Franco Viviani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Franco Viviani
FrancoViviani.jpg
Nazionalità Italia Italia
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Termine carriera 1961 - giocatore
1995 - allenatore
Carriera
Squadre di club1
1945-1948Livorno1 (0)
1948-1949Piombino11 (3)
1949-1950Livorno9 (0)
1950-1951Genoa1 (0)
1951-1952Fanfulla11 (2)
1952-1953Genoa0 (0)
1953-1954Venezia17 (1)
1954-1956Messina21 (2)
1956-1957Casale4 (0)
1958-1959Lecce28 (5)
1959-1960ArsenalSpezia5 (0)
1960-1961Asti3 (1)
1961Sammargheritese5 (0)
Carriera da allenatore
1961-1964Vigili Urbani Genova
1964-1966Albenga
1966-1967GenoaVice
1967-1969Como
1969-1970Genoa
1970Massese
1971Chiasso
1972-1973Monza
1973-1974Salernitana
1975Chiasso
1975-1977Alessandria
1977-1978Novara[1]
1979-1980Salernitana
1980-1981Acireale[2]
1981-1983Marsala
1983-1984Sanremese
1984-1985Savona
1985-1986Cairese
1988-1989Albenga
1989-1990Juventus Domo
1994-1995Entella Chiavari
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Franco Viviani (Pisa, 22 giugno 1930Genova, 17 maggio 2007) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo attaccante.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Accostato dalla stampa a Helenio Herrera per aver ripreso alcune pratiche d'allenamento — tra cui il riscaldamento in campo e l'utilizzo della piscina — proprie del Mago[3], si distinse inoltre per una celebre battuta nella quale definiva «rossoblu» il cielo.[4]

È deceduto a Genova il 17 maggio 2007[4], col funerale svoltosi due giorni più tardi nella Chiesa di Santa Fede.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Tra i più giovani esordienti nella storia del campionato italiano — essendo sceso in campo appena sedicenne nella partita del 23 giugno 1946 tra Roma e Livorno valevole per la Divisione Nazionale — ha vestito in Serie A la maglia del Genoa (debuttando il 31 dicembre 1950 nella sconfitta di Padova[5]) giocando poi con Venezia, Messina e Lecce nelle categorie inferiori.[4]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

L'esperienza maggiormente rilevante della sua attività in panchina — inaugurata con la squadra dei Vigili Urbani di Genova, condotta alla vittoria di un torneo cittadino —[3] corrisponde alla promozione in B con il Como tramite la vittoria della Serie C 1967-68.[6]

In precedenza secondo di Ghezzi al Grifone, rilevò personalmente l'incarico nell'estate 1969[4]: la permanenza risultò tuttavia di breve durata[7], dacché i soli 7 punti raccolti in 12 giornate ne comportarono l'esonero in dicembre.[8] Ha in seguito condotto, tra le altre, Monza e Salernitana lanciando in granata un giovane Walter Zenga.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Genoa: 1952-1953

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Como: 1967-1968

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1980, edizioni Panini, pag. 275
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1981, edizioni Panini, pag. 357
  3. ^ a b c d Viviani addio, per lui un posto nel cielo rossoblù, in la Repubblica, 18 maggio 2007, p. 22.
  4. ^ a b c d Il Genoa piange Viviani, ex allenatore rossoblù, in La Gazzetta dello Sport, 18 maggio 2007.
  5. ^ Novità nel Genoa ma il Padova vince: 4-0, in Stampa Sera, 1º gennaio 1951, p. 5.
  6. ^ Como-Alessandria 3-1, in Stampa Sera, 17 giugno 1968, p. 10.
  7. ^ Maurizio Caravella, I liguri vanno in vantaggio, poi cedono, in Stampa Sera, 29 settembre 1969, p. 10.
  8. ^ Gigi Boccacini, Sempre più grave la crisi, arriva un nuovo tecnico?, in Stampa Sera, 24 novembre 1969, p. 10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]