Ipertensione polmonare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Ipertensione polmonare
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 416
ICD-10 (EN) I27.0, I27.2

L'ipertensione polmonare è una condizione patologica in cui la pressione arteriosa polmonare media supera i 25 mmHg.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

L'ipertensione polmonare può essere acuta o cronica. La forma acuta deriva quasi sempre da embolia polmonare o da sindrome da distress respiratorio. Quando si parla di ipertensione polmonare, se non altrimenti specificato, si intende ipertensione arteriosa polmonare cronica.

L'ipertensione polmonare cronica può essere primitiva e secondaria.

La forma primitiva è caratterizzata da un'alterazione dei vasi polmonari che porta a un cospicuo aumento delle resistenze del letto vascolare e, di conseguenza, all'insufficienza del ventricolo destro.

La forma familiare (idiopatica) è trasmessa per via autosomica dominante ed è in parte causata da mutazione del meccanismo di trasmissione del segnale del "Recettore di tipo 2 della Proteina Morfogenica dell'Osso" anche conosciuto come BMPR2, accompagnato da altri danni genetici, non individuati, o da danno ambientale. Alterazioni a carico di BMPR2 sono state osservate nel 25% dei casi sporadici e nel 50% dei casi familiari di ipertensione polmonare.[1] Nella forma familiare l'assenza del segnale mediato da BMPR2 (dovuto all'inattivazione di BMPR2) causa proliferazione di cellule endoteliali, muscolari lisce ed intimali, nonché fibrosi della tonaca intima.

Le forme secondarie possono derivare da:

La diagnosi di ipertensione polmonare primitiva (a eziologia ignota) viene posta solo per esclusione: bisogna escludere pertanto tutte le cause riconoscibili elencate sopra.0

Epidemiologia[modifica | modifica sorgente]

L'ipertensione polmonare primitiva è una malattia rara. Non si rilevano differenze fra i sessi prima della pubertà, mentre fra i 10 e i 40 anni prevalgono i soggetti di sesso femminile con un rapporto maschi:femmine di 1:2,8.

Diagnosi[modifica | modifica sorgente]

Si basa su tre tipi di evidenza:

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Nell'ipertensione polmonare primitiva si verifica una modificazione dell'endotelio delle arterie di piccolo calibro, con proliferazione dell'intima che, invece di presentarsi a unico strato di cellule, si presenta a più strati impilati che riducono il calibro del lume vascolare. L'ispessimento può essere di tipo concentrico per tutta la circonferenza del vaso, od eccentrico ed occupare solo una parte della parete.

Insieme alla proliferazione intimale, compare un'ipertrofia della tonaca media dei vasi interessati.

Non si sa quale sia la lesione che innesca questa modificazione vascolare. Sono state formulate varie ipotesi:

Manifestazioni cliniche[modifica | modifica sorgente]

Allo stadio iniziale la malattia non è riconoscibile: compare affaticabilità e talvolta dolore toracico. Una radiografia del torace può rivelare una modificazione dell'ombra cardiaca, mentre all'elettrocardiogramma compaiono i segni di un'ipertrofia del ventricolo destro, ma a questo punto in genere si tratta di forme avanzate.

L'ecocardiogramma conferma l'ipertrofia del ventricolo destro, mentre le attività quotidiane vengono via via limitate per la comparsa di progressiva dispnea. Più di rado può verificarsi raucedine per compressione del nervo laringeo inferiore (detto anche nervo ricorrente) da parte dell'arteria polmonare dilatata.

Terapia[modifica | modifica sorgente]

Fino a dieci anni fa il trattamento si basava sulla somministrazione di vasodilatatori che diminuivano le resistenze polmonari determinando un alleggerimento del carico del ventricolo destro.

Oggi si può scegliere tra diverse opzioni, anche se nessuna è risolutiva e tutte sono accompagnate da pesanti effetti collaterali:

Ipertensione polmonare neonatale[modifica | modifica sorgente]

Durante la vita intrauterina la circolazione polmonare è esclusa dalla ventilazione in quanto lo scambio di ossigeno avviene attraverso la placenta. In alcuni casi dopo la nascita il letto arterioso polmonare mantiene lo stesso stato ipertensivo che è incompatibile con la vita.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Kumar V., Abbas A.K., Fausto N., Aster J.C. Basi patologiche delle malattie, Elsevier, 2010 ISBN 9788821431753; ISBN 8821431754
  2. ^ Archer SL, et al. Journal N Engl J Med. 2009 Nov 5;361(19):1864-71.
medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina