Dissecazione aortica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Dissezione aortica
AoDissekt scheme StanfordB en.png
Dissecazione della aorta discendente (3), che parte dalla succlavia sn , fino all'aorta addominale (4). L'aorta ascendente (1) e l'arco aortico (2) non sono interessati.
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 441.0
ICD-10 (EN) I71.0
Sinonimi
Dissezione aortica
Dissezione dell'aorta
Dissecazione dell'aorta

La dissezione o dissecazione aortica è una malattia vascolare relativamente rara gravata da una alta mortalità se non trattata con chirurgia d'urgenza.
È caratterizzata dallo slaminamento della tonaca media del vaso con formazione di un secondo lume detto "falso lume".

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Classificazione delle dissezioni aortiche
AoDissect DeBakey1.png AoDissect DeBakey2.png AoDissect DeBakey3.png
Percentuale 60% 10–15% 25–30%
Tipologia DeBakey I DeBakey II DeBakey III
Stanford A (Prossimale) Stanford B (Distale)

La classificazione avviene secondo il luogo dell'aorta dove si manifesta tale patologia (aorta ascendente o quella discendente) le tre classificazioni attuali effettuano tale distinzione (se la zona ascendente è interessata o meno)

  • DeBakey
    • Tipo I – nasce nell'aorta ascendente e si estende
    • Tipo II – confinato nell'aorta ascendente
    • Tipo IIIa – confinato all'aorta discendente
    • Tipo IIIb - nasce dall'aorta discendente e si estende
  • Stanford
    • Tipo A – se coinvolge l'aorta ascendente
    • Tipo B – se non coinvolge l'aorta ascendente
  • Descrittivo
    • Prossimale – Tipo I e II di DeBakey e Tipo A di Stanford
    • Distale - Tipo III DeBakey e Tipo B di Stanford

Circa il 70% delle dissecazioni avviene nel tratto ascendente, che è anche il punto più pericoloso per la sopravvivenza del paziente.

Sintomatologia[modifica | modifica sorgente]

Grazie al lavoro svolto da Slater e DeSanctis[1] e da Spittel,[2] possiamo distinguere numerosi sintomi quali dolore, insufficienza cardiaca congestizia, sincope, paraplegia, tamponamento cardiaco. Il dolore si localizza in sede precordiale, (entrando in diagnosi differenziale con l'infarto del miocardio), o più frequentemente in sede interscapolare (il quale è da considerarsi l'unico sintomo specifico di questa patologia).
La sintomatologia è caratterizzata da dolore acuto ed improvviso, in pieno benessere, cosiddetto "a colpo di pugnale", che si estende all'estendersi della dissezione (dolore toracico "migrante"), stato di shock. Se la dissecazione si estende sino al seno coronario si potrà instaurare una condizione di ischemia miocardica che, se non trattata immediatamente, potrebbe portare a infarto del miocardio. Altro segno utile ai fini diagnostici, benché piuttosto incostante, è un soffio da insufficienza aortica (riconducibile alla modificazione emodinamica instauratasi in aorta).

Eziologia[modifica | modifica sorgente]

Immagine istopatologica della dissecazione aortica

Le cause possono essere diverse, ma tutte riconducibili alla rottura dei vasi all'interno della tonaca media dell'aorta, riscontrabili anche in sindromi come quella di Marfan ed Ehlers-Danlos, Noonan, Turner, anomalie congenite cardiovascolari, infiammazioni, gravidanza, traumi, ulcerazioni aterosclerotiche, abuso di cocaina o iatrogena per interventi chirurgici o cateterismo.

Fattori di rischio[modifica | modifica sorgente]

Tra i fattori non modificabili rientrano l'età e le patologie congenite quali la valvola aortica bicuspide, la sindrome di Turner e le connettivopatie come la sindrome di Marfan. Fattori di rischio modificabili (ovvero trattabili) sono l'aneurisma dell'aorta toracica ascendente (per aterosclerosi, sifilide, traumi ed altre cause), l'aterosclerosi e le dilipidemie, il fumo.

Cause di morte[modifica | modifica sorgente]

La morte sopraggiunge per shock in seguito a rottura dell'aorta e grave emorragia interna.

In fase precoce, per la DA di tipo A, se non viene prontamente trattata le morti possono arrivare all'1% per il trascorrere di ogni ora[3].

Diagnostica[modifica | modifica sorgente]

Dissecazione aortica vista grazie alla tomografia computerizzata con mezzo di contrasto

Terapie[modifica | modifica sorgente]

Il trattamento iniziale deve tendere ad arrestare la progressione dell'ematoma dissecante. Utili quindi betabloccanti, tipo il labetalolo o l'esmololo. Il trattamento chirurgico d'emergenza è l'unica terapia risolutiva.

Solo la dissezione dell'aorta distale asintomatica può non essere trattata chirurgicamente ma farmacologicamente, la dissezione della aorta ascendente viene sempre sottoposta ad intervento chirurgico. A lungo termine il trattamento farmacologico si basa sull'uso dei beta bloccanti ed ACE inibitori, in quanto la pressione del soggetto deve sempre essere ben monitorata e curata.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Slater EE, De Sanctis RW, The clinical recogniton of dissecting aortic aneurysm in J med., vol. 60, 1976, p. 625.
  2. ^ Spittell PC, Spittel JA Jr, Joyce JW, Clinical features and differential diagnosis of aortic dissection:Experience with 236 cases in Mayo clin. Proc., vol. 68, 1993, p. 642.
  3. ^ (EN) Meszaros I, Morocz J, Szlavi J, Epidemiology and clinicopathology of aortic dissection, a population-based longitudinal study over 27 years in Chest, vol. 117, 2005, p. 1271.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Sengen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna (il manuale - 16ª edizione), New York - Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-2459-3.
  • Hurst, Il Cuore (il manuale - 11ª edizione), Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-2388-2.
  • Eugene Braunwald, Malattie del cuore (7ª edizione), Milano, Elsevier Masson, 2007, ISBN 978-88-214-2987-3.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina