Zermatt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zermatt
comune
Zermatt – Stemma
Zermatt e il Cervino
Zermatt e il Cervino
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Wallis matt.svg Vallese
Distretto Visp
Amministrazione
Lingue ufficiali Tedesco
Territorio
Coordinate 46°01′N 7°45′E / 46.016667°N 7.75°E46.016667; 7.75 (Zermatt)Coordinate: 46°01′N 7°45′E / 46.016667°N 7.75°E46.016667; 7.75 (Zermatt)
Altitudine 1.616[1] m s.l.m.
Superficie 242,67 km²
Abitanti 5 746 (31.12.2011)
Densità 23,68 ab./km²
Frazioni Blatten, Findeln, Gornergrat, Ried, Schwarzsee, Z'mutt
Comuni confinanti Alagna Valsesia (IT-VC), Ayas (IT-AO), Ayer, Bionaz (IT-AO), Evolène, Gressoney-La-Trinité (IT-AO), Macugnaga (IT-VB), Randa, Saas-Almagell, Täsch, Valtournenche (IT-AO)
Altre informazioni
Cod. postale 3920
Prefisso 027
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 6300
Targa VS
Nome abitanti Zermatter
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Zermatt
Zermatt – Mappa
Sito istituzionale

Zermatt (Praborgne in francese) è un comune svizzero del Canton Vallese di 5.746 abitanti, a 1616[1] metri d'altezza. È situato in fondo alla Mattertal, nella sezione est del Canton Vallese. La fama di Zermatt è data dalla famosa montagna che sovrasta il piccolo paesino vallesano, il Cervino (in tedesco Matterhorn). Zermatt è anche la patria dello sci alpino, con numerosi impianti di risalita e molti chilometri di piste.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La storia di Zermatt risale ai tempi antichi: le prime testimonianze risalgono addirittura al 1280. Per il paesino va ricordato importante l'anno 1618, durante il quale il paese riuscì a comperare la sua libertà dalla famiglia nobile a cui apparteneva. Il leone sullo stemma del paese ricorda la conquista dell'indipendenza e il desiderio di libertà dei suoi abitanti. Col passare del tempo, all'inizio dell'Ottocento, Zermatt era un modesto villaggio di montagna, costituito da numerose case arse e rimesse di legno. Dopo la metà dell'Ottocento Zermatt, assieme a Chamonix, e in Italia a Courmayeur e a Macugnaga divenne la capitale dell'alpinismo, essenzialmente praticato dagli inglesi. Ed è proprio a Zermatt che la storia dell'alpinismo conobbe una delle sue più belle (e tragiche) pagine, quando nel 1865 durante la prima discesa dalla vetta del Cervino si è consumata la sorte di quattro degli eroici alpinisti.

Nel 1964 venne inaugurata la diga di Z'Mutt.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

La vecchia stazione di Zermatt con la Gornergratbahn intorno al 1900.

Zermatt è una zona senza auto a motore. Il collegamento principale con le altre regioni è assicurato dalla ferrovia a scartamento ridotto gestita dalla Matterhorn-Gotthard-Bahn (MGB). La linea di 35 km, aperta nel 1891, collega Zermatt a Visp, dove ci sono collegamenti per tutte le direzioni. Su questa linea in direzione di Visp, Brig, Andermatt e Disentis circola anche il famoso Glacier-Express. Le automobili private devono essere parcheggiate a Täsch, 6 km prima di Zermatt. Da qui un treno pendolare porta a Zermatt con una frequenza di 20 minuti. In alternativa, alcune società di taxi offrono il trasporto.

Il Cervino[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cervino.
« È il simbolo della Svizzera, la montagna più bella del mondo, la più fotografata, la cima delle cime per i veri scalatori: il Cervino »
(Zermatt Turismo)

Il Cervino è la "montagna" di Zermatt, è l'emblema della Svizzera, conferisce a Zermatt in ogni stagione il suo cachet unico al mondo. È una piramide formata da quattro pareti, tre in Svizzera e una in Italia: La parete sud domina Cervinia ed è ampia e solcata da numerosi canaloni; quella ovest è la più selvaggia e appartata; quella nord, severa e glaciale, costituì, insieme alle nord delle Grandes Jorasses e dell'Eiger il sogno di conquista degli alpinisti degli anni trenta; la parete est, snella e regolare, è quella che appare più frequentemente nelle immagini della montagna. Sono questi due ultimi versanti che si mostrano in tutta la loro bellezza e eleganza da Zermatt.

In data 14 luglio 1865 il Cervino (4478 metri s.l.m.) venne scalato per la prima volta da Edward Whymper, ma durante quella spedizione quattro delle sette persone persero la vita. Durante la discesa il meno esperto del gruppo, Hadow, scivolò finendo addosso al primo di cordata, la guida Michel Croz, e trascinando i successivi due componenti Hudson e Lord Douglas. Si salvarono Whymper e i due Taugwalder.

Oggigiorno la maggior parte degli alpinisti sceglie di scalare il Cervino dalla cresta Nord-est, passando per la regione dello Schwarzsee, fino a raggiungere la capanna Hörnlihütte. Una salita che può durare da 4 a 6 ore sull'Hörnligrat porta fino alla cima della montagna. A metà strada è situato il bivacco di emergenza Solvayhütte (situato a 4003 metri). Circa 3000 alpinisti cercano ogni anno di raggiungere la vetta[senza fonte]. Il Cervino è anche capace di offrire una natura incontaminata e selvaggia ed una flora e fauna uniche nel suo genere. Ad esso sono legate la storia dell'alpinismo, la storia delle guide alpine, delle spedizioni di soccorso in alta montagna e naturalmente degli sport invernali.

L'origine del Cervino non è europea, ma è da attribuire all'Africa. Circa 90 milioni di anni fa la placca continentale africana scivolò sotto quella europea e da lì la nascita di questa meravigliosa piramide.

Il Museo del Cervino[modifica | modifica sorgente]

A Zermatt è presente pure il famoso ed apprezzato Museo del Cervino, il quale racconta, tramite foto, testimonianze ed oggetti, la storia del Cervino. Il museo è una ricostruzione di Zermatt nel XIX secolo. E si scoprirà quanto ha da offrire la celebre montagna.

Matterhorn Ski Paradise[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Matterhorn Ski Paradise.

Inverno: L'immensa zona sciistica del Matterhorn Ski Paradise si estense da Rothorn Paradise e Gornergrat, fino al noto Matterhorn Glacier Paradise. In totale in inverno è possibile praticare lo sci alpino con 183 km di piste.

Estate: Anche in estate è possibile sciare a Zermatt nella zona del Matterhorn Glacier Paradise (il più grande comprensorio di sci estivo d'Europa), grazie al ghiacciaio del Plateau Rosa.

Zermatt è collegata (tempo permettendo) con Breuil-Cervinia e Valtournenche, nel periodo di apertura degli impianti italiani, per un totale di circa 350 km di piste.

Il Matterhorn Ski Paradise si divide in varie zone, veri e propri parardisi per lo sci in inverno ed escursionistici durante la stagione estiva:

  • Matterhorn Glacier Paradise
  • Rothorn Paradise
  • Sunegga Paradise
  • Schwarzsee Paradise
  • Gornergrat

Matterhorn Glacier Paradise[modifica | modifica sorgente]

Nella zona del Matterhorn Glacier Paradise si trova il punto più alto accessibile con gli sci, il Piccolo Cervino, (Klein Matterhorn in tedesco - 3883 metri s.l.m). Si prende l'ovovia Matterhorn Express fino a Furi (1864 metri s.l.m.); da lì si può scegliere se abbandonare la telecabina per salire su una più veloce funivia che porta direttamente fino al Trockener Steg (2939 metri s.l.m.), o rimanere sull'ovovia e raggiungere il Trockener Steg in 20 minuti circa. Da qui si raggiunge con un'altra funivia il Klein Matterhorn. Il panorama è di 360°: Monte Rosa, Alpi Svizzere, Alpi Pennine, Monte Bianco e Monviso

Schwarzsee Paradise[modifica | modifica sorgente]

Da Zermatt, attraverso una cabinovia ad 8 posti, si raggiunge in breve tempo lo Schwarzsee (Lago Nero - 2583 metri s.l.m.), direttamente ai piedi del Cervino. Si tratta del punto panoramico più vicino ad esso. Da qui partono varie escursioni; tra queste vi è la passeggiata fino alla capanna alpina Hörnlihütte, a 3260 metri s.l.m., che rappresenta il punto di partenza per la scalata del Cervino.

Rothorn Paradise[modifica | modifica sorgente]

La stazione a valle parte direttamente a 5 minuti dal centro di Zermatt. Grazie ad una funicolare sotterranea si raggiunge Sunnegga Paradise. Con una telecabina (d'inverno anche seggiocabinovia) si raggiunge poi Blauherd e, grazie ad una funivia, si raggiunge la vetta del Rothorn (3103 metri s.l.m.), dove vi è un ristorante. Sulla montagna si trova pure il sentiero più alto, l'impressionante Strada della Libertà sul Cervino. in tre ore è possibile raggiungere la cima dell'Oberrothorn (3415 metri s.l.m.).

Sunnegga Paradise[modifica | modifica sorgente]

Il Sunnegga Paradise è un interessante punto di osservazione delle marmotte, infatti è possibile ammirare dal vivo questi simpatici animaletti e conoscere maggiori informazioni su di loro. Una telecabina a 8 posti porta a Blauherd, in cui si trova un grand parco giochi (Paradiso degli Gnomi) con posto grigliate per giovani e meno giovani. Da Blauherd parte la "Via delle Marmotte", un sentiero tematico dedicato alla marmotta, che rientra fino a Sunegga Paradise.

Gornergrat[modifica | modifica sorgente]

« Inconfondibile e libero svetta nel cielo. Il Cervino, simbolo nazionale, ruba la scena ai 37 quattromila che lo circondano. L'aria limpida regala una vista senza confini. E la Ferrovia del Gornergrat ti ci porta. È vero: intorno a Zermatt sei più vicino al cielo »
(Svizzera Turismo)

Da Zermatt un trenino elettrico percorre la tratta ripida fino in cima al Gornergrat (3089 metri s.l.m.). Le più importanti stazioni che il trenino tocca sono le seguenti:

  • Riffelalp: dalla stazione di Riffelalp un tram rosso porta all'albergo Riffelalp Resort 2222*****. In autunno la zona ospita lo Zermatt Festival.
  • Riffelberg: in inverno è il punto ideale dove i principianti dello sci si possono esercitare (grandi e piccoli). In estate è il punto di partenza per il Riffelhorn, una parete per arrampicate molto apprezzata.
  • Rotenboden: in prossimità è situato il Villaggio Igloo e una pista per slittini. Da qui parte anche il sentiero per la Monte Rosa Hütte.
  • Gornergrat: è la stazione finale, laddove si trova l'albergo Kulmhotel Gornergrat, che è l'hotel più ad alta quota delle Alpi Svizzere.

Altre stazioni minori sono:

  • Findelbach (1774 m).
  • Landtunnel (2060 m).

Il Matterhorn Glacier Paradise, lo Schwarzsee Paradise, il Gornergrat e il Sunnegga Paradine sono aperti tutto l'anno.

Ripartizione linguistica[modifica | modifica sorgente]

 % Ripartizione linguistica (gruppi principali)
Fonte: Ritratti comunali dell'Ufficio federale di statistica 2000
68,4% madrelingua tedesca
7,9% madrelingua italiana
12% madrelingua portoghese

Galleria di immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Altitudine presente sulle mappe del sito topografico svizzero

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera