • Petrini, Dario: La koinè ticinese (Romanica Helvetica vol. 105), Bern 1988.
  • VSI – Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana, Lugano / Bellinzona 1952–.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni video e documenti audio (interviste, registrazioni, ecc. di scrittori del Ticino) in Ticinese si possono trovare in RTSI: Acquarelli popolari.