Difterite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Difterite
Diphtheria bull neck.5325 lores.jpg
Aspetto "proconsolare" o "taurino" del collo dovuto al marcato edema dei tessuti cervicali in corso di difterite.
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 032
ICD-10 (EN) A36

La difterite è una malattia infettiva acuta e contagiosa, provocata da ceppi tossigeni di Corynebacterium diphtheriae,[1] un batterio Gram-positivo, catalasi-positivo, aerobio o anaerobio facoltativo, immobile che infetta le vie aeree superiori (e talora la cute).[2] La tossina[3] che esso produce è responsabile di complicanze tipiche quali miocardite[4] e paralisi dei nervi cranici[5] e periferici.[6]

La difterite è una malattia infettiva soggetta a denuncia obbligatoria entro le 12 ore dall'accertamento.[7]

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

La difterite è provocata da un batterio Gram positivo, anaerobio facoltativo (cresce aerobicamente e anareobicamente), immobile e asporigeno, il Corynebacterium diphtheriae, la cui scoperta si deve a Edwin Klebs nel 1883. Il batterio, a forma di clava, cresce formando piccole colonie "a idiogramma cinese" e possiede delle granulazioni metacromatiche definite "granuli di Babes-Herst", evidenziabile soprattutto con la colorazione di Gins-Albert al blu di metilene. Il batterio, isolato dalla faringe di persone infette, cresce in terreni selettivi contenenti siero coagulato (terreno di Löffler) o tellurito (o cisteina-tellurito), elemento tossico per la maggior parte dei batteri. Benché possieda una virulenza locale diretta, il Corynebacterium diphtheriae è in grado di produrre una tossina pantropa dopo essere stato infettato da un fago temperato portatore del gene tox+, codificante per una tossina A-B, la cui dose minima letale per l'uomo è di 130 μg/kg, in grado di bloccare la sintesi proteica nelle cellule dell'organismo umano.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Casi di difterite tra il 1997 e il 2006
 Più di 100 casi
 Tra i 50 e i 99 casi
 Sotto i 49 casi
 0 casi

La difterite è una malattia con caratteristiche stagionali, diffusa nei climi temperati, dove coinvolge soprattutto l'apparato respiratorio, con picco di incidenza nei mesi freddi. Prima dell'introduzione della vaccinazione era principalmente una patologia infantile, colpendo fino al 10% dei bambini, che divenivano suscettibili a 6-12 mesi di vita (ossia al momento della scomparsa delle IgG materne dal circolo). Viceversa, in epoca vaccinale, la malattia ha progressivamente iniziato a colpire la popolazione adulta, a causa della perdita di immunizzazione per mancanza di richiamo con tossoide difterico. Si deve tuttavia ricordare che, nei paesi industrializzati, la difterite è una malattia quasi scomparsa grazie all'introduzione della vaccinazione DT e DTp (rispettivamente tetano-difterite e tetano-difterite-pertosse). Negli USA fino al 1980 la prevalenza era molto bassa 5/100.000 persone[8], la difterite affligge soprattutto gli immigrati e i poveri.

La malattia rimane tuttavia endemica nei paesi in via di sviluppo, laddove i programmi vaccinali sono meno efficienti, come Brasile, Nigeria, India ed Indonesia.[7] Nel 1990, causa interruzione delle vaccinazioni di massa, si è assistito ad un enorme aumento dei casi negli stati che facevano parte dell'ex-Unione Sovietica, con un parossismo nel 1995 di circa 50.000 casi.[9] Tassi di mortalità del 20-30% erano frequenti se la malattia non era trattata, e raggiungevano il 50% in caso di epidemie.[10] Non esistono riserve animali di Corynebacterium diphteriae e l'uomo è il solo portatore; giocoforza, il contagio avviene tramite esposizione a goccioline di saliva emesse con il respiro, colpi di tosse, starnuti di soggetti infetti, convalescenti o portatori sani.[7]

Patogenesi[modifica | modifica wikitesto]

Corynebacterium diphtheriae colorazione di Gram; i batteri, disposti a "idiogrammi cinesi", sono Gram positivi e hanno un aspetto bastoncellare-claviforme.

Il Corynebacterium diphtheriae possiede una modesta invasività locale; si localizza nelle strutture delle alte vie respiratorie, potendo infettare la mucosa di faringe (angina maligna, sede più frequente), del laringe o delle cavità nasali. Più raramente, può infettare la mucosa oculare o la cute, compresa quella genitale. I ceppi lisogenizzati, produttori di tossina, sono invece responsabili di un'intensa tossicità locale, con formazione di "pseudo-membrane", indice di necrosi tissutale locale, tenacemente adese alle mucose infette e di tossicità sistemica con miocardite, neurite e sofferenza di vari organi (reni, fegato, surreni). La tossina prodotta è infatti in grado di legare specifici recettori presenti nella membrana cellulare provocandone l'internalizzazione nel citoplasma con rilascio della subunità tossinica A, in grado di catalizzare la sintesi tra il fattore di allungamento 2 (EF-2 che interviene nella traslocazione del tRNA) e il ribosio adenosindifosfato (ADPR). Il prodotto di tale sintesi, ADPR-EF2, è inattivo e non più utile alla sintesi proteica; ne deriva l'arresto delle funzioni cellulari, con tossicità e necrosi.

Profilo clinico[modifica | modifica wikitesto]

Difterite cutanea, vedi testo per descrizione.
Tonsille

Le manifestazioni sono legate al sito di invasione locale e alle complicanze a distanza. Indifferentemente dalla localizzazione primitiva, il periodo di incubazione è di circa 2-4 giorni, dopo i quali cominciano a manifestarsi sintomi e segni aspecifici di flogosi quali astenia, febbre non grave, cefalea, malessere, nausea e talora episodi di vomito.

Nella faringite difterica l'interessamento faringeo[11] esordisce con intenso edema ed eritema localizzato a livello del palato molle, dell'ugula, delle tonsille palatine e dei pilastri tonsillari. Contestualmente, si presenta faringodinia con disfagia ed odinofagia. Dopo circa 24-48 ore, la mucosa interessata da eritema comincia a coprirsi di "chiazze" grigio-bluastre, velate e tendenti alla confluenza, formando le cosiddette "pseudomembrane difteriche". Maleodoranti, frastagliate e tenacemente ancorate ai tessuti, possono essere asportate lasciando una base di impianto sanguinante ed abrasa. L'analisi microscopica delle pseudomembrane rivela la presenza di batteri, leucociti, cellule necrotiche e fibrina. Possono esservi talora sovrainfezioni batteriche sostenute, dalla maggior parte dei casi, da batteri del genere Streptococcus. Alla faringite si associa un'intensa linfoadenopatia cervicale che, associata al contestuale edema dei tessuti molli, è responsabile dell'aspetto "proconsolare" o "taurino" del collo dei soggetti affetti da difterite. A causa dell'intensa vascolarizzazione faringea, questa sede è la più frequentemente associata a tossicità sistemica; per questo motivo, la faringite batterica viene anche definita "angina maligna".

La laringite difterica può essere primitiva o secondaria ad estensione caudale di una faringite difterica. In questo caso, l'infiammazione e le pseudomembrane si localizzano a livello laringeo,[11] con senso di ingombro alla deglutizione, disfonia e talora afonia. Data la scarsa irrorazione del laringe, la tossicità sistemica è meno frequente rispetto al rispettivo faringeo; tuttavia, a causa del minore calibro laringeo, il distacco di pseudomembrane può portare ad ostruzione delle vie aree, soprattutto in inspirazione. Il quadro clinico evocato da questa situazione viene definito croup[12] che è una temibile complicanza della laringite difterica, soprattutto in età pediatrica. Il bambino si mostra sofferente, cianotico, tipico è lo stridore inspiratorio, con utilizzo dei muscoli inspiratori accessori. In alcuni casi, alla fase cianotica fa seguito una fase pallida, segno di grave asfissia che può portare, se non immediatamente trattata, ad exitus per soffocamento.

La localizzazione nasale viene invece definita rinite difterica, rara e di interesse pediatrico quasi esclusivo. A causa della scarsa irrorazione, questa localizzazione è raramente associata a complicanze sistemiche; analogamente, la possibilità di respirazione orale permette si evitare l'ostruzione inspiratoria. La rinite difterica si presenta con rinorrea sanguinolenta (distacco di pseudomembrane) e muco-purulenta, sovente associata a sovrainfezione batterica.

La difterite cutanea è invece rara e si manifesta soprattutto in soggetti indigenti[13] e in paesi tropicali. La lesione cutanea si presenta spesso sotto forma di gangrena, è infatti escavata, ulcerata, con margini talora rilevati e letto ricoperto da pseudomembrana grigiastra con fondo sanioso.[14][15] Il distacco della stessa provoca sanguinamento; molto frequenti sono le sovrainfezioni da Staphylococcus aureus e Streptococcus pyogenes.

Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

Le complicanze sono dovute all'azione sistemica della tossina prodotta dal batterio; esistono tre categorie di complicanze: cardiache, nervose e renali.

Complicanze cardiache[modifica | modifica wikitesto]

Le complicanze cardiache[16][17][18][19] della difterite sono rappresentate da miocardite, che può manifestarsi tra il terzo-settimo giorno (miocardite precoce) o intorno alla seconda settimana (miocardite tardiva). Nel primo caso, la miocardite si manifesta con alterazioni del ritmo, come tachicardia sinusale associata ad ipotensione, ma sono frequenti anche tachicardia ventricolare, fibrillazione atriale e talora fibrillazione ventricolare. L'elettrocardiogramma, oltre a mostrare le alterazioni descritte, può descrive un quadro più aspecifico con modificazioni del tratto ST e dell'onda T. In corso di angina maligna, a causa della immissione in circolo di grandi quantità di tossina, è temibile la progressione verso lo shock. La miocardite tardiva è invece meno grave, benché possano manifestarsi alterazioni parossistiche del tracciato e blocchi di branca.

Complicanze nervose[modifica | modifica wikitesto]

Le complicanze nervose[20][21][22] possono anch'esse essere precoci (entro la prima settimana) e tardive (oltre la quarta settimana). Tra le prime assume particolare importanza la paralisi del nervo glossofaringeo, con disturbi di fonazione (rinolalia), paralisi del velopendulo e reflusso idro-alimentare nelle cavità nasali durante la deglutizione. Le manifestazioni tardive riguardano invece i nervi cranici, con paralisi dei nervi oculari (turbe dell'accomodazione e dei movimenti coniugati), del nervo faciale, del nervo vago e del nervo accessorio del vago, e i nervi spinali, con polineuriti e poliradiculiti che riguardano tronco, arti e talora diaframma.
Vanno anche segnalate le complicanze nervose post-vaccinali.[23][24]

Complicanze renali[modifica | modifica wikitesto]

Le complicanze renali,[25] meno frequenti, si manifestano con insufficienza renale, oliguria, anuria, proteinuria, ematuria e alterazioni idroelettrolitiche.

Benché tutte queste manifestazioni siano fonte di grave morbilità e talora mortalità, il soggetto adeguatamente trattato, va incontro a regressione spontanea durante il periodo di convalescenza.

Profilo diagnostico[modifica | modifica wikitesto]

Le manifestazioni cliniche della laringite e faringite difterica sono talmente tipiche da assumere un valore diagnostico qualora si accerti anamnesicamente l'assenza di vaccinazione per la difterite. Tuttavia, la certezza viene raggiunta soltanto dall'isolamento, da tampone faringeo o da scarificazione della pseudomembrana, del Corynebacterium diphtheriae, opportunamente coltivato in terreni selettivi quali agar siero-tellurito o terreno di Löffler. Analoga procedura per le lesioni genitali e oculari, per le quali il campione d'elezione è lo scarificato proveniente dalla base delle lesioni. Mentre la faringite difterica cade in diagnosi differenziale con la faringite streptococcica e quella mononucleosica, la laringite difterica può essere confusa con altre laringiti batteriche e con epiglottiti stenosanti. La rinite difterica, sovente emorragica, deve essere invece posta in diagnosi differenziale con la coriza citrina del neonato.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Profilassi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vaccino antidifterico.

Sin dal 1920 la vaccinazione rappresenta la miglior strategia preventiva della malattia. La profilassi consigliata si attua con il vaccino, in tre dosi, composto dal tossoide difterico e in grado di garantire un'immunità duratura.

Il tossoide difterico può essere somministrato sotto forma di vaccino bivalente (difterite-tetano) o sotto forma di vaccino trivalente (difterite-tetano-pertosse) in schemi vaccinali denominati rispettivamente DT o DTp. Sovente il DTp viene associato a vaccini per l'Haemophilus influenzae tipo b (Hib), per la poliomielite e per l'epatite B, costituendo il vaccino "esavalente". L'avvenuta immunizzazione per la difterite viene valutata dalla negatività per la reazione di Schick, allestita inoculando nel derma dell'avambraccio 0,1 ml di tossina difterica. In caso di mancata immunizzazione, nel sito di inoculazione si sviluppa un'intensa reazione infiammatoria nel giro di 5-7 giorni.

Il ciclo vaccinale prevede tre dosi, da praticare al terzo, quinto e dodicesimo mese di vita del bambino. Poi vanno eseguite due dosi di richiamo, all’età di 6 e 14 anni; quindi richiami decennali, con dosi minore di tossoide, mantengono adeguati tassi anticorpali[26].

Antibiotici[modifica | modifica wikitesto]

Accertata la difterite, il primo presidio terapeutico necessario è la somministrazione in unica dose per via endovenosa lenta di antisiero iperimmune equino[27] (o immunoglobuline specifiche), in grado di neutralizzare la tossina difterica non ancora penetrata nelle cellule. Le dosi variano da caso a caso: nel lattante sono sufficienti circa 20.000 UI, per arrivare a 120.000 UI in corso di angina maligna. A questa deve essere associato riposo e un'adeguata terapia antibiotica, basata sulla benzilpenicillina sodica o potassica, 4 volte al giorno per 10 giorni di 500.000 UI negli adulti e di 250.000 UI nei bambini. Nei soggetti allergici è possibile usare macrolidi quali l'eritromicina, sempre 4 volte al giorno per 10 giorni. Un'ulteriore terapia parenterale valida è rappresentata dalla clindamicina. Il malato deve essere inoltre monitorato continuamente e, qualora si presentasse aspirazione di pseudomembrane e croup, intubato tempestivamente. Di fondamentale importanza è il monitoraggio elettrocardiografico al fine di valutare la presenza di miocardite; in presenza di quest'ultima situazione può essere allestita una terapia corticosteroidea come prednisone 1 mg/kg al giorno per 2 settimane. Dopo una settimana è opportuno inoculare la prima dose di tossoide difterico; la seconda e la terza dose devono essere date a un mese di distanza l'una dall'altra.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CoryneRegNet. URL consultato il 19 settembre 2010.
  2. ^ AL. Cogen, V. Nizet; RL. Gallo, Skin microbiota: a source of disease or defence? in Br J Dermatol, vol. 158, nº 3, marzo 2008, pp. 442-55, DOI:10.1111/j.1365-2133.2008.08437.x, PMID 18275522.
  3. ^ RJ. Collier, Diphtheria toxin: mode of action and structure. in Bacteriol Rev, vol. 39, nº 1, marzo 1975, pp. 54-85, PMID 164179.
  4. ^ RA. Pennie, AS. Malik; L. Wilcox, Misidentification of toxigenic Corynebacterium diphtheriae as a Corynebacterium species with low virulence in a child with endocarditis. in J Clin Microbiol, vol. 34, nº 5, maggio 1996, pp. 1275-6, PMID 8727917.
  5. ^ CR. Schubert, KJ. Cruickshanks; TL. Wiley; R. Klein; BE. Klein; TS. Tweed, Diphtheria and hearing loss. in Public Health Rep, vol. 116, nº 4, pp. 362-8, PMID 12037265.
  6. ^ S. Roche, S. Stone; CM. Allen; LS. Lange, Diphtheritic polyneuritis in an elderly woman: clinical and neurophysiological follow-up. in Br J Clin Pract, vol. 44, nº 7, luglio 1990, pp. 285-7, PMID 2169838.
  7. ^ a b c Claudio Rugarli, Medicina interna sistematica, 5ª ed., Masson, 2005, Pag. 1491-1521, ISBN 978-88-214-2792-3.
  8. ^ Corynebacterium Infections: eMedicine Infectious Diseases. URL consultato il 19 settembre 2010.
  9. ^ Mauro Moroni, Esposito Roberto, De Lalla Fausto, Malattie infettive, 7ª edizione, Milano, Elsevier Masson, 2008, Pag. 406-410, ISBN 978-88-214-2980-4.
  10. ^ Atkinson W, Hamborsky J, McIntyre L, Wolfe S, eds., Diphtheria. in: Epidemiology and Prevention of Vaccine-Preventable Diseases (The Pink Book), 10ª ed., Washington DC: Public Health Foundation, 2007, pp. 59–70.
  11. ^ a b IA. Jenkins, M. Saunders, Infections of the airway. in Paediatr Anaesth, 19 Suppl 1, luglio 2009, pp. 118-30, DOI:10.1111/j.1460-9592.2009.02999.x, PMID 19572851.
  12. ^ RS. Jones, The management of acute croup. in Arch Dis Child, vol. 47, nº 254, agosto 1972, pp. 661-8, PMID 5046782.
