Dialetto agrigentino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'agrigentino[1] (agrigentinu/giurgintano) è un dialetto occidentale della lingua siciliana parlato nella città di Agrigento e nella sua provincia. Questo dialetto è compreso e, spesso, ben parlato da tutte le fasce sociali e di età. Il Dialetto agrigentino utilizzato nei paesi della provincia tiene ancora intatte parole e significati del Siciliano antico, che invece sono ormai sparite o poco parlate in altre città o nella stessa Agrigento.

Dove viene parlato[modifica | modifica wikitesto]

Nel dialetto agrigentino, cambia l'accento e la pronuncia delle parole da paese a paese. Ma il dialetto agrigentino è parlato in tutta la provincia di Agrigento, mentre si sentono i maggiori cambiamenti nei paesi che confinano con altre province. E nei paesi della provincia di Agrigento al confine con la provincia di Palermo è nata la tipica canzone siciliana Çiuri, çiuri nel dialetto palermitano, Çiuri, çiuri nelle parlate dell'entroterra e con un suono simile alla "ch" tedesca di "ich" - aspirata palatale - in Agrigento.

Dall'italiano all'agrigentino[modifica | modifica wikitesto]

Lingua italiana Dialetto agrigentino
79 kg/ 18 kg/ 9 kg/ 6 kg/ 4.5 kg/ 700 gr/ 70 gr cantaru/ un tumminu/ dumunneddra/ munneddra/ n'a quarta/ rotulu/ oncia grossa
1100 litri/ 200 l / 34 l / 17 l / 1 l Vutti/ Sarma/ Vutteddra o Varili/ Quartara/ Quartuccia
buco / buca pirtùsu
barattolo burnìa
negozio putìa
torrone cubbàita
sabbia rìna
ritardare addimuràri
premura / fretta prescia
caldo càvudu / callu / casdu
sopra / sotto 'ncapu / sutta
salita / discesa muntàta / pinnìnu
su / giù susu / jùsu
sella vardeddra
asino / somaro sceccu
bue
geco (animale)/ persona calva tignusu
tacchino pìju
chiocciola / chiocciola grande babbalùciu / scataddrìzzu, muntùni
altro àvutru / àntru / atru
rissa / bisticciare sciàrra / sciarriàri
scherzare scimiàri
stuzzicare 'nguitàri
rissoso sciarréru
assennato, obbediente, tranquillo saggiu/a
maleducato facchinu / vastasu
ritardare addimuràri
bottone bumettu
tazza / tazzina cicaruni / cicareddra
altro àvutru / àntru / atru
resta / rimani mòviti
insieme 'nzemmula
ceci cìciri
ora ni stu momentu / accamòra
formaggio stagionato tumazzu
formaggio fresco tuma
cuscino chiumazzu / ciumazzu
giudicare judicari
andare jiri
Agrigento Giurgenti / Girgenti
pagnotta guastedda
salsiccia sasizza / sosizza / sanzizza
portare purtari
buttare jittari
del, dello dû, dô
albicocca fraccòca / pircòca
mela pumu
oliva / oliva nera passa uliva, oliva, aliva, avuliva / passulùni
pesche persica
sella con contenitore vertuli
bugie fissarìj, farfantariì
mantella della sella visazza
uva racina
nuca cozzu
mento vavaròttu
palato balatàru
naso nasca
molare ganğa
polso puusu / punzu / puzu
gamba gamma
ginocchio ginocchiu / gunocchiu / jinocchiu
gomito guvitu
mano destra / sinistra manu 'ritta / manca
mancino mancusu
orecchia / orecchie gricchia / 'ricchia; gricchî / 'ricchî
sbattere truzzàri
malmenato / maltrattato / pestato sminchiàtu
Agrigentino /Giurgintano
Parlato in Italia
Parlato in Sicilia

Filogenesi Lingue indoeuropee
 Italiche
  Romanze
   Siciliano
     Agrigentino /Giurgintano

Espressioni e modi di dire[modifica | modifica wikitesto]

L'agrigentino è ricchissimo di espressioni e modi di dire talvolta molto complessi e coloriti, i quali fanno spesso parte integrante della conversazione, al punto di riuscire a comunicare un intero e complesso concetto o sensazione attraverso poche o addirittura singole parole. Difatti si sostiene che utilizzando le espressioni tipiche, il concetto venga espresso con maggior effetto all'interlocutore.

  • Pani schìttu e spinsiratu: "pane semplice e libertà" (frase che indica uno stato di di modestia o semplicità ma di libertà)
  • Ccà ci vuoli un cuteddru e un cannavazzu: "qui servono un coltello ed uno straccio" (frase utilizzata in segno di minaccia)
  • Semu muru cu muru cu' spitali: "siamo muro a muro con l'ospedale" (indica uno stato di fragilità delle cose)
  • Cani ca 'un canusci patruni: "cane che non riconosce nessun padrone" (indica qualcuno che non dà retta a nessuno)
  • U megliu cavaddru addivintà zzòppu: "il migliore dei cavalli è venuto zoppo" (per descrivere delusione riguardo a qualcuno)
  • Sta quaglia 'un potti vulari: "questa quaglia non è potuta volare" (per indicare un affare che non è andato in porto)
  • Già ca ù pitrusinu era musciu, ci jì u'gattu e ci piscià di 'ncapu: "Non solo il prezzemolo era già appassito, è arrivato il gatto e ci ha anche urinato sopra" (ironicamente indica una cosa che di per sé va male e si aggiunge ad essa un peggioramento)
  • Mi misi l'acqua d'intra e u cannolu fora : "Ho messo l'acqua dentro casa ed il rubinetto fuori" (indica che si è fatto un errore dannoso)
  • Megliu scarsu n'a purrazza, ca grassu n'a zammataria : "È preferibile poco dai resti, che tanto dalla trappola" (questo modo di dire è basato sul comportamento dei topi, ma in italiano corrisponde con il modo di dire: Meglio un uovo oggi, che una gallina domani)

Grammatica[modifica | modifica wikitesto]

Verbi[modifica | modifica wikitesto]

È bene dire prima di tutto che alcune espressioni usano forme grammaticali diverse dall'italiano. L'ausiliare di molti verbi è "avere" quando in Italiano è "essere" ( come in Francese). Un esempio è nell'espressione per dire "Io sono stato qui" che si traduce: "Iu haiu statu ccà". In ogni caso l'uso di tempi composti è ristretto a pochi casi - per ex. "haiu statu malatu" ( sono stato malato) - e fuori da questi è sentito come "faticoso" se non scorretto addirittura. L'uso più frequente e corretto è quello del passato remoto e dell'imperfetto. Nessuno direbbe "haiu statu a sentiri" ( sono stato a sentire) bensì " stetti a sentiri", oppure " haiu mangiatu bonu" ( ho mangiato bene) ma "mangiavu bonu". Il Futuro è ancora più raro dato che si usano circonlocuzioni come "quannu ci vaiu" ( quando ci vado) per " ci andrò" o " vegnu a curriri" ( vengo a correre) per " correrò" o "quannu partu" ( quando parto) per "partirò", dato che la forma del futuro non esiste se non come italianismo, ma più sovente fuori di Agrigento ( "farraggiu" per "farò" nel Catanese).

Il verbo "essere - èssiri"
italiano siciliano
io sono io sono stato iu sugnu iu haiu statu
tu sei tu sei stato tu si tu ha statu
lui/lei è lui/lei è stato/a iddru/iddra è iddru/iddra ha statu
noi siamo noi siamo stati nantri semu nantri hamu statu
voi siete voi siete stati vavutri siti vavutri hatu statu
loro sono loro sono stati iddri sunnu iddri hannu statu
Il verbo "avere - aviri" modo finito, indicativo presente
italiano siciliano
io ho io ho avuto iu haiu iu haiu avutu
tu hai tu hai avuto tu ha tu ha avutu
lui/lei ha lui/lei ha avuto iddru/iddra havi iddru/iddra ha avutu
noi abbiamo noi abbiamo avuto nantri avemu nantri hamu avutu
voi avete voi avete avuto vavutri aviti vavutri hata avutu
loro hanno loro hanno avuto iddri hannu iddri hannu avutu

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riconoscendo l'arbitrarietà delle definizioni, nella nomenclatura delle voci viene usato il termine "lingua" se riconosciute tali nelle norme ISO 639-1, 639-2 o 639-3. Per gli altri idiomi viene usato il termine "dialetto".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]