Associazione Calcio Legnano 1952-1953

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Associazione Calcio Legnano.

A.C. Legnano
Associazione Calcio Legnano 1952-1953.jpg
Stagione 1952-1953
AllenatoreItalia Ugo Innocenti
PresidenteItalia cav. Luigi Mandelli (Commissario straordinario), poi Italia comm. Giovanni Mari
Serie B2º posto. Promosso in Serie A.
Maggiori presenzeCampionato: Longoni e Lupi (35)
Miglior marcatoreCampionato: Motta (13)
StadioComunale

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti l'Associazione Calcio Legnano nelle competizioni ufficiali della stagione 1952-1953.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Mari, presidente del Legnano dal 1952 al 1954 e dal 1979 al 1987

A causa della retrocessione in Serie B dopo un campionato disastroso terminato all'ultimo posto, e della lunga squalifica del campo comminata per l'aggressione all'arbitro Tassini, poi revocata per la retrocessione in Serie B, Pino Mocchetti lascia la carica di presidente. Viene sostituito da un commissario straordinario, Luigi Mandelli, che è a sua volta sostituito da Giovanni Mari. Mari diventa presidente a soli 32 anni, età che gli permette di stabilire un record: fino ad allora nessuna società sportiva professionistica italiana aveva mai avuto un presidente così giovane. Un'altra conseguenza delle vicissitudini della stagione precedente sono le dimissioni di Héctor Puricelli dalla carica di direttore tecnico: come unica guida tecnica resta l'allenatore Ugo Innocenti, che viene quindi riconfermato.

Luciano Lupi, al Legnano dal 1946 al 1957

L'obiettivo del Legnano di questa stagione è il ritorno immediato in Serie A. Per tale motivo, sul fronte del calciomercato, vengono acquistati il difensore Luigi Norbiato, il centrocampista Renzo Sassi e gli attaccanti Nereo Manzardo, Antonio Torreano, Sergio Mion e Enrico Motta, a fronte delle partenze dei portieri Elio Angelini e Renato Gandolfi, del difensore Raffaele Cuscela, dei centrocampisti Daniele Revere, Ludovico Tubaro, Bruno Mozzambani e degli attaccanti Bruno Mazza, Emo Roffi, Guglielmo Trevisan e Ettore Bertoni.

La stagione 1952-1953 si conclude con il 2º posto in classifica a 41 punti a pari merito con il Catania e a tre lunghezze dal Genoa capolista. Questo campionato è caratterizzato da un combattutissimo testa a testa tra le tre squadre, dove spicca il 4 a 0 casalingo del Legnano sui genoani all'undicesima giornata. L'ottimo finale dei siciliani permette agli etnei di sbarazzarsi della concorrenza delle sorprendenti Cagliari e Valdagno, riuscendo ad agganciare un lanciato ma zoppicante Legnano in seconda posizione[1]. Per decidere chi sarebbe stata promossa in Serie A come seconda classificata, è quindi necessario uno spareggio, che viene vinto dai Lilla sul Catania per 4 a 1. Dopo una sola stagione in Serie B, il Legnano torna quindi in massima serie.

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area tecnica

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia D Luigi Asti
Italia C Edmondo Colombi
Svezia A Ivar Eidefjäll
Italia P Mario Longoni
Italia A Enrico Loranzi
Italia A Luciano Lupi
Italia A Nereo Manzardo
Italia A Sergio Mion
N. Ruolo Giocatore
Italia A Enrico Motta
Italia D Luigi Norbiato
Svezia C Karl-Erik Palmér
Italia D Franco Pian
Italia D Camillo Rossi
Italia C Luciano Sassi (I)
Italia C Renzo Sassi (II)
Italia A Antonio Torreano

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie B[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie B 1952-1953.

Girone d'andata[modifica | modifica wikitesto]

Legnano
14 settembre 1952
1ª giornata
Legnano4 – 2ModenaStadio Comunale
Arbitro:  Silvano (Torino)

Monza
21 settembre 1952
3ª giornata
Monza1 – 1LegnanoStadio San Gregorio
Arbitro:  Marchese (Napoli)

Legnano
28 settembre 1952
3ª giornata
Legnano2 – 1TrevisoStadio Comunale
Arbitro:  Arpaia (Roma)

Catania
5 ottobre 1952
4ª giornata
Catania2 – 0LegnanoStadio Cibali
Arbitro:  Corallo (Lecce)

Salerno
12 ottobre 1952
5ª giornata
Salernitana1 – 1
referto
LegnanoStadio Donato Vestuti
Arbitro:  Ferrari Aggradi (Firenze)

Legnano
19 ottobre 1952
6ª giornata
Legnano2 – 1PiombinoStadio Comunale
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Lodi
2 novembre 1952
7ª giornata
Fanfulla2 – 1LegnanoStadio Dossenina
Arbitro:  Bellè (Venezia)

Legnano
9 novembre 1952
8ª giornata
Legnano5 – 0CagliariStadio Comunale
Arbitro:  Canavesio (Torino)

Legnano
16 novembre 1952
9ª giornata
Legnano1 – 0Marzotto ValdagnoStadio Comunale
Arbitro:  Bernasconi (Firenze)

Verona
23 novembre 1952
10ª giornata
Verona2 – 0LegnanoStadio Marcantonio Bentegodi I
Arbitro:  Zoli (Pontedera)

Legnano
30 novembre 1952
11ª giornata
Legnano4 – 0GenoaStadio Comunale
Arbitro:  Bernardi (Bologna)

Legnano
7 dicembre 1952
12ª giornata
Legnano3 – 0PadovaStadio Comunale
Arbitro:  Silvano (Torino)

Lucchese
14 dicembre 1952
13ª giornata
Lucchese2 – 1LegnanoStadio Porta Elisa
Arbitro:  Gemini (Roma)

Legnano
21 dicembre 1952
14ª giornata
Legnano2 – 0MessinaStadio Comunale
Arbitro:  Zoli (Pontedera)

Legnano
4 gennaio 1953
15ª giornata
Legnano1 – 1SiracusaStadio Comunale
Arbitro:  Cartei (Firenze)

Vicenza
11 gennaio 1953
16ª giornata
Vicenza0 – 0LegnanoStadio Romeo Menti
Arbitro:  Maurelli (Roma)

Brescia
18 gennaio 1953
17ª giornata
Brescia1 – 0LegnanoStadium di Viale Piave
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Modena
25 gennaio 1953
18ª giornata
Modena0 – 1LegnanoStadio Alberto Braglia
Arbitro:  Pieri (Trieste)

Legnano
1º febbraio 1953
19ª giornata
Legnano5 – 1MonzaStadio Comunale
Arbitro:  Guarnaschelli (Pavia)

Treviso
8 febbraio 1953
20ª giornata
Treviso0 – 0LegnanoStadio Comunale
Arbitro:  Massai (Pisa)

Legnano
15 febbraio 1953
21ª giornata
Legnano2 – 1CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Fortina (Novara)

Legnano
22 febbraio 1953
22ª giornata
Legnano4 – 0
referto
SalernitanaStadio Comunale
Arbitro:  Occhinegro (Taranto)

Piombino
1º marzo 1953
23ª giornata
Piombino2 – 0LegnanoStadio Magona d'Italia
Arbitro:  Arpaia (Roma)

Legnano
8 marzo 1953
24ª giornata
Legnano2 – 0FanfullaStadio Comunale
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Cagliari
15 marzo 1953
25ª giornata
Cagliari2 – 2LegnanoStadio Amsicora
Arbitro:  Casu (Cagliari)

Valdagno
22 marzo 1953
26ª giornata
Marzotto Valdagno1 – 0LegnanoStadio dei Fiori
Arbitro:  Maurelli (Roma)

Legnano
29 marzo 1953
27ª giornata
Legnano2 – 0VeronaStadio Comunale
Arbitro:  Matteucci (Roma)

Genova
5 aprile 1953
28ª giornata
Genoa2 – 0LegnanoStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Liverani (Torino)

Padova
12 aprile 1953
29ª giornata
Padova1 – 1LegnanoStadio Silvio Appiani
Arbitro:  Gemini (Roma)

Legnano
19 aprile 1953
30ª giornata
Legnano3 – 1LuccheseStadio Comunale
Arbitro:  Grandville (Roma)

Messina
3 maggio 1953
31ª giornata
Messina2 – 0LegnanoStadio Giovanni Celeste
Arbitro:  Agnolin (Bassano del Grappa)

Siracusa
10 maggio 1953
32ª giornata
Siracusa3 – 0LegnanoStadio Vittorio Emanuele III
Arbitro:  Piemonte (Monfalcone)

Legnano
24 maggio 1953
33ª giornata
Legnano1 – 0VicenzaStadio Comunale
Arbitro:  Marchese (Napoli)

Legnano
31 maggio 1953
34ª giornata
Legnano1 – 0BresciaStadio Comunale
Arbitro:  Piemonte (Monfalcone)

Spareggio promozione[modifica | modifica wikitesto]

Firenze
28 luglio 1953
Gara unica[2]
Legnano4 – 1CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Massai (Pisa)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti Totale DR
G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie B 41 34 17 7 10 52 32 +20

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie B[3]
Presenze Reti
Asti, L. L. Asti 310
Colombi, E. E. Colombi 30
Eidefjäll, I. I. Eidefjäll 313
Longoni, M. M. Longoni 350
Loranzi, E. E. Loranzi 229
Lupi, L. L. Lupi 351
Manzardo, N. N. Manzardo 3312
Mion, S. S. Mion 313
Motta, E. E. Motta 2813
Norbiato, L. L. Norbiato 161
Palmér, K.E. K.E. Palmér 275
Pian, F. F. Pian 330
Rossi, C. C. Rossi 10
Sassi (I), L. L. Sassi (I) 111
Sassi (II), R. R. Sassi (II) 344
Torreano, A. A. Torreano 144

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Non prima però di un'estenuante battaglia legale vertente sulla vittoria a tavolino degli etnei a Padova per intemperanze del pubblico nella penultima giornata: se in un primo tempo la CAF aveva annullato la relativa delibera della Lega, fu poi il Consiglio federale a sciogliere la CAF e instaurarne una nuova che ristabilì l'originaria decisione.
  2. ^ Giocata su campo neutro.
  3. ^ In queste statistiche è anche computato lo spareggio per la promozione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del Calcio, Rizzoli Edizioni, 1954, p. 159.
  • Carlo Fontanelli e Gianfranco Zottino, Un secolo di calcio a Legnano, Empoli, Geo Edizioni, 2004, pp. 187-191, ISBN 978-88-6999-047-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]