Dialetto messinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Messinese (Missinìsi)
Parlato in Italia
Regioni Sicilia
(Provincia di Messina)
Persone circa 600.000 in provincia di Messina
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Siciliano
     Messinese
Estratto in lingua
Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, art. 1
Tutti i cristiàni nàsciunu libbiri e nta stissa manèra ill'autri pi dignità e diritti. Iḍḍi hànnu ognunu u sò ciriveḍḍu mi rraggiùnunu e hannu a càmpari unu cull'autru comu si fussiru fràti da stissa matri.

Il dialetto messinese[1] (nome nativo u missinìsi o a parrata missinisa) è un dialetto della lingua siciliana parlato nella città di Messina e in quasi tutta la sua provincia. Nelle isole Eolie se ne parla una variante (dialetto eoliano) e in alcuni centri si parlano gli idiomi gallo-italici.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Il messinese è una variante della lingua siciliana, e ha delle peculiarità specifiche che lo distinguono dagli altri dialetti:

  • perdita della "a" iniziale prima di una geminata: sic. ammugghiari > messin. mmugghiari ("avvolgere")
  • perdita della "a" o "i" iniziale prima di un cluster consonantico: sic. anvitari > messin. nvitari/mbitari ("invitare") (fenomeno riscontrabile nella maggior parte dei dialetti)
  • assimilazione nella "gr-" iniziale: sic. grossu > messin. rossu; sic. granni > messin. ranni ("grande") (fenomeno tipico di tutti i dialetti orientali siciliani)
  • sostituzione del cluster iniziale "gu-" con "v-": sic. guardari > messin. vaddari ("guardare") (fenomeno riscontrato anche nel siciliano occidentale)
  • assimilazione della "r" interna seguita da consonante: sic. purtari > messin. puttari ("portare"); sic. forti > messin. fotti ("forte") (fenomeno tipico di tutti i dialetti orientali siciliani)
  • Assenza totale della coniugazione verbale in passato prossimo, sostituita sempre e comunque dal passato remoto.
  • Sostituzione pressoché globale della coniugazione verbale congiuntiva con quella condizionale ("Se io fossi -> Se io sarei").

Fonetica[modifica | modifica wikitesto]

Anche nel dialetto messinese sono presenti alcune caratteristiche tipiche del siciliano, più alcune peculiarità dialettali:

  • i: una caratteristica unica del dialetto messinese è che la "i" in sillaba non accentata non all'inizio di parola viene pronunciata /ɨ/:
  • ci: etimologicamente, il suono ci deriva dal latino fl (lat. flumen > sic. ciumi, ital. fiume). I messinese, viene pronunciato:
  • dd: il latino -ll- si è trasformato in siciliano in una occlusiva retroflessa sonora, trascritta come /ɖː/, trascritta talvolta come ddr, ddh o ḍḍ. Nel dialetto messinese, per evitare confusione, il suono è trascritto come ḍḍ (es.: codda "corda" <> coḍḍa "colla");
  • j: analogamente ad altri dialetti siciliani, viene pronunciato /j/; ma in certi casi (dopo un verbo ausiliario, non, un, tri "tre", ma non l'articolo determinativo) si pronuncia /gj/; esempi:
  • tr: in siciliano, tr viene pronunciato in una maniera diversa dall'italiano (spesso trascritto ṭṛ):
  • str: viene pronunciato /ʃɹ/ (la 't' non viene pronunciata): strata /ˈʃɹata/ "strada";

Lessico[modifica | modifica wikitesto]

Alcune parole tipiche del dialetto messinese (con indicata la forma più comune in siciliano)[2]:

  • ammuari"armadio" (fr.armoire)
  • annari "andare" (sic. iri)
  • babbu "sciocco, stupido cretino"
  • bacila "bacinella, catino"
  • babbarottu "mento" (antico messin. barbarottu)
  • buḍḍaci "pesce dalla bocca larga; fig., chiacchierone" [3]
  • bummacaru "spaccone"
  • cadugghiari "fare il solletico" (sic. accatigghiari)
  • cacchi o acchi "qualche" (antico messin. carchi)
  • càuddu "caldo"
  • cciappa "pietra liscia"
  • cicara"tazzina/tazza"
  • ciciulena "seme di sesamo" (sic. giuggiulena)
  • còcciula "vongola"
  • ḍḍiccari "leccare" (antico messin. aḍḍiccari)
  • ḍḍrummintari "addormentare" (sic. addurmisciri)
  • ddubbari "saziare"
  • ducazzioni "educazione" (sic. aducazzioni)
  • fulina "ragnatela"
  • immu "gobba"
  • jàutu o gghiautu "alto" (sic. autu)
  • jutari "aiutare"
  • lattuneri "carrozziere" (cioè che lavora in una carrozzeria)
  • lissa "noia, abulia"
  • mmiḍḍari "appiccicare, attaccare" (antico messin. ammiḍḍari)
  • mmoffa "schiaffo, ceffone" (sic. boffa)
  • monchiaria "mollezza, inettitudine" (da monchiu)
  • mpizzari "appendere"
  • mmuttari "sollevare; prendere in braccio"
  • nchianari "salire"
  • nnericatu "sciocco, stupido"
  • pricopa "albicocca"
  • rasta "vaso (per le piante)" (sic. grasta)
  • scantatu "spaventato"
  • sciucari "asciugare"
  • spasciari "rompere, fare a pezzi"
  • spisidda "scintilla"
  • ssicutari "inseguire" (sic. assicutari)
  • stréusu "strano"
  • sùggiri "alzare" (sic. susiri)
  • sùrici "topo" (sic. surci)
  • taḍḍarita "pipistrello"
  • tajuni "interiora di bovino arrostite alla brace"
  • tavacca "testiera del letto" (antico messin. tavarca)
  • tumpulata "schiaffo, ceffone"
  • tumpuluni "schiaffo, ceffone"
  • vaddari "guardare" (sic. guardari)
  • vàḍḍara "ernia" (sic. guaḍḍara)
  • valìa "voglia" (aviri valìa "avere voglia")
  • zzallo "triviale" (detto di persone)
  • zzucari "succhiare" (sic. sucari)

Espressioni[modifica | modifica wikitesto]

  • bucca ill'anima "diaframma, cardias"
  • facci i mpigna "sfacciato, sfrontato"
  • truvari a Mèrica nto bagghiolu "suggerire una soluzione scontata come se fosse originale"
  • santu libbiranti "santo liberante!" (interiezione)
  • babbu ill'umpa "imbecille, idiota" in riferimento all'organizzazione UNPA, istituita nel periodo fascista, a cui aderivano persone esentate, per vari motivi, dal servizio militare.
  • annari 'o buddellu di trammi "andare al bordello dei tram" in riferimento alle case di piacere presenti, decenni fa, in prossimità del capolinea del tram.

Esempi di lingua scritta[modifica | modifica wikitesto]

U Patrinostru[modifica | modifica wikitesto]

Patri nostru chi si nto cielu,
mi si santificassi u to nomi,
mi venissi u to regnu,
mi si facissi a to vuluntà
comi nto cielu, così nta terra.
Dannillu oggi u nostru pani quotidianu,
e piddùnani i nostri piccati
comu nujautri i piddunamu e nostri nimici.
E non ni lassari càdiri nta tintazzioni
ma libbiranni du mali.

Verbo Essere (Essiri/Jessiri)[modifica | modifica wikitesto]

Indicativo

Presente Perfetto Imperfetto
[4] sugnu fui era
Tu fusti eri
Iḍḍu-Iḍḍa è/jè/jesti fu era
Nujautri[5] semu fummu èrumu
Vujautri siti fustu eru/eravati/èruvu
Iḍḍi su/sunnu furu/foru èrunu


Condizionale (in uso solo presso le province del Messinese)

Presente Passato
sarìa fussi
Tu sarìi fussi
Iḍḍu-Iḍḍa sarìa fussi
Nujautri sarìumu fùssimu
Vujautri sarìstu/sarìuvu fùssivu
Iḍḍi sarìunu fùssiru

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".
  2. ^ Alcune di queste parole sono presenti anche in altri dialetti siciliani
  3. ^ I messinesi sono chiamati con l'epiteto ingiurioso buddaci, per significare che sono chiacchieroni, o che prendono tutto per oro colato
  4. ^ Nella frazione di Giampilieri Superiore, la prima persona singolare anziché essere come nel resto della città, è Jùa.
  5. ^ A Patti, la prima persona plurale è Natri. A Santa Teresa di Riva, Taormina e dintorni, la prima persona plurale è Niautri e la seconda è Viautri

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Caglià Antonino, Nomenclatura familiare siculo-italica, Messina, 1840
  • Fumia Alessandro, Il caccararo. Cenni storici e documenti inediti dell'antica parlata messinese, Copy Center, 2008 - ISBN 8895606051
  • Quartarone Saverio, A parrata missinisa - Il dialetto siciliano in Messina, EDAS, 1998 - ISBN 8878201286
  • Valenti Nico, Ventu... piscistoccu... e Malanova. Raccolta di frasi, detti, proverbi, vocaboli e modi di dire caratteristici del dialetto messinese, EDARC, 2006 - ISBN 888642812X