Romaniska

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Lingua}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Il romanisku o pavela romaniska o arbareska (in sardo campidanese: arromanisca) è il dialetto dei ramai venditori ambulanti di origine zingara della zona di Isili, nel Sarcidano in Sardegna. Questo dialetto è tuttora parlato da pochi individui ed è in via di estinzione.

Origine del dialetto[modifica | modifica wikitesto]

Dall'analisi del dialetto si deduce una origine zingara (da cui il nome stesso) o da parte di deportati di origine ebraica probabilmente avvenuto durante il periodo della dominazione iberica, forse nel XV secolo, con la presenza di termini albanesi e neogreci o del gergo della malavita, nonché ovviamente di numerosi apporti sardi.
Similitudini si ravvisano con il dialetto dei calderai di Tramonti nel Friuli e con i dialetti dei calderai Camminanti siciliani (Baccagghiu), in realtà originari dai gruppi Rom dei comuni albanesi della Calabria.

Lessico[modifica | modifica wikitesto]

Escludendo le infiltrazioni del sardo, si possono distinguere alcuni termini di origine zingarica (romanes), dall'italiano "furbesco" della malavita, dall'albanese e dal neogreco:

  • dai dialetti zingarici dei Rom (Romanes): "daddu" da "dad" (padre), "dadda" (madre), "gitarreri" da sp."gitano" (stagnino), "Romaniska/Romanisku" da "Rom", "romanò" (uomo, zingaro), "barungu/barungari" (mucchio/ammucchiare), "bengis" (diavolo), "bengu" (caprone), "carigna" (stella), "gagu/agagu" (patto non mantenuto, sleale), "gauteddu" (ragazzino), "lenta/allenta" (acqua), "lucèzu" (fuoco, fiamma), "okjeri" (asino), "romerari/arremerari" (rubare), "rumeradori/arremadori" (ladro), "zingarra" (coltello, arma da taglio);
  • dall'albanese: "arbareska" da "arbarishte" (lingua), "drughi" da "drogë" (legno), "grebbis" da "kripë" (sale), "krocozu/grucozu" da "grurë" (grano), "tiasu" da "djate" (formaggio), "arrèga" (villaggio, paese), "dossu" (maiale), "fruskura" (mosca), "garitsa" (volpe);
  • dal neogreco: "calliu"/"callia" da "καλος" (bello/bella), "cresìa" da "κρασί" (vino), "su-villacciu" da "φυλακή" (prigione), "scalliu" (brutto), "gera/gerazza" (prostituta);
  • di origine ignota: "affrogiari" (parlare), "alluscari" (guardare), "aucciari" (andare), "cramoccia" (testa), "fangosa" (scarpa), "juta" (ragazza), "maggeri" (grande), "manguru" (pene), "millau" (denaro, soldi), "minga" (donna), "scocculeri" (carabiniere o guardia), "scramocciau" (pazzo), "sghinzu" (appetito), "spatillari" (fuggire).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • SOLE, Leonardo. S'Arromanisca. Sassari: 1983
  • MUSU, Paolo. Gergei e dintorni-Il linguaggio: S'arbaresca o arromanisca: gergo dei ramai ambulanti. Cagliari: 1992
  • MURA, Giovanni. Piscaggiaius e gitaneris affroggendi s'Arbaresca: il linguaggio dei ramai ambulanti di Isili: raccolta di frasi d'Arbaresca tradotte in sardo e italiano. Isili/Nuoro: Grafiche editoriali Solinas, 2002.
  • CORDA, Francesco. Il gergo dei ramai di Isili: consuntivo dell'arbaresca. in Sardegna mediterranea: semestrale di cultura. Pag. 51-55, Vol. 7, Anno 2003, n.14, 12/2003. Oliena: ACSM, 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]