  13. ^ JP. Harnisch, E. Tronca; CM. Nolan; M. Turck; KK. Holmes, Diphtheria among alcoholic urban adults. A decade of experience in Seattle. in Ann Intern Med, vol. 111, nº 1, luglio 1989, pp. 71-82, PMID 2472081.
  14. ^ JS. Anderson, GANGRENE OF THE SKIN OF DIPHTHERITIC ORIGIN. in Br Med J, vol. 2, nº 3695, ottobre 1931, pp. 800-810.4, PMID 20776473.
  15. ^ HA. Dixon, Diphtheritic Ulceration of the Skin. in Can Med Assoc J, vol. 11, nº 2, febbraio 1921, p. 127, PMID 20313079.
  16. ^ MT. Thanjan, P. Ramaswamy; WW. Lai; ID. Lytrivi, Acute myopericarditis after multiple vaccinations in an adolescent: case report and review of the literature. in Pediatrics, vol. 119, nº 6, giugno 2007, pp. e1400-3, DOI:10.1542/peds.2006-2605, PMID 17515437.
  17. ^ AM. Ordian, ND. Iushchuk; AP. Golikov; GA. Gazarian, [Cardiac affection in adults with diphtheria] in Klin Med (Mosk), vol. 76, nº 6, 1998, pp. 15-20, PMID 9693494.
  18. ^ ND. Iushchuk, PG. Filippov, [Myocardial involvement in diphtheria patients (a review)] in Ter Arkh, vol. 69, nº 11, 1997, pp. 10-4, PMID 9483735.
  19. ^ D. Breton, [Non-toxic Corynebacterium diphtheriae septicemia with endocarditis in an earlier healthy adult. First case and review of the literature] in Presse Med, vol. 23, nº 40, dicembre 1994, pp. 1859-61, PMID 7899317.
  20. ^ J. López Pisón, O. García Bodega; M. Díaz Suárez; AF. Bajo Delgado; R. Cabrerizo de Diago; JL. Peña Segura, [Episodic disseminated inflammation of the central nervous system. Case mix review over a 13 year period] in Rev Neurol, vol. 38, nº 5, pp. 405-10, PMID 15029515.
  21. ^ J. Idiaquez, Autonomic dysfunction in diphtheritic neuropathy. in J Neurol Neurosurg Psychiatry, vol. 55, nº 2, febbraio 1992, pp. 159-61, PMID 1311373.
  22. ^ G. Solders, I. Nennesmo; A. Persson, Diphtheritic neuropathy, an analysis based on muscle and nerve biopsy and repeated neurophysiological and autonomic function tests. in J Neurol Neurosurg Psychiatry, vol. 52, nº 7, luglio 1989, pp. 876-80, PMID 2549201.
  23. ^ W. Huynh, DJ. Cordato; E. Kehdi; LT. Masters; C. Dedousis, Post-vaccination encephalomyelitis: literature review and illustrative case. in J Clin Neurosci, vol. 15, nº 12, dicembre 2008, pp. 1315-22, DOI:10.1016/j.jocn.2008.05.002, PMID 18976924.
  24. ^ GM. Fenichel, Neurological complications of immunization. in Ann Neurol, vol. 12, nº 2, agosto 1982, pp. 119-28, DOI:10.1002/ana.410120202, PMID 6751212.
  25. ^ S. Nakamura, M. Terashima; N. Kikuchi; M. Kimura; T. Maehara; A. Saito; M. Sato, A new mouse model for renal lesions produced by intravenous injection of diphtheria toxin A-chain expression plasmid. in BMC Nephrol, vol. 5, aprile 2004, p. 4, DOI:10.1186/1471-2369-5-4, PMID 15102324.
  26. ^ Difterite. URL consultato il 19 settembre 2010.
  27. ^ Sviluppato dal biologo francese Émile Roux nel 1894

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mauro Moroni, Esposito Roberto, De Lalla Fausto, Malattie infettive, 7ª edizione, Milano, Elsevier Masson, 2008, ISBN 978-88-214-2980-4.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna - Il manuale, 16ª ed., New York-Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-2459-3.
  • Claudio Rugarli, Medicina interna sistematica, 5ª ed., Masson, 2005, ISBN 978-88-214-2792-3.
  • Murray Patrick R. Rosenthal Ken S. Pfaller Michael A., Microbiologia Medica, 6ª ed., Milano, Elsevier Masson, 2010, ISBN 978-88-214-3169-2, ..
  • Anna M. Molina Romanzi, Microbiologia clinica, Torino, UTET, 2002, ISBN 88-7933-251-1.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina