Lingua walser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Walser (Walser)
Parlato in Italia, Svizzera, Liechtenstein, Austria
Persone 22.780
Classifica non nelle prime 100
Scrittura Latina (in precedenza Fraktur e Sütterlin)
Filogenesi Indoeuropee
 Germaniche
  Occidentali
   Tedesco
    Alto-tedesco
     Alemanno
      Svizzero tedesco
       Walser
Statuto ufficiale
Nazioni co-ufficiale nel comune di Triesenberg (Liechtenstein)
Regolato da nessuna
Codici di classificazione
ISO 639-1 de
ISO 639-2 ger
ISO 639-3 wae  (EN)
SIL WAE  (EN)

La lingua dei Walser è una particolare variante del dialetto tedesco meridionale, chiamata altissimo alemanno, ed è molto simile allo Svizzero tedesco nella sua forma più arcaica.

Tre sono le varianti note: Il titsch di Gressoney-Saint-Jean, il töitschu di Issime e il titzschu di Alagna Valsesia e Rimella in Valsesia.

Il walser si parlò anche fino a tempi recenti a Rima San Giuseppe in Valsesia e Salecchio in Val d'Ossola, mentre più addietro era parlato a Ornavasso, Migiandone, Agaro in Val d'Ossola, Campello Monti in Val Strona e Riva Valdobbia sempre in Valsesia. Qui sotto alcuni esempi di testi, con relativa traduzione, in alcune delle varianti della lingua walser presenti in differenti località.

Rimella[modifica | modifica sorgente]

Un testo in lingua walser di Rimella: Traduzione in italiano:
«''Er haje(n)-entacht d asschu under ts chime,
und hawwer noch gvunnut e vljeschpu.
Esch hétschech àrkit, und nu schinetsch wié (n) e schtérnu.
Wé làng? En ts hüüsch isch mì ljeksch wett...
»
«Abbiamo smosso la cenere del focolare,
e vi abbiamo ancora trovato della brace.
Si è ripresa ed ora brilla come una stella.
Per quanto tempo ancora? Nella casa è rimasta poca legna...
»

Issime[modifica | modifica sorgente]

Un testo in lingua walser töitschu di Issime: Traduzione in italiano:
«Méin oalten atte ischt gsinh van in z'Überlann, un d'oaltun mamma ischt van Éischeme, ischt gsing héi van im Proa. Stévenin ischt gsinh dar pappa, la nonna ischt gsinh des Chamonal. [...] D'alpu ischt gsinh aschua van méin oalten pappa. Ich wiss nöit ol z'is heji... Ischt gsinh aschuan d'oaltu, un d'ketschu, gmachut a schian ketschu in z'Überlann. Méin pappa ischt gsinh la déscendance, dschéin pappa, aschuan méin oalten atte, ischt gsinh aschuan doa .. Vitor van z'Überlann. Un té hedder kheen a su, hets amun gleit das méin pappa hetti kheisse amun Vitor. Eer het dschi gwéibut das s'het kheen sekschuvöfzg joar un het kheen zwia wetti das .. zwienu sén gsinh gmannutu un zwianu sén nöit gsinh gmannutu. Dsch'hen génh gweerhut middim un dschi pheebe middim. Un darnoa ischt mu gcheen a wénghjen eina discher wettu[1]» «Mio nonno era di Gaby e mia nonna era di Issime, era di qua del Praz. Stévenin era il papà, la nonna era della famiglia Chemonal. [...] L'alpeggio [nel vallone di Bourinnes] era forse di mio nonno. Non so se fosse dalla parte paterna, sai? Era già dei vecchi, e avevano la casa, una bella casa a Gaby. Vittorio, mio papà era della descendance, suo papà, mio nonno, era di là .. Vittorio di Gaby. E poi ha avuto un figlio, e gli ha dato il suo nome, così che mio papà si chiamava di nuovo Vittorio. Lui si è sposato che aveva 56 anni ed aveva quattro sorelle che due erano sposate e due non lo erano. Hanno sempre lavorato e vissuto con lui. E poi è mancata una di queste sorelle»

Alagna Valsesia[modifica | modifica sorgente]

Un testo in lingua walser Laindertitzschu di Alagna Valsesia: Traduzione in italiano:
«Aford an olti piri häd g'chauft à schworzi hennju van ainem ljikke hennjumandj, dos ra häd g'said: "Haira woul sourg, di bringtne glick". Dan nouchre tog häd d'hennja g'laid as guldis ai. Si hädra woul g'ge z'asse: und dà zwende tog häd's g'laid as anders guldis ai. "Di häd dan buch volle gold", hädra g'sinnud d'olt piri, und oni mei sy virirrd, mid ainem messer tuad uf dan buch der hennju. Wa am platz ds golds, findt si nua ds g'derem und d' hennja ïst g'chleckt» «Una volta una vecchia contadina comprò una gallina da un piccolo pollaiuolo, il quale le disse: "Abbiatene ben cura, essa vi porta fortuna". Il giorno seguente la gallina depose un uovo d'oro. Essa le diede bene da mangiare ed il secondo giorno depose un altro uovo d'oro. "Ha il ventre pieno d'oro", pensò la vecchia contadina, e senza più riflettervi, con un coltello apre il ventre alla gallina. Ma invece dell'oro trova solo le interiora e la gallina morì»

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Michele Musso, Sicché ischt phieri gsinh gmischluts, dal periodico dell'Associazione Augusta di Issime, anno 2007, pag. 14

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]