Periodo di incubazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L’incubazione è quel periodo di tempo che intercorre tra l'esposizione ad un agente infettivo (batterio, virus o altro), ad esempio tramite l'assunzione dei cibi infetti, e il manifestarsi dei sintomi della malattia.

La sua durata è tipica e specifica per ogni malattia infettiva anche se approssimativa, può variare da poche ore o giorni come per il raffreddore ed il morbillo a qualche settimana come avviene per esempio col tetano fino a qualche anno per la lebbra o l'AIDS.

Esempi di periodi di incubazione[modifica | modifica sorgente]

I tempi di incubazione variano notevolmente e vengono generalmente espressi in un intervallo temporale. Quando possibile, è meglio esprimere la media e il 10° e 90° percentile, anche se queste informazioni non sono sempre disponibili. I valori inferiori sono disposti approssimativamente in ordine crescente per numero di giorni, anche se in alcuni casi la media doveva essere dedotta.

A volte i periodi di incubazione variano tra adulti, bambini e neonati.

Malattia Periodo incubazione
Virus di Norwalk 1–2 giorni [1]
Colera 1–3 giorni [2]
Influenza 1–3 giorni [3],[4]
Scarlattina 1–4 giorni [5]
Raffreddore 1–3 giorni [6]
Ebola 2–21 giorni [7]
Rocky Mountain spotted fever 2–14 giorni [8]
Dengue 3–14 giorni [9]
SARS più di 10 giorni [10]
Marburg (virus) 5–10 giorni [11]
Roseola 5–15 giorni [12]
Poliomielite 7–14 giorni [13]
Pertosse 7–14 giorni [14]
Morbillo 9–12 giorni [15]
Vaiolo 7–17 giorni [16]
Tetano 7–21 giorni [17]
Varicella 14–16 giorni [18]
Eritema infettivo 13–18 giorni [19]
Parotite epidemica 14–18 giorni [20]
Rosolia 14–21 giorni [21]
Mononucleosi infettiva 28–42 giorni [22]
Kuru mediamente tra i 10.3 e i 13.2 anni [23]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Anna M. Molina Romanzi, Microbiologia clinica, Torino, UTET, 2002, ISBN 88-7933-251-1.
  • Claudio Rugarli, Medicina interna sistematica, 5ª ed., Masson, 2005, ISBN 978-88-214-2792-3.
  • Harrison, Principi di Medicina Interna - Il manuale, 16ª ed., New York-Milano, McGraw-Hill, 2006, ISBN 88-386-2459-3.
  • Mauro Moroni, Roberto Esposito, Fausto De Lalla, Malattie infettive, 7ª edizione, Milano, Elsevier Masson, 2008, ISBN 978-88-214-2980-4.
  • Patrick R. Murray, Ken S. Rosenthal, Michael A. Pfaller, Microbiologia Medica, 6ª ed., Milano, Elsevier Masson, 2010, ISBN 978-88-214-3169-2, ..
  • Stanley Robbins, Ramzi Cotran, Le basi patologiche delle malattie Vol.1, 8a Ed., Elsevier Masson, 2010, ISBN 978-88-214-3175-3.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina