Breuil-Cervinia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Breuil-Cervinia
frazione
Panorama estivo della località
Panorama estivo della località
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Valle d'Aosta-Stemma.svg Valle d'Aosta
Provincia Non presente
Comune Valtournenche-Stemma.png Valtournenche
Territorio
Coordinate 45°56′04″N 7°37′52″E / 45.934444°N 7.631111°E45.934444; 7.631111 (Breuil-Cervinia)Coordinate: 45°56′04″N 7°37′52″E / 45.934444°N 7.631111°E45.934444; 7.631111 (Breuil-Cervinia)
Altitudine 2.050 [1] m s.l.m.
Abitanti 700[2]
Altre informazioni
Cod. postale 11021
Prefisso 0166
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti Breuilliençois
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Breuil-Cervinia

Breuil-Cervinia è una località appartenente al comune di Valtournenche (Valle d'Aosta).

Toponimo[modifica | modifica sorgente]

Breuil è il nome originario in francese, probabilmente derivato dalla voce arpitana breuil o braoulé, indicante i piani paludosi di montagna, toponimo molto diffuso in Valle d'Aosta. Cervinia è quello italiano assegnato alla località in epoca fascista.

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Breuil-Cervinia sorge a 2050 m s.l.m. presso il limite settentrionale della Valtournenche, alle pendici del Monte Cervino: dista 27 km da Châtillon, 30 da St.-Vincent e circa 50 da Aosta. La distanza, in linea d'aria, da Zermatt, è di circa 10 km.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Il clima di Breuil-Cervinia è di tipo alpino: gli inverni sono freddi, con intense nevicate, e le temperature scendono molto frequentemente sotto lo zero. Le estati sono fresche e brevi.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il turismo a Breuil-Cervinia si inizia a sviluppare alla fine dell'Ottocento, quando sono numerosi gli alpinisti che raggiungono la località per conquistare la vetta del Monte Cervino. Con la nascita dello sci alpino anche i pendii attorno a Cervinia diventano meta dei primi sciatori. Nella zona sorgono i primi insediamenti turistici, la località inizia quindi a trasformarsi da semplice alpeggio a meta turistica.
Nel 1934 alcuni imprenditori piemontesi fondarono la Società Cervino con l'obiettivo di trasformare Breuil-Cervinia in un'importante meta turistica, tramite la realizzazione di moderni impianti di risalita. Due anni dopo venne quindi inaugurata la funivia Breuil-Plan Maison, realizzata dalla ditta Ceretti Tanfani, che permetteva di raggiungere i 2555 m s.l.m. di Plan Maison. Nel 1939 la ditta Agudio realizzò poi una nuova funivia che da Plan Maison saliva ai 3480 m s.l.m. della Testa Grigia, tra i ghiacci perenni del Plateau Rosa, al confine con la Svizzera. Si trattava di uno degli impianti più moderni del mondo, sicuramente quello più alto d'Italia. Nel dopoguerra vennero realizzati i primi skilift intorno a Breuil-Cervinia e a Plan Maison.
Nel 1952, su impulso del conte Dino Lora Totino, fu realizzata una nuova ed arditissima funivia che da Plan Maison raggiungeva il monte Furggen. Si trattava di una funivia a campata unica, ed era talmente lunga che per il tracciamento della stessa il progettista dovette tenere conto anche della curvatura terrestre.
Nel 1961 la funivia Plan Maison-Cime Bianche-Plateau Rosa fu sostituita da un nuovo impianto realizzato dalla Piemonte Funivie. Nel 1963 anche la funivia Breuil-Plan Maison, primo impianto realizzato a Breuil-Cervinia, fu sostituita da una nuova e capiente funivia; a fianco di questa ne venne realizzata anche una seconda, al fine di raddoppiare la portata oraria degli impianti. Nel 1972 venne realizzata dalla ditta Leitner la prima seggiovia biposto presso Cielo Alto. Nel 1982 fu realizzato il collegamento con gli impianti sciistici di Valtournenche. Nel 1986 la funivia Breuil-Plan Maison 1 fu sostituita da una cabinovia a 6 posti Leitner, mentre nel 1988 fu aperta la lunga cabinovia Plan Maison-Laghi Cime Bianche. Nel 1991 la funivia di Plateau Rosa fu sostituita da una funivia con cabine da 140 persone, opera della ditta Hölzl. Le funi di acciaio di Cime Bianche sono state prodotte dalla ditta Redaelli di Gardone Val Trompia.

In seguito Breuil-Cervinia iniziò a patire un calo di presenze. Anche per questo nel 1993 venne chiusa e abbandonata la funivia del Furggen, scarsamente utilizzata ed inoltre fortemente danneggiata a causa di un incidente[3]. Nonostante ciò, nel 1995 venne realizzata la prima seggiovia ad ammorsamento automatico, denominata Bontadini, in sostituzione di un precedente skilift. Vennero potenziati anche gli impianti di innevamento artificiale. Tre anni dopo vennero costruite le seggiovie automatiche quadriposto Plan Maison e Fornet, in sostituzione degli skilift. Il nuovo millennio vide la Società Cervino in notevoli difficoltà economiche ed impossibilitata ad investire nella stazione. Nel 2006 grazie ai finanziamenti regionali fu possibile realizzare due moderne seggiovie, chiamate Crétaz e Campetto, in sostituzione dei vecchi skilift. Nel 2008 le sempre maggiori difficoltà finanziarie portarono la famiglia Cravetto, storico gestore degli impianti di Breuil-Cervinia, a decidere di vendere le quote di maggioranza della Cervino SpA. Queste furono acquistate dalla Regione Valle d'Aosta (il 70% circa; il restante 30% gestito tra privati), e la società divenne quindi pubblica, come la maggior parte delle controparti valdostane operanti nel settore. Il primo passo della nuova gestione verso l'ammodernamento è stato fatto nel 2009, con l'inaugurazione della seggiovia esaposto Pancheron. Nel 2010, tuttavia, è stata tolta la seggiovia biposto Bardoney, che era stata costruita nel 1980 in sostituzione all'omonimo vecchio e inadatto skilift. Per molti è stato un passo indietro[4].
Per la stagione 2011-2012 la funivia del Plateau Rosa è stata rinnovata ad opera della ditta Doppelmayr[5].

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

Via Jean-Antoine Carrel, la via principale
  • Lago Blu: è un piccolo lago sotto l'abitato di Cervinia nel quale si specchia il Cervino, il gigante della valle.
  • Lago Goillet (2550 m): è un lago artificiale chiuso da una diga; serve per la produzione di energia idroelettrica e anche per l'innevamento programmato delle piste.
  • Plateau Rosa (3550 m): punto più alto del settore italiano raggiungibile con gli impianti di risalita (anche da non sciatori). È presente un punto d'osservazione da cui sono visibili numerose cime alpine tra cui il Monviso, il Monte Bianco e ovviamente il Cervino.

Musei[modifica | modifica sorgente]

Turismo[modifica | modifica sorgente]

La principale risorsa di Breuil-Cervinia è il turismo; è infatti una delle località sciistiche più famose dell'arco alpino. Gli impianti sono collegati con quelli di Zermatt, sul versante svizzero del Cervino, e con quelli di Valtournenche, formando così un unico comprensorio sciistico (con oltre 350 km di piste), chiamato Matterhorn Ski Paradise.

Grazie all'altezza considerevole del comprensorio (2000-3500 metri sul lato di Cervinia, ma si sale fino a 3900 metri con gli impianti svizzeri), la stagione sciistica si prolunga dai primi di novembre ai primi di maggio. È inoltre possibile praticare lo sci estivo sulle piste del ghiacciaio del Plateau Rosa, utilizzando gli impianti svizzeri.

La telecabina Cime Bianche e, sullo sfondo, il Cervino
La funivia che porta da Cime Bianche Laghi al ghiacciaio del Plateau Rosa, a quota 3480 m

D'estate si può giocare a golf presso il Golf Club del Cervino, a 18 buche, uno dei campi situati ad altezza più elevata nel mondo (con i suoi 2050 m), fondato nel 1955. Durante i mesi invernali lungo il tracciato del campo di golf si snoda una pista per la pratica dello sci di fondo.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Impianti sciistici[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Matterhorn Ski Paradise.

Il comprensorio sciistico è molto vasto e garantisce buone qualità della neve durante la stagione, essendo molto alto (2000–3500 m di quota). Attualmente (stagione 2012-2013), gli impianti sciistici sono i seguenti:

  • Cabinovia Breuil-Plan Maison, costruita dalla ditta Leitner nel 1986 e rinnovata nel 2006 (con sostituzione delle vecchie cabine Leitner con cabine della ditta svizzera CWA)
  • Funivia Breuil-Plan Maison 2, costruita dalla ditta Ceretti Tanfani nel 1963
  • Seggiovia esaposto Pancheron, costruita dalla ditta Leitner nel 2009
  • Seggiovia esaposto Crétaz, costruita dalla ditta Leitner nel 2006
  • Funivia Laghi Cime Bianche-Plateau Rosa, costruita dalla ditta Hölzl nel 1991, rinnovata nel 2011
  • Seggiovia biposto Cielo Alto, costruita dalla ditta Leitner nel 1972, ristrutturata nel 2005
  • Seggiovia quadriposto Campetto, costruita dalla ditta Leitner nel 2006
  • Skilift baby La Vieille, costruito dalla ditta Leitner nel 1990
  • Seggiovia quadriposto Plan Maison, costruita dalla ditta Leitner nel 1998
  • Seggiovia quadriposto Fornet, costruita dalla ditta Leitner nel 1998
  • Seggiovia quadriposto Bontadini, costruita dalla ditta Leitner nel 1995
  • Cabinovia Plan Maison-Laghi Cime Bianche, costruita dalla ditta Leitner nel 1988 e rinnovata nel 2008
  • Seggiovia triposto Lago Goillet, costruita dalla ditta Leitner nel 1988
  • Tapis roulant Crétaz, costruito nel 2006
  • Tapis roulant Plan Maison, costruito nel 2010

Breuil-Cervinia è collegata, tempo permettendo, con Zermatt (nel periodo di apertura degli impianti italiani) tramite il ghiacciaio del Plateau Rosa sul quale si pratica anche lo sci estivo, e con Valtournenche tramite il Colle superiore delle Cime Bianche.

Impianti downhill[modifica | modifica sorgente]

In estate si può praticare il downhill su sentieri attrezzati. Molto nota la competizione della Maxiavalanche, che viene organizzata intorno ad agosto e che consiste in una discesa dai 3500 m. del ghiacciaio del Plateau Rosa alla località di Cervinia. Nel 2011 sono stati inseriti altre due tracciati, che hanno portato a ben quattro i percorsi per la pratica del downhill e del freeride[senza fonte]. La località punta fortemente su questa attività per il rilancio estivo del turismo.

Ciclismo[modifica | modifica sorgente]

Il traguardo del Giro 2012

Per tre volte Breuil-Cervinia è stata sede di arrivo di una tappa del Giro d'Italia, nel 1960, nel 1997 e nel 2012[6].


Tappe del Giro d'Italia con arrivo a Breuil-Cervinia
Anno Tappa Partenza km Vincitore di tappa Maglia rosa
1960 12ª Asti 176 Italia Addo Kazianka Belgio Jos Hoevenaers
1997 14ª Racconigi 238 Italia Ivan Gotti Italia Ivan Gotti
2012 14ª Cherasco 205 Costa Rica Andrey Amador Canada Ryder Hesjedal

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Quota della vecchia chiesetta, in centro al paese
  2. ^ sd
  3. ^ [1]
  4. ^ Breuil Cervinia - Sci e neve a Cervinia
  5. ^ Spazio dedicato alla funivia sul sito di Cervinia
  6. ^ Giro d'Italia: tappa Cherasco-Cervinia - 19 maggio - cervinia.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]