Klebsiella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Klebsiella
Klebsiella-pneumoniae.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Prokaryota
Regno Bacteria
Classe Gamma Proteobacteria
Ordine Enterobacteriales
Famiglia Enterobacteriaceae
Genere Klebsiella
Trevisan, 1885
Specie

vedi testo

Klebsiella (Trevisan, 1885) è un genere di batteri Gram negativi normalmente presente nella mucosa respiratoria e nell'intestino dell'uomo, anche se sono praticamente ubiquitari in natura[1].

Sono provvisti di una capsula prominente a base polisaccaridica[2]: mancano invece di flagello e pertanto non sono mobili. Presentano gli antigeni O e K

Li si trova in genere singoli, a coppie od in piccole catene.

Sono molto simili agli Enterobacter, differiscono da questi ultimi per l'incapacità di muoversi e per l'incapacità di decarbossilare l'ornitina.

Spesso gli appartenenti al genere si comportano da patogeni, provocando polmonite, setticemia ed altre infezioni ai tessuti molli[3], tra cui l'apparato intestinale, provocando forti gastroenteriti. La specie Klebsiella pneumoniae sembrerebbe inoltre coinvolta nella genesi della spondilite anchilosante in soggetti geneticamente predisposti[4]. Il germe della Klebsiella, comunque, è facilmente individuabile attraverso una coprocoltura, e si sconfigge attraverso la somministrazione di antibiotici specifici, tra cui la ciprofloxacina. È indicata altresì una dieta a basso residuo per 5 settimane dalla fine della somministrazione degli antibiotici, e la somministrazione di fermenti lattici. L'infezione da Klebsiella può lasciare postumi (intestino irritabile, colite) per molte settimane dalla guarigione.

Le specie ascritte al genere Klebsiella sono le seguenti:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bagley S, Habitat association of Klebsiella species in Infect Control, vol. 6, nº 2, 1985, pp. 52–8, PMID 3882590.
  2. ^ Ryan KJ; Ray CG (editors), Sherris Medical Microbiology, 4th ed., McGraw Hill, 2004, p. 370, ISBN 0-8385-8529-9.
  3. ^ Podschun R, Ullmann U, Klebsiella spp. as nosocomial pathogens: epidemiology, taxonomy, typing methods, and pathogenicity factors in Clin Microbiol Rev, vol. 11, nº 4, 1998, pp. 589–603, PMID 9767057.
  4. ^ Reumatologia per studenti e medici di medicina generale, Idelson-Gnocchi, 2008.
microbiologia Portale Microbiologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di microbiologia