Rinite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Rinite
Rhinovirus.PNG
Rhinovirus, responsabile del raffreddore
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 472.0 477
ICD-10 (EN) J00 J30 J31.0

La rinite o 'coriza o congestione nasale è un termine medico che descrive l'irritazione e l'infiammazione della mucosa nasale. I sintomi più comuni della rinite sono la sensazione di naso chiuso, naso che cola, e gocciolamento retro-nasale. Il tipo più comune di rinite è la rinite allergica, che è di solito scatenata dalla presenza di allergeni nell'aria (ad esempio polline e peli o forfora di animali).[1] Quest'ultimo particolare tipo di rinite può associarsi anche ad altra sintomatologia, quale ad esempio starnuti e prurito nasale, tosse, cefalea (mal di testa), astenia, malessere generale, rallentamento cognitivo[2][3] oltre a tutta una serie di sintomi che sono riferiti agli occhi, quali prurito oculare, arrossamento oculare (congiuntivite), lacrimazione persistente, edema perioculare.[4][5][6]

La rinite è una patologia molto comune in tutto il mondo. La rinite allergica è più comune in alcuni paesi rispetto ad altri. Negli Stati Uniti, circa il 10% -30% degli adulti presentano annualmente almeno un episodio di rinite allergica.[7]

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

Secondo degli studi condotti negli Stati Uniti una percentuale variabile tra il 10% ed il 30% degli adulti soffre di questo disturbo.[8][9] In termini assoluti ciò significa che più di cinquanta milioni di americani ne soffrono. La rinite è spesso associata con problemi di insonnia, di udito, e anche a problemi di apprendimento. Il disturbo è ampiamente diffuso in tutto il mondo, ma risulta più comune in alcuni paesi rispetto ad altri.[10][11] Alcuni studi effettuati nella penisola scandinava evidenziano una prevalenza cumulativa di circa il 15%.[12][13]

Mortalità e morbilità[modifica | modifica sorgente]

La mortalità della rinite, ed in particolare della rinite allergica, è legata al fatto di potersi accompagnare all’anafilassi. La forma allergica spesso si associa ad altri disordini, come ad esempio l’asma e le sue esacerbazioni.[14][15] Diversi studi recenti sembrano indicare che una rinite allergica non ben controllata possa peggiorare l’infiammazione di una concomitante dermatite atopica o dell’asma, in quest’ultimo caso riducendo notevolmente la qualità di vita del paziente ed incrementando anche la mortalità.[16] In uno studio del 2003 è stato ribadito che il trattamento della rinite (con corticosteroidi per via nasale) migliora la sintomatologia dell'asma, ma nel contempo che il FEV1 non migliora in modo significativo.[17] Questa condizione può anche associarsi a sinusiti, poliposi nasale, otite media,[18][19] congiuntivite allergica e dermatite atopica. Questi pazienti spesso soffrono di affaticamento, malessere generale, sonnolenza diurna (talvolta dovuta anche al trattamento cui si debbono necessariamente sottoporre),[20][21] disturbi del sonno,[22][23] e ciò può comportare un peggioramento dell’attività lavorativa o del rendimento scolastico, con inevitabili costi sociali in termini di giornate di lavoro o scolastiche perse.

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

La rinite può essere causata da fattori allergici, non allergici, ormonali, occupazionali, infezioni, ed altri fattori ancora.[24] In molti casi si associa ad un aumento di produzione di istamina, in particolare quando causata da allergeni, con conseguente interessamento di naso, gola, occhi ed associato un aumento della produzione di fluidi in queste aree. Ancora oggi, molto spesso, la causa precisa di una rinite non è nota, nonostante i tentativi diagnositici messi in atto da medico e paziente. La rinite può essere classificata sostanzialmente in tre tipi:

  1. Rinite infettiva: comprende le forme da infezioni batteriche e virali acute e croniche.
  2. Rinite non allergica o vasomotoria: comprende la rinite autonomica, la rinite ormonale, atrofica, gustativa, la rinite medicamentosa e quella indotta da farmaci.
  3. Rinite allergica: si tratta della forma scatenata dalla inalazione di pollini, muffe, peli di animali, polvere, balsamo del Perù, e altri simili allergeni che possono essere inalati.

Rinite infettiva[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Raffreddore comune.

La rinite è comunemente causata da una infezione virale o batterica, tra cui il comune raffreddore, scatenato da un'infezione da rhinovirus, coronavirus e virus influenzali. In alcuni casi alla base vi può essere un'infezione da adenovirus, virus parainfluenzali umani, virus sinciziale respiratorio umano, enterovirus diversi da rinovirus, metapneumovirus, e virus del morbillo. La rinite può anche associarsi ad una sinusite batterica, che di norma è causata da Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae e Moraxella catarrhalis. I sintomi del raffreddore comune comprendono rinorrea, mal di gola (faringite), tosse, congestione nasale e, talvolta, una leggera cefalea.

Rinite vasomotoria[modifica | modifica sorgente]

Questa forma di rinite può essere causata da un ampio numero di sostanze differenti, generalmente irritanti. In molti casi non è dato identificare una causa precisa o specifica di infiammazione. Si parla in questo caso di rinite vasomotoria o rinite non-allergica o ancora di rinite idiopatica. Sono diversi e molteplici gli stimoli non specifici che possono indurre questo tipo di rinite. Fra questi, in particolare, si segnalano le variazioni di alcuni parametri ambientali (temperatura, umidità, pressione atmosferica) o del tempo, oppure la presenza nell'aria di irritanti (odori, fumi, smog, profumi), fattori alimentari (l'assunzione di cibi piccanti, alcol), ma anche fattori emotivi e la stessa eccitazione sessuale.[25] I meccanismi che stanno alla base della rinite vasomotoria non sono stati ancora completamente chiariti, ma si ritiene che tutti questi stimoli (triggers) non allergici comportino una dilatazione dei vasi sanguigni all'interno dei tessuti del naso, con conseguente vasodilatazione, edema locale (congestione nasale) e rinorrea (scolo di muco dal naso). La rinite vasomotoria talvolta può coesistere con una rinite allergica, dando luogo ad un quadro noto con il nome di "rinite mista". La patogenesi della rinite vasomotoria non è chiara ma sembra coinvolgere meccanismi di infiammazione neurogena.[26][27] La rinite vasomotoria sembra essere significativamente più comune nelle donne rispetto agli uomini, e questo fatto ha portato a sospettare (ma non vi sono ancora evidenze al riguardo) che gli ormoni possano giocare un importante ruolo in essa. In generale l'insorgenza di questa forma si verifica dopo i 20 anni di età, in contrasto con la rinite allergica che può svilupparsi a qualsiasi età. I soggetti affetti da rinite vasomotoria tipicamente sperimentano la sintomatologia ad essa collegata per tutto l'anno, anche se i sintomi possono esacerbarsi in primavera e in autunno, quando i rapidi cambiamenti del tempo sono più comuni. Diversi agenti antistaminici, fra cui l'azelastina, applicato localmente come spray nasale, possono risultare utili e efficaci per il trattamento della rinite vasomotoria. Il fluticasone propionato o la budesonide (entrambi farmaci di tipo steroideo) in forma di spray da spruzzare nelle narici possono essere utilizzati per il trattamento sintomatico.

Rinite allergica[modifica | modifica sorgente]

La rinite allergia (o febbre da fieno allergica) può far seguito alla inalazione, da parte di un individuo con un sistema immunitario sensibilizzato, di un allergene come il polline, la polvere, o il balsamo del Perù. Tale inalazione innesca la produzione di anticorpi. Questi anticorpi si legano principalmente a delle cellule, i mastociti, che contengono quantità significative di granuli di istamina. Quando i mastociti vengono ad essere stimolati da un allergene, l'istamina (ma anche altre sostanze chimiche) viene ad essere rilasciata nel torrente circolatorio. A seguito di questo rilascio massivo di istamina si verificano sintomi quali prurito, edema e la produzione di muco. È attraverso questo meccanismo che i piccoli granelli di polline, provenienti da un'ampia varietà di piante comuni, possono scatenare la cosiddetta febbre da fieno. I sintomi variano di gravità tra i diversi individui. I soggetti molto sensibili possono sperimentare orticaria o altre eruzioni cutanee. Il particolato presente nell'aria inquinata ed eventuali altre sostanze chimiche (come il cloro e altri vapori), che possono essere normalmente tollerati, possono notevolmente aggravare la condizione del paziente. I caratteristici reperti fisici dei soggetti affetti da rinite allergica includono edema e iperemia congiuntivale, edema palpebrale, stasi venosa della palpebra inferiore, edema dei turbinati nasali e, talvolta, presenza di effusione dell'orecchio medio.

Anche se un soggetto presenta un prick test, una reazione intradermica ed esami del sangue negativi per allergie, potrebbe comunque essere affetto da rinite allergica, in una forma di allergia localizzata al naso. In questi casi si dice che il paziente ha una rinite allergica localizzata. Sono numerose le persone nelle quali, pur essendo stata diagnosticata in precedenza una rinite non allergica, sono effettivamente affette da rinite allergica localizzata.

Rinite medicamentosa[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una condizione di congestione nasale da rimbalzo causata da un uso esteso di decongestionante topico (ad esempio ossimetazolina, fenilefrina, xylometazolina e nafazolina, che determina una costrizione dei vasi sanguigni nei tessuti del naso.


Ecco alcuni dei principali fattori scatenanti della rinite:

Presentazione clinica[modifica | modifica sorgente]

Il primo sintomo di una rinite è la rinorrea. L'infiammazione provoca una eccessiva produzione di muco causando così la rinorrea, congestione nasale e catarro.

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

Classificazione di riniti

Eziologicamente le riniti si dividono in due tipi:

Mentre la divisione su base temporale avviene fra due gruppi:

  • Riniti croniche
  • Riniti acute

Altri tipi vedi nell'immagine accanto.

Test per la rinite allergica[modifica | modifica sorgente]

Il miglior metodo per diagnosticare la rinite allergica è lo skin test, meno costoso, più veloce e pratico rispetto ai vari test in vitro.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Skoner DP, Allergic rhinitis: definition, epidemiology, pathophysiology, detection, and diagnosis in J. Allergy Clin. Immunol., vol. 108, 1 Suppl, Lug 2001, pp. S2–8, PMID 11449200. URL consultato il 14 giugno 2014.
  2. ^ Marshall PS, O'Hara C, Steinberg P, Effects of seasonal allergic rhinitis on selected cognitive abilities in Ann. Allergy Asthma Immunol., vol. 84, nº 4, Apr 2000, pp. 403–10, DOI:10.1016/S1081-1206(10)62273-9, PMID 10795648.
  3. ^ Wilken JA, Berkowitz R, Kane R, Decrements in vigilance and cognitive functioning associated with ragweed-induced allergic rhinitis in Ann. Allergy Asthma Immunol., vol. 89, nº 4, Ott 2002, pp. 372–80, DOI:10.1016/S1081-1206(10)62038-8, 12392381.
  4. ^ Gibson MM, Day JH, Allergic rhinitis in Can Fam Physician, vol. 28, Ott 1982, pp. 1805–11, PMC 2306702, PMID 21286562. URL consultato il 14 giugno 2014.
  5. ^ Klossek JM, Annesi-Maesano I, Pribil C, Didier A, The burden associated with ocular symptoms in allergic rhinitis in Int. Arch. Allergy Immunol., vol. 158, nº 4, 2012, pp. 411–7, DOI:10.1159/000334286, PMID 22487783.
  6. ^ Quillen DM, Feller DB, Diagnosing rhinitis: allergic vs. nonallergic in Am Fam Physician, vol. 73, nº 9, Mag 2006, pp. 1583–90, PMID 16719251. URL consultato il 14 giugno 2014.
  7. ^ Meltzer EO, The prevalence and medical and economic impact of allergic rhinitis in the United States in J. Allergy Clin. Immunol., vol. 99, 6 Pt 2, Giu 1997, pp. S805–28, PMID 9215265. URL consultato il 14 giugno 2014.
  8. ^ Spector SL, Overview of comorbid associations of allergic rhinitis in J. Allergy Clin. Immunol., vol. 99, nº 2, Feb 1997, pp. S773–80, PMID 9042070.
  9. ^ Schoenwetter WF, Dupclay L, Appajosyula S, Botteman MF, Pashos CL, Economic impact and quality-of-life burden of allergic rhinitis in Curr Med Res Opin, vol. 20, nº 3, Mar 2004, pp. 305–17, DOI:10.1185/030079903125003053, PMID 15025839.
  10. ^ Sly RM, Changing prevalence of allergic rhinitis and asthma in Ann. Allergy Asthma Immunol., vol. 82, nº 3, March 1999, pp. 233–48; quiz 248–52, DOI:10.1016/S1081-1206(10)62603-8.
  11. ^ von Mutius E, Weiland SK, Fritzsch C, Duhme H, Keil U, Increasing prevalence of hay fever and atopy among children in Leipzig, East Germany in Lancet, vol. 351, nº 9106, March 1998, pp. 862–6, DOI:10.1016/S0140-6736(97)10100-3.
  12. ^ Nihlén U, Greiff L, Montnémery P, Löfdahl CG, Johannisson A, Persson C, Andersson M, Incidence and remission of self-reported allergic rhinitis symptoms in adults in Allergy, vol. 61, nº 11, November 2006, pp. 1299–304, DOI:10.1111/j.1398-9995.2006.01166.x.
  13. ^ Olsson P, Berglind N, Bellander T, Stjärne P, Prevalence of self-reported allergic and non-allergic rhinitis symptoms in Stockholm: relation to age, gender, olfactory sense and smoking in Acta Otolaryngol., vol. 123, nº 1, January 2003, pp. 75–80.
  14. ^ Nayak AS, A common pathway: asthma and allergic rhinitis in Allergy Asthma Proc, vol. 23, nº 6, 2002, pp. 359–65. URL consultato il 2014-06-14.
  15. ^ Nayak AS, The asthma and allergic rhinitis link in Allergy Asthma Proc, vol. 24, nº 6, 2003, pp. 395–402. URL consultato il 2014-06-14.
  16. ^ Watson WT, Becker AB, Simons FE, Treatment of allergic rhinitis with intranasal corticosteroids in patients with mild asthma: effect on lower airway responsiveness in J. Allergy Clin. Immunol., vol. 91, 1 Pt 1, January 1993, pp. 97–101.
  17. ^ Taramarcaz P, Gibson PG, Intranasal corticosteroids for asthma control in people with coexisting asthma and rhinitis in Cochrane Database Syst Rev, nº 4, 2003, pp. CD003570, DOI:10.1002/14651858.CD003570. URL consultato il 2014-06-14.
  18. ^ Fireman P, Otitis media and eustachian tube dysfunction: connection to allergic rhinitis in J. Allergy Clin. Immunol., vol. 99, nº 2, February 1997, pp. S787–97.
  19. ^ Skoner AR, Skoner KR, Skoner DP, Allergic rhinitis, histamine, and otitis media in Allergy Asthma Proc, vol. 30, nº 5, 2009, pp. 470–81, DOI:10.2500/aap.2009.30.3272. URL consultato il 2014-06-14.
  20. ^ Craig TJ, Teets S, Lehman EB, Chinchilli VM, Zwillich C, Nasal congestion secondary to allergic rhinitis as a cause of sleep disturbance and daytime fatigue and the response to topical nasal corticosteroids in J. Allergy Clin. Immunol., vol. 101, nº 5, May 1998, pp. 633–7. URL consultato il 2014-06-14.
  21. ^ Thompson A, Sardana N, Craig TJ, Sleep impairment and daytime sleepiness in patients with allergic rhinitis: the role of congestion and inflammation in Ann. Allergy Asthma Immunol., vol. 111, nº 6, December 2013, pp. 446–51, DOI:10.1016/j.anai.2013.05.020. URL consultato il 2014-06-14.
  22. ^ McColley SA, Carroll JL, Curtis S, Loughlin GM, Sampson HA, High prevalence of allergic sensitization in children with habitual snoring and obstructive sleep apnea in Chest, vol. 111, nº 1, January 1997, pp. 170–3. URL consultato il 2014-06-14.
  23. ^ Craig TJ, Sherkat A, Safaee S, Congestion and sleep impairment in allergic rhinitis in Curr Allergy Asthma Rep, vol. 10, nº 2, March 2010, pp. 113–21, DOI:10.1007/s11882-010-0091-5. URL consultato il 2014-06-14.
  24. ^ Druce HM, Allergic and nonallergic rhinitis. In: Middleton EJ, Reed CE, Ellis EF, et al, eds. Allergy principles and practice, 5th edition, St. Louis, Mosby-Year Book Inc, 1998, pp. 1005–1016.
  25. ^ Adelman Daniel, Manual of Allergy and Immunology: Diagnosis and Therapy, Lippincott Williams & Wilkins, 2002, p. 66, ISBN 9780781730525.
  26. ^ (DE) Knipping S, Holzhausen HJ, Riederer A, Schrom T, [Ultrastructural changes in allergic rhinitis vs. idiopathic rhinitis] in HNO, vol. 56, nº 8, Ago 2008, pp. 799–807, DOI:10.1007/s00106-008-1764-4, PMID 18651116.
  27. ^ Knipping S, Holzhausen HJ, Riederer A, Schrom T, Allergic and idiopathic rhinitis: an ultrastructural study in Eur Arch Otorhinolaryngol, vol. 266, nº 8, Ago 2009, pp. 1249–56, DOI:10.1007/s00405-008-0898-z, PMID 19125268.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina