Football Club Legnano 1920-1921

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Calcio Legnano.

F.C. Legnano
Stagione 1920-1921
AllenatoreItalia Primo Colombo e
Italia Adamo Bonacina
PresidenteItalia sen. Antonio Bernocchi
Prima Categoria2º nel girone D della Prima Categoria Lombarda, ammesso alla finale Lombarda. 1º alla finale Lombarda, ammesso alle semifinali Nord. 1º nel girone C delle semifinali Nord, rinuncia allo spareggio con il Torino per l'accesso alla finale nazionale del campionato settentrionale.
Maggiori presenzeCampionato: Crespi Gerola, May, Pirovano e Raso (23)
Miglior marcatoreCampionato: Raso (12)
StadioCampo di via Lodi

Questa pagina raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Legnano nelle competizioni ufficiali della stagione 1920-1921.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Tosi, sulla sinistra della foto, con un tifoso lilla. Tosi giocò nel Legnano dal 1922 al 1926

Il Legnano, nella stagione 1920-1921, si aggiudica il girone D del torneo regionale di qualificazione del campionato settentrionale venendo promosso al girone regionale finale, che vince davanti a Inter e Milan. In quest'ultima fase degne di nota sono le due vittorie contro il Milan. La creazione di un'ulteriore fase a gironi, quella regionale finale, è necessaria per l'aumento del numero delle squadre affiliate, che testimonia la crescente popolarità del calcio.

Nel girone di semifinale nazionale i lilla arrivano primi a pari merito con il Torino e disputano quindi in campo neutro con i granata, il 26 giugno 1921, lo spareggio per accedere alla finale nazionale del campionato settentrionale. Lo spareggio è necessario nonostante la vittoria del Legnano per 3 a 2 proprio contro i granata alla sesta giornata a cui segue però un'inaspettata sconfitta dei Lilla contro il Mantova ultimo in classifica nel recupero della quinta giornata. In particolare, il successo nella sesta giornata contro il Torino è salutato dalla presenza record, tra gli spalti, di molti tifosi lilla.

Lo spareggio con il Torino finisce (1-1) dopo il supplementare ad oltranza; si gioca per 158 minuti[1], poi l'arbitro decreta la fine dell'incontro per la spossatezza delle due compagini e per la sopravvenuta oscurità. Gli spareggi all'epoca non si concludono infatti dopo i tempi supplementari e i successivi tiri di rigore, ma si proseguono ad oltranza fino alla prima e decisiva rete di una delle due compagini (ora conosciuta come sudden death o golden goal). La Federazione fissa la ripetizione della partita alla settimana successiva, il 3 luglio[2]. Questo lasso di tempo viene però giudicato insufficiente dalle due società, che si ritirano dal campionato a tre sole partite dalla finalissima che assegna il titolo di campione d'Italia[2]. Le polemiche che ne scaturiscono portano alla nascita della Confederazione Calcistica Italiana[2].

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

  • Allenatore: Primo Colombo e Adamo Bonacina

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia A Corrado Bullè
Italia D Renato Clerici
Italia D Angelo Colombo
Italia A Mario Crespi
Italia P Galloni
Italia P Armando Gambuti
Italia C Attilio Gerola
Italia C Luoni
N. Ruolo Giocatore
Italia D Antonio May
Italia C Pairani
Italia D Luigi Pirovano
Italia A Silvio Raso
Italia A Italo Rossi
Italia A Severino Rosso
Italia C Pierino Sodano
Italia C Giuseppe Tosi

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Prima Categoria 1920-1921.

Girone D - sezione lombarda[modifica | modifica wikitesto]

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]

Legnano
24 ottobre 1920
1ª giornata
Legnano3 – 0StelvioCampo di via Lodi
Arbitro:  Zoni (Varese)

Maslianico
31 ottobre 1920
2ª giornata
Chiasso0 – 4LegnanoStadio di Mornello
Arbitro:  Zoni (Varese)

Como
7 novembre 1920
3ª giornata
Como1 – 1LegnanoCampo di via dei Mille
Arbitro:  Ferradini (Milano)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Milano
14 novembre 1920
4ª giornata
Stelvio1 – 1LegnanoCampo di via Candiani
Arbitro:  Muttoni (Treviglio)

Legnano
21 novembre 1920
5ª giornata
Legnano3 – 1ChiassoCampo di via Lodi
Arbitro:  Trezzi (Milano)

Legnano
28 novembre 1920
6ª giornata
Legnano5 – 0ComoCampo di via Lodi
Arbitro:  A.Gama (Milano)

Girone finale lombardo[modifica | modifica wikitesto]

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]

Milano
13 dicembre 1920
1ª giornata
US Milanese0 – 1LegnanoVelodromo Sempione
Arbitro:  Crivelli (Milano)

Legnano
19 dicembre 1920
2ª giornata
Legnano4 – 1SaronnoCampo di via Lodi
Arbitro:  Livraghi (Milano)

Treviglio
2 gennaio 1921
3ª giornata
Trevigliese0 – 1LegnanoCampo C.S. Trevigliese
Arbitro:  Bistoletti (Milano)

Legnano
9 gennaio 1921
4ª giornata
Legnano1 – 1InterCampo di via Lodi
Arbitro:  Crivelli (Milano)

Milano
16 gennaio 1921
5ª giornata
Milan1 – 2LegnanoCampo di Viale Lombardia
Arbitro:  Tradico (Milano)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Legnano
23 gennaio 1921
6ª giornata
Legnano4 – 0US MilaneseCampo di via Lodi
Arbitro:  Barnabò (Milano)

Saronno
30 gennaio 1921
7ª giornata
Saronno0 – 1LegnanoCampo di Via Milano
Arbitro:  Sessa (Milano)

Legnano
6 febbraio 1921
8ª giornata
Legnano6 – 2TreviglieseCampo di via Lodi
Arbitro:  Panzeri (Milano)

Milano
13 marzo 1921
9ª giornata
Inter4 – 1[3]LegnanoCampo di via Goldoni
Arbitro:  Brambilla (Milano)

Legnano
20 febbraio 1921
10ª giornata
Legnano1 – 0MilanCampo di via Lodi
Arbitro:  Crivelli (Milano)

Semifinali nazionali - girone C[modifica | modifica wikitesto]

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]

Padova
10 aprile 1921
1ª giornata
Padova0 – 1LegnanoVelodromo Giovanni Monti
Arbitro:  Tradico (Milano)

Legnano
14 aprile 1921
2ª giornata
Legnano3 – 0MantovaCampo di via Lodi
Arbitro:  Sessa (Milano)

Torino
22 maggio 1921
3ª giornata
Torino4 – 1LegnanoCampo Stradale Stupinigi
Arbitro:  Milano I (Vercelli)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Legnano
29 maggio 1921
4ª giornata
Legnano2 – 0PadovaCampo di via Lodi
Arbitro:  Livraghi (Milano)

Brescia
19 giugno 1921
5ª giornata[4]
Mantova2 – 0[5]Legnano
Arbitro:  Cavazzana (Milano)

Legnano
12 giugno 1921
6ª giornata
Legnano3 – 2TorinoCampo di via Lodi
Arbitro:  A.Gama (Milano)

Spareggio per il primo posto[modifica | modifica wikitesto]

Vercelli
26 giugno 1921
Gara unica[6]
Legnano1 – 1[7]TorinoStadio Foro Boario
Arbitro:  Mombelli (Casale Monf.)

3 luglio 1921
Gara unica[8]
Legnano – Torino

La gara di spareggio fra le due capolista venne sospesa nel corso dell'oltranza[9] dopo 158' di gioco. Entrambe le squadre rinunciarono al secondo incontro e si ritirarono dal campionato per esaurimento delle forze; quindi nessuna delle due conquistò la finale nazionale del torneo settentrionale.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti Totale DR
G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Prima Categoria (girone regionale di qualificazione) 10 6 4 2 0 17 3 +14
Scudetto.svg Prima Categoria (girone finale di qualificazione) 17 10 8 1 1 22 9 +13
Scudetto.svg Prima Categoria (semifinali nazionali) 8 6 4 0 2 10 8 +2

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Prima Categoria
Presenze Reti
Bullè, C. C. Bullè 20
Clerici, R. R. Clerici 101
Colombo, A. A. Colombo 160
Crespi, M. M. Crespi 235
Galloni, Galloni 20
Gambuti, A. A. Gambuti 210
Gerola, A. A. Gerola 230
Luoni, Luoni 10
May, A. A. May 230
Pairani, Pairani 20
Pirovano, L. L. Pirovano 232
Raso, S. S. Raso 2312
Rossi, I. I. Rossi 224
Rosso, S. S. Rosso 1910
Sodano, P. P. Sodano 228
Tosi, G. G. Tosi 216

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fontanelli, 2004, p. 60.
  2. ^ a b c D'Ilario, 1993, p. 45.
  3. ^ Originariamente prevista per il 12 febbraio. Rinviata al 13 marzo, venne sospesa al 76' per il ritiro del Legnano dal campo. Fu confermato a tavolino il risultato ottenuto dall'Inter sul campo.
  4. ^ Giocata su campo neutro.
  5. ^ Originariamente prevista e giocata a Mantova il 5 giugno, venne interrotta sul risultato di 2 a 2 per incidenti e ripetuta il 19 giugno.
  6. ^ La partita proseguì a oltranza dopo che permaneva la parità dopo i tempi supplementari. L'arbitro la fece terminare al 158' per spossatezza propria, delle due squadre e per la sopravvenuta oscurità.
  7. ^ Ad oltranza, ma non è stata sufficiente, perché la partita è stata sospesa per sopravvenuta oscurità. All'epoca non esistevano i tempi supplementari. Passati i 90' regolamentari vinceva chi segnava per primo.
  8. ^ Le due squadre rinunciarono di comune accordo al secondo spareggio venendo eliminate dal campionato.
  9. ^ Le partite di spareggio all'epoca non terminavano dopo i tempi supplementari: si andava avanti ad oltranza fino al primo e decisivo gol di una delle due squadre (adesso chiamato sudden death o golden goal). Permanendo la situazione di parità, la gara veniva sospesa per sopravvenuta oscurità e fatta ripetere.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]