Dialetto aquilano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoci principali: Dialetti mediani, Dialetto sabino.

Aquilano (Aquilanu)
Parlato in Italia Italia
Regioni Abruzzo Abruzzo
Persone circa 100000
Classifica non nei primi 100
Tipo regionale
Filogenesi lingue indoeuropee
 lingue romanze
  lingue italoromanze
   Italiano Centrale
    Sabino
     Aquilano
Dialetti italiani centrali.jpg

Il dialetto aquilano (aquilanu) è il dialetto parlato nella città dell'Aquila e nel suo circondario. Esso si presenta come una propaggine del gruppo dei dialetti mediani o laziali-umbro-marchigiani, differenziato pertanto dai restanti dialetti parlati in Abruzzo, che fanno invece parte del gruppo delle parlate meridionali insieme con i dialetti della Campania e della Puglia.

All'interno del gruppo mediano il dialetto aquilano presenta caratteristiche particolarmente conservative rispetto al latino, comuni a tutte le parlate che dall'Aquila attraverso Antrodoco e Amatrice giungono a Rieti, con le quali (e con il cicolano ed il carseolano) costituisce un sottogruppo distinto, chiamato sabino o cicolano-reatino-aquilano.

Il territorio interessato dall'aquilano o da dialetti ad esso molto affini comprende tutta l'alta Valle dell'Aterno, l'area di Tornimparte-Lucoli e l'area urbana dell'Aquila con le frazioni che le stanno immediatamente a ridosso sul lato occidentale; infatti ad est già nelle frazioni di Bagno e San Gregorio affiorano varianti proprie dei dialetti abruzzesi.

Formazione e varianti[modifica | modifica sorgente]

Parlando della formazione del dialetto aquilano non va dimenticata l'origine della città, nella quale convennero popolazioni diverse dall'ampio contado. Perciò già in partenza il dialetto aquilano ebbe al suo interno numerose varianti.

Eccone alcuni esempi nel lessico: ainu-agnejju (agnello), cusiju-cunziju (consiglio), pependò-peperò (peperone), jelà-ggelà (gelare), nfussu-mbussu (bagnato), muzzicà-mozzicà (mozzicare).

L'aquilano, a causa della sua posizione marginale nell'ambito dei dialetti laziali-umbro-marchigiani, risente comunque in molti termini di influssi abruzzesi-meridionali. Molte parole hanno infatti due o più varianti, a seconda della differente origine territoriale del termine: ad esempio piede si dice sia ju piete sia ju pèe, nella prima forma è chiaramente rinvenibile un'origine mediana o sabina del termine, nella seconda invece si riscontra oltre alla terminazione in e anche una maggiore apertura, segno di un'origine abruzzese-meridionale (non a caso la seconda forma sembra fosse più diffusa nel quarto di San Giorgio (oggi quarto di Santa Giusta) che raccolse gente dai contadi ad est della città). Altri esempi simili possono essere fatti per termini come lupu-lupe (lupo), mammeta-mammëta (tua madre), pecura-pechëra (pecora). Chiari meridionalismi si trovano in molte costruzioni con elisioni e vocali mute, come loc'ammonte (lassù), loc'abballe (laggiù), te sò vist'e nasce (ti ho vista nascere).

Caratteristiche fonetiche[modifica | modifica sorgente]

Conservazione delle vocali finali[modifica | modifica sorgente]

L'aquilano si caratterizza rispetto agli altri dialetti parlati in Abruzzo per la presenza di tutti i suoni vocalici a fine parola, mentre nei dialetti abruzzesi si sostituisce la e muta. È questa anzi la caratteristica più evidente per la quale l'aquilano è attribuito al gruppo mediano.

All'Aquila si dice rota, jeri, quanno, cavajju, l'abruzzese direbbe invece ruotë, jerë, quannë, cavallë.

Avversione per i dittonghi[modifica | modifica sorgente]

L'aquilano presenta una quasi totale assenza dei dittonghi -uo e -ie. Abbiamo così ad esempio bbonu (buono), scola (scuola), fore (fuori), mele (miele), preta (pietra).

Metafonia[modifica | modifica sorgente]

Come in tutti i dialetti italiani centro-meridionali, anche in aquilano si riscontra il fenomeno della metafonia. Il vocalismo del dialetto aquilano è dominato dalla i e dalla u anche nel mezzo delle parole, oscurando le vocali e ed o, mentre non vi è sostituzione della a. Abbiamo pertanto: binidizziò (benedizione), pinzirusu (pensieroso), ma abbiamo invece mandirristi (manderesti).

La metafonia aquilana consiste anche nel variare della vocale accentata quando questa è la e oppure o, questa caratteristica avviene nel passaggio da singolare a plurale o da maschile a femminile:

  • niru-nera (nero)
  • bónu-bòna (buono)
  • ruttu-rotta (rotto)
  • pèe-péi (piede)
  • ʾmmatò-ʾmmatuni (mattone)

Palatizzazione[modifica | modifica sorgente]

È il fenomeno per cui i gruppi -li o -le latini si trasformano in -j, al contrario dell'italiano che le trasforma in -gli. Nell'aquilano la trasformazione interessa anche il gruppo -ll o -l.

Si avrà quindi: cajjina (gallina), fiju (figlio), fojia (foglia), cavajju (cavallo), bejiu (bello).

Caratteristiche grammaticali[modifica | modifica sorgente]

L'articolo[modifica | modifica sorgente]

Nel dialetto aquilano l'articolo maschile singolare è ju, al plurale ji. Nel femminile si usano la e le come in italiano. Questo dialetto dispone di un terzo articolo lo, derivato dal latino illud, utilizzato con i nomi neutri o con aggettivi, avverbi e verbi sostantivati, ad esempio: lo vinu, lo pà, l'ojiu, lo magnà, lo durmì, lo bruttu.

Pronomi ed aggettivi dimostrativi[modifica | modifica sorgente]

  • maschile: quissu, quistu, quiju (pl. quissi, quisti, quiji)
  • femminile: quessa, questa, quella (pl. quesse, queste, quelle)
  • neutro: quesso, questo, quello (pl. quessi, questi, quelli)

Coniugazioni[modifica | modifica sorgente]

A titolo di esempio viene illustrato il presente indicativo del verbo essere e del verbo andare:

  • Esse (essere): indicativo presente
ji sò
tu sci
issu è
nojatri semo
vojatri sete
issi sò
  • (andare): indicativo presente
ji vaio
tu va
issu va
nojatri jemo
vojatri jete
issi vanno

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luigi Lopez, L'Aquila, le memorie, i monumenti, il dialetto, L'Aquila, G.Tazzi editore, 1988.
  • L.Marra, E.Villante, M.Lolli, Dizionario Italiano-Aquilano-Italiano, L'Aquila, Colacchi edizioni, 2000.
  • A.Clementi, E.Piroddi, L'Aquila, Bari, Laterza, 1988.
  • Mario Cavalieri, La Pujetta, Grammatica e vocabolario delle parole aquilane, L'Aquila, Lo Zirè edizioni, 2001.
  • Mario Lolli, Riesso quissu, L'Aquila, G.Tazzi editore, 1982.
  • Francesco Avolio, Tra Abruzzo e Sabina, Alessandria, Edizioni dell'Orso, 2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]