Unione Sportiva Alessandria Calcio 1975-1976

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unione Sportiva Alessandria Calcio
Unione Sportiva Alessandria Calcio 1975-1976.jpg
Stagione 1975-1976
AllenatoreItalia Giacomo Losi, poi
Italia Franco Viviani
All. in secondaItalia Giancarlo Regazzoni
PresidenteItalia Paolo Sacco
Serie C - Gir. A16º posto
Coppa Italia SemiproSedicesimi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Di Brino (37)
Miglior marcatoreCampionato: Marullo (6)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Unione Sportiva Alessandria Calcio nelle competizioni ufficiali della stagione 1975-1976.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 10 luglio 1975: venne presentato il nuovo allenatore, l'ex terzino della Roma e dell'Italia Giacomo Losi[1].
  • 15 luglio: chiusura del mercato estivo. Una campagna acquisti costata oltre mezzo miliardo di lire proiettò l'Alessandria nel novero delle favorite del campionato di Serie C. Alla fine del mese la squadra partì per Voltaggio, sede del ritiro[2].
  • 4 agosto: il memoriale di un ex dirigente del Brindisi indusse l'ufficio inchieste della FIGC a istituire un processo per illecito sportivo. La gara in esame era Brindisi-SPAL, del campionato di Serie B appena concluso. Per l'Alessandria, che aveva chiuso il torneo retrocedendo al terzultimo posto, si concretizzarono dunque chance di ripescaggio tra i cadetti[3]. A causa del protrarsi della vicenda, il debutto in campionato contro il Sant'Angelo previsto per il 14 settembre venne rinviato al 1º ottobre[4].
  • 11 settembre: il Brindisi venne assolto dalle accuse d'illecito sportivo per insufficienza di prove. L'Alessandria rimase in Serie C[5].
  • 18 settembre: malgrado il passaggio del turno in Coppa Italia Semipro e nonostante non l'Alessandria non avesse ancora disputato alcuna gara di campionato, Losi fu esonerato per divergenze tecniche col presidente Sacco, determinato a ridurre i costi di gestione della società. Al suo posto fu chiamato Franco Viviani[6].
  • 19 ottobre: alla sesta giornata il Monza batté i grigi e si portò a +3 dalle seconde classificate. L'Alessandria era già staccata di sei punti, bloccata al quattordicesimo posto[7].
  • 31 ottobre: chiusura del mercato autunnale. La squadra costruita in estate fu smantellata tra le proteste dei tifosi. Sacco annunciò di voler mettere in vendita la società[8]. Pochi giorni dopo l'Alessandria fu eliminata dalla Coppa Italia, per mano del Lecco.
  • 23 novembre: la vittoria col Vigevano permise all'Alessandria di riprendere quota. Dopo undici turni si ritrovò ottava, sempre staccata di sei lunghezze dal Monza capolista e di tre dal secondo posto, occupato dal Padova[9].
  • 18 gennaio 1976: con la sconfitta di Trento, la squadra suggellò un ciclo negativo di sette gare senza vittorie e senza alcuna rete all'attivo. La situazione in classifica migliorò sensibilmente dopo la vittoria contro il Padova del 25 gennaio: al giro di boa l'Alessandria era dodicesima a 18 punti, quattordici in meno del Monza e cinque in più delle quartultime Albese e Trento[10].
  • 29 febbraio: la quarta sconfitta nelle prime cinque gare del ritorno relegò definitivamente l'Alessandria nella parte destra della classifica. Solo i pessimi risultati delle ultime tre (Vigevano, Trento e Belluno) garantivano un certo margine di tranquillità ai grigi, quart'ultimi[11].
  • 28 marzo: prima e ultima vittoria esterna del campionato, sul campo del derelitto Belluno. Pur non brillando, e malgrado gli infortuni degli esperti Colombo, Dolso e Vanara, la squadra riusciva ad amministrare con costanza il distacco dalle ultime tre classificate[12].
  • 5 maggio: sciopero dei calciatori, che saltarono l'amichevole infrasettimanale contro la Valenzana per ritardi nella consegna degli ultimi stipendi. La situazione si normalizzò il giorno dopo, e il 9 la squadra disputò una delle gare più convincenti della stagione battendo la Pro Patria in uno stadio semivuoto[13]. Con questa vittoria l'Alessandria ottenne la matematica salvezza in un torneo che già a quattro giornate dalla fine conosceva con certezza la vincitrice e le retrocesse[14].
  • 6 giugno: fine del campionato. L'Alessandria, al suo minimo storico, chiuse un campionato assolutamente al di sotto delle aspettative con tre sconfitte, in un clima di grande malcontento verso la gestione Sacco[15][16].

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª divisa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª divisa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

[17]

Area direttiva

  • Presidente: Paolo Sacco
  • Amministratore unico: Gino Ressia

Area tecnica

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

[17][18]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Sergio Favot
Italia P Tiberio Brutti
Italia P Flavio Pozzani
Italia P Adriano Zanier
Italia D Antonio Alberti
Italia D Ambrogio Borghi
Italia D Fabio Cazzola
Italia D Antonio Colombo
Italia D Franco Corigliano
Italia D Marcello Di Brino
Italia D Ivan Ghezzi
Italia D Gian Luigi Maggioni
Italia D Attilio Maldera (II)
Italia C Glauco Di Benedetto
Italia C Alberto Di Meo
Italia C Arrigo Dolso
N. Ruolo Giocatore
Italia C Sergio Galassi
Italia C Pier Luigi Giani
Italia C Danilo Pileggi
Italia C Giuseppe Pillon
Italia C Edoardo Reja
Italia C Elio Rinero
Italia C Luciano Sacchi
Italia C Andrea Valdinoci
Italia C Elio Vanara
Italia A Pietro Baisi
Italia A Emilio Frigerio
Italia A Antonio Marcolini
Italia A Michele Marullo
Italia A Walter Procaccini
Italia A Giancarlo Pulitelli

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie C[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie C 1975-1976.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Treviso
21 settembre 1975
Treviso 2 – 2 Alessandria Stadio Omobono Tenni
Arbitro Lapi (Firenze)

Alessandria
28 settembre 1975
Alessandria 0 – 0 Mantova Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Bitocchi (Tivoli)

Alessandria
1º ottobre 1975
Alessandria 2 – 0 Sant'Angelo Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Colasanti (Roma)

Udine
5 ottobre 1975
Udinese 1 – 0 Alessandria Stadio Friuli
Arbitro Falasca (Chieti)

Alessandria
12 ottobre 1975
Alessandria 1 – 1 Lecco Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Grillenzoni (Finale Emilia)

Monza
19 ottobre 1975
Monza 1 – 0 Alessandria Stadio Gino Alfonso Sada
Arbitro Lanzetti (Viterbo)

Alessandria
26 ottobre 1975
Alessandria 1 – 0 Juniorcasale Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Tani (Livorno)

Alba
1º novembre 1975
Albese 0 – 0 Alessandria Stadio San Cassiano
Arbitro Redini (Pisa)

Alessandria
9 novembre 1975
Alessandria 2 – 1 Belluno Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro D'Elia (Salerno)

Bolzano
16 novembre 1975
Bolzano 1 – 0 Alessandria Stadio Druso
Arbitro Lanzafame (Taranto)

Alessandria
23 novembre 1975
Alessandria 3 – 1 Vigevano Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Baldari (Roma)

Vercelli
30 novembre 1975
Pro Vercelli 0 – 0 Alessandria Stadio Leonida Robbiano
Arbitro Bergamo (Livorno)

Chioggia
7 dicembre 1975
ClodiaSottomarina 2 – 0 Alessandria Stadio Aldo e Dino Ballarin
Arbitro Ballerini (La Spezia)

Alessandria
14 dicembre 1975
Alessandria 0 – 0 Venezia Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Tempio (Catania)

Alessandria
4 gennaio 1976
Alessandria 0 – 0 Seregno Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Gazzari (Macerata)

Busto Arsizio
7 gennaio 1976
Pro Patria 0 – 0 Alessandria Stadio Comunale
Arbitro Patrussi (Arezzo)

Alessandria
11 gennaio 1976
Alessandria 0 – 1 Cremonese Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Migliore (Salerno)

Trento
18 gennaio 1976
Trento 1 – 0 Alessandria Stadio Briamasco
Arbitro Tani (Livorno)

Alessandria
25 gennaio 1976
Alessandria 2 – 0 Padova Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Bei (Roma)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Sant'Angelo Lodigiano
1º febbraio 1976
Sant'Angelo 4 – 2 Alessandria Stadio Comunale
Arbitro Vitali (Bologna)

Alessandria
8 febbraio 1976
Alessandria 0 – 1 Treviso Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Prestigiovanni (Trapani)

Mantova
15 febbraio 1976
Mantova 1 – 0 Alessandria Stadio Danilo Martelli
Arbitro Lapi (Firenze)

Alessandria
22 febbraio 1976
Alessandria 1 – 0 Udinese Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Panzino (Catanzaro)

Lecco
29 febbraio 1976
Lecco 3 – 1 Alessandria Stadio Mario Rigamonti
Arbitro Redini (Pisa)

Alessandria
7 marzo 1976
Alessandria 1 – 0 Monza Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro D'Elia (Salerno)

Casale Monferrato
14 marzo 1976
Juniorcasale 2 – 1 Alessandria Stadio Natale Palli
Arbitro Patrussi (Arezzo)

Alessandria
21 marzo 1976
Alessandria 0 – 0 Albese Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Marino (Taranto)

Belluno
28 marzo 1976
Belluno 0 – 1 Alessandria Stadio Polisportivo
Arbitro Pieroni (Fabriano)

Alessandria
4 aprile 1976
Alessandria 1 – 0 Bolzano Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Lazzaroni (Milano)

Vigevano
11 aprile 1976
Vigevano 2 – 0 Alessandria Stadio Comunale
Arbitro Foschi (Forlì)

Alessandria
18 aprile 1976
Alessandria 0 – 0 Pro Vercelli Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Morganti (Ascoli Piceno)

Alessandria
25 aprile 1976
Alessandria 1 – 0 ClodiaSottomarina Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Zuffi (Ravenna)

Venezia
2 maggio 1976
Venezia 2 – 1 Alessandria Stadio Pierluigi Penzo
Arbitro Lanzetti (Viterbo)

Alessandria
9 maggio 1976
Alessandria 3 – 0 Pro Patria Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Prato (Lecce)

Seregno
16 maggio 1976
Seregno 1 – 1 Alessandria Stadio Ferruccio
Arbitro Carvani (Piacenza)

Cremona
23 maggio 1976
Cremonese 1 – 0 Alessandria Stadio Giovanni Zini
Arbitro Gazzari (Macerata)

Alessandria
30 maggio 1976
Alessandria 0 – 2 Trento Stadio Giuseppe Moccagatta
Arbitro Adamu (Cagliari)

Padova
6 giugno 1976
Padova 1 – 0 Alessandria Stadio Silvio Appiani
Arbitro Manfredini (Pavia)

Coppa Italia Semiprofessionisti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia Semiprofessionisti 1975-1976.

Girone eliminatorio[modifica | modifica wikitesto]

Novi Ligure
24 agosto 1975
Novese 0 – 0 Alessandria Stadio Comunale

Vigevano
27 agosto 1975
Vigevano 2 – 2 Alessandria Stadio Comunale

Alessandria
3 settembre 1975
Alessandria 3 – 0 Novese Stadio Giuseppe Moccagatta

Alessandria
7 settembre 1975
Alessandria 1 – 0 Vigevano Stadio Giuseppe Moccagatta

Sedicesimi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Lecco
15 ottobre 1975
Lecco 2 – 0 Alessandria Stadio Mario Rigamonti
Arbitro Celli (Trieste)

Alessandria
4 novembre 1975
Alessandria 0 – 0 Lecco Stadio Giuseppe Moccagatta

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione[18] Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie C 33 19 10 6 3 18 7 19 1 5 13 9 25 38 11 11 16 27 32 -5
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia Semipro 3 2 1 0 4 0 3 0 2 1 2 4 6 2 3 1 6 4 +2
Totale - 22 12 7 3 22 7 22 1 7 14 11 29 44 13 14 17 33 36 -3

Statistiche dei giocatori[18][modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie C Coppa Italia Semipro Totale
Presenze Reti Presenze Reti Presenze Reti
Alberti, A. A. Alberti 110??11+0+
Baisi, P. P. Baisi 262??26+2+
Borghi, A. A. Borghi 340??34+0+
Cazzola, F. F. Cazzola 161??16+1+
Colombo, A. A. Colombo 331??33+1+
Corigliano, F. F. Corigliano 61??6+1+
Di Benedetto, G. G. Di Benedetto 140??14+0+
Di Brino, M. M. Di Brino 3701+1+38+1+
Di Meo, A. A. Di Meo 30??3+0+
Dolso, A. A. Dolso 262??26+2+
Favot, S. S. Favot 2-2??2+-2+
Frigerio, E. E. Frigerio 284??28+4+
Galassi, S. S. Galassi 91??9+1+
Ghezzi, I. I. Ghezzi 70??7+0+
Giani, P.L. P.L. Giani 305??30+5+
Maggioni, G.L. G.L. Maggioni 60??6+0+
Maldera (II), A. A. Maldera (II) 40??4+0+
Marcolini, A. A. Marcolini 41??4+1+
Marullo, M. M. Marullo 256??25+6+
Pileggi, D. D. Pileggi 40??4+0+
Pillon, G. G. Pillon 290??29+0+
Pozzani, F. F. Pozzani 6-5??6+-5+
Procaccini, W. W. Procaccini 10??1+0+
Pulitelli, G. G. Pulitelli 61??6+1+
Reja, E. E. Reja 250??25+0+
Sacchi, L. L. Sacchi 30??3+0+
Valdinoci, A. A. Valdinoci 50??5+0+
Vanara, E. E. Vanara 250??25+0+
Zanier, A. A. Zanier 31-25??31+-25+

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emma Camagna. Losi: "Un solo obiettivo: tornare subito in Serie B", da «Stampa Sera», 10 luglio 1975, p. 11
  2. ^ Emma Camagna. Mezzo miliardo per una C relax, da «Stampa Sera», 16 luglio 1975, p. 8
  3. ^ Franco Costa. Se Refini è attendibile, da «Stampa Sera», 5 agosto 1975, p. 8
  4. ^ Giorgio Gandolfi. Sentenza per l'illecito, da «Stampa Sera», 11 settembre 1975, p. 8
  5. ^ Accusa di illecito: assolto il Brindisi, dall'«Unità», 12 settembre 1975, p. 10
  6. ^ a b Franco Marchiaro. Alessandria record, Losi già esonerato, dalla «Stampa», 19 settembre 1975, p. 16
  7. ^ Franco Marchiaro. A Monza alt anche per l'Alessandria, da «Stampa Sera», 20 ottobre 1975, p. 14
  8. ^ Carlo Coscia, Franco Marchiaro. Alessandria, i tifosi in piazza: "È ora di finirla con i Sacco", dalla «Stampa», 22 ottobre 1975, p. 15
  9. ^ Risultati, dall'«Unità», 24 novembre 1975, p. 8
  10. ^ Fabio Vergnano. L'Alessandria torna al gol, da «Stampa Sera», 26 gennaio 1976, p. 16
  11. ^ Fabio Vergnano. Alessandria contro la logica, da «Stampa Sera», 1º marzo 1976, p. 9
  12. ^ Franco Mognon. A Belluno la linea verde dell'Alessandria vince, da «Stampa Sera», 29 marzo 1976, p. 16
  13. ^ Caligaris, 2012, p. 132
  14. ^ Risultati, da «Stampa Sera», 10 maggio 1976, p. 16
  15. ^ Franco Marchiaro. Alessandria contestata: incidenti pubblico-allenatore, da «Stampa Sera», 31 maggio 1976, p. 12
  16. ^ Risultati, dall'«Unità», 7 giugno 1976, p. 8
  17. ^ a b Beltrami, 1975, p. 290
  18. ^ a b c Beltrami, 1975, p. 268, 333-334

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mimma Caligaris. Grig100. Alessandria, Il Piccolo, 2012.
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1976. Modena, Panini, 1975.
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1977. Modena, Panini, 1976.
  • La Stampa, annate 1975 e 1976.
  • L'Unità, annate 1975 e 1976.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